Creato da MuseoDeiRicordi il 25/05/2005
L'età favolosa dell'infanzia, la scoperta del mondo...quando le cose, le parole i gesti non erano tutti uguali...I ricordi dei blogger

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

xmonella74delmercatoocchiodivolpe2mpt2003venere_privata.xil_ramo_rubatogesu_risortoannunz1magdalene57pion62telunetlubopopoetellataglia_sprechicinapomariomancino.m
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« UNA PRIMAVERA DI VENTI ANNI FALa MiA pRiMa gUeRrA »

IL PRIMO, GRANDE DOLORE

Post n°37 pubblicato il 05 Luglio 2005 da MuseoDeiRicordi


Due giorni dopo Natale…notte d’inverno…in un silenzio assoluto.
Solo il rumore della lampada che oscillando, sospesa al centro della piazza, lascia ombre mobili
sulla spessa coltre di neve.
E quello ripetitivo del galletto di ferro, sul tetto della chiesa, che il vento fa roteare ritmicamente
in un verso…poi nell’altro.
Difficile dormire…qualcuno impietosito, abbracciandomi e tentando di rassicurarmi, mi permette
di guardare fuori dalla finestra.
Il viso appiccicato al freddo vetro…nessuno in strada.
“Dov’è la mamma? Dov’è papà? Dove sono tutti?”
“Mamma e papà sono in chiesa.”
Oltre i finestroni della chiesa di fronte, illuminati da una fioca luce, la veglia per il mio fratellino
di dieci anni.
E con lui, i miei familiari, per il più triste dei saluti.
Piccola bimba di fronte ad un dolore incolmabile…impossibile comprendere perché, nei giorni
futuri, lui non sarebbe stato più con me.


amoildeserto

Alto Molise…fine anni ‘50

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
VegaLyrae
VegaLyrae il 05/07/05 alle 22:27 via WEB
...
(Rispondi)
 
dark_butterfly
dark_butterfly il 06/07/05 alle 10:40 via WEB
...
(Rispondi)
eccomiqui4
eccomiqui4 il 05/07/05 alle 22:38 via WEB
grazie di farci parte di questo ricordo .. mi tiro indietro in tutto silenzio ...
(Rispondi)
mattino_disole
mattino_disole il 05/07/05 alle 22:49 via WEB
...nessun commento....un grande abbraccio
(Rispondi)
briciolabau
briciolabau il 05/07/05 alle 23:17 via WEB
piccola bimba di fronte ad un dolore incolmabile, ciò che provo leggendo questo, non eguaglierà il tuo dolore...certo ma ora mi sento una bimba senza parole ti voglio bene Amo. Isa
(Rispondi)
wings.of.fire
wings.of.fire il 05/07/05 alle 23:25 via WEB
ferita che si accantona ma che non si dimentica... che sanguina tra le parole, una carezza
(Rispondi)
Medusa_dgl
Medusa_dgl il 06/07/05 alle 10:45 via WEB
...
(Rispondi)
lilith_0404
lilith_0404 il 06/07/05 alle 12:29 via WEB
La prima figlia di mia madre morì piccolina,io non ero ancora nata e ne ho ereditato il nome... per mia madre un ricordo che ancora duole...
(Rispondi)
occhiodivolpe
occhiodivolpe il 06/07/05 alle 17:07 via WEB
il tocco diaccio del vetro e la via deserta...la mancanza di risposte e la gente del paese raccolta tutta in chiesa nella notte...natale...e cose che s imparan presto e si capiscon dopo ...un abbraccio forte forte a quella bimba...e.
(Rispondi)
perlanaturale
perlanaturale il 06/07/05 alle 22:42 via WEB
Che dire di fronte ad un dolore così grande, del quale forse non avevi neppure capito l'entità...ma la tristezza che permea questo tuo critto fa intuire che le sensazioni della tragicità dell'evento l'avevi compenetrate appieno..Mi spiace tanto per te....e so che nel tuo cuore vi sarà sempre un velo di tristezza, anche se il tempo che passa, lenisce piano piano il dolore...ma non lo cancellerà mai del tutto, purtroppo. Un abbraccio amorevole e colmo di affetto perla
(Rispondi)
amoildeserto
amoildeserto il 06/07/05 alle 23:12 via WEB
Avevo due anni e mezzo, ricordo nei particolari, solo quello che ho descritto. A quell’età la morte si concettualizza come assenza provvisoria, chissà quante volte avrò chiesto: “Quando torna?”. La morte di un fratello te la porti dentro anche perchè vivi a lungo la disperazione dei tuoi. E, come ha detto Lilith, specie per mia madre è una perdita che “ancora duole”.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.