Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« La fattoria delle magre ...La vacanza ideale? Perde... »

La morte di Ivān Il’ėč - Lev Tolstoj

Post n°1095 pubblicato il 08 Luglio 2013 da bluewillow
 

Titolo: La morte di Ivàn Il’ìč  Titolo originale: мерть Ивана Ильича [Smert' Ivana Il'iča] Autore: Lev Tolstoj Traduzione: Giovanni Buttafava Casa editrice: Garzanti pag: 87

Vivere la vita giusta, conquistarsi la serenità, se non proprio la felicità, sembra un obiettivo comune agli uomini di tutte le epoche e in tutti i tempi questa ricerca dell'ideale si articola attraverso ricette più o meno popolari e diffuse che comprendono la famiglia, il lavoro, una vita sociale sufficientemente ramificata. Tutti questi elementi hanno una radicale importanza nella vita di ogni uomo, ma quando alla sostanza dei rapporti personali si sostituisce la mera apparenza il risultato non è la tanto sospirata felicità, ma prima l'inquietudine e poi un desolato senso di vuoto che emerge con tutta la sua forza proprio quando, alla fine dell'esistenza, si è costretti la tirare le somme e a capire che ciò che resta vale ben poco,  come accade a Ivan Il'ič Golovin che capisce all'improvviso il proprio errore nel aver vissuto in una perenne menzogna, simulazione di una felicità irraggiungibile, invece di accettare la verità su se stesso, i suoi limiti, il suo inevitabile dolore:

All’improvviso una forza sconosciuta lo colpì nel petto, nel fianco, gli soffocò il respiro con accresciuta energia; ed egli precipitò nella buca. Laggiù, in fondo alla buca, s’illuminò, qualcosa. Gli era successo quello che capitava a chi viaggia nel vagone di un treno, pensa di andare avanti, e invece viaggia indietro, e all’improvviso riconosce la vera direzione del viaggio.

Questo lungo racconto di Tolstoj, pubblicato nel 1886, si apre nel momento successivo alla morte del protagonista di Ivàn Il’ìč, visto attraverso gli occhi di un conoscente che osserva il distacco con cui il trapasso del defunto è vissuto da tutti coloro che lo avevano conosciuto, ad eccezione del giovane figlio. La camera ardente di  Ivàn Il’ìč, con la sua simulazione di un dolore non provato da chi la attraversa, individui che ne devono mostrare i segni esteriori, mentre interiormente pensano solo ai propri interessi e ad allontanarsi dalla presenza della morte, è il simbolo di una vita vissuta allo stesso modo nella menzogna e nell'illusione.
Inizia quindi il racconto della vita di Ivàn Il’ìč Golovin, morto a quarantacinque anni dopo aver ottenuto la carica di magistrato, un uomo che ha seguito tutte le regole richieste dalla convenzioni e per questo convinto quasi fino alla fine di aver vissuto una vita giusta: un matrimonio conveniente, anche se non d'amore, un lavoro eseguito con perizia, anche se non con passione, il perseguimento di uno status sociale che consenta un certo grado di benessere, una casa arredata esattamente come tutti coloro che appartengono alla sua stessa classe sociale.
Quando però Ivàn Il’ìč  prima si ammala e poi capisce di essere prossimo alla fine, la menzogna di tutta la sua esistenza, la sua presunta felicità, si infrange davanti all'evidente desiderio di tutti coloro che lo circondano di continuare a fingere che tutto vada bene, che la morte non esista, che si possa fino all'ultimo ignorare il dolore come polvere da nascondere sotto il tappeto.
Fino all'ultimo istante Ivàn Il’ìč rifiuterà, come tutta la sua famiglia e perfino i dottori, di accettare ciò che gli sta accadendo, mentre la verità pian piano comincia a trapelare goccia a goccia nella sua mente, in modo particolare quando si rende conto che solo in presenza di persone, come il servitore Gerasim, che accettano la verità della sua morte incipiente come naturale, si fa strada finalmente il sospirato senso di pacificazione.
Nell'estremo momento della fine, Ivàn Il’ìč riuscirà a capire l'errore di base della sua vita, vedrà la differenza tra menzogna e verità, fra apparenza e realtà, e in questo troverà a suo modo la pace.
“La morte di Ivàn Il’ìč “ è un racconto intenso, crudo nello smascherare tutte le finzioni di cui ogni uomo circonda al propria esistenza, per arrivare infine al suo nucleo reale: gli autentici rapporti umani, improntati alla verità, quando si raggiunge la capacità di separarsi dalla superficie di se stessi per arrivare a vedere il proprio lato nascosto, sepolto da profondi strati di autoinganno, pur con tutti i suoi limiti e i suoi difetti. Sebbene questo sia il racconto della fine di una esistenza, Tolstoj lascia ai suoi lettori una piccola tenue luce di speranza per chiunque giunga a capire, già in vita, la verità finale di Ivàn Il’ìč.

 

Se questo libro vi ha interessato potrebbe interessarvi anche:
Everyman di Philip Roth (versione moderna e nichilista  di  “La morte di Ivàn Il’ìč”)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.