Creato da: tizianacorreale il 16/12/2007
Attraverso i miei occhi a volte una semplice eco, altre un'inarrestabile surrealtà...

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

stefano.rigillocomelunadinonsolopolantpicacap.harlock74tizianacorrealefelisia6farfallanarranteProfumoColoratoTopoCanguroocsurtegossipcoccinellagiannyalfieriblaisemodestyCantastorie61ORCHIDEA693
 

Ultimi commenti

Ciao a tutti! Ci tengo molto a dire che il testo "Lo...
Inviato da: Lorenzo Simonini
il 28/05/2012 alle 20:21
 
Davvero grazie per il commento. Non c'è niente di più...
Inviato da: tizianacorreale
il 27/05/2012 alle 22:36
 
"Qui c'è soave indecisione" Brivido.
Inviato da: zr
il 27/05/2012 alle 14:24
 
Ho letto poche poesie moderne così belle e dense di...
Inviato da: antonio
il 07/04/2012 alle 19:07
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 17:09
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« 11.05.2012Caro Sigmund, vedrò di a... »

Lo sguardo fragile

Post n°54 pubblicato il 26 Maggio 2012 da tizianacorreale

Passi. Si può volare e camminare contemporaneamente?

Passi. Non avrebbe senso camminare senza far rumore.

Passi. Si fermano su superfici incerte.

Passi.

Se in quel buio  non ci fosse stata la sua bianca luce quel giorno, forse lui non sarebbe riuscito ad aprire di nuovo gli occhi il mattino seguente. Sapere di essere fuori vuol dire star seduti a guardar dritto, a non fare domande perché si ha consapevolezza dell’impossibilità dell’avere risposte. Accendere una candela forse, nella speranza che una solitudine possa essere temporanea e sperare che un giorno il mondo ci dirà di più. Sperare che un giorno, sentiremo la forza di qualcosa di grande quanto la possibilità di incontrarsi, più grande, più immensa dell’incontrarsi stesso perché piena di impressioni, suggestioni, desideri, di un io ancora non certo di poter vedere altro che sé stesso, ma fiducioso.

Silenzio. Si può ascoltare il nulla?

Silenzio. L’attesa ha un suo rumore.

Silenzio. Circonda immenso spazi bruciati da uno sguardo deluso.

Silenzio.

Se in quel buio non ci fosse stata la sua piena tenebra quel giorno, forse lei sarebbe riuscita ad aprire di nuovo gli occhi il mattino seguente. Sapere di essere abbandonati vuol guardarsi attorno smarriti, camminando, fermandosi solo una volta e per sempre. Accendere una candela forse, nella speranza che la propria sofferenza possa essere temporanea e bruciare via con quella cera e sperare che il mondo un giorno ci dirà di meno. Sperare che un giorno, sentiremo la forza di qualcosa di grande quanto la possibilità di ritrovarsi più grande, più immensa del trovarsi stesso, perché piena di ricordi, di suggestioni, di aspettative,  consapevoli  che basterebbe anche il profumo di una rosa per portarci via.

Via. Passi silenziosi. Vuoto. Ombre.

E loro, spiriti affini in realtà parallele.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: