Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Across The Universe - Be...Bianca e iSette - Racconto »

Lettera perduta di Tolkien rivela che a scrivere “Lo Hobbit”.... furono gli Hobbit!

Post n°892 pubblicato il 18 Ottobre 2012 da bluewillow
 

Va bene, lo ammetto è un bel titolo sensazionalistico e se fossimo nella Terra di Mezzo sarebbe sulle prime pagine di tutti i quotidiani locali, con i nostri amici dai piedi pelosi a convenire, fra una merenda e l'altra, che solo un vero Hobbit poteva conoscere così a fondo gli Hobbit.

Nel nostro comune mondo, invece, sappiamo solo che di recente è stata ritrovata una lettera inedita di J.R.R. Tolkien allo scrittore Arthur Ransome, nel quale Tolkien ringraziava l'amico per alcune modifiche suggerite a “Lo Hobbit”, poco prima di una  ristampa del volume, pubblicato per la prima volta nel 1937, che raccontava le avventure di Bilbo Baggins e di come, fra le altre cose, il simpatico Hobbit era entrato in possesso dell'anello di Sauron, che nei successivi libri del ciclo de “Il signore degli anelli” avrebbe avuto così grande importanza.

La cosa curiosa è che, secondo l'esperto di letteratura tolkeniana Alaric Hall, nella lettera Tolkien parla del suo scritto come se tutti i personaggi fossero veri e il suo compito fosse semplicemente tradurre un manoscritto perduto, e addirittura inizia la lettera a Ransome dicendo:

“Caro Mr. Ransome, sono sicuro che Mr. Baggins esprimerebbe la propria soddisfazione, con parole simili a quelle usate con Thorin, dicendo che essere aiutato da voi è più di quanto un hobbit potrebbe aspettarsi”

Ransome aveva infatti suggerito a Tolkien, preoccupato per le vendite del libro, non esaltanti nei primi tempi, di fare qualche piccolo cambiamento: l'amico aveva fatto notare come fosse “un insulto” chiamare Gandalf “ragazzo” (boy) in alcuni punti del testo (Gandalf è infatti un saggio e anziano mago) e aveva anche suggerito un differente uso della parola uomo (man).

Come tutti sappiamo, il libro di Tolkien era destinato ad aprirsi la sua strada nella letteratura e nel complesso le vendite del volume nel mondo sono state oltremodo rosee.

La lettera è attualmente conservata nella biblioteca dell'università di Leeds e anche se non è esattamente la prova incontrovertibile che Tolkien fosse solo un traduttore di manoscritti fantastici scritti da hobbit, lo è di sicuro del fatto che amasse profondamente i propri personaggi, al punto da sentirli reali e vivi.

Fonti: Adn Kronos e BBC

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 227
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.