Creato da Sybilia il 01/08/2013

Rojo Coral

L'oscurità pulirà i miei occhi...Am¥ta

 

« MañanaLas hojas muertas »

Tiempo

Post n°41 pubblicato il 26 Agosto 2013 da Sybilia

 

 

E l’amore guardò il tempo e rise, perché sapeva di non averne bisogno.

Finse di morire per un giorno e di rifiorire alla sera, senza leggi da rispettare.

Si addormentò in un angolo di cuore per un tempo che non esisteva.

Fuggì senza allontanarsi, ritornò senza essere partito,

il tempo moriva e lui restava.

L. Pirandello

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Sybilia/trackback.php?msg=12305848

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
non.tentarmi
non.tentarmi il 27/08/13 alle 10:18 via WEB
... Pirandello non si smentisce Mai. O'ver ! Vas Fabio
 
 
Sybilia
Sybilia il 28/08/13 alle 00:08 via WEB
Eh gi ;) Pirandello non sbaglia ma...nemmeno noi :)... Bacio
 
LUX_DIAPHANUM
LUX_DIAPHANUM il 27/08/13 alle 22:14 via WEB
Il Tempo Custode di ogni Cosa, ma senza Amore a Cosa serve il Tempo? un abbraccio di Luce Alex
 
 
Sybilia
Sybilia il 28/08/13 alle 00:08 via WEB
L'amore non conosce tempo ,lui vive eternamente. Notte Lux
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Sybilia
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Et: 57
Prov: EE
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

NefesAnimaba.vi60estempora_neaanna_pannocchiaaAltair_AquilaeNuvola_volaafrodite.58be_my_lollipopCuore.Nudoe_speraral3ssiaLady_JuliettepsicologiaforenseKahirbvbtende
 

Non cerco nulla.

Non attendo nessuno in questo giorno.
Attendere è uno dei rari
stratagemmi di Dio
per trattenerci in un punto.
Il mio paese:
montagna verde e pioggia.
Un cavallo si perde nella pianura
immaginata,
che ora è vietata ai miei occhi.
Cerco l’intensa riflessione:
quella dei libri amici,
la luce interna che mi occorre per vivere,
il lume d’oro,
l’Ecclesiaste e la pazienza di Giobbe.
Alla mia età e in un paese di pioggia,
il chiostro è un’elezione.
Lì si perdono i contorni.
La vita si diluisce in un andirivieni
dal lavoro al caffé,
dal caffé alla taverna.

 

 

Cerco l’infanzia che sono:
la pianura, l’ombra dell’albero gigantesco,
l’unico mare senza fondo,
il cavallo sfociato nella sua furia,
la verdezza della montagna insieme al cielo.
Mi piace rimanere sola
sentendo come il sangue mi nutre di nuove vestiture.
Da sola mi appartengo.
Non c’e dicotomia tra me e lo specchio.
Una vive e l’altra sogna.
Insieme ricordiamo un uomo.
Insieme abbiamo scritto questi versi.
*Mìa Gallegos*

 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

TAG

 

ULTIMI COMMENTI

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom