Creato da fasanobi il 13/06/2008
Comunicati giornalistici

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

fasanobimondodonna_2008ituoilibri.ebookparmenide2008Terzo_Blog.GiusmisteropaganoStolen_wordsmoschettiere62lacky.procinobetaeta7Sky_Eagleacer.250gioiaamoreRavvedutiIn2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

https://imieigratis.stores.streetlib.com/it/

Post n°112 pubblicato il 12 Agosto 2018 da fasanobi
 
Foto di fasanobi

https://imieigratis.stores.streetlib.com/it/

Molti anni fa una ragazzina di circa undici anni frequentava una scuola d’arte. Non l’aveva scelta: lei voleva “fare il classico”, ma siccome da piccola era stata molto ammalata, il padre, uomo di giudizio, aveva deciso le toccasse una scuola “meno pesante” e quindi l’istituto d’arte rispondeva al requisito. Più tardi, divenuta brava “anche” nella pittura, i suoi allievi sosterranno che “ci fosse portata”; difatti ad esserci portata (quasi di forza) lo era stata, ma, visto che proveniva da parte di madre da una famiglia di artisti, le risultò comunque facile “divenirlo”. Intanto leggeva. Leggeva. Leggeva. D’annunzio a dodici anni e Pirandello, Dostoevskij, Shakespeare, tanto da poter sostenere un giorno di “scrivere ad orecchio”. La sua insegnante di lettere si chiamava Adele Cilibrizzi. Era piccolina, grassottella, coi capelli neri legati a chignon, molto dolce e sorridente. Lei l’adorava. Quando l’insegnante leggeva passi delle poesie, semplicemente s’incantava ad ascoltare la sua voce fluida ed elegante che toccava ogni parola come fosse un oggetto prezioso da restituire all’allievo:

- “Scelgo questo, scelgo quello, mi diletto d’ogni fior; questo par di quel più bello, quel di questi ha meglio odor.”-

Ancora oggi le sembra di poter riascoltare con l’udito della memoria la voce della “sua professoressa”, colei che la capiva, che sapeva il suo interesse per la letteratura e le proponeva temi particolari, come quello:

-“Questa sera ho parlato con la luna”-

Allo scopo di scoprire in che modo quella bimba simpatica li avrebbe realizzati. Poi, un giorno, le passò la mano sui capelli e le chiese:

- “Cosa vuoi fare da grande?”- e la piccola rispose:- “La scrittrice”- (...)


 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

«Caro Salvini, non ho un utero. Posso diventare mamma?»

Post n°111 pubblicato il 10 Luglio 2018 da fasanobi
 
Foto di fasanobi

«Caro Salvini, non ho un utero. Posso diventare mamma?» La “lettera aperta di Maria Sole a Salvini” ci fa pensare su come mutino le necessità del “mondo donna.”

 

Ricordo il mio tempo, laddove tante di noi sposavano giovanissime e, senza esperienza di vita, si ritrovavano con un figlio in braccio. Per cui, invece di scrivere come Oriana Fallaci “Lettera ad un bambino mai nato”, scrivevamo spesso “Lettera ad un successo mai avuto”.

Maria Sole vuole un figlio. La natura non glielo permette ma la scienza, aiutata da un “utero in affitto”, glielo consentirebbe.

Siamo al 3 dicembre 2017: “E' NATO in Texas il primo bimbo concepito negli Usa con fecondazione assistita successiva a trapianto di utero. Un tipo di intervento che è stato portato avanti per la prima volta nel 2014 a Göteborg, in Svezia (il primo bebè al mondo figlio di una madre con utero trapiantato era venuto alla luce proprio nel Paese scandinavo nel settembre 2014), e che secondo gli ultimi dati diffusi ha già permesso 8 nascite.”

E’ del 28 giugno 2018:

-“PESA 2,970 kg, è un maschio e sta bene il primo bimbo al mondo nato dopo un trapianto di utero tra due sorelle gemelle omozigoti: il cesareo è stato eseguito in mattinata da un'équipe internazionale all'ospedale Sant'Orsola di Bologna. La madre, una donna di origini serbe di 38 anni residente in Italia, ha pianto di gioia. E i medici, che hanno eseguito il trapianto, discutono oggi il caso al centro di fecondazione assistita Sismer di Bologna.”-

Tornando al tema di “utero in affitto”, sulla pagina di facebook di Salvini, risalente al 24 ottobre 2017 ritroviamo come in quei giorni, a merito (o a demerito?), di una trasmissione televisiva, fosse scoppiato un caso in cui vennero chiamate in causa (perché contrarie) delle non meglio identificate “femministe”. La trasmissione risale  all’1/10/2017:

-“Nel programma Chakra in onda sabato scorso la conduttrice Michela Murgia fa un grande spot alla maternità surrogata con testimonial l’ex governatore della Puglia. Le femministe scrivono una lettera alla presidente della Rai Monica Maggioni: «Vergognoso e sfacciatamente di parte»-  Le femministe.                                                                                                                  In Italia la Legge 40/2004, articolo 12, comma 6: «Chiunque, in qualsiasi forma, realizza, organizza o pubblicizza la commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con la multa da 600.000 a un milione di euro». Tuttavia, sempre nel 2017 ritroviamo  una assoluzione perché il fatto non costituisce reato. Ci riferiamo a Bologna, dove si tenne  un processo su un caso di maternità surrogata in Ucraina da parte di una coppia italiana, residente in un paese della provincia del capoluogo emiliano. - “L’inchiesta era partita per una segnalazione dell’ambasciata italiana a Kiev al Comune dove il bambino è registrato, che ha avvisato la Procura di Bologna. L’avvocato difensore della coppia, Giorgio Muccio, nella sua arringa ha sottolineato la mancanza di chiarezza della norma penale di riferimento e ha rilevato, tra l’altro, che recentemente sono stati depositati vari disegni di legge per modificare la norma e rendere perseguibili gli italiani che fanno ricorso alla maternità surrogata all’estero. Una pratica che, dunque, non è considerata illecita dalle attuali normative.”-[1]

 Evidentemente in merito c’è confusione. Dice Maria Sole:

-«Ciao Matteo, abbiamo diverse cose in comune, ad esempio che mettiamo la faccia e lottiamo per cambiare le cose. Ma le tue frasi hanno ferito chi vuole essere madre ma è nata senza utero, a chi la vita dunque ha tolto il più bel dono che si possa ricevere, diventare genitore, proprio come te. Ora la scienza mi ha dato una possibilità per realizzare il mio sogno, mi batterò con tutta me stessa per far nascere il mio bimbo…».

Si tratta di una donna sposata che non può avere figli perché affetta dalla sindrome di Mayer Rokitansky Kuster Hauser., benché sia  fertile, ossia  i suoi gameti siano idonei alla procreazione. Certo che la natura “si diverte”. Ma non fa neanche sorridere.

Io, da donna vissuta nel tempo in cui si combatteva per il divorzio e l’aborto legalizzato, mi sono ritrovata davanti questa faccetta simpatica, che si batte per avere quello che tante donne hanno disperatamente cercato di evitare: un figlio.

E’ da un po’ di tempo che, per contrasto, trovo pubblicate e “sbattute in faccia” le foto (da inorridire, da piangere di vergogna), dei “bambini abortiti”. Piccoli stracci di sangue gettati via, senza neanche una lacrima. Per legge - la legge 194 del 1978 - in Italia l'interruzione di gravidanza può essere praticata anche dopo i primi novanta giorni di gestazione. Si parla in questo caso di aborto terapeutico.

No, per carità, non voglio rimettere in discussione qualcosa per cui i “gruppi femministi” si son battuti al grido de “L’utero è mio e ne faccio ciò che voglio”, giacché loro un utero lo possedevano. Tuttavia permettetemi di essere perplessa se vengono definite “femministe”, quelle che trovano disgustoso l’utero in affitto.

Non tutte le donne la pensano così, difatti non invento niente quando riporto, allo scopo di essere chiara: (…) Kelley McKissack è la mamma della bimba che ha visto alla luce, nel senso che gli embrioni della fecondazione sono i suoi.  Ma la gravidanza vera e propria è avvenuta nella pancia della mamma di Kelley, Tracey Thompson, 54 anni, legalmente la nonna della bimba. Quest’ultima infatti si è offerta di mettere il proprio utero a disposizione della figlia dopo che quest’ultima aveva avuto tre aborti spontanei, nonostante le cure di fertilità che aveva fatto per procreare. “-

Ok. Io non posso farlo tuttavia lo farei. Per una figlia l’avrei fatto. C’è la galera per una convinzione? Sembra di no.

Però “le femministe” (quali? Hanno forse una società cui si aderisce? Io ne sono fuori?), sulla pagina di Salvini, si dicono scandalizzate per l’utero in affitto. Salvini, con la sua allegra faccia sorridente, nella sua pagina face book accoglie le reazioni scandalizzate o meno di quante si dicono contrarie allo sproposito di una donna che presti il suo utero ad una coppia. “Prestare”, ovviamente, sa un po’ di falsità, visto che dovremmo dire “affittare”, che suona peggio, ma rende l’idea.

Tuttavia io, dall’alto delle mie felici gravidanze e delle difficoltà per non averne altre, ho conosciuto e conosco personalmente cosa voglia dire NON potere avere figli, pur se NON sulla MIA pelle e, sì, un figlio per una figlia l’avrei fatto per cui “sono con Maria Sole”.

Bianca Fasano

 

 

 

 

 



[1] https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/03/28/maternita-surrogata-in-ucraina-assolta-coppia-di-bologna-il-fatto-non-costituisce-reato/3483209/

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Carmine Meraviglia espone alla Pinacoteca d’arte contemporanea “Massimo Stanzione

Foto di fasanobi

Carmine Meraviglia espone alla Pinacoteca d’arte contemporanea “Massimo Stanzione”, nel Palazzo Ducale “Sanchez de Luna”. Sant’Arpino (CE), dal 14 al 18 giugno 2018. “Drappeggi”. Inaugurazione ore 19. Esposizione a cura di Mafalda Casertano.

Nato a Napoli nel 1945 espone dal 1962. Le sue tappe artistiche in mostre personali e collettive passano per varie città italiane e straniere, per stabilizzarsi a Napoli. Qui ha creato un suo modo di dipingere "NUOVA CIVITA" "STILISMO METAFISICO" e "DRAPPEGGI" con una produzione numerosa e sorprendente di quadri di successo. Dal 2004 fa parte del movimento artistico "ESASPERATISMO" Dic. 2007 ultima esposizione internazionale al "Castel dell'Ovo" Napoli.

SI SONO ESPRESSI SU MERAVIGLIA:

Achille Bonito Oliva - A.A. Aprea- A. calabrese - V. Cuomo – B.Fasano- P. Girace - G. Della Martore - L. Eboli - A. Famiglietti - P. Palma - B. Malandrino - A. Malinconico - G. Novara - B. Messina - M. Smout - G. Grassi - L. Pumpo - J. Tarrasi, N. Palleggiano - M. Roccasalva - A. Schettini - V. Ursini - C. Barbieri - D. Rea - B. Lucrezi - A. Tirrito - F. Landolfo - F. Cremona - R. Spagnoli - A. Sasso - A. Avitabile - M. Garofalo - A.B. Oliva - L. Roano - S. Cervasio - A. Pepe - M. Galli - R. Pinto - D. Raio - TE.CA - V. Testa - A. Mocciola - D. Ricci - R. R. Boccia - V. Todisco - Flos - S. Weisbrod - A. Sansoni.

I TELECRONISTI TV A. Giubilo - E. Corsi - F. Ricciuti - A. Linguiti -  Carlo Dapporto.

Le sue opere, inoltre, sono state commissionate ed esposte nei seguenti luoghi pubblici: In 13 Segreterie della Regione Campania;

Nel Salone Consiliare, Comune di Caposele (Avellino);

Ospedale "G. PASCALE" Napoli (2 opere installate all'ingresso, 4 opere al 4°piano del day hospital, 6 murales intitolati  nel viale delle Arcate, 2 mattonelle nella Sala Convegni "Romolo Cerra";

Ospedale"A. Cardarelli" di Campobasso (4 opere collocate nel reparto radiografico medicina nucleare, intitolate"Le quattro Stagioni", Opera  su intonaco  fresco metri 9x3 intitolata "Genesi Moltiplicante" nel Salone d'ingresso);

Stazione Metropolitana "Rione Alto"  Napoli (32 mattonelle dipinte 60x60 );

Piazza "F. Celebramo" Vomero-NA (murales di metri 16x2 sul muro perimetrale del parcheggio, intilolato "Evento Partenopeo").

Ha creato, i trofei in bronzo "NUMEROUNO" e "PROFESSIONAL" rispettivamente per: il Tribunale del Malato (Napoli), e  l’ASL 3 di Campobasso.          

RASSEGNE E PREMI:

Medaglia d’oro Artista dell’anno 2004, comune di Napoli, Borgo Antignano, consegnata dal presidente Patrono;

Ipotesi per un museo – Napoli;

Prima Rassegna Internazionale Arte Mercato – Foggia;

Washington International Art Fair – Washington USA;

Logos & Bidone “ Esasperatismo” – Cassero Mediceo, Grosseto 2004;

Prima Mostra Internazionale “ Casina Pompeiana” – Napoli 2004;

Festa dei 4 altari – Torre del greco, Napoli 2004.

Accademia dei Parmenidei. Ufficio Stampa.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Napoli. 25 maggio 2018. Mina Welby alla Sala Rari

Post n°109 pubblicato il 27 Maggio 2018 da fasanobi
 
Foto di fasanobi

Napoli. 25 maggio 2018. Mina Welby  alla Sala Rari della Biblioteca Nazionale “testimonial” del testamento biologico. Sessione pomeridiana del Convegno AMI “L’evoluzione del diritto di famiglia”.

 

Napoli. 25 maggio 2018. Mina Welby (Wilhelmine Schett) [1]nella Sala Rari della Biblioteca Nazionale, è stata “testimonial” del “testamento biologico” nel corso della seconda sessione del Convegno AMI  “L’evoluzione del diritto di famiglia”, organizzato dall’Associazione Avvocati matrimonialisti italiani e diviso in due fasi. Nella seconda sessione: h 15,00 – h 18,00 – con la moderazione di Ida Palisi – Giornalista Direttore Editoriale Napoliclik , si è trattato, appunto, l’argomento del testamento biologico, partendo dall’accorata lettera letta dalla vedova di Piergiorgio Welbi di cui riportiamo uno stralcio:

 “Caro Presidente,
scrivo a Lei, e attraverso Lei mi rivolgo anche a quei cittadini che avranno la possibilità di ascoltare queste mie parole, questo mio grido, che non è di disperazione, ma carico di speranza umana e civile per questo nostro Paese. Fino a due mesi e mezzo fa la mia vita era sì segnata da difficoltà non indifferenti, ma almeno per qualche ora del giorno potevo, con l’ausilio del mio computer, scrivere, leggere, fare delle ricerche, incontrare gli amici su internet. Ora sono come sprofondato in un baratro da dove non trovo uscita.
(…)”-[2]

Avanti negli anni, coi capelli bianchi, l’aria a volte persa in pensieri (come è apparsa al convegno), questa forte donna di circa 80 anni sta proseguendo un cammino che stupisce, da un lato, e dall’altro si può comprendere. Certamente anche noi ci fermiamo, da esseri umani, al momento in cui l’essere umano “ci lascia il suo corpo muto d’anima”, pure vorremmo, invece, sapere cosa accade di lui (cosa accadrà di noi), dopo che il corpo ha smesso di vivere. Non sono pochi gli studiosi che hanno cercato di “varcare la soglia”, non soltanto in parapsicologia, ma anche su di un percorso che potremmo definire “scientifico”, vicino al campo medico.[3]

Non mancano le ricerche in campo parapsicologico, tuttavia la Chiesa non sembra apprezzare questi tentativi:

- (…) Implicando cioè di attenersi alle Sacre Scritture, le quali, fin dall' Antico Testamento, si esprimono con fermezza e severità contro di quanti esercitano la magia o altre forme di divinazione, valutate come azioni di disubbidienza nei confronti di Dio. Proprio nel Deuteronomio [3] la pratica di interrogare i morti è richiamata insieme con altre forme di divinazione e, riferendosi a chiunque compia queste azioni, il testo sacro dice: " ... chiunque fa queste cose è in abominio al Signore... ". (Dt 18, 12).”[4]

E’ un vuoto che ci lascia sconcertati da sempre questo “salto nell’altrove”[5] raffigurato anche nelle tombe greche. Pensiamo alla frase sospirata da uno dei Faraoni d’Egitto, che pure in teoria credevano in un aldilà il quale dettò al suo scriba:

-“Nessuno torna indietro a dirci cosa vi sia…”.

 « I've seen things you people wouldn't believe[6], dice, nel suo triste monologo, l'androide Roy Batty nel film di fantascienza Blade Runner, del 1982. Ancora più sconsolato di un essere umano che spera in un aldilà.

In effetti alle soglie del nulla, mille pensieri possono cogliere anche il più forte. Così accade a volte con gli scrittori, come William Shakespeare, che si pronunciano con la voce dei loro personaggi inquieti ed inquietanti:

-«Spegniti, spegniti breve candela. / La vita non è che un’ombra che cammina,/un povero attore che si agita e pavoneggia per un’ora sulla scena/ e poi nessuno più l’ascolta.
È un racconto narrato da un idiota,/ pieno di strepito e di furore, che non significa nulla.»[7]

La vita può a volte farci sentire troppo “brevi”. Ma, tant’è, vogliamo almeno decidere quale passo compiere quando questa, per una malattia, ci impedisce di esistere “con un minimo di decenza”.

 Dino Falconio (Notaio. Socio onorario AMI) ha voluto spiegarci, appunto, nel corso del convegno, come comportarci su: “Il testamento biologico. Applicazioni pratiche”, rendendoci comprensibile con chiarezza il metodo da usarsi in riferimento alle norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento, in relazione alla legge 219/2017 (chiamata legge sul testamento biologico), approvata al Senato il 14 dicembre 2017, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 16 gennaio 2018 ed  entrata in vigore il 31 gennaio 2018. Legge per cui ci si è tanto battuti[8] e di cui si sentiva certamente la mancanza. Questa costituisce in assoluto un passo in avanti importante, colmando un vuoto normativo. Certamente vien fatto di assimilarla, dato il termine (in effetti improprio, come ha spiegato Falconio, poiché ci riguarda da vivi), ai testamenti, quelli che controllano le questioni testamentarie economiche fin dalla antichità, lasciando spazio infine ai “bisogni dell’anima”. Pensiamo, ad esempio al 1600: fare testamento era indispensabile all’epoca, anche per motivi religiosi, oltre che per chiarezza legale e occorreva quindi non morire «intestato»; le formule notarili infatti cominciavano spesso con: - «Volens..., vituperium evitare...»- [9]

Oggi forse, - «Volens..., vituperium evitare...»- dovremmo sentire la necessità pratica di non lasciare ai nostri congiunti e/o amici, il compito di decidere per noi, al momento in cui la medicina diventi “invasiva”, nella sua volontà di “salvare l’impossibile”, oppure lasciare loro l’incarico di farlo al posto nostro, previa accettazione del “fiduciario”..

Ringraziamo quindi l’AMI per avere organizzato il convegno cui (parliamo della II parte), hanno offerto il loro contributo attento, sensibile e preciso:

Moderatori Valentina De Giovanni (Presidente Ami, Napoli) e Ida Palisi; (Giornalista). Valeria Marzocco - (Docente di Filosofia del Diritto Università Federico II) su:”La bioetica  - principi generali”. Mina Welby (presidente Associazione Luca Coscioni); su: “La lunga marcia dell’autodeterminazione terapeutica”. Vincenzo D’Errico (direttore del Corriere del Mezzogiorno. D’Errico); su: “La bioetica dalla cronaca alla legislazione”.

Gianni Baldini (Presidente Ami Toscana, Docente di Biodiritto Università di Firenze e Siena) su:  “Prime riflessioni sulla legge: consenso informato.”

