Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

 

« Il Dittamondo (2-26)La Bella Mano (157-170) »

Rime inedite del 500 (XIX)

Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)

XIX

[1 Di Giovan Francesco Bruni]

Di monsignore Bruno Vescovo di Nola

Che cosa è amor? Egli è un vano appetito.
Che causa quest'amor? Pensier' oziosi.
Du' stan questi pensier? Nel petto ascosi,
La volontà da poi ne fa convito.
Che fa il libero arbitrio? Ei tien l'invito,
Lascivia vien con suoi cibi gelosi
Dove sta il cuor tra strali amorosi,
E nudo no, di gelosia è vestito.
Che cosa son quei strali? Strali o dardi
Son stral d'un legno che si chiama viso
Alcun son di parole, alcun di sguardi.
Dove sta l'arco tuo? In un bel viso.
Potrebbesi fuggir per tempo, o tardi?
No, perché il colpo suo giunge improviso.

[2 Di Giovan Francesco Bruni]

Del medesimo

La mi fa sol la diva mia sospeso,
Sol mi fa fa re 'l pazzo sua durezza,
Fa re mi sol la mira ch'io sia preso,
Mi fa fa la re sol la sua bellezza,
Re fa re la mi niega il tempo speso,
Ut re mi fa cantando con dolcezza
La mi rimira, sol la mi dà berta
Sol la mi fa stentar la mi diserta.

[3 Di Giovan Francesco Bruni]

Del medesimo

S'è dolce amor, come amar duolo e pianto
N'ha l'amante in la mente, e gelosia?
S'ai cridi credi amor che crudo sia
Come ha nel cor sì car' ch'il preme tanto?
Se, come è pinto, appunto è cieco, il vanto
Com'ha che vadi e vedi ogn'arte, o via?
Se è putto, hor con che patto e forza fia
Che più che toro tiri, e più ch'incanto?
S'è nudo al nido come d'altri spinto
Li furti suoi sa sì coprir talora?
S'ha il vanto nel volar ch'il vento ha vinto,
Perché par che sia lento a chi l'adora?
Se suol del tel d'or dar dur' cor convinto,
Con l'altro stral con stril far che si mora,
Dov'è segno di fora
Del suo ferir? Furor adunque è questo
E l'amante per far fuor di sé stesso.

[4 Di Giovan Francesco Bruni]

Del medesmo

Che cosa è dio? Egli è un sommo bene.
Che ben è questo? Un ben che sempre abbonda.
E come è fatto? Come forma tonda,
Che sol principio è fin in sé contiene.
E dove uscite son sue proprie vene?
Sono da un mar' ch'ogni cosa circonda.
Puossi veder? No, no, ch'essenza monda
L'occhio nostro mortal non la sostiene.
Come dunque si sa, se non si vede?
Egli s'umilia tanto l'intelletto
Che fa veder con gli occhi della fede.
Che cosa è fede? È un don, che se difetto
Non trova in l'uomo ch'or ben chiaro crede
Guidal con gli occhi chiusi al ben perfetto.

Tratte da: Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygam
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963