Creato da acrilmilanese il 05/08/2010
giornale che spazia da Milano .. Municipio 7 di Baggio-San Siro e Forze Armate a tutta la Lombardia

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

Ultime visite al Blog

ciaobettinaprincipessa_09ormaliberavita.perezprefazione09simona_77rmsanvassamorino11acronlusdifatto19FLORESDEUSTADprolocoserdianacomelunadinonsolopollorifuA_n_g_e_l_0
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Crv-Acr-AICSda il MILANESE.. »

Ue.. e Acr-Crv

Commissione europea - Comunicato stampaI fondi strutturali e di investimento europei hanno giÓ immesso 278 miliardi di euro nell'economia reale europeaBruxelles, 13 dicembre 2017Una relazione pubblicata oggi mette in luce i risultati conseguiti dai cinque fondi dell'UE dall'inizio del periodo di finanziamento ora che l'attuazione dei programmi 2014-2020 ha raggiunto il pieno regime.Entro ottobre 2017 quasi la metÓ della dotazione di bilancio 2014-2020 dei fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE) era stata impegnata in progetti concreti. Entro la fine del 2016 avevano ricevuto il sostegno dei fondi quasi 793 500 imprese, creando circa 154 000 nuovi posti di lavoro.Hanno giÓ beneficiato di assistenza alla ricerca di occupazione e allo sviluppo di competenze 7,8 milioni di persone, mentre Ŕ stata migliorata la biodiversitÓ di 23,5 milioni di ettari di terreni agricoli. Nel complesso, entro la fine del 2016 erano stati selezionati 2 milioni di progetti finanziati dall'UE, vale a dire 1 milione in pi¨ rispetto all'anno precedente.Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione responsabile per l'Occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitivitÓ, ha dichiarato: "I fondi strutturali e di investimento europei hanno un ruolo fondamentale nel rafforzamento del mercato unico, aiutano la crescita delle nostre economie e promuovono l'innovazione e la creazione di posti di lavoro in Europa. La combinazione dei fondi strutturali con il Fondo europeo per gli investimenti strategici consente inoltre di finanziare progetti pi¨ rischiosi ma anche pi¨ promettenti. Vorrei incoraggiare i promotori di progetti a prendere in considerazione tale possibilitÓ."Corina Crețu, Commissaria responsabile per la Politica regionale, ha affermato: "In un solo anno il numero di progetti finanziati dall'UE Ŕ raddoppiato; questo significa che la loro attuazione ha raggiunto la velocitÓ di crociera. I fondi strutturali e di investimento europei funzionano a pieno regime e soffieranno nelle vele dell'Europa per i prossimi dieci anni."Oltre ai progetti nel settore digitale, dell'inclusione sociale e dell'ambiente che vedono ora la luce grazie ai finanziamenti dell'UE, emerge dalla relazione che le novitÓ introdotte nel periodo di finanziamento 2014-2020 hanno davvero prodotto risultati.I nuovi prerequisiti hanno contribuito a creare un contesto pi¨ favorevole agli investimentiA marzo 2017, una prima valutazione delle nuove condizioni preliminari volte a rafforzare gli investimenti ("condizionalitÓ ex ante") ha mostrato la loro capacitÓ di incentivare le riforme in svariati settori: rispetto delle normative sull'efficienza energetica o sugli appalti pubblici, pianificazione degli investimenti per l'innovazione, trasporti o tecnologie digitali.Nel periodo di finanziamento post 2020 si prevede di rafforzare ulteriormente il legame tra i fondi UE e il sostegno alle riforme strutturali negli Stati membri, come annunciato nel documento di riflessione sul futuro delle finanze dell'UE della Commissione e nelle sue proposte per approfondire l'Unione economica e monetaria europea, presentate la scorsa settimana.Meno burocrazia per i beneficiari dei fondiLa relazione rileva che gli Stati membri hanno fatto sempre pi¨ ricorso alle possibilitÓ di semplificazione offerte nel quadro della politica di coesione 2014-2020, ossia le procedure online per la gestione dei fondi ("coesione elettronica"), le procedure semplificate per la presentazione delle domande da parte delle imprese ("sportelli unici") e le modalitÓ semplificate per i beneficiari di chiedere rimborsi all'UE.La semplificazione Ŕ inoltre al centro della riflessione sull'architettura della futura politica di coesione, grazie anche al prezioso contributo del gruppo ad alto livello sulla semplificazione istituito dalla Commissione.L'uso pi¨ intelligente delle risorse disponibili ha portato a una maggiore mobilitazione di finanziamenti privatiIn linea con l'obiettivo del Piano di investimenti di attivare pi¨ investimenti, il quadro 2014-2020 Ŕ stato istituito per diffondere l'uso degli strumenti finanziari. Entro la fine del 2016, nell'ambito dei programmi dei fondi SIE sono stati impegnati in questi strumenti - per lo pi¨ a sostegno delle PMI, della ricerca e dell'innovazione e di un'economia a basse emissioni di carbonio - 13,3 miliardi di euro, vale a dire giÓ 1,8 miliardi di euro in pi¨ rispetto ai finanziamenti SIE investiti attraverso strumenti finanziari nell'intero periodo 2007-2013.Gli strumenti finanziari dei fondi SIE sostengono ad oggi pi¨ di 76 000 imprese. I progetti a sostegno delle PMI selezionati fino ad ora nel quadro del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) hanno mobilitato finanziamenti privati per un importo di 11,5 miliardi di euro, a fronte di un obiettivo di 42 miliardi di euro. Per ulteriori informazioni:Scheda informativa - I fondi strutturali e d'investimento europei al lavoroRelazione strategica 2017 sull'attuazione dei fondi strutturali e d'investimento europeiLa Piattaforma Open Data Coesione IP/17/5201Contatti per la stampa:Johannes BAHRKE (+32 2 295 86 15)Sophie DUPIN DE SAINT-CYR (+32 2 295 61 69)Informazioni al pubblico: contattare Europe Direct telefonicamente allo 00 800 67 89 10 11 o per e-mail a cura di www.acraccademia.it e gratuitamente..

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/acrilmilanese/trackback.php?msg=13590878

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento