**TEST**
Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Il nuovo Anobii 2.0: al ...The Help - Film »

Notizie assortite dal mondo dei libri

Post n°754 pubblicato il 20 Gennaio 2012 da bluewillow
 


  • Cormac McCarthy, il celebre scrittore de "La strada" e "Non è un paese per vecchi", dopo i grandi successi riscossi dalle trasposizioni cinematografiche delle sue opere, ha deciso, alla reverenda età di 78 anni, di scrivere personalmente una sceneggiatura per un film. I produttori del film "La strada" hanno già annunciato di essere pronti a girare qualunque cosa esca dalla penna di McCarthy. Vista la capacità di scrivere frasi ad effetto di questo scrittore, senza dubbio ci attende qualcosa da ricordare.


  • Se la fine del telefilm "Downton Abbey" vi ha lasciato in trepida attesa di sapere cosa accadrà ai protagonisti, potrebbe forse interessarvi sapere che lo sceneggiatore Julian Fellows ha avuto la folgorante idea per la trama di questa fortunata miniserie della BBC dopo aver letto il libro "To Marry an English Lord" (Sposare un lord inglese) delle scrittrici Gail McColl e Carol Wallace. Il volume narrava delle ragazze americane di buona famiglia che, sulla fine dell'800, venivano spedite "in missione" in Inghilterra per trovare marito, possibilmente titolato. Fellows ha dichiarato di aver cominciato a fantasticare su come dovevano sentirsi quelle donne, venticinque anni dopo che avevano lasciato proprio quella parte del mondo che stava per essere baciata dal successo, mentre l'aristocrazia inglese cominciava il proprio declino, costringendo molti nobili a trovarsi un vero lavoro.


  • In occasione dell'ottantesimo compleanno di Umberto Eco, celebrato questo gennaio, l'autore ha dato alle stampe una nuova versione de "Il nome della rosa" che è stata "modernizzata" dal punto di vista linguistico per realizzare (letto su panorama, riporto le testuali parole) "una versione alleggerita, più adatta alle nuove generazioni di lettori, e più vicina a loro sotto il profilo linguistico".
     I cambiamenti non dovrebbero però essere sostanziali, riguardo alla trama, quindi non credo che vedremo monaci benedettini cadere come mosche per essersi inumiditi un dito dopo aver girato la pagina di un e-book, né il giovane Adso navigare su Facebook o Guglielmo da Baskerville twittare al monastero d'origine i suoi progressi nelle indagini svolte.
    Insomma, fondamentalmente si tratterebbe sempre del medioevo. 


  • Dopo 17 anni di gestazione, prodotto da Francis Ford Coppola e diretto da Walter Salles, è stato  ultimato il film "On the Road", tratto dall'omonimo libro di Jack Kerouac, scrittore simbolo della Beat Generation. La pellicola verrà presentata, a quanto pare, al Festival di Cannes di quest'anno. Fra gli attori: Kristen Stewart, Sam Riley, Kirsten Dunst e Viggo Mortensen. La realizzazione del film  è stata per lungo tempo rimandata, per la presenza di molte scene "scandalose" presenti nel libro (ma cosa sarà mai abbastanza scandaloso in quest'epoca? La cosa mi stupisce. Forse il libro parla di gente che legge libri in versione non semplificata per non-confidenti-con-il-vocabolario, altrimenti detti "ignoranti"?). 
    E' proprio ora che io legga "On the Road", se no come farò a recensire il film?


  • Su Wikipedia è presente una lista dei libri più venduti nella storia, esclusi i libri religiosi. I primi cinque libri, con oltre 110 milioni di copie sono:

    1) Il racconto di due città di Charles Dickens
    2) Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry
    3) Il signore degli anelli di J.R.R. Tolkien
    4) Hong lou meng (trascrizione del titolo di un libro cinese) di Cao Xueqin
    5) Dieci piccoli indiani di Agatha Christie

    Sono sconvolta: ne ho letti solo 3. Devo imparare il cinese al più presto e sopratutto, entro l'anno dickensiano del 2012, devo assolutamente leggere "Il racconto di due città" di Dickens.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.