OGGI SONO COSI'

Tra sogno e realtà

 

EMOZIONI

 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

TAG

 

 

« ScusateIntimità »

Sogno...

Post n°32 pubblicato il 05 Luglio 2009 da oggisonocosiperte

Ormai tutto è pronto, ogni cosa al suo posto, ogni possibile evoluzione della giornata è stata prevista.

Olii ed essenze profumate in bagno, musica pre-registrata per le varie situazioni, candele in camera e le lenzuola perfettamente stirate e profumate, tanto cibo nel frigo per poter sfamare un reggimento con i gusti più disparati e fiori… tanti fiori sparsi ovunque.

Arriverai verso le 10, ora direi abbastanza inusuale per una domenica mattina.

Ci siamo conosciuti qui, su libero per caso e poi frequentati  abitualmente, sempre più incessantemente.

Poco fa mi hai mandato un ultimo sms: sto arrivando… ho tanta voglia di te.

Controllo minuziosamente tutti i particolari, non deve mancare nulla. Il pensiero che tra poco sarai qui mi esalta.

Il campanello suona, finalmente sei qui!

Apro la porta e rimango incantato, come può tanta classe e fascino incarnarsi in una sola persona?

Anche tu mi guardi, sei raggiante!

Freniamo l’istinto palese di buttarci uno tra le braccia dell’altra e ci salutiamo cordialmente con un bacio sulla guancia.

Ti faccio accomodare e prendo con me la tua borsa e la giacca del tailleur per riporli con cura nella cabina armadio. Hai una camicetta bianca con piccoli ricami fatti a mano,  una gonna dritta color turchese  e i sandali con i tacchi non eccessivamente alti. Cose semplici ma portate con indubbia eleganza.

Rimaniamo lì, pressoché immobili a guardarci. Allungo una mano verso te, la prendi e ti avvicino a me.

Quello che avevamo tanto desiderato e sognato si stava avverando. I nostri visi erano ormai vicinissimi, percepivo il tuo leggero profumo di mughetto e il tuo respiro leggermente accelerato. Le labbra si sfiorarono, quasi a saggiarne la consistenza. Il tuo lucida labbra era ormai anche sulle mie. Qualche istante che sembrò eterno, poi il bacio… e che bacio… appassionato, irruento, lunghissimo… le nostre lingue si cercavano, si trovavano e si lasciavano in un turbinio voluttuoso di sensazioni…

Avrei voluto spogliarti subito e fare l’amore così, senza un attimo di respiro… e so che anche tu avresti voluto. Così non feci.
Finito quel bacio ti presi nuovamente e con dolcezza la mano. Lentamente m’incamminai verso la stanza da letto. Ti feci entrare e lasciandoti per un attimo la mano accesi le candele ed un bastoncino d’incenso scelto per il suo profumo particolare tra i tanti che avevo odorato nel negozio.

Mi guardavi mentre mi muovevo e assaporavi mentalmente quanto sarebbe accaduto.

Tornai da te e guardandoti in quegli occhi così profondi, cominciai a slacciarti la camicetta. Il tuo respiro si era fatto più pesante e il tuo seno sembrava essersi ingrandito, tanto da sentirsi stretto nel reggiseno.

Sfilai la camicetta lentamente poi con un gesto fulmineo slacciai il reggiseno lasciandoti senza niente. Chinai la testa sul collo e iniziai a baciarlo, ad assaporarlo. Sentivo il tuo piacere crescere e lentamente scivolai più in basso. La lingua scorreva circolarmente sul tuo seno, lontano dal capezzolo, volevo far crescere ancora di più la tua voglia. Quando giunsi a baciarlo era talmente sensibilizzato che ti provocò un sussulto. Piccoli gemiti uscivano dalle tue labbra….

Mi chinai ancor più in basso, mentre le mani facevano scorrere la zip della tua gonna e quando m’inginocchiai davanti a te eri rimasta solo con gli slip.

Le mie lunghe braccia tracciavano disegni sulla tua schiena, scorrendo dalla nuca fino alle natiche. Tu in silenzio mi lasciavi fare mentre nella mente pensavi a quanto fosse bello questo mio modo d’amarti, senza fretta, gustando tutto come si fa con un cibo estremamente prelibato. Volevo darti piacere, un piacere lungo, intenso, estenuante, come non avevi mai provato. Per me il tuo piacere era il mio piacere!

I miei baci erano piccoli, ravvicinati, senza tralasciare nulla esploravano il tuo corpo. Le mani scese sui tuoi morbidi fianchi sollevarono il bordo della mutandina e la fecero scendere. Un attimo di pudore ti porto ad indietreggiare, ma la voglia di sentirmi era così forte che con un gesto deciso riavvicinasti il tuo corpo alla mia bocca.

La lingua scorreva all’interno delle tue cosce, si avvicinava alla parte intima di te, senza però sfiorarla e il tuo desiderio era ormai all’apice. Continuai ancora cosi per qualche istante, mentre le mani ormai tenevano strette i tuoi glutei, fino a che un rivolo di umore scese lungo la pelle… lo assaporai… e poi seguendo il suo percorso entrai con la lingua in te….

 

Come ci amammo dopo non posso raccontarlo qui, sarebbe indelicato verso tutte quelle persone che come me hanno pudore della loro intimità. Sbagliando… forse, ma certe cose non si cambiano in un attimo.

Questo era il mio sogno di oggi…

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: oggisonocosiperte
Data di creazione: 28/04/2009
 

QUESTO PICCOLO GRANDE AMORE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

audicentomariomancino.mRosadasfogliare2letigiolacartavincente1giovanni.euripidelubopoyulyusgiovanni80_7oggisonocosiperteluciana531venelunaLudotecaManLouloubelle
 

ULTIME LETTURE

L'OMBRA DEL VENTO

LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI

L'ELEGANZA DEL RICCIO

L'INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL'ESSERE

IL MONDO DI SOFIA

 

ULTIMI COMMENTI

Capire tu non puoi tu chiamale se vuoi emozioni
Inviato da: ninfa.77
il 07/07/2012 alle 13:16
 
Ma ti sei separato anche dal blog? :)
Inviato da: niokoe
il 19/06/2012 alle 19:17
 
Ma lo scriverai?
Inviato da: niokoe
il 30/05/2012 alle 15:02
 
Non l'ho più scritto
Inviato da: oggisonocosiperte
il 28/05/2012 alle 01:35
 
Dov'è il seguito?
Inviato da: niokoe
il 28/05/2012 alle 01:26
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom