**TEST**
Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« 101 machiavellici modi d...Vera - Elizabeth von Arnim »

Il libretto rosa di Finzioni

Post n°672 pubblicato il 15 Settembre 2011 da bluewillow
 

Titolo: Il libretto rosa di Finzioni Autori: La redazione di Finzioni pag: 40 costo: gratuito in forma digitale formato: pdf

La redazione del blog dedicato ai libri "Finzioni" (dal nome ispirato all'omonimo libro di Borges), ha deciso di diffondere un vero e proprio manifesto, un "libretto rosa" diffuso gratuitamente (qui il pdf) che, come il noto libretto rosso di Mao, elenchi i punti fondamentali su cui attuare una rivoluzione culturale, questa volta pacifica, per fondare una ideale Repubblica dei Lettori.
Il volume è articolato in nove punti, che in parte ricordano i celebri "diritti del lettore" di Pennac (elencati in "Come un romanzo"), ma attualizzato a problemi più strettamente moderni (come ad esempio il rifiuto dei drm sugli e-book).
Nel complesso il nonalogo, come lo chiamano gli autori, di Finzioni è una specie di dichiarazione di indipendenza del lettore e di rivendicazione di orgoglio bibliofilo (un book-pride o un reader-pride): si dovrebbe leggere solo per amore della lettura, senza fini utilitaristici; si dovrebbe guardare alla sostanza del libro, non alla forma (i libri in tutte le loro declinazioni, dall'e-book a qualsiasi altro formato hanno pari dignità); il mondo dei libri dovrebbe basarsi su criteri di equità e giustizia (giusto compenso per chi lavora nell'editoria, giusto prezzo per i lettori); si dovrebbe essere liberi di parlare dei libri ed ogni parere deve avere pari dignità, dall'ultimo blogger di provincia al più acclamato critico di quotidiano nazionale; i libri dovrebbero stimolare i discorsi, cioè essere fonte di confronto fra lettori, anzi il valore di un libro deriva dal numero di discorsi che genera; i lettori non dovrebbero essere considerati polli a cui spremere soldi, ma persone con una dignità ed un cervello, a cui offrire un prodotto curato nel contenuto e nella forma, con libri di qualità anche nei materiali; non si dovrebbe alimentare il culto della personalità dell'autore, ma valutare oggettivamente solo i libri che scrive.
In realtà gli argomenti sono tanti, forse ben più di nove, sebbene sia stata scelta questa forma per esporli.
Il pregio più grande di questo volumetto è senz'altro l'entusiasmo per la lettura che emana da ogni pagina: è stato pensato per fare ciò che gli autori di Finzioni ritengono fra le cose più importanti fra quelle che un libro debba fare, cioè generare discorsi sui libri e su sé stesso.
Ha un solo limite, che come recensitrice (perché questo non è uno spot, è una recensione) devo sottolineare: è scritto solo per coloro che sono già lettori, si rivolge a chi già ama i libri, addirittura ad un pubblico che potrebbe chiedersi quanto valga la recensione di un critico professionista rispetto alla propria opinione. Anche la forma del linguaggio è pensata per questo tipo di lettore esperto.
Non è un volume da dare in mano, come avrebbe potuto accadere per il libretto rosso di Mao, a chi non sia mai stato catturato dalla lettura, per affascinarlo con la seduzione di quello che potrebbe offrire il mondo dei libri, perché per farlo non basta dire che "noi lettori siamo scaltri" e non siamo mai a corto di buone citazioni, e purtroppo non basta nemmeno dire che chi legge è più libero.
Per portare il non-lettore nel mondo dei lettori non si può di solito fare appello alla ragione e sono gli stessi autori di Finzioni a scriverlo nel loro primo punto "leggere è fico": non si legge per un fine, si legge solo per il piacere di leggere.
Per portare i non lettori dalla parte dei lettori, non basta un manifesto, fosse anche scritto da un esercito di saggi: ci vuole arte, ci vuole qualcosa che trasmetta emozione. In effetti forse, ci vogliono proprio i libri!
"Il libretto rosa" ha buone intenzioni, ma parla forse a chi già sa (il che non è necessariamente un difetto, se era questo quello che ci si proponeva).

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.