Polly

Un piccolo angolo tutto mio da condividere,ci si può anche solo fermare per leggere con gli occhi del cuore e della mente.Come se si stesse leggendo un buon libro,un caro diario, all'interno della quale sono presenti sogni, pensieri, poesie...per sorridere insieme e scambiare opinioni su tutto!

 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: PollyPollyanna
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 45
Prov: MI
 

Senti quella pelle ruvida
Un gran freddo dentro l'anima
Fa fatica anche una lascima a scendere giù
Troppe attese dietro l'angolo
Gioie che non ti appartengono
Questo tempo inconciliabile gioca contro di te

Ecco come si finisce poi
Inchiodati a una finestra noi
Spettatori malinconici di felicità impossibili
Tanti viaggi rimandati e già
Valigie vuote da un'eternità
Quel dolore che non sai cos'è
Solo lui non ti abbandonerà... mai, oh mai

È un rifugio quel malessere
Troppa fretta in quel tuo crescere
Non si fanno più miracoli
Adesso non più

Non dar retta a quelle bambole
Non toccare quelle pillole
Quella suora ha un bel carattere
Ci sa fare con le anime

Ti darei gli occhi miei per vedere ciò che non vedi
L'energia, l'allegria per strapparti ancora sorrisi
Dirti sì, sempre sì e riuscire a farti volare
Dove vuoi, dove sai senza più quel peso sul cuore
Nasconderti le nuove, quell'inverno che ti fa male
Curarti le ferite e poi qualche dente in più per mangiare
E poi vederti ridere e poi vederti correre ancora
Dimentica, c'è chi dimentica distrattamente un fiore una domenica
E poi silenzi
E poi silenzi
Silenzi

Nei giardini che nessuno sa si respira l'inutilità
C'è rispetto grande pulizia, è quasi follia
Non sai com'è bello stringerti
Ritrovarsi qui a difenderti
E vestirti e pettinarti sì e sussurrarti non arrenderti
Nei giardini che nessuno sa quanta vita si trascina qua
Solo acciacchi piccole anemie, siamo niente senza fantasie

Sorreggili, aiutali, ti prego non lasciarli cadere
Esili, fragili non negargli un po' del tuo amore
Stelle che ora tacciono, ma daranno un senso al quel cielo
Gli uomini non brillano se non sono stelle anche loro

Mani che ora tremano perché il vento soffia più forte
Non lasciarli adesso no, che non li sorprenda la morte

Siamo noi gli inabili che pur avendo a volte non diamo
Dimentica, c'è chi dimentica distrattamente un fiore una domanica
E poi silenzi
E poi silenzi
Silenzi

 

 

« Messaggio #505

Post N° 506

Post n°506 pubblicato il 21 Dicembre 2007 da PollyPollyanna

IL PONTE DELL'ARCOBALENO

Quando muore una bestiola che è stata particolarmente cara a qualcuno, questa bestiola va al ponte dell'arcobaleno.

Ci sono prati e colline per tutti i nostri amici tanto speciali così che possano correre e giocare insieme.

C'è tanto cibo, acqua e sole, ed essi sono al caldo e stanno bene.

Quelli che erano vecchi e malati sono ora forti e vigorosi. Quelli che erano feriti o storpi sono di nuovo integri e forti, come noi li ricordiamo nel sogno dei giorni e dei tempi passati.

Sono felici e contenti, tranne che per una piccola cosa: ognuno di loro sente la mancanza di qualcuno molto amato, qualcuno che hanno dovuto lasciare indietro...

Corrono e giocano insieme, ma un bel giorno uno di essi improvvisamente si ferma e guarda lontano, verso l'orizzonte. I suoi occhi lucidi sono attenti, trema per l'impazienza: tutto ad un tratto si stacca dal gruppo e comincia a correre, volando sul verde prato, sempre più veloce.

Ti ha riconosciuto, e quando finalmente sarete insieme, vi stringerete in un abbraccio pieno di gioia, per non lasciarvi più. Una pioggia di baci felici bagnerà il tuo viso; le tue mani accarezzeranno di nuovo l'amata testolina e fisserai ancora una volta i suoi fiduciosi occhietti, per tanto tempo lontano dalla tua vita ma mai assente dal tuo cuore.

Allora attraverserete,insieme , il Ponte dell'Arcobaleno.......



18 settembre 1990.

Da qualche giorno è ricominciata la scuola.

Quest’anno sono in seconda media, le mie compagne e i compagni di classe mi sono simpatici ma ogni tanto mi annoiano. Da quest’anno riesco anche a fare le lezioni di pianoforte così posso divertirmi con Massimiliano!

Oggi pomeriggio c’è un bel sole, in televisione non fanno niente di interessante e non ho neanche compiti da fare.

Mamma e papà sono a lavoro.

Suona il telefono alle ore 14.30 ed è la mamma … “Romy, porto a casa un gattino, sei contenta?”

