Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

valentino.bertolasotommasoeliaregalaunregalofedechiaradavide.russiellofrancesca.frangipaneITALIANOinATTESArec.imantoniomassa19650mangimileonardimenagimSuggerimento74Lalla3672ellepi.ozieriElisabetta.Z
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 05/11/2020

A whiter shade of pale.

Post n°1409 pubblicato il 05 Novembre 2020 da fedechiara
 

Dunque era questo il sesto segreto di Fatima. Biden presidente con tutto il seguito di conflitti che seguiranno in una società multietnica giunta al punto di esplosione.
E il quinto doveva essere quello della cinese che strattonava Bergoglio in piazza san Pietro per dirgli dell'epidemia dei pipistrelli di Wuhan – e sappiamo come è andata a finire e il prezzo che stiamo pagando tuttora.
E se Biden sarà presidente non ci stracceremo le vesti – come non abbiamo fatto per Trump e per la sua impresentabilità manifesta – e tuttavia riflettiamo su questo momento apicale: di una società americana conflittuale da sempre per la sua libera scelta multietnica ma che vede, per la prima volta, la maggioranza bianca demograficamente alla pari o perfino minoritaria, nelle grandi città, con la somma degli altri ceppi etnici i cui voti sono stati determinanti per l'elezione di Biden, l'ombra-di Obama. A whiter shade of pale.
Non consideratela una denigrazione preconcetta, bensì la constatazione della sua evanescenza politica davvero difficile da smentire. Se le precedenti elezioni avevano in primo piano la rivoluzione di un avvocato quasi nero e quella successiva di una donna – e che donna! Una segretario di stato responsabile degli immensi drammi delle 'democrazie arabe' e dintorni – quella di oggi è, invece, il miserabile punto di arrivo di una isteria politica che ha scosso la società americana lungo quattro anni di una presidenza rivoluzionaria. Quattro anni di denigrazione costante da parte dei sedicenti democratici di un presidente mai riconosciuto come tale (il mostro, il mostro!) – e finito nel budello miasmatico di un tentativo di 'impeachment', vergogna politica massima di coloro che lo hanno proposto e vanamente sostenuto.
Una presidenza rivoluzionaria fin dal suo inizio, dicevamo, per il suo aver premiato un fuoriclasse politico inviso allo stesso partito che lo candidava e, a seguire, per la titanica lotta ingaggiata da Trump, post moderno Giove, contro i mostri del caos urbano di una immigrazione fuori controllo e al suo diapason storico – che ha visto migliaia di marciatori latino-americani diretti al confine americano con l'esplicito intento di violarlo manu militari.
E i soldi di Soros, dicevano pochi giornalisti maligni, dietro quella tragedia epocale col fine di far collassare il paese e la sua presidenza.
E che potrà succedere di peggio e di più clamoroso sotto la presidenza leggera ed evanescente di Biden – che dovrà vedersela con gli agguerriti avvocati repubblicani per tutto il mese di Novembre e forse oltre?
Mai porre limiti alla provvidenza, suggerivano gli Antichi.
Nel Bene e nel Male, ben si intende – e davvero fatico a pensare che ancora esista il Bene sulla infelicissima crosta del pianeta Terra.