Creato da: tizianacorreale il 16/12/2007
Attraverso i miei occhi a volte una semplice eco, altre un'inarrestabile surrealtà...

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

stefano.rigillocomelunadinonsolopolantpicacap.harlock74tizianacorrealefelisia6farfallanarranteProfumoColoratoTopoCanguroocsurtegossipcoccinellagiannyalfieriblaisemodestyCantastorie61ORCHIDEA693
 

Ultimi commenti

Ciao a tutti! Ci tengo molto a dire che il testo "Lo...
Inviato da: Lorenzo Simonini
il 28/05/2012 alle 20:21
 
Davvero grazie per il commento. Non c'è niente di più...
Inviato da: tizianacorreale
il 27/05/2012 alle 22:36
 
"Qui c'è soave indecisione" Brivido.
Inviato da: zr
il 27/05/2012 alle 14:24
 
Ho letto poche poesie moderne così belle e dense di...
Inviato da: antonio
il 07/04/2012 alle 19:07
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 17:09
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 

Cosa viene dopo

Post n°56 pubblicato il 15 Giugno 2012 da tizianacorreale

È sempre prematuro pensare a qualcosa per la quale non si può agire adesso, a ciò che viene dopo. Sempre troppo presto fino a quel preciso momento in cui sarà troppo tardi. Ma ci pensiamo lo stesso, perché ogni volta che lo facciamo, qualcosa cambia in noi e per quanto le scelte divengano più difficili da prendere, più pesanti e invadenti ogni volta che ci dipingiamo su un pensiero, esse diventano anche più chiare.

Oggi sono qui alla mia scrivania e penso a cosa viene dopo. Non riesco davvero a vederlo. Attorno a mevolti preoccupati. Mi chiedo quanto pesino le spese per gli studi e quanto l'idea di farmi andare via, di non avermi sotto mano, di non scegliere più per me, di non potermi più sgridare perché lascio le luci accese o torno troppo tardi la sera.

Pensando a cosa viene dopo io non vedo questa città se non come posto in cui tornare alla fine del mio percorso, per tuffarmi nella memoria. Ora come ora ciò che questo posto mi offre di prezioso sono ricordi di infanzia e adolescenza, i momenti più felici della mia vita, mi sembra di ricordarli tutti lontani da qui, chiusi in una casa piena di tracce del mondo intero o nel paesino accanto, ma non ad Avellino, non per le strade della grigia, monotona e deludente Avellino.

Pensando a cosa viene dopo, immagino di non avere nessuno accanto ed ho paura, tremo, mi nascondo dietro il coraggio di osare, ma dentro urlo, cercando chiarezza, una chiarezza che nessuno attorno a me ha.

Pensando a che cosa viene dopo guardo a quello che ho adesso, tutto frutto dei risparmi altrui e mi sento in debito, mi sento povera, spero di riuscire un giorno, a ripagare almeno una parte di ciò che mi è stato offerto dalla vita.

Pensando a che cosa viene dopo vedo così tante cose che non riesco a sceglierne una ed ho paura di cadere nel burrone enorme che c'è tra me e queste cose, di non riuscire a saltare abbastanza in alto.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Caro Sigmund, vedrò di arrangiarmi da sola...

Post n°55 pubblicato il 10 Giugno 2012 da tizianacorreale

Se attorno a te c'è del fumo e cerchi di guardarti attorno. Se qualcuno viene da te e chiede, alla tua mente annebbiata, chiarezza. Se non sei ancora scesa a terra, se non sai bene dove hai lasciato la scala per allontanarti dal tuo ego, ti dico io cosa rispondi: la cosa sbagliata.

Quando poi ti sveglierai, il tuo ego sarà andato a dormire, ti guarderai attorno, stringerai le dita fino a toccare il palmo della mano e sentirai il peso delle tue risposte sbagliate, degli atteggiamenti da correggere, il peso di quella persona che non sei, che il tuo io vorrebbe essere, che il tuo es ti impedisce di diventare.
- Ok, Sigmund puoi guarirmi, ho capito, ma questo non mi interessa. Sei capace di farmi ammalare?
Sono qui in questa stanza, di fronte a me c'è tutto quanto io abbia di importante, puoi chiudere quel bastardo di es da qualche parte e lasciarmi scegliere in pace? -