E io “no, lo sai che voglio un cane, i gatti non mi piacciono. Poi per colpa di mia sorella dobbiamo darlo via come il cane l’anno scorso”

“no Romy dai non preoccuparti, è bellissimo. E’ piccolo piccolo, ci sta dentro il palmo di una mano. E’ bianco e grigio scuro ed ha una macchiolina grigia sul musino, come se fosse un neo. Ero andata a portare degli esami del sangue in laboratorio, mentre aspettavo l’ascensore ho sentito miagolare.

Ai miei piedi questo piccolo gatto si strusciava, mi ha seguita dentro l’ascensore. Poi sono stata costretta a lasciarlo fuori dall’ospedale. Dopo qualche ora sono ritornata li, e lui era sdraiato, quando mi ha vista è corso goffamente verso di me e mi ha seguita, intanto io gli dicevo di andarsene ma lui restava li. Non ce l’ho fatta e così l’ho preso in braccio. Nel frattempo è arrivata una mia collega e mi ha detto di portarlo in ufficio che lo curavamo insieme.

E così abbiamo recuperato una scodellina, una scatola di cartone dove metterlo … ma poi non ce l’ho fatta e ho deciso di portarlo a casa. Appena vado a prendere tua sorella all’asilo te lo faccio vedere e lo portiamo dal veterinario, sei contenta?”

Io molto freddamente ho acconsentito.

Alle 17 circa arrivano tutti insieme, il micino, mamma e mia sorella tutta gasata, per di più continuava ad urlare come una forsennata che LEI aveva un gatto.

Mamma ha messo la scatola sul tavolo della cucina, e ha tirato fuori un gatto, un magnifico gatto, spettacolare, tenerissimo, un cucciolo troppo fantastico!!!

Non era un cane ma mi piaceva molto!!!

Lo abbiamo fatto scendere ed è scappato subito sotto il tavolo della sala.

Lo stesso punto dove, 17 anni dopo, sei andato a posarti per farci capire che eri arrivato al capolinea.

Quel punto per te è sempre stato “significativo” per te.

Ogni volta che volevi stare solo, quando non stavi bene, andavi sempre li.

E ora vedo quel punto e le lacrime non possono non uscire dai miei occhi.

Abbiamo provato a chiamarti in tanti modi “Birillo, Chissifour, Neo” ma non ti giravi con nessun nome, uffa … poi la mamma ti ha guardato mentre andavi a fare la pipì nella vaschetta e ti ha detto “Bravo Chicco”. E tu ti sei girato!!!! Ripetevamo Chicco, Chicco e te ti giravi … ebbene si hai scelto tu uno dei nomi più comuni … ma a te piaceva.

E così appena ti sei scelto il nome siamo andati dal veterinario.

Ti hanno visitato, fatto vaccinazioni e ci hanno detto che la tua età era quasi due mesi!!!!

Tutti si erano innamorati di te!!!

Tornate a casa ti abbiamo dato da mangiare, cercavamo di metterti tutto il necessario e pensavamo a come dirlo a papà che era a lavoro.

La sera siamo andate a letto prima che papà fosse rientrato da lavoro.

La mamma ha scritto un cartello gigante sulla porta della cucina chiusa “Tesoro, apri piano la porta dietro c’è Chicco.”

Ricordo che io ero in dormiveglia perché volevo dirlo io a papà

Appena è arrivato mi sono alzata e sono saltata addosso a papà!

“Papà papà la mamma ha portato un gattino piccolo”

Appena abbiamo aperto la porta, Chicco era li. Appena ti ha visto ti è venuto sui piedi miagolando, tu lo hai preso in braccio e …. Da allora si innamorò perdutamente.


18 novembre 2007

17 anni e 2 mesi dopo sono qui a scrivere con le lacrime agli occhi.

Lacrime di felicità e di dolore.

Felicità perché mi hai accompagnato nel mio cammino di vita dai 12 ai 29 anni.

Non si possono raccontare le tante cose fatte, le emozioni, l’amore incondizionato che ci hai dato e che ti abbiamo dato.

Ho dei flash.

A volte guardo un oggetto e ricordo te.

A volte guardo la tua poltrona e ricordo quando tu ci andavi.

A volte guardo i vestiti e ricordo a quando ti ci sdraiavi su riempiendoli di peli.

A volte guardo mamma e vedo la disperazione che ha ora.

A volte guardo papà e carpisco che per andare avanti deve fare finta che tu stai dormento.

A volte guardo ogni angolo della casa e li, in ogni angolo tu ci sei.

Perché in 17 anni tu sei stato in ogni millimetro quadrato della casa.

Chicco perdonaci se puoi, ma non avevamo altra scelta, e lo sai.

Te hai lottato fino all’ultimo secondo, graffiando e arrabbiandoti contro quel maledetto veterinario che non ti conosceva e non ci conosceva. Non abbiamo neanche potuto aspettare il pomeriggio di mercoledì 14 novembre perché arrivasse il tuo dottore perché il dolore era troppo.

Perdonaci se ora non sei qui con noi, perdonaci perché nonostante tutto tu eri davvero forte, perdonaci se non abbiamo lasciato che il tuo cuore si fermasse da solo, perdonaci ma non potevamo vederti soffrire ancora.

Perdonaci se ora siamo a pezzi per la tua assenza, perdonaci se continuiamo a piangere per te, perdonaci se ti ricordiamo in tutto e per tutto.

Perdonaci per tutto … noi invece ti ringraziamo per averci regalato 17 anni indimenticabili.

Grazie per avermi fatto cambiare idea sul “gatto”, grazie per avermi fatto conoscere il vero amore per gli animali, grazie per essermi sempre stato vicino anche quando stavo male.

Grazie per avermi ascoltato quando volevo raccontarti tutto, amori, delusioni, felicità, insomma tutto!!!!

Grazie perché quando rimanevo a casa da sola anche di notte, io non ero sola perché te dormivi vicino a me, facendomi sempre compagnia.

Grazie per TUTTO piccolo Scacciu mio!!!!!

Mi manchi, anzi ci manchi da stare male!

Ieri ho messo su un cd tutte le foto che sono riuscita a farti negli ultimi due anni, ma non sono tutte belle perché fotografarti era impossibile. Quando vedevi il cellulare o la digitale scappavi o ti giravi e io ogni volta scleravo!!!!

Stasera e le prossime sere cercherò le foto delle vacanze di anni fa, dove sicuramente ci sarai anche tu, poi farò io per te una cornice e troverò il posto per te.

Non perché non ti pensiamo o ricordiamo ma perché anche tu, come i parenti, avrai la foto!

Ora spero vivamente che … tu abbia trovato un altro padrone che ti ami almeno la un quarto dell’amore che ti abbiamo dato noi. Vai e cerca Massimiliano, il mio migliore amico, cerca anche Nicky, il cane di Paola.

Non potrò MAI dimenticarti.

La mamma continua a ripetere che come te non ci sono altri gatti, e ha ragione.

Sei e sarai l’unico!!!

Chicco ti ameremo per sempre, ora senza di noi cerca di farti valere.non sei mai stato un giorno senza qualcuno di noi, so che ora hai paura, ma vedrai che ce la farai!


P.S. Scacciu, negli ultimi tre anni in tanti mi dicevano che avrei dovuto prepararmi perché eri grande, perché dimagrivi a vista d’occhio etc etc.

Io ci pensavo ma eliminavo immediatamente la sola idea di non vederti più!!

Non era contemplata per me.

Da luglio, purtroppo ci ho pensato in maniera diversa, sapevo che sarebbe accaduto.

Ma non ci si prepara MAI a questo!

Perdonami se non sono riuscita ad affrontare tutto come ti avevo promesso….

Scusami!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Polly/trackback.php?msg=3798425

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
v78io
v78io il 01/01/08 alle 04:29 via WEB
29 gennaio 2007.. ho perso il mio adorato Frodo.. se l'è portato via un angelo. e da allora niente è più come prima. perchè lui era il mio principe. il mio gatto speciale. Avevi ragione.. è un post triste.. ma mi ha fatto bene leggerlo. perchè sento che anche se distanti per colpa del lavoro.. abbiamo ancora molto in comune. Un abbraccio dolce Polly..
 
munza77
munza77 il 01/01/08 alle 15:10 via WEB
bè, anch'io stò piangendo mia amata amica sopratutto dopo aver visto tante volte quella palla di pelo nello schermino della web (neanche lì eravamo sole hehe) e poi...a casa tua...tutto pelle e ossa...vederlo soffrire...te l'abbiamo detto allora e te lo ripeto ora :sicuramente stà meglio ora ovunque sia. e sono sicura che se potesse di risponderebbe che non avete nulla da farvi perdonare perchè s'è portato dietro il vostro immenso amore! ti stringo forte forte amica mia e ti chiedo perdono io per non esserti potuta stare davvero vicina! ti voglio infinitamente bene!!!
 
Bauessina
Bauessina il 07/01/08 alle 11:03 via WEB
mi spiace pollyna .... un'abbraccio ;)
 
odietamoforever
odietamoforever il 31/08/08 alle 07:15 via WEB
Maaa ciauzzz ti lascio un dolce sorriso!
 
Bauessina
Bauessina il 06/01/09 alle 10:48 via WEB
ti auguro un 2009 pieno di serenità ;)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: PollyPollyanna
Data di creazione: 01/03/2005
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

minatorianicofillo.07cocujemarlonsk8vero.dav30lavinia.petrellivarena83alidifarfalla62patrizio.dgrlupasotti63animazionifesteimprenditore1962maluchiodoJointolo
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963