Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

valentino.bertolasotommasoeliaregalaunregalofedechiaradavide.russiellofrancesca.frangipaneITALIANOinATTESArec.imantoniomassa19650mangimileonardimenagimSuggerimento74Lalla3672ellepi.ozieriElisabetta.Z
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 14/11/2020

Vortici e incubi

Post n°1418 pubblicato il 14 Novembre 2020 da fedechiara
 

Le stelle sono tante.
E visto che siamo di bel nuovo ai domiciliari e Conte coi suoi d.p.c.m. di s-governo ci invita a riconsiderare il Natale come se avessimo ritrovato la fede che trascende le cose terrene e i doni e i miserabili cenoni da ricchi Epuloni, ri-considerate la vostra semenza e levate gli occhi al cielo dappoiché: ' (...) fatti non foste a viver come bruti, / ma per seguir virtute e canoscenza.'
E il video qui sotto ci invita a riconsiderare le stelle fisse e le rotazioni cosmiche e il suo rappresentarcele riviste e corrette va ben oltre Copernico e Galileo e Newton e ci mostra 'il vortice' e la fuga solitaria e velocissima del nostro sistema solare nel vuoto cosmico che si allarga insieme a tutte le sue luminosissime galassie (milioni di milioni) e i buchi neri che tutto inghiottono.
Ed è vero che, in quel vortice e fuga, stiamo insieme ai nostri fratelli Giove e Saturno e Marte e tutti gli altri pianetini e satelliti in cui abbiamo spedito sonde curiose e tuttavia quella fuga nel vuoto cosmico ci ricorda certi incubi di caduta senza fine - e ci risvegliamo in affanno perché siamo figli della gravità, (oltreché delle stelle) e abbiamo bisogno di un ancoraggio e di un solido sostegno terrestre che ci sostenga e ci consenta di muoverci orizzontalmente con le necessarie sicurezze.
E vedere rappresentato in chiaro il nostro inane vorticare ci riporta i pensieri ai fondamentali 'chi siamo' e 'da dove veniamo' e 'dove andiamo' così assurdamente veloci nel buio del cosmo e chissà se Conte intendeva anche questo genere di riflessioni inter galattiche nel suo invitarci a vivere un Natale non più consumistico bensì denso di spiritualità nuova (che fai, ci coglioni?).
Usciamo a rivedere le stelle, amici cari e miei svogliati lettori, quelle vere, perché di quelle metaforiche e pandemiche che conseguono ad un violento pugno sull'occhio ne abbiamo viste ad abundantiam.
Qui condivido una bella animazione di come si muove davvero il sistema solare
/ Via Miguel Lozano
sito dell'artista: http://www.djsadhu.com
Una rosa di galassie interagenti - Universo Astronomia