Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Notizie assortite dal mo...Adelphi regala in e-book... »

The Help - Film

Post n°755 pubblicato il 23 Gennaio 2012 da bluewillow
 

La segregazione razziale, perpetrata fino agli anni '60 negli stati del sud degli U.S.A., è certamente un argomento scottante per un paese che spesso si vanta di essere la patria della libertà.
Forse per questo "The Help", film che parla della vita delle cameriere di colore a Jackson, in Mississippi (uno degli stati un tempo più razzisti d'America), che vivevano per anni crescendo i bambini delle ricche famiglie bianche, proprio durante il periodo della lotta per i diritti civili, ha riscosso tanto successo in patria.
Persone che vivevano fianco a fianco proprio con i loro oppressori, ma che finivano per provare autentico affetto proprio quei bambini che un giorno sarebbero stati in prima fila per mantenere privilegi medioevali, basati su ideologie razziste.
"The Help" non parla di quanto di grande e clamoroso accadde negli anni '60 (la morte di Kennedy, l'uccisione di attivisti per i diritti razziali), se non in modo marginale, ma riesce a mostrare in maniera incredibilmente forte cosa fosse vivere davvero quotidianamente la segregazione razziale, e quanto coraggio occorresse per opporsi a decine di anni di oppressione, all'idea che ci fossero persone destinate "a servire", considerate quasi come proprietà personali dai propri datori lavoro.
Skeeter (Emma Stone), ventritreenne aspirante scrittrice, è tornata a Jackson dopo aver terminato l'università. Le sue amiche di un tempo sono ormai tutte sposate e con prole, e fra esse spicca Hilly Holbrook (Bryce Dallas Howard), che coordina una serie di attività fra le giovani signore di Jackson. Hilly non è solo a capo di tutte le attività di beneficenza, professandosi una fervente cristiana, ma è letteralmente ossessionata dal fatto che bianchi e neri debbano restare separati, in particolare è terrorizzata che la sua cameriera di colore possa usare il suo bagno, convinta che qualche letale malattia "nera" possa venirle attaccata. Convince addirittura alcune persone a costruire bagni separati appositamente per i dipendenti, fuori dalle abitazioni e si fa promotrice di un progetto di legge che stabilisca che simili costruzioni diventino obbligatorie.
Dopo aver ottenuto un lavoro presso il giornale locale, per curare una rubrica di economia domestica, Skeeter chiede aiuto ad Abileen (Viola Davis), domestica di colore di una delle sue amiche, per rispondere alle lettere delle lettrici.
Stando a contatto con Abileen, non riconoscendosi nelle idee folli promosse da Hilly, Skeeter comincia a guardare con occhi diversi le cameriere di colore, chiedendosi cosa provino ad essere trattata in maniera tanto rude, costrette a seguire regole molto vicine alla follia: tenere i propri piatti e bicchieri separati, stare attente a non toccare le persone bianche nemmeno per sbaglio, non rispondere mai nemmeno alle offese più spudorate, etc.
Skeeter decide di raccogliere le testimonianze delle cameriere in un libro che ha intenzione di pubblicare a New York: nello stato del Mississippi, infatti, quello che ha intenzione di fare potrebbe essere considerato un reato. Abileen aderisce alla pericolosa iniziativa, che potrebbe persino costarle la vita, per commemorare il figlio: il ragazzo è infatti morto, perché dopo essere stato schiacciato da una macchina sul lavoro, in una segheria, è stato malamente abbandonato davanti all'ospedale riservato ai neri, scaricato sul marciapiede come un sacco di patate.
All'inizio, Skeeter ed Abileen riescono a coinvolgere solo Minny (Octavia Spencer), cameriera licenziata proprio da Hilly, perché colpevole di aver usato il bagno padronale in un giorno in cui all'esterno, dove si trovava quello riservato alle persone di colore, infuriava un tifone.
Quando però, come reazione alla lotta per i diritti civili, le repressioni si fanno sempre più crudeli e feroci, moltissime cameriere di Jackson decidono di collaborare e Skeeter riesce a collezionare una serie di storie tanto assurde quanto, a volte, pittoresche.

Il film, tratto dall'ominimo libro di Kathryn Stockett, mette in luce che in ogni lotta per un diritto civile ci sono tre tipi di persone: quelli che si battono con coraggio, sfidando ogni pericolo, per raggiungere il proprio obiettivo (Skeeter, Abileen, Minny e tutti coloro che li aiutano), quelli che vi si oppongono per mantenere un privilegio che ritengono sacro (Holly), ed infine una vasta parte di individui che non hanno volontà, non hanno coscienza e si fanno guidare da chi grida più forte (le amiche di Holly).
Il male non viene fatto solo da quelli che materialmente compiono atti indegni (chi mette fuoco alla casa di un attivista, chi picchia i manifestanti), ma anche da tutti coloro che, traendo vantaggio dall'oppressione altrui, vivono comodamente nei propri privilegi, chiedendo solo di non essere disturbati nella propria beata incoscienza.
Il film è davvero ben riuscito: una storia di amicizia, affetto, coraggio e solidarietà fra donne che cercano di cambiare quello che trovano ingiusto nella società.

Le attrici sono tutte adatte al ruolo (perfino l'odiosissima Hilly) e regia (Tate Taylor) e fotografia servono bene una storia commovente e intensa che, benché non nasconda affatto che non c'è sempre un perfetto happy-end, lascia lo spettatore con una sensazione di profondo ottimismo: la strada che porta alla giustizia è dura e lunga da percorrere, ma il senso di libertà che prova chi vi si avventura ripaga delle fatiche e del dolore.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.