L'es mi fa le pernacchie, cerca ancora di avere ragione. Sorride, mi prende con le buone. Mi coccola, sento in bocca il sapore della dolcezza delle sue parole confortanti, ma non mi faccio ingannare, perché sento anche l'ego russare, e resto di fronte a tutto quanto vorrei essere, cercando di afferrarlo.
La strada per andare dall'es è divertente: uno scivolo a spirale in cui perdi il senso dell'orientamento ma sai bene di essere in un preciso canale voluto da dio sa cosa, dio sa chi, dio sa perché.
La strada per chi vorresti essere è invece tortuosa, piena di fili rossi da non tagliare, come uno di quegli antifurti a raggi che si incrociano, devi stare attentissima a non farti colpire da neppure un raggio, ogni raggio è una ferita a ciò che potresti diventare, svilisce ciò che potresti essere.

- Non hai colto Sigmund, l'essenza del tuo genio. Lo vedi questo corpo ellissoidale enorme, che gira e ci trascina? Tu dovevi insegnarci a camminare su esso , e invece eccoti qui, a dipingerne ogni singolo dettaglio, ricomporre in un puzzle infinito i pezzi che formano ogni singolo essere umano. Sai tagliarli? Sai mischiarli? No! Tutto ciò che fai è comporre una figura che hai già, sullo scatolo della confezione. No grazie, Sigmund, vedrò di arrangiarmi da sola -

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Lo sguardo fragile

Post n°54 pubblicato il 26 Maggio 2012 da tizianacorreale

Passi. Si può volare e camminare contemporaneamente?

Passi. Non avrebbe senso camminare senza far rumore.

Passi. Si fermano su superfici incerte.

Passi.

Se in quel buio  non ci fosse stata la sua bianca luce quel giorno, forse lui non sarebbe riuscito ad aprire di nuovo gli occhi il mattino seguente. Sapere di essere fuori vuol dire star seduti a guardar dritto, a non fare domande perché si ha consapevolezza dell’impossibilità dell’avere risposte. Accendere una candela forse, nella speranza che una solitudine possa essere temporanea e sperare che un giorno il mondo ci dirà di più. Sperare che un giorno, sentiremo la forza di qualcosa di grande quanto la possibilità di incontrarsi, più grande, più immensa dell’incontrarsi stesso perché piena di impressioni, suggestioni, desideri, di un io ancora non certo di poter vedere altro che sé stesso, ma fiducioso.

Silenzio. Si può ascoltare il nulla?

Silenzio. L’attesa ha un suo rumore.

Silenzio. Circonda immenso spazi bruciati da uno sguardo deluso.

Silenzio.

Se in quel buio non ci fosse stata la sua piena tenebra quel giorno, forse lei sarebbe riuscita ad aprire di nuovo gli occhi il mattino seguente. Sapere di essere abbandonati vuol guardarsi attorno smarriti, camminando, fermandosi solo una volta e per sempre. Accendere una candela forse, nella speranza che la propria sofferenza possa essere temporanea e bruciare via con quella cera e sperare che il mondo un giorno ci dirà di meno. Sperare che un giorno, sentiremo la forza di qualcosa di grande quanto la possibilità di ritrovarsi più grande, più immensa del trovarsi stesso, perché piena di ricordi, di suggestioni, di aspettative,  consapevoli  che basterebbe anche il profumo di una rosa per portarci via.

Via. Passi silenziosi. Vuoto. Ombre.

E loro, spiriti affini in realtà parallele.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

11.05.2012

Post n°53 pubblicato il 11 Maggio 2012 da tizianacorreale

Oggi

Mi sento chiusa in ricordi non miei

Come non ci fossi tu

Dietro la vecchia maschera di sorrisi

Come non fossi tu

Quell'uomo pieno di energie

 

Oggi

Mi sento chiusa in necessarie elemosine

Come non ci fossi tu

In quei toni incoraggianti

Come non fossi tu

Quell'uomo pieno di prospettive

 

Oggi

Mi sento imprigionata in questa stanza d’arancio

Come considerassi mia

La metà sbagliata

Del mio mazzo di chiavi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Una sola estate ha fatto di un capretto un caprone barbuto

Post n°52 pubblicato il 11 Aprile 2012 da tizianacorreale
Foto di tizianacorreale

Il tic-toc dei vecchi tempi

Sembra troppo lontano

Lacrime nuove

Rendono morbido il suo suono

 

E allora scivolo

Su piani cancellati

Idee dimenticate

Sogni svaniti

 

Più che sentire

L’orologio del mio tempo

Sento la pietra

Del tempo di chi fui

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »