Creato da pensieroinespresso il 01/02/2005

Essere e pensiero

E' stato già scritto tutto, per fortuna non tutto ancora pensato.

 

« Platone e la "sogliola"...Felicità raggiunta, si c... »

Della "mancanza" e del Desiderio...

Post n°45 pubblicato il 11 Novembre 2006 da pensieroinespresso
Foto di pensieroinespresso

La "mancanza" di "J" e il "desiderio" di conoscerlo sono sempre più forti. Ecco il perchè di questo messaggio. Scherzo, naturalmente, e rido. A chi mi legga per la prima volta, dico che "J" è un autore di cui non ho rivelato l'identità e di cui, prima o poi [o forse mai...(rido ancora)], parlerò. Ai nuovi ed ai vecchi lettori, invece, dico che, leggendo il messaggio, capiranno il motivo della sua pubblicazione. 

Allora leggete, se volete, e meditate, sempre se volete.  

La realtà che ci circonda diventa per noi esistente e, quindi,  potenzialmente desiderabile, solo attraverso l'immagine che di essa elaboriamo. Prima che emergessero le nostre immagini delle cose, le cose è come se non esistessero per noi e, pertanto,  non avevano alcun senso.

L'immagine non è una fotografia, un ritratto o il riflesso speculare della realtà, ma una creazione della nostra mente, attraverso la quale attribuiamo senso ad ogni ente. Tale conferimento di senso alla realtà è la condizione della sua desiderabilità, ossia è ciò che rende possibile l'insorgenza stessa del desiderio.

Il senso delle cose non è nelle cose stesse, ma nelle immagini con cui ce le rappresentiamo. E il Desiderio si nutre non delle cose, il cui possesso, pertanto, non può essere mai del tutto appagante, ma del fascino che il senso, da noi attribuito alle cose, produce nel nostro animo.

Le immagini danno senso alla realtà e il senso, attribuito ad essa dalle immagini, ne attiva il desiderio. Il desiderio inappagabile è energia che, a sua volta, spinge costantemente verso nuove immagini ed ulteriori significati, ampliando i nostri orizzonti di consapevolezza e di conoscenza.

La filosofia, che rinvia, come è noto, fin dall'etimologia della parola, all'amore e al desiderio del sapere, è legata geneticamente alla dinamica precedentemente descritta. Essa, infatti, non consiste nel possesso illusorio ed impossibile del sapere, ma solo nel desiderio inappagabile di esso e nella sua costante ricerca. La filosofia, pertanto, non trova la sua dimora nel possesso e nell'apparente gratificazione della compiutezza, ma nell'inappagabilità del desiderio che costantemente rinasce  e si rinnova.

Nell'inappagabilità si approfondisce il desiderio, che in essa si esalta, e tale esaltazione é la sua unica forma possibile di "realizzazione". 

Alla luce di quanto detto, come dobbiamo allora intendere il discorso platonico del Simposio e i miti da me descritti nei due messaggi precedenti (mito degli androgini e mito di Eros)?

La condizione originaria di compiutezza non è, nè un modello privilegiato, nè uno stato da ripristinare nostalgicamente. E' solo un'idea regolativa, rispetto alla quale si definisce il nostro essere attuale. Essa simboleggia una condizione di autosufficienza e di perfezione che non appartiene alla natura umana, la quale trova, invece, nella "mancanza" strutturale che la caratterizza, la sorgente di ogni desiderio, affettivo e conoscitivo.

Tale "mancanza" di essere è essa, quindi, una condizione privilegiata, perchè da essa scaturisce l'ebbrezza del desiderio, il piacere della conoscenza, la gioia della tensione che aspira al bello e al bene.

Nella compiutezza, avendo tutto già un senso, in realtà nulla per noi avrebbe senso, perchè nessun senso sarebbe, da noi stessi, attribuito alla realtà.

La realtà, già dotata di senso e in sé compiuta, sarebbe a noi del tutto indifferente ed impermeabile al nostro desiderare.

Propongo, per la lettura, una riflessione di Emmanuel Lévinas [Kaunas  (Lituania), 1905 - 1995],  uno dei più grandi filosofi del Novecento e fra gli autori più letti e tradotti al mondo.

*  *  *

"Il vero Desiderio è quello che il Desiderato non sazia ma rende più profondo. E' bontà. Non si riferisce ad una patria o a una pienezza perdute, immaginenon è la malattia del ritorno e neppure nostalgia. [...] Non sarebbe anche possibile interpretare il mito platonico dell'Amore, figlio dell'abbondanza e della miseria, come la testimonianza che, nel Desiderio, si dà l'indigenza di una ricchezza, l'insufficienza di ciò che è sufficiente? Platone, raccontando nel Simposio il mito dell'androgino, non ha forse affermato la natura non-nostalgica del Desiderio, la pienezza e la gioia dell'essere che lo esperisce?".

Emmanuel Lévinas,
La traccia dell'altro,
Pironti, Napoli, p.18

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

MUDDY WATERS BLUES

 Muddy Waters: voce e chitarra
personaggio leggendario del blues elettrico di Chicago
1915 - 1983

 Jerry Portnoy:  armonica
live 1976 Dortmund Germany

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

PARMENIDE DI ELEA

 

AREA PERSONALE

 

WILLIE DIXON BLUES



Willie Dixon
1915 - 1992
contrabbassista e cantante

 

FACEBOOK

 
 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

fosco6giaffersheridan_gpaolopallarafrank58fnapo54polemos3pollina83studio.scuccimarrapittorefabribippyausi81bagninosalinaropunkwitch
 

PLATONE

immagine
 

ULTIMI COMMENTI

good
Inviato da: spiderman coloring
il 26/12/2014 alle 01:24
 
bella la condivisione delle informazioni
Inviato da: kız oyunları
il 07/03/2014 alle 14:45
 
Grazzie!
Inviato da: libre littérature
il 12/08/2013 alle 10:11
 
Poros è uno dei miei personaggi preferiti!
Inviato da: chiaracarboni90
il 31/05/2011 alle 10:56
 
lo leggo solo adesso questo tuo post, eppure non mi sembra...
Inviato da: imperfettocuore
il 09/06/2010 alle 09:20
 
 

PLATONE E ARISTOTELE

 

 

F R A T T A L I

Musica
di
Ennio Morricone

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 21
 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FRATTALI

immagine

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.