Creato da Wcoaxxx il 01/11/2006
Filosofia, attualità, riflessioni, problemi personali, progetti all'avanguardia... Storia dei pensieri di quei ragazzi che non si accontentano di ciò che gli viene proposto bell'e fatto. Siamo pronti a smontare qualunque tesi... e se necessario anche a incendiare il paradiso!!!

Area personale

 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Contattaci!

Vuoi porci un quesito?

Vuoi scriverci?

Contattaci mandando una e-mail a:
getthefuckout@libero.it

 

Contatta l'autore

Nickname: Wcoaxxx
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 32
Prov: EE
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Ultimi commenti

FACEBOOK

 
 
 

 

« Messaggio #5Sui buchi neri »

JEAN JACQUES ROUSSEAU

Post n°6 pubblicato il 05 Novembre 2006 da Wcoaxxx
 

"E' sufficiente non essere mai ingiusti per essere sempre innocenti?"

Che ne pensate?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Rifletto/trackback.php?msg=1856569

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
ciapuisa84
ciapuisa84 il 07/11/06 alle 14:40 via WEB
può darsi. dipende dalle opinioni: posso pensare che mi sono comportato in modo giusto anche se così non è stato..
(Rispondi)
 
Wcoaxxx
Wcoaxxx il 07/11/06 alle 23:04 via WEB
Già... o posso anche essere giusto x la mia estica come ingiusto x l'etica di un mio amico, o x la legge.... ecco, ad esempio: x la legge italiana la filosofia "occhio x occhio dente x dente" è sbagliata, ma altri stati la ritengono giusta...
(Rispondi)
brokenheart74dgl
brokenheart74dgl il 28/01/07 alle 21:48 via WEB
Dipende da come si considerano i concetti di giustizia e di innocenza. Senza cadere nel relativismo etico ne nel formalismo, è necessario distinguere fra etiche dell'intenzionalità ( KAnt) e etiche utilitaristiche (Mill). Io posso eesere giusto, quindi ad es punire con la pena di morte un omicida,.Ciò non toglie che io sia colpevole della sua condanna, ma non solo resta da stabilire se sia giusto punire il colpevole di un omicidio con una pena detta compensativa (in questo caso la morte ) puttosto che con una pena sanzonatoria (l'ergastolo). Indubbiamente ogni etica che esuli da ogni rapporto con l'intenzionalità tende ad essere un'etica a rischio di relativismo. Il discorso è in dibattito da molto tempo e una grand svolta fu certo dato dall'etica del dovere (l'imperativo categorico) di Kant, la quale però resta problematicamente intenzionale. Come stabilire l'intenzionalità di un atto? N.B. molto interessante il tuo blog, mi fa piacere un altra persona che come me si ponga domande sul nulla, sull'essere, insomma un'altro filosofo. Mi farebbe piacere visitassi il mio blog. Ciao broken
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

Pensare...

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine

 

Ringraziamenti speciali

Si ringraziano di cuore:
- tutti coloro che hanno collaborato al blog, sia come membri che come commentatori
- il professore D. Brizi per le sue delucidazioni sulla geografia astronimica e per le idee che ci ha fatto venire, per quelle che ci ha posto e per i dubbi che ha sollevato in noi spingendoci a cercare soluzioni che vadano otlre il conosciuto.
- la professoressa A. Ridolfi, che ci ha supportato e invogliato con le discussioni filosofiche, e che ha esposto in classe la nostra dissertazione sul nulla.

 

Pensare...

immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine
immagine