Creato da cuccuruccuz il 31/10/2008

EL PUEBLO UNIDO

JAMAS SERA VENCIDO

SIAMOVIVI

 



MI TROVI
SU FACEBOOK

Nico Guevara

 

QUALCUNO ERA COMUNISTA..

Qualcuno era comunista perché si sentiva solo.

Qualcuno era comunista perché credeva di
poter essere vivo e felice solo se lo erano anche gli altri.
Qualcuno era comunista perché aveva bisogno
di una spinta verso qualcosa di nuovo.
Perché sentiva la necessità di una morale diversa.
Perché forse era solo una forza, un volo,
un sogno era solo uno slancio, un desiderio
di cambiare le cose, di cambiare la vita.
Sì, qualcuno era comunista perché,
con accanto questo slancio,
ognuno era come… più di sé stesso.
Era come… due persone in una.
Da una parte la personale fatica quotidiana
e dall'altra il senso di appartenenza a
una razza che voleva spiccare il volo
per cambiare veramente la vita.
No. Forse anche allora molti avevano aperto
le ali senza essere capaci di volare…
come dei gabbiani ipotetici.
E ora? Anche ora ci si sente come in due.
Da una parte l'uomo inserito che
attraversa ossequiosamente
lo squallore della propria sopravvivenza quotidiana
e dall'altra il gabbiano senza più neanche
l'intenzione del volo perché
ormai il sogno si è rattrappito.
Due miserie in un corpo solo.

 

 

 

 

HO VISTO ANCHE DEGLI ZINGARI FELICI

...ho visto degli zingari felici...

ubriacarsi di luna,

di vendetta e di ...guerra...

...i poeti amano l'odore delle armi,

odiano la fine della giornata...

 

 

« Odio gli indifferentiLETTERE DAL CARCERE-UNA ... »

Avni Er: Lettera dal carcere di Nuoro

Post n°100 pubblicato il 17 Settembre 2009 da cuccuruccuz
 
Tag: CARCERE

 

 

La storia è quella di un giornalista turco, recluso nel carcere di Nuoro. Si chiama Avni Er ed è una persona impegnata contro il mancato rispetto dei diritti umani nella "democratica" Turchia che si appresta ad entrare nell'altrettanto democratica "Unione Europea".

Ingresso fortemente caldeggato dagli Stati Uniti per consolidare il loro controllo sul Medio Oriente e sul gasdotto, ed appianare alcune divergenze con la Turchia stessa.

 

Tra il totale disenteresse dei nostri media, Avni Er, dopo un processo che nei due gradi svoltisi fino ad ora ha ignorato le più elementari garanzie, è stato condannato in Italia a ben sette anni di galera per appartenenza ad associazione con finalità di terrorismo (art. 270 bis comma 1 c.p.). Inutile dire che i Magistrati che hanno emesso la condanna hanno ritenuto superflua ogni indagine e valutazione, sia pur sommaria, sulla democraticità o meno della Turchia e del suo regime oligarchico - militare.

 

 

Ecco la sua lettera:

 

Cari compagni,
il 19 giugno del 1986 nelle carceri del Perù sono stati massacrati 300 prigionieri politici.
Questa è la data in cui noi prigionieri politici ci sentiamo colpiti da questo massacro.
I massacri che sono successi nelle carceri peruviane, tedesche, spagnole, inglesi, turche ecc. non erano i primi e non saranno neanche gli ultimi…
Perché i sovrani considerano gli oppositori, i rivoluzionari, gente che lotta contro l’ingiustizia e che lotta per l’indipendenza, la democrazia e i diritti umani, come il nemico…
Cercano di eliminarli o di isolarli dal resto del mondo. Sotto la parola magica “lotta al terrorismo” tutti i diritti umani vengono cancellati.
Questa parola magica consegna agli imperialisti e ai loro collaboratori il diritto di torturare, di isolare e di massacrare. Per cui i prigionieri politici sono sempre nel mirino.
I massacri e gli isolamenti dei prigionieri nelle diverse carceri (tedesche, peruviane, turche, inglesi, spagnole, ecc.) sono le strategie che fanno parte dell’attacco generale dei sovrani contro i popoli oppressi.
Vengono costruite sempre nuove carceri di isolamento tipo Stammheim, F-type, Guantanamo, Mesa ecc.
I problemi dei prigionieri diventano giorno dopo giorno sempre di più simili in qualsiasi parte del mondo. Perché il metodo dell’isolamento che applicano i sovrani nei confronti dei prigionieri nelle diverse carceri sono uguali. Per cui il problema delle carceri non può essere affrontato come una questione locale, bensì come un problema internazionale.
Cercano di creare una società unica, che obbedisca ai loro ordini, una società che non ha le idee, senza pensiero.
Quindi iniziano questa “opera” con i prigionieri politici. Perché i prigionieri politici sono il popolo, sono i proletari, che hanno lottato e lottano per una prospettiva di superamento dell’attuale società.
Cari compagni oggi abbiamo bisogno dell’unità tra gli oppressi, le vittime del capitalismo e del concetto di globalizzazione imperialista.
Oggi abbiamo più bisogno della vostra solidarietà, della solidarietà dei nostri amici, parenti e compagni.
La vostra solidarietà che ci rende più forti, così noi sappiamo che non siamo mai soli.

Viva la solidarietà internazionale!
Contro l’isolamento, le torture e i massacri compiuti nelle carceri in ogni angolo del mondo.
Viva la resistenza dei compagni nelle carceri peruviane, turche, spagnole, francesi, italiane, tedesche, in tutto il mondo.
La solidarietà è un’arma!
A pugno chiuso

Avni Er
Nuoro, 12/06/2009

lasolidarietaeunarma@libero.it

http://www.autprol.org/

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/SIAMOVIVI/trackback.php?msg=7681798

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
quadernorosso
quadernorosso il 28/09/09 alle 17:13 via WEB
scusa se approfitto del tuo blog ma hai la casella piena. gentilmente puoi passare dal mio profilo a leggere una mia comunicazione? grazie.
 
bennilateo
bennilateo il 29/09/09 alle 00:08 via WEB
credo che questa lettera debba far riflettere per l'uso che si fà della parola e della legge contro il terrorismo,un legge creata per imprigionare ogni pensiero di libertà di prigionieri politici capaci di risvegliare le menti del popolo.Scusa se approfitto ma hai la casella piena...non accettare richieste di amicizia da christofer butterfield,è un hacker,il messaggio completo non ho potuto mandartelo perche hai la casella piena,buona serata antifascista.benni
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Nostra patria il mondo intero,nostra legge la libertà.
Libera cultura in liberi spazi!Anarchia è vita.
Voi ridete di me perché sono diverso,
io rido di voi perché siete tutti uguali.
Oggi cerco un’ora di furibonda anarchia e,
per quell’ora darei tutti i miei sogni,
tutti i miei amori, tutta la mia vita.
Anarchico è colui che dopo una lunga,
affannosa e disperata ricerca ha trovato
sè stesso e si è posto, sdegnoso e superbo
“sui margini della società” negando
a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Ogni popolo, come ogni persona è quello che è,
e per questo ha un diritto ad essere se stesso.

 

 

TAG

 

EL CHE

Dicono che noi
rivoluzionari siamo romantici.
Si è vero lo siamo in modo diverso,
siamo quelli disposti a dare la vita
per quello in cui crediamo.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

gee900aran.banjo78Maddalena.Robinole800pie.brancacciodi.luna.nuovaquasituttatua63MAN_FLYmax_6_66Cla.udio19cesibluale_soendo251Fubine1studioavvg.manca
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 29