Alessandro De Ruggiero (Avvocato AMI), su: “Solicitor in England and Wales “Alder Hey vs Evans . Il caso Alfie”. Gaetana Paesano (Docente Università degli Studi di Salerno- Direttore editoriale rivista AMI.) su :”L’accanimento terapeutico e il consenso informato del paziente minore d’età”.

Coinvolgenti gli interventi al pianoforte a coda presente in sala, di Luigi Nastri. Fuori programma la lettura di racconto molto realistico da parte dello scrittore Maurizio De Giovanni (di cui ricordiamo, uno per tutti, il libro:Sara al tramonto”, pubblicato da Rizzoli.) Comitato organizzativo: Valentina De Giovanni, Stefania Colesanti, Renata Di Maria, Francesco Alessandrella,Emanuela Criscuolo, Carmela Cassese, Pierpaolo Damiano, Giovanni De Vivo, Dino Falconio, Antobia Imparato, Alfonsina Mastracchio, Annamaria Oliviero, Ida Palisi, Barbara Riccio, Katia Solomita.

Bianca Fasano.



[1] Chiamata Mina Welby, è nata a San Candido (Bz) il 31 maggio 1937.

[2] http://temi.repubblica.it/micromega-online/lettera-aperta-di-piergiorgio-welby-al-presidente-della-repubblica-giorgio-napolitano/

[3] La Vita Oltre la Vita - Raymond A. Moody.

[4] Bianca Fasano. "Voci dal passato". Testo di parapsicologia.

[5] http://www.museopaestum.beniculturali.it/la-tomba-del-tuffatore/

[6] « Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi (…)”

[7] Macbeth (Atto V, Scena V) – William Shakespeare.

[8] Per cui ha combattuto in prima linea Marco Cappato, dell'Associazione Luca Coscioni. La sua battaglia per il biotestamento si è legata alla vicenda di Dj Fabo.

[9] Bianca Fasano. “Polvere di Storia”, Loffredo Editore, 1991.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Genova. Parliamo di: Associazione Anomalie Corpo Calloso Italia (ASSACCI)

Post n°108 pubblicato il 15 Maggio 2018 da fasanobi
 
Foto di fasanobi

Genova. Parliamo di: Associazione Anomalie Corpo Calloso Italia (ASSACCI), associazione di volontariato no profit, creata principalmente da un gruppo di genitori di bambini e ragazzi con anomalie del corpo calloso. L’Associazione Anomalie Corpo Calloso Italia (ASSACCI) è una associazione di volontariato no profit, creata principalmente da un gruppo di genitori di bambini e ragazzi con anomalie del corpo calloso. Grazie alla sua presenza l’ACC e PCC sono state riconosciute come malattia rara, codice RNG150, ‘ AGENESIA/DISGENESIA DEL CORPO CALLOSO IN FORMA ISOLATA O SINDROMICA; Categoria Diagnostica: MALFORMAZIONI CONGENITE, CROMOSOMOPATIE E SINDROMI GENETICHE. Appare evidente che in tal modo chi ne è affetto avrà diritto di esenzione, dalla partecipazione al costo per le prestazioni di assistenza sanitaria necessarie alla diagnosi, al trattamento, al monitoraggio ed alla prevenzione degli ulteriori aggravamenti della specifica malattia rara. L’esenzione per malattie rare deve essere richiesta al competente ufficio del distretto di residenza dietro presentazione del Certificato di Diagnosi di Malattia Rara. Come spiegato nelle pagine Web e Facebook, Il Certificato di Diagnosi di Malattia Rara viene rilasciato dallo specialista di un Presidio di Rete individuato per la specifica malattia rara. Le prestazioni sanitarie che possono essere erogate in regime di esenzione sono quelle efficaci ed appropriate per il trattamento, il monitoraggio e la prevenzione degli ulteriori aggravamenti della specifica malattia rara. Infine, devono essere incluse nei Livelli Essenziali di Assistenza indicati dal Ministero della Salute. L’attestato di esenzione per malattie rare viene rilasciato dal distretto di competenza territoriale. Con questo articolo si intende mettere al corrente della esistenza di questa associazione tutti coloro che possano trarre beneficio dai dati che sono posti in luce sia sul sito che attraverso la pagina face book. http://www.assacci.it/pagina-di-esempio/ L’Associazione mette a disposizione anche un pieghevole: https://docs.google.com/file/d/0B7H-Dr00rDq-Ym03aC1lX2RPTk0/edit Per quanto riguarda la malattia, la neuropatia sensitivo-motoria ereditaria associata a agenesia del corpo calloso è una malattia autosomica recessiva a esordio precoce, caratterizzata da ritardo dello sviluppo, polineuropatia grave sensitivo-motoria con areflessia, agenesia o ipoplasia del corpo calloso, amiotrofia, ipotonia e deficit cognitivo. Tra le funzioni più importanti del corpo calloso, difatti, vi è quella di permettere che un’informazione depositata nella corteccia di un emisfero sia disponibile anche per la corrispondente area corticale dell’emisfero opposto. Le due metà del cervello dunque fruiscono di capacità autonome di coscienza, di memoria, di comunicazione e di controllo delle attività motorie. La mansione del corpo calloso è essenziale per la loro cooperazione funzionale. L’Agenesia del corpo calloso è pertanto l’assenza completa o parziale della struttura di sostanza bianca che unifica i due emisferi cerebrali, dando forma al pavimento della scissura interemisferica ed il tetto del terzo ventricolo e dei corni frontali dei ventricoli laterali. Per maggiore comprensione del problema (1) Essendo il corpo calloso una struttura che completa il suo sviluppo solo alla fine del secondo trimestre di gravidanza, l’ACC viene, solitamente, diagnosticata con esami ecografici eseguiti a partire dalla 20^ settimana di gestazione; Tuttavia la principale difficoltà per la diagnosi ecografica di ACC deriva dal fatto che l’esame ecografico standard utilizza per lo studio dell’anatomia intracranica scansioni assiali in cui non si ha la visualizzazione diretta del corpo calloso. Alla ventesima settimana il feto è quasi del tutto formato. Il suo è infatti di 240-250 grammi, per una lunghezza di circa 15 centimetri. Ovviamente questo pone i genitori (ammesso che siano stati posti in grado di avere la diagnosi e comprenderla), nella possibilità di scegliere per un “aborto terapeutico. Sospetto che una casistica reale delle percentuali di presenza dell’agenesia del corpo calloso non sia facile, anche perché, come precisato, c’è chi si decide per l’aborto terapeutico. In un forum al femminile si legge:- “ (…)Io tuttavia ho preso la mia risoluzione perché non sono in grado né fisicamente né psicologicamente di portare avanti la gravidanza anche perché alcuni neuropsichiatri infantili che ho interpellato mi hanno detto che sono molto rari i casi asintomatici. il tutto è aggravato dal sesso femminile che comporta ancora più rischi.”- Da: “La rotella mancante”: - “In molti dei messaggi che arrivano al forum di genitori in attesa di bimbi che hanno avuto la diagnosi di ACC, ricorrono i quesiti:- "Che futuro potrà avere?", "Sarà accettato dalla società"? "Quando non ci saremo più noi genitori a proteggerlo cosa succederà"?, "È giusto fare nascere un bimbo che sarà infelice per la sua situazione"? "I suoi fratelli/sorelle? È giusto dare loro un fratellino disabile?". - Tuttavia tanti genitori riescono a crescere i loro piccoli nel migliore dei modi possibile. Per quanti per differenti motivi, fosse anche “soltanto” allo scopo di dare una mano per migliorare la qualità della vita sia dei bambini che soffrono di questa problematica che dei genitori, c’è la possibilità di iscriversi: Alla “Associazione Anomalie Corpo Calloso Italia (ASSACCI)”, confermiamo che si tratta di una associazione di volontariato no profit, creata soprattutto da un gruppo di genitori che, con amore e coraggio stanno crescendo bambini e ragazzi con anomalie del corpo calloso, cercando di offrire loro tutto l’aiuto necessario. Bianca Fasano

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »