Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraCostanzabeforesunseturlodifarfallaandcp0luise7studio.siarcQuartoProvvisorioMIJAGIornella63.ocmarco3dgl9mattia.101aramar1959martellodgl13bacla0legrin2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 20/01/2022

Esodi e clessidre.

Post n°1919 pubblicato il 20 Gennaio 2022 da fedechiara
 

Gente sul piede di partenza 20 gennaio 2014
Sta uscendo l'ennesimo film sulla città che si spopola e sul turismo che se la mangia – e la sola attività remunerativa in città è legata alla sua condanna storica : locazioni selvagge e fuori controllo di legalità, osti e gondolieri/motoscafisti.
E traghettando in vaporetto tra san Marco e la Salute -complice la giornata uggiosa- vedi il corteo di gondole nere, e i corvacci di uguale colore ritti a poppa, più come un funerale turistico rituale e quotidiano che un rito di allegro consumo turistico, chissà perché.
E il commercio che chiude e ha mutato pelle (bengalesi e cinesi), ma con gli orpelli turistici di sempre, conferma che una città di turisti ha il commercio che si merita e lo squallore che salta agli occhi – e basta fare una gita a Treviso e aggirarsi per il centro per vedere la differenza con un commercio sano di una vera città di abitanti.
Sta per chiudersi la pausa turistica che, tra fine novembre e fine gennaio, mostra Venezia nella sua veste migliore, la città della canzone di Aznavour: 'Com'é triste Venezia' e il Carnevale è alle porte, - coi progetti asfittici di sempre e le 'feste' finto-cochonnes nei palazzi che attraggono i beoti di tutto il mondo e le tristissime maschere in parata permanente e l'allegria dei naufragi, ma, in fin dei conti, è una soluzione, questa dei barbari che scendono a frotte e a milioni a imporre i sensi unici.
E tutto il casino che il Carnevale si porta dietro e il rumore e la finta allegria cancellano le lamentazioni sempiterne e i piagnistei di una città che non cambia perché non ha un progetto alle spalle, né identità abitativa, né buona amministrazione.
Solo gente sul piede di partenza, residui abitanti inclusi.


Grande appuntamento giovedi prossimo 20 gennaio 2014 al Teatro Groggia ore 15.30 per il film/documentario VENICELAND di Enrico Micheletto.
#venezia #veniceland
Nessuna descrizione della foto disponibile.