Creato da fasanobi il 13/06/2008
Comunicati giornalistici

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fasanobimondodonna_2008ituoilibri.ebookparmenide2008Terzo_Blog.GiusmisteropaganoStolen_wordsmoschettiere62lacky.procinobetaeta7Sky_Eagleacer.250gioiaamoreRavvedutiIn2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi di Agosto 2018

https://imieigratis.stores.streetlib.com/it/

Post n°112 pubblicato il 12 Agosto 2018 da fasanobi
 
Foto di fasanobi

https://imieigratis.stores.streetlib.com/it/

Molti anni fa una ragazzina di circa undici anni frequentava una scuola d’arte. Non l’aveva scelta: lei voleva “fare il classico”, ma siccome da piccola era stata molto ammalata, il padre, uomo di giudizio, aveva deciso le toccasse una scuola “meno pesante” e quindi l’istituto d’arte rispondeva al requisito. Più tardi, divenuta brava “anche” nella pittura, i suoi allievi sosterranno che “ci fosse portata”; difatti ad esserci portata (quasi di forza) lo era stata, ma, visto che proveniva da parte di madre da una famiglia di artisti, le risultò comunque facile “divenirlo”. Intanto leggeva. Leggeva. Leggeva. D’annunzio a dodici anni e Pirandello, Dostoevskij, Shakespeare, tanto da poter sostenere un giorno di “scrivere ad orecchio”. La sua insegnante di lettere si chiamava Adele Cilibrizzi. Era piccolina, grassottella, coi capelli neri legati a chignon, molto dolce e sorridente. Lei l’adorava. Quando l’insegnante leggeva passi delle poesie, semplicemente s’incantava ad ascoltare la sua voce fluida ed elegante che toccava ogni parola come fosse un oggetto prezioso da restituire all’allievo:

- “Scelgo questo, scelgo quello, mi diletto d’ogni fior; questo par di quel più bello, quel di questi ha meglio odor.”-

Ancora oggi le sembra di poter riascoltare con l’udito della memoria la voce della “sua professoressa”, colei che la capiva, che sapeva il suo interesse per la letteratura e le proponeva temi particolari, come quello:

-“Questa sera ho parlato con la luna”-

Allo scopo di scoprire in che modo quella bimba simpatica li avrebbe realizzati. Poi, un giorno, le passò la mano sui capelli e le chiese:

- “Cosa vuoi fare da grande?”- e la piccola rispose:- “La scrittrice”- (...)


 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso