Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

 

« Il Dittamondo (3-05)Ser Bernardo »

Rime inedite del 500 (33-36)

Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)

XXXIII

[Di Lodovico Dolce]

Sperava un tempo di poch'altri al paro

Mercè del Dolce fido mio sostegno
Alzarmi là bench'io ne fossi indegno
Ove i pronti di voi piedi arrivàro;

Ma il fiero mio destin, crudo et avaro
Mi contese il camino e m'ebbe a sdegno
E diventò fuor d'ogni usato segno
Il già fiorito April secco Gennaro.

Ond'io ringrazio voi, spirto gentile,
Che 'n sì cortesi e sì vivaci modi
Desïate di far quel ch'io vorrei.

Gran peso render d'uom' basso et umile
Pregiato, altero e fuor' d'inganni e frodi

Portarlo a forza su nel ciel fra' dei.

XXXIV

[Di Gabriele Zerbo]

Del Zerbo risposta.

E io men' vo per queste erbose sponde,

Ove la Brenta men turbata freme,
Vuoto d'ogni martir, colmo di speme,
Filli cantando e le sue treccie bionde.

E mentre voci spargo alte e gioconde
Allorché duol non è che 'l mio ben sceme
Veggio del mio cantar gioir' insieme
Con Amor' Imeneo, con l'aura l'onde.

Ma più se ne mostra ella altera e bella
Che dolcemente mi risponde e ride,
Nulla curando di Dameta il suono.

Cotal m'ispira mia benigna stella
Tal'è ver' me d'amor la grazia e 'l dono

Ch'uom' più beato il ciel già mai non vide.


XXXV

[Ottaviano Brigidi]

Octaviano Brigidi

Io cantarei d'amor sì nuovamente

Ch'al duro fianco il dì mille sospiri
Trarrei per forza, e mille alti desiri
Raccenderei nella gelata mente.

El bel viso cangiar vedrìa sovente
E bagnar gli occhi e più piatosi giri
Far, come suol, chi de l'altrui martiri
E del suo error quando non val si pente.

E le rose vermiglie in fra la neve
Muover talora e discoprir l'avorio
Che fa di marmo chi d'appresso il guarda.

E tutto quel, perché nel viver breve
Non rincresco a me stesso, anzi mi glorio

D'esser serbato alla stagion più tarda.


XXXVI

[1 Di Rodolfo Arlotti]

Di Ridolfo Arlotto

Ben lieve fu de la mia fede il pegno,

Onde meco a ragion forse t'adiri,
S'a le cose quà giù gli occhi mai giri,
Anima bella, dal celeste regno.

Lasso! io 'l veggo, e 'l confesso: era pur degno,
Come viva a la speme et ai desiri,
Così morta a le lagrime, ai sospiri
Fusse tanta bellezza eterno segno.

Ma che far posso? Ahi! che mi sforza un sole
E cocenti via più che fuoco, o fiamma
Mi manda al cor gli sguardi, o le parole.

Ed io, cui dianzi ardesti a dramma, a dramma,
Restai come carbone estinto suole,
Che dopo sempre di leggier s'infiamma.

[2 Di Rodolfo Arlotti]

Di Ridolfo Arlotto. Al signor Hercole Varano.

Ecco, il crin cinto di celesti rai,
Sorge sereno il tuo bel sole amato;
Dolce amor spira, ond'il tuo mar placato
T'aspetta, e tu pur lento ancora stai.

Apri, Varan, le vele e il lito homai
Lascia, ché 'l cielo, e 'l tuo cortese fato
Ti cercan spoglie; ché del vello aurato
La bellezza e 'l valor vincon' assai.

E se rie stelle, al nobil corso infeste
Sparger denno anco in preda a l'onde e ai venti
De la tua speme l'alte merci oneste,

Fortunato Arïon, di che paventi?
Che delfin mille e mille ninfe preste

Al tuo scampo trar puoi coi dotti accenti.

Tratte da: Rime inedite del cinquecento (Bologna, Romagnoli - Dall'Acqua, 1918)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

gnaccolinocamaciotizianarodelia.marinoamorino11Talarico.Francoantonio.caccavalepetula1960frank67lemiefoto0giorgio.ragazzinilele.lele2008sergintprefazione09Epimenide2bettygam
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUò SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963