Blog
Un blog creato da diffamazionemezzosta il 28/02/2008

Divorzio Separazione

storia,leggi,personaggi

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 48
Prov: TV
 

TAG

 

 

Il Divorzio e la separazione

Foto di diffamazionemezzosta

Un libro che tratta di  un tema sociale caldissimo che tocca in modo determinante i destini di milioni di famiglie italiane e che riguarda un po' tutti, ricchi e poveri, uomini e donne e - di riflesso - anche i bambini. Parliamo della separazione e del divorzio, il tema dell'ultimo libro firmato da Maurizio Cerruti, giornalista, e da Fabio Capraro, avvocato. Questo terzo volume realizzato dai nostri autori, dopo "La diffamazione a mezzo stampa" e dopo "L'eredità e il testamento", si intitola appunto "Divorzio e separazione: storia, leggi e personaggi".

La formula, ormai collaudata, è quella di affiancare una parte che illustra l'evoluzione storica e sociale del fenomeno, con un'ampia aneddotica: personaggi famosi italiani e stranieri, come attori, politici, industriali, e casi singolari ed eclatanti dell'attualità e del passato.
La seconda parte analizza gli aspetti giuridici, illustrandoli con uno stile divulgativo, diretto e di facile lettura per tutti. Non mancano una sezione dedicata alle domande più frequenti e un'altra che riassume i punti chiave della legislazione in materia.

E' un libro insomma che unisce il piacere della lettura al gusto dell'approfondimento e della conoscenza su un tema - separazione e divorzio, appunto - che interessa un po' tutti. E che è diventato di ancor più stringente attualità per via delle novità normative come il "divorzio breve" e a causa dell'evoluzione socioculturale: vedi le "coppie di fatto" o "le nozze omosex".

per ulteriori informazioni visita il nostro sito:

http://www.fabiocapraro.it/divorzio-separazione/

 
 
 

Post N° 10

Post n°10 pubblicato il 01 Febbraio 2013 da diffamazionemezzosta
Foto di diffamazionemezzosta

MOLTE SONO LE INFORMAZIONI INTERESSANTI SU QUESTO LIBRO PER SAPERE IL PUNTO VENDITA PIU'VICINO SCRIVICI DALLA SEZIONE CONTATTI.

 
 
 

L'EREDