Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraQuivisunusdepopuloroberto.lafiandraange.copiccanto1966nannini.dantevito12dglprizxaramar1959dr.paratiportineria5lorifabsiamoliberidigirarecariecariearch.giuli
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 02/06/2021

Storia magistra...

Post n°1644 pubblicato il 02 Giugno 2021 da fedechiara
 

Confesso che la storia e i personaggi dell'antica Roma mi sono ostici. Passi per la loro passione per la biga – che, a giudicare dal film Ben Hur, era uno sport cruento e crudele e si rischiava la vita e l'onore – ma è la loro concezione della vita democratica che non mi convince, con quel loro ricorrente aprire e chiudere le porte del potere ai 'populares' e tutto quel pugnalarsi reciproco alle spalle o alle Idi e progettare rivolte di popolo contro lo strapotere del Senato, vedi il 'caso Catilina' – quello dell'abutere patientia nostra dell'avvocato Cicerone che gli era avverso.
Ed è vero che Catilina non era uno stinco di santo ed era personaggio eccessivo e sanguigno, ma non più del nostro Corona, mutatis mutandi, e pare che si scopasse impunemente le vestali dei templi dedicati poco vigilati, ma sapeva accattivarsi 'il popolo' – il mitico Senatus populusque romanus che i Galli, con buonissime loro ragioni, traducevano con: Sono Pazzi Questi Romani.
E, in fin dei conti, Catilina ha saputo organizzare un esercito di scontenti – all'epoca erano molti e vari - e, alla testa di quella sua armata Brancaleone d'antan, ha pugnato validamente contro le legioni avverse e il suo cadavere fu trovato disteso in mezzo ai molti nemici uccisi e 'chi per la patria muor vissuto è assai' come si suole dire.
Però, lazzi e ricostruzioni approssimative a parte, qualcosa di attuale nella difficile e contesa vita democratica dell'antica Roma possiamo trovarlo. Vedi la costante pressione politica dei popoli italici per essere riconosciuti quali 'civis' a pieno ius – qualcosa di simile ai presenti 'populares' del pd che si fanno paladini dello ius soli e trovano la fiera opposizione parlamentare di Cicero-Salvini e della Meloni, i nostrani optimates che schiererebbero le galere di fronte a Cartagine pur di fermare i clandestini e le loro o.n.g. di riferimento.
Studiare la Storia è bene. E' spesso 'magistra' (non sempre, non tutta) e, in taluni casi, ci consente di evitare la replicazione delle molte farse che incombono (la Storia che si ripete in farsa).
Leggete e meditate, gente.
Guerra sociale - Wikipedia
it.wikipedia.org
Guerra sociale - Wikipedia
La guerra sociale (dal latino socius, alleato), denominata anche guerra italica (bellum Italicum) o guerra marsica (bellum Marsicum) dal 91 all'88 a.C. vide opposti lo Stato Romano ed una lega formata dalla maggior parte dei popoli d'Italia fino ad allora alleati del popolo romano.


Potrebbe essere un cartone