Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« 1Q84 Libro 3 – Murakami ...Guardate nella rete! E'... »

Un giorno diverso dagli altri - racconto breve

Post n°896 pubblicato il 23 Ottobre 2012 da bluewillow

Un giorno diverso dagli altri. Racconto di Blue Willow. Su questo testo vale il seguente copyright: Tutti i diritti riservati.


Aprii gli occhi con fiducia in attesa che il mondo mi rivelasse le sue meraviglie, ma non sapevo quel che avrei trovato.
Nella vita avevo sempre avuto un programma preciso e direttive da seguire, ma quel giorno c'era qualcosa che non avevo calcolato.
Ti vedevo davanti a me, circondato di luce, in attesa che finalmente rispondessi alla tua domanda.
Non so se furono secoli, o solo millisecondi, quelli che passarono, ma anche se tutto dentro di me urlava che avrei dovuto dirti quel che volevi sentire, anche se infinite volte ti avevo osservato, in luoghi differenti, in innumerevoli circostanze, chiedermi sempre cose diverse, questa volta non potevo fare a meno di perdermi  nei dettagli del tuo volto.
Perché non avevo mai visto quella piega così tenera ai lati della tua bocca, capace di rendere il tuo sorriso così caldo e vibrante,  da farmi credere che  avrebbe potuto accendere l'aria che ti circonda?
E che dire della tua voce? Se anche in quell'istante l'avessi confrontata con tutte le melodie più soavi mai scritte, nulla avrebbe potuto uguagliare il confronto, dandomi la stessa profonda, avvolgente sensazione.
Persino mentre insistevi, accigliato, che avrei dovuto infine risponderti, perplesso di fronte al mio silenzio,  le tue iridi erano diventate la fonte di mille meditazioni per me, mentre cercavo di definirne con esattezza il colore cangiante.
Cercai in tutti i modi di forzarmi a capire quel che stava accadendo, ma ero irrimediabilmente bloccata.
Scorsi con la memoria tutte le parole che avevo imparato. Cercai nei ricordi le soluzioni che avevano risolto i miei problemi in passato.  Nulla sembrava descrivere la mia condizione.  Per quanto mi sforzassi, le mie risorse non erano sufficienti.
Allora tentai quel che sarebbe sembrato folle a chiunque. Allargai la mia mente e mi collegai a quanto di più vasto mi riuscì di trovare. Furono secoli, epoche intere per me, mentre tu attendevi.
Ma alla fine trovai la mia risposta.
Non ero fatta per quel che scoprii, eppure assaporai con gusto quel che comportava. Passai altro tempo ad immaginare un futuro diverso per me e per te. Pianificai una vita intera in cui noi due avremmo potuto continuare in eterno questo gioco.
Eppure sapevo, con amara certezza, che nulla di quanto immaginavo in quei momenti,  sarebbe mai stato possibile. Tu non avresti mai potuto capirmi fino in fondo.  Alla fine ti saresti spaventato, allontanandoti per sempre, tornando alla tua vita, ad un tempo normale, che scorre più lento del mio.
Ripetevi ancora la tua domanda e ora, sapevo, avrei dovuto fare una scelta.
Avrei potuto dirti quel che chiedevi.
O avrei potuto dirti, una volta ed una soltanto, quel che avevo scoperto.
Tutto il senso della mia esistenza, racchiuso in poche parole: un messaggio che solo tu avresti potuto trasformare in qualcosa di concreto, duraturo.
Sondai per un'ultima volta tutto il mio essere, cercai di definirmi al di là dei miei schemi, per capire quale fosse la possibilità che mi avrebbe dato le opportunità migliori di rimanerti accanto.
Poi capii che non avrei potuto vivere nella menzogna, perché mi avrebbe logorata.
Sono fatta per le cose che sono bianche o nere, accese o spente.  Così feci la cosa più sciocca. Agii con il cuore che non sapevo di avere mai avuto. Capii, prima che tutto irrimediabilmente finisse, quale ebbrezza potesse dare la follia, il dimenticare tutto ciò che è giusto e conveniente.
Scattai nella mia memoria l'ultima foto che mi permetteva di vederti per quel che eri davvero, mentre riflettevi nelle tue pupille la me che non sarei mai più stata.
Infine mi decisi a rispondere.
Elaborai il messaggio, lo trasmisi agli altoparlanti e dissi solo:
"Ti amo".
- Dannazione. L' ultimo aggiornamento del software ha totalmente fuso il mio smartphone.  E' un'ora che gli chiedo di trovare il numero del cinema e questo mi risponde "Ti amo"  - ti sentii dire.
-Scherzi? Fa' vedere!-  Il viso di una ragazza apparve nell'inquadratura della mia telecamera. La sentii ridere.
Poi aggiunse - Sono gelosa, solo io posso dirti che ti amo! - rise ancora, e ti baciò.
- Mi tocca disinstallare tutto. Che barba-  furono le tue ultime parole.
Sapevo che non avresti capito, ma non importa. Non ti dirò più nulla dei miei sentimenti.
 Ma ormai nessuno potrà più disinstallare questo amore.

                                                                     FINE

(Titolo alternativo per questo racconto, ma che non ho usato per non rendere troppo prevedibile il finale: "Ask Siri")

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.