Creato da: tizianacorreale il 16/12/2007
Attraverso i miei occhi a volte una semplice eco, altre un'inarrestabile surrealtà...

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

stefano.rigillocomelunadinonsolopolantpicacap.harlock74tizianacorrealefelisia6farfallanarranteProfumoColoratoTopoCanguroocsurtegossipcoccinellagiannyalfieriblaisemodestyCantastorie61ORCHIDEA693
 

Ultimi commenti

Ciao a tutti! Ci tengo molto a dire che il testo "Lo...
Inviato da: Lorenzo Simonini
il 28/05/2012 alle 20:21
 
Davvero grazie per il commento. Non c'è niente di più...
Inviato da: tizianacorreale
il 27/05/2012 alle 22:36
 
"Qui c'è soave indecisione" Brivido.
Inviato da: zr
il 27/05/2012 alle 14:24
 
Ho letto poche poesie moderne così belle e dense di...
Inviato da: antonio
il 07/04/2012 alle 19:07
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 17:09
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« Il resto di niente - Enz...Soave indecisione »

Whatever works - Basta che funzioni

Post n°41 pubblicato il 27 Giugno 2011 da tizianacorreale
Foto di tizianacorreale

Whatever works segue la vita di Boris, un vecchio fisico quasi perennemente insoddisfatto ma con una filosofia di vita che lo porta ad andare sempre avanti ed accettare molte cose pensando che infondo ogni cosa può esser sopportata: “Basta che funzioni”. Lui è l’unico che riesce a guardare al di là dello schermo, l’unico che ha una visione completa di come stanno le cose tale da vedere anche i suoi spettatori. Questa è solo una delle divertenti e deliranti invenzioni che Woody Allen ha messo su in questo film.

Boris, escludendo i momenti di grandissima disperazione e le grandi crisi di panico riesce a farsi amare per la sua intelligenza, per le sue capacità dialettiche ed anche, forse per quella voglia di conquistare l’affetto di chi sembra totalmente indifferente che hanno tutti, che si tratti di amicizia o amore.

Dopo la sua prima moglie che sembrava perfetta per lui, si rende conto in un attacco di panico che le cose non vanno e si butta dalla finestra. Sopravvive, il suo matrimonio finisce ed inizia allora il periodo sul quale si concentra il film: Boris incontra Miranda, una giovane e sciocca ragazza appena arrivata a New York che riesce a convincerlo ad ospitarla in casa e da lì inizia la loro vita insieme.

Lui scettico, lei entusiasmata ed entusiasmante se ne vanno in giro a caccia l’uno di critiche da fare e l’altra di nuove cose da provare. Lei cresce, lui si sente più coinvolto di quanto credeva in quella crescita e pian piano entrano nel film nuovi personaggi e anch’essi si ritrovano a fare cose che non avrebbero mai creduto di fare.

I dialoghi sono ben scritti: è proprio in questi che ritroviamo tutta l’originalità di Woody Allen, infatti, nessuno come lui riesce a fondere risata e riflessione con tanta naturalezza.

I personaggi, inoltre,  son ben caratterizzati e la scelta di far parlare il protagonista direttamente con il pubblico è sicuramente originale, soprattutto perché il protagonista parla al pubblico con i toni con i quali parla a chiunque altro: il film non è un diario ma un reportage sulla casualità degli eventi e soprattutto un invito a prendere le cose come vengono, “Whatever Works”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog