Creato da vittoriozacchino il 04/10/2014
Storia di Galatone e del Salento

Area personale

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
gabriellaspaccinovittoriozacchinogiuseppedoria2010alfriend21campostapsicologiaforenseamorino11insiemeartescienzaGiuseppeLivioL2lubopooversize47TheArtIsJapan1lacey_munroMarquisDeLaPhoenixadelecanevese
 

Ultimi commenti

 

Chi puņ scrivere sul blog

 
Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 

dUBBIO E UMILTA' DI NICODEMO

Post n°37 pubblicato il 19 Febbraio 2015 da vittoriozacchino


Vittorio  Zacchino

 

DUBBIO  E UMILTA’ DI  NICODEMO.

Ci farebbe bene, ad inizio di Quaresima, rapportarci alla terra che ci costituisce, ossia al nulla, per sentirci un granello di sabbia; picconare la  presunzione di  homo  omnipotens  che in qualche misura abita in tutti noi, tentare di  forzare le tenebre per coltivare il  dubbio e il dialogo.  Se ci disponiamo a sentirsi cenere, ci sarà  più facile  guardare con serenità e disincanto anche alla morte.   Ciò che mi sforzo di esprimere si compendia, in definitiva, nell’esemplare vicenda di  Nicodemo, il fariseo  non ipocrita  ma giusto il quale, turbato dalle parole di Gesù, si sforza di capire come si può RINASCERE. E’ Nicodemo, infatti, il notturno visitatore  che  roso  dal dubbio va a cercare Gesù, che vuol capire, senza preconcetti, con coraggio, costi quel che costi, seguendo la linea della giustizia e del cuore. Che spinge Nicodemo, nella sera del Calvario, a cercare Gesù, e a presentarsi a  Pilato per reclamare il corpo del Crocifisso per dargli sepoltura. Cercare il dubbio fa pensare all’aldilà, senza traumi. Come questa struggente poesia di RENZO BARSACCHI (1924- 2006)una delle voci più alte del  secondo ‘900, espunta dalla raccolta Le Notti di Nicodemo(1991).Preferendola a liriche sulla morte ,di Caproni, Cardarelli, Carducci, De Donno, Luzi, ecc. mi piace condividerla con chi vorrà leggerla,  quasi come un  prezioso dono quaresimale:

<< Portami via per mano ad occhi chiusi / senza un addio che mi trattenga ancora/tra quanti amai,tra le piccole cose/che mi fecero vivo./Non credevo, Signore, tanto profondo fosse/questo sfiorarsi d’ombre,questo lieve/alitarsi la vita nello specchio/fragile di uno sguardo, né pensavo che il mondo/diventasse,abbuiando,cosìacceso/di impensate  bellezze>>.

 

 
 
 

SUL "PENSATOIO" PER GALATONE...E ALTRO ANCORA

Post n°36 pubblicato il 09 Febbraio 2015 da vittoriozacchino


VITTORIO   ZACCHINO

 

IL “ PENSATOIO”   PER GALATONE….ED ALTRO ANCORA.

Ho partecipato il 5 gennaio scorso al Forum per la FONDAZIONE CITTA’ DEL GALATEO a Palazzo  Marchesale, così come  qualche tempo prima, ad una analoga assemblea presso il villaggio di trulli Santa Maria del Morige di Franco  Conserva.

Mi sembra una buona opportunità di gestione dei beni culturali di Galatone. Salvo  che tutti i cento e più cittadini intervenuti non pensino di contribuirvi quali “pensatori” e portatori di competenze, e non pagando quote.  Se così dovesse essere,  le risorse  necessarie,  dovrà   cercarle Diogene con la sua famosa lanterna.

La speranza è che la Fondazione nascitura veda la luce entro i nove mesi, e possa figliare programmi. Magari in tempo utile per il Quinto Centenario della morte ( 12 Novembre 2017) di colui cui si vogliono ntitolate  questa fondazione e questa Città del Galateo.

 Alla luce di un Parco Letterario che stenta a nascere, sebbene dotato di progetto elaborato e presentato da circa due anni, di comitato scientifico composto di personalità di varie università per l’organizzazione di un convegno internazionale e di una  Mostra di manoscritti, di un comitato d’onore, di altre iniziative editoriali ed altri eventi, da mettere a punto  nel  gennaio scorso, ma purtroppo saltati, temo il flop.

Per questi motivi rivendico, ostinatamente, e al più presto, che la civica amministrazione di Galatone, si faccia carico di  nominare un COMITATO CITTADINO PER LE ONORANZE AD ANTONIO GALATEO ,non tanto affollato, ma leggittimato a preparare un  cahier di proposte concrete. Sotto la presidenza dell’Assessore alla Cultura.  Indipendentemente dalla Fondazione che verrà.

Quanto ai beni culturali da valorizzare, tramite la futura fondazione, a cominciare dal Palazzo Marchesale, rilancio la vecchia idea del monzese Arch. Vittorio Faglia di aprire giorno e notte il castello alla città, (come avviene ad es. a Ferrara ) in  modo che la gente possa attraversarlo da via Colonna a Piazza SS.Crocefisso - l’unica maniera per farlo vivere- tra vetrine  pubblicitarie  ed esposizione del made in loco..

Intanto voglio ricordare  che si potrebbero richiedere, a mezzo della Soprintendenza,  la restituzione dei reperti di Grotta Cappuccini, ed approntare  una mostra fotografica di  Vedute della stessa grotta, elementi totalmente  sconosciuti ad una popolazione che inferiore a 45-50 anni, e riprogrammare la Mostra che l’archeologa Ingravallo, collaboratrice del compianto prof. Cremonesi,  organizzò con merito  circa dieci anni fa.

Ne ha diritto la nostra “pigra” città  che, tuttavia, legge, si evolve, si accultura, si fa trascinare dal corso della  storia,  sa mettersi  sulla scia della  travolgente modernità.

 

 
 
 

CONTRO L'OBLIO E L'INDIFFERENZA

Post n°35 pubblicato il 27 Gennaio 2015 da vittoriozacchino

LA  MEMORIA  CONTRO L’OBLIO E L’INDIFFERENZA

       Da 15 anni la  GIORNATA DELLA MEMORIA  esige una riflessione  

sugli orrori del nazismo, le vittime dei campi di sterminio, delle foibe triestine, e di altri luoghi dell’orrore come la Risiera di San Sabba, contro  le nefaste leggi razziali del 1938,e i mai dismessi atteggiamenti di intolleranza verso gli altri e i diversi.

Lungo il cammino dei secoli  gli Ebrei sono stati indiziati  di ogni male, costituendo un pericolo che doveva essere eliminato con ogni mezzo: da ciò la Shoah.

Velocemente dirò che la presenza ebraica nel Salento è attestata da oltre 15 secoli, da comunità numerose, intraprendenti e attive, ligie ai doveri fiscali, nelle città grandi e piccole, illustrate da eccellenti medici, scrittori, commercianti.

!5 secoli pure di pregiudizi, avversità, discriminazioni, spesso culminate in forti cesure, come quella del  1495 che vide l’invasione della giudea di Lecce da parte dei cristiani locali e l’imposizione al vescovo  M.A.Tolomei  di  trasformare la  sinagoga   nella chiesa di S.M.dell’Annunziata.

    Una pagina che aveva già alle spalle un  segno dell’odio  ai  giudei  nel   frammento di iscrizione sinagogale in eleganti caratteri del ‘400, trovata di recente graffita sull’architrave di una latrina  negli scantinati di Palazzo Adorno. L’esclamazione di Giacobbe della Genesi, NON E’ QUESTA LA CASA DI DIO?, dalla sinagoga ebraica di Lecce, era finita, non certo a caso,  nel cesso della sede della Provincia.

Anche per le istigazioni di prelati come   Fra Roberto Caracciolo, vescovo di Lecce nel 1485, il quale a mezzo delle  prediche accusava  gli  ebrei di aver  martirizzato  bambini, assassinato Cristo, profanato  l’Eucaristia.

Ma gli ebrei ebbero anche difensori saggi e aperti al dialogo  come Antonio  Galateo De Ferrariis il quale ne mise in luce i meriti  e i debiti di  altri popoli verso di loro. Galateo, è sicuramente la cerniera fra la tradizione ebraica quattro-cinquecentesca, e l’ondata di anti-ebraismo riesplosa con le leggi razziali del 1938, e subito dopo caratterizzata dai forni crematori dei campi di sterminio.

Nel celebre  De Neophitis, scritto per stimmatizzare la cacciata degli ebrei dal regno di Napoli nel 1511, e per valorizzare il consenso  che il duca di Nardò Belisario Acquaviva aveva concesso alle nozze di un proprio figlio naturale con una ragazza ebrea, Galateo elogiava la tolleranza delle genti salentine, di Galatone e di Nardò, fornendo a Benedetto Croce l’appiglio per opporsi alle leggi razziali; e  pubblicando finalmente il De Neophitis sulla Critica, legava senza esserne consapevole  le vicende ebraiche di antico regime quelle  post-belliche del 1944-45, e l’accoglienza  dei nostri nonni e padri ai  profughi di S.Maria al Bagno.

Il clima di ostilità agli Ebrei consegnato alle leggi razziali ante guerra,  è palpabile  anche in periferia: in un documento datato 2 maggio 1939 il podestà Vincenzo Moro, informava  il Prefetto della presenza a Galatone dell’unica famiglia di ebrei. E’il nucleo famigliare di Agranati Giacobbe, fu Salomone e fu Abalasia Ester, analfabeta di razza ebraica,nato il 1 gennaio 1864 a Seris(Turchia)  e gestore di una manifattura di tabacchi a Galatone.

Il suddetto Agranati è coniugato ad Esperti Maria nata a Lecce il 18.2.1859. Il documento podestarile segnala pure una sorella di Giacobbe, Agranati Sonculla vedova Cugno, nata il 20.6.1874 a Cavala (Grecia) e residente a Soleto col figlio Cugno Alberto Abramo a partire dal 1925.

         Ma ebrei vi sono anche altrove, a Lecce e provincia. Nel 1943 sono segnalate precettazioni di ebrei a scopo lavoro. Fra questi Cohen Mosè fu Sintow e di Faraggi Perla, nato a Salonicco il 23.11.1895, coniugato con Pino Amelia, greca di Nemsi. Si tratta,come è noto, di uno dei capi del CLN salentino. Il quale sicuramente è discendente di quel David Cohen  copista che nel 1460 copia a Nardò…..Altri pochi ebrei, per lo più donne che lavorano come domestiche, sono segnalati a Lecce, Cavallino,Uggiano la Chiesa. In quest’ultimo comune viene segnalato il rag. Rubichi Vincenzo  di Silvio e fu Raeli Adele con la moglie Nemni Maria di Bengasi.

La Memoria  è una riserva di passato destinata ai giovani. I giovani se ne devono appropriare per ricrearla e trasmetterla a loro volta. Non c’è futuro se non c’è stato passato: IL PASSATO E UN SEME’ DEL FUTURO O NIENTE.

Qualche anno fa i giovani galatonesi e salentini hanno avuto il privilegio di vedere de visu i luoghi dell’orrore di AUSCHWITZ. 

         Non solo la memoria dell’Olocausto, ma tante altre memorie da sottrarre all’oblio. Nelle nostre comunità anche piccole vi sono  grandi depositi di altre  memorie con cui confrontarsi. Memorie di uomini, di immagini,di monumenti,di libri,di stupri ai centri storici, causati da vandali metropolitani, di case che non esistono più, tutto un insieme di situazioni che oggi tendono ad evolvere, spesso, in maniera abnorme e distruttiva, memorie  di uomini e di donne sconosciuti che si trasformano in storia, diari, romanzi, albums, racconti autobiografici, i beni dell’arte e della cultura. Ma per apatia e indifferenza non abbiamo fatto uso giusto della memoria e siamo diventati  sempre più gente senza memoria,  quindi  priva di coscienza, complice di tante speculazioni, artefice dell’oblio.

Indichiamo ai giovani galatei e salentini il sacrificio di Aldo Moro, di Archimede Costadura e di Pippi Sabato uccisi a Cefalonia. Ma anche   i ricordi dei nostri cari, le foto sbiadite, i diari dimenticati in vecchie cassapanche, la fame, l’emigrazione, le bugie e le prevaricazioni dei nostri amministratori.

 Memoria non significa solamente ricordare, non dimenticare, non rimuovere, non obliare. Significa rispettare la vita passata, nutrirla, ravvivarla, conoscere quel che è accaduto anche nei nostri microcosmi, la vita dei  nostri antenati, le loro virtù e gli  errori, le loro gesta. 

E questo è compito dei  giovani. Che va portato, se occorre, fino  all’estremo della

 PALINGENESI, quella palingenesi immaginata dal grande poeta Giorgio Caproni:  

 

Resteremo in pochi.

Raccatteremo le pietre

Saremo altri, e punto

per punto riedificheremo

Il guasto che ora imputiamo a voi.

E ricominceremo.

Saremo nuovi.

Non saremo noi.

 

 

                  

 

 

 

 
 
 

Fernando Filoni insieme al Papa Francesco in Asia.

Post n°34 pubblicato il 11 Gennaio 2015 da vittoriozacchino

Dal 12 al 19 p.v. il concittadino Cardinal Fernando Filoni vola in Sri Lanka e Indonesia ad accompagnare Papa Francesco per la Settimana dell'Unità delle Chiese. Filoni è l'uomo giusto per guidare Bergoglio nei luoghi che ben conosce per esservi stato Nunzio Apostolico. Vi torna per diffondere pace e allontanare la guerra.Con Colui che predica Pace al mondo.

 
 
 

Un pensiero per Rocco Cataldi

Post n°33 pubblicato il 11 Gennaio 2015 da vittoriozacchino

Lo conoscevo da tantissimi anni, era un mio collega di insegnamento, un fuoriclasse con cui ho collaborato, intervistandolo sul dialetto di Parabita nel 1966, e declamando spesso suoi versi.Come in questa fotografia che non riesco a pubblicare: presentiamo a Parabita una sua raccolta di versi:D.Valli, L.Graziuso, Rocco,ed io. E' un modo di partecipare al ricordo che di lui si fa, a dieci anni dalla sua scomparsa. Memoria viva.Incancellabile.

 
 
 
Successivi »