Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fedechiaraApollion22ssnirolisa.camilinux_ftpbionda66martellodgl13Filoletterariogiovanni.rossi20QuartoProvvisoriocqueiroloantomar4niangegi1_2008dalmazio.ravegliaruma4
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 27/09/2022

Città di notte.

Post n°2246 pubblicato il 27 Settembre 2022 da fedechiara
 

Città di notte 27 settembre 2014
Fossi stato Clooney, l'avrei fatto di notte quel suo matrimonio da favola hollivudiana, perché la città, di notte, contiene davvero tutte le potenzialità dei sogni e dei miti e le evocazioni di fantasmi del passato che la rendono unica e bellissima - e condannata all'atroce destino della sua bellezza e conseguenti sciami di umane locuste turistiche.
E, ieri notte, alle quattro del mattino, non c'era un cane in giro, a parte quattro gatti di 'giovani' davanti agli imbarcaderi di Rialto con le avvilenti birre in mano e i dialoghi miserabili e stupidi di chi non ha nulla da dire e l'alcol gli serve a dirlo nel modo più acconcio: quello degli ubriachi.
E mi veniva fatto di pensare, attraversando la città rilucente di ombre e in preda alla mia ricorrente ossessione del 'senso' delle cose, che è il Tempo, l'attraversamento del Tempo che rievocano le sue architetture magnifiche, la sua ragion d'essere e resistere senza vergogna coi suoi palazzi e le chiese e le cupole 'fuori tempo'. E il Tempo, si sa, ha come suo grembo e amnio il Buio - che ospita il Cosmo e le sibilanti meteore-comete e il vorticare delle Galassie – e mi veniva in mente il film del pomeriggio appena scorso, ('Lucy', un polpettone galattico) dove la protagonista attraversa il tempo e vi si scioglie e ci promette l'eterno e l'ubiquità e una mente umana così espansa da percepire tutto l'esistente in ogni sua fibra e onda magnetica. Che magari sarà davvero il futuro dei bis bis nipoti, chissà.
E così è per questa città di notte: buia e sibilante di galassie sospese al suo cielo ucciso dalle troppe luci artificiali e fitta di fantasmi silenziosi che ti alitano addosso il loro essere e permanere invitti nel luogo delle loro gesta, - ma di giorno scompaiono e si appollaiano sui cornicioni e sui timpani delle chiese, accanto agli angeli e ai santi: da nessuno veduti né registrati di sotto perché le moderne macchine fotografiche degli avvilenti 'selfie' turistici non hanno la fantasia necessaria per 'digitalizzare' e documentare le loro ostinate presenze.

 
 
 

Dio salvi la Regina.

Post n°2245 pubblicato il 27 Settembre 2022 da fedechiara
 

Dio salvi la Regina.

Eccoci qua. Anno zero primo giorno dell'era Meloni. 'Era' è parola grossa, direte voi, e, Maremma maia.. se avete ragione da svendere. C'è da formare il governo con il gatto e la volpe, - di quei due non ci si può fidare, è noto, sono sempre in cerca dei pochi denari seppelliti da Pinocchio e non esiterebbero ad impiccarlo per impadronirsene.
La metafora è dura e complessa e si presta a varie interpretazioni, lascio a voi il compito di dipanarla e svolgerla secondo i vostri più segreti pensieri e le intuizioni.
Io ho il dubbio, per dirne una, che quel tale Joker col cerone non veda l'ora di arrivare ad uno scontro su questioni esiziali che riguardano l'Europa per distaccarsi e provare a trovare una maggioranza di tutti gli oppositori contro la Regina. Che speriamo sia di bastoni ed abbia gli strumenti per rovesciare il tavolo, nell'eventualità, ed indire nuove elezioni dove fratelli d'Italia sarebbe premiato con il cinquanta per cento più uno dagli italiani e scomparsi o ridotti al lumicino gli alleati infedeli. Chi vivrà vedrà.
Ma è la ridotta quirinalizia l'ostacolo maggiore, l'enclave europea nel cuore di una Italia che non ama l'Europa, bensì ne subisce gli odiosi diktat, in primis l'averci schierato come un sol uomo a favore della guerra per procura Nato in Ucraina e le bollette alle stelle e l'economia – appena uscita dal cono d'ombra della pandemia – di nuovo stremata e l'inflazione a due cifre.
E' il Quirinale il luogo dove si spiaggiano perfino le giovani balene che hanno una chiara maggioranza aritmetica ed hanno agio di governo perché il Presidente rieletto vuole mettere i suoi odiosi 'paletti' relativi all'Europa (che non siamo e che non vogliamo) e la scelta deve essere 'atlantista', ca va sans dire, e mantenuti gli armamenti all'Ucraina in odore di palese incostituzionalità.
Il Quirinale degli osceni minuetti che ci siamo lasciati alle spalle dove si accoppiavano contro la loro natura il M5s anti sistema delle origini col vecchio Pd rotto ad ogni compromesso pur di mantenere i lombi incollati alle cadreghe.
Lì si parrà la sua nobilitate.
La nobiltà della Regina Giorgia, che il Cielo ce la conservi e 'God save the Queen'. Lunga vita alla Regina (che pure non vanta i quarti di nobiltà, bensì è stata eletta dal popolo).
Vai, Giorgia, e torna vincitrice.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo