Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

 

« Onesto degli OnestiIl Dittamondo (3-05) »

Rime inedite del 500 (31-32)

Post n°915 pubblicato il 26 Dicembre 2014 da valerio.sampieri
 

Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)

XXXI

[Di Salomone Usquè]

Di Salomone Usquè hebreo in morte di Carlo Quinto.

Erga il gran figlio al maggior padre augusto

Di gemme ornato il globo della terra
Perché alle imprese sue in pace e in guerra
Le piramidi fien sepolcro angusto,

Ponga sé stesso poi lo Scita ingiusto
Dall'alta mole, e chi la Gallia serra
Pieghi gli omeri e 'l pondo chi l'atterra
Col gelato Germano e l'Indo adusto.

Siano i trofei non forti usberghi o dardi;
Ma scettri e mitre e dell'invitto Alcide
Sopra le mete i lumi atri e funesti.

Cinga un breve poi l'urna e dica questi,
O vïator, che qui rinchiuso guardi
Ha per sepolcro ciò che vinse e vide.


XXXII

[1 Di Orazio Ariosti]

Dialogo nelle nozze del Principe di Stigliano e della signora Isabella Gonzaga figlia del Duca di Sabioneta.

Giunone
Scendi, meco, regina
Del terzo cielo, scendi,
E la tua face accendi
Del foco ch'il più casto amore affina.

Venere
Scendo e ben son presaga,
O moglie del gran Giove,
Che fian le nostre prove
Contra fugace verginella e vaga.

Giunone
Già vinta, più non fugge
Dal mio giogo soave;
Ma sol teme ella e pave
Quel cui pur desïando si distrugge.

Venere
Opra de l'arte mia
Fia d'affidar sua tema.

Giunone
Deh! senza timor sia,
O nel profondo core almen lo prema.

Venere
Cedi, casta Isabella,
Al tuo gradito sposo.

Giunone
Non sia 'l tuo cor ritroso.

Venere
In virtù d'esta mia sacra facella.

Giunone e Venere
Cedi, e di Sitigliano
E Sabbioneta i regi
Per te lor chiari fregi
Uniscan col lor sangue alto e sovrano.
Cedi, né i tuoi sospiri e i mesti sguardi
O 'l tuo pianto ritardi
Quella beata prole
Ch'esser de' al mondo più chiara ch'il sole.


[2 Di Orazio Ariosti]

Dialogo nelle nozze di Carlo Duca Di Savoia e di Catterina figlia del Re di Spagna (1585).

Imeneo
Perché tua tromba tace
Messaggera del tutto?
Perché, Amor, l'arco tuo lento si giace
In tanta occasïon senza alcun frutto?

Amore e Fama
Perché con lieti canti
E con tua chiara face
Tu i nostri offici d'adempir ti vanti?

Imeneo
Non son tai sposi questi
Che loro esser poss'io
Amor, la fama, e delle nozze il dio?

Amore
Tu dunque in modi onesti
Gli aggiungi et io farò poi co' miei strali
Nei mortai petti lor piaghe immortali.

Fama
Et io lasciando che tu canti solo
Carmi di gaudio in mezzo a lieto stuolo,
Portarò i nomi loro
A lo Scitha, a l'Hibero, a l'Indo, al Moro.

Imeneo
Anzi poscia che l'ali
Tutti egualmente abbiamo
Cantando in un gli andiamo
Fin che lor gloria sovra il ciel ne sale.
Fama, Amore, Imeneo
O Carlo, o Caterina, o Dora, o Tago,
Vostri cari legami ognuno intenda
E' vostri nomi apprenda
Essa di celebrarmi ognor più vago
Tutte le cetre a voi siano converse
Di pretïosi inchiostri
E tutti a voi, Parnaso, apra i suoi chiostri.


[3 Di Orazio Ariosti]

Orazio Ariosti

Per sanar del mio cor l'indegna piaga
L'alma ogn'arte, ogni sforzo insieme aduna
E di ciò ch'il ciel porti, o la fortuna
Di far rimedio al suo dolor s'appaga.

Né perché ognor dolce memoria, e vaga
Nequitosa l'alletti et importuna
Quel lume che la scorge, a lei s'imbruna
Né del suo buon voler punte si smaga.

Lume del ciel la scorge, e nobil sdegno
La move, sdegno che i sopiti sensi
Suole eccitar coi generosi gridi.

Ma s'è debol lo spron, fral di sostegno,
La scorta è quella, ond'a beati lidi
Per chi la segue in questo mar pur viensi.

[4 Di Orazio Ariosti]

Del medesimo

Ben vedi con quant'arte, anima trista,
Tenti d'entrar pietà nel nostro seno,
Pietà di lei ch'il suo natìo veleno
Coprendo appar tutta dogliosa in vista.

Voce di pianto e di sospiri mista
Ah non ti mova, ah in te non venga meno
Quel rigor che distrutto in un baleno
Per forza Amor ne' cori imperio acquista.

Degna è di Dio costei ch'odiò noi sempre,
E s'ella ben mostrò gradirne un tempo
Fel per far poi maggior nostro dolore.

Ahi d'un mostro pietosa, al nostro onore,
A te nimica, ohimè! tutto il tuo corpo
Fia che vilmente ornando si distempre.

Tratte da: Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)
 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygam
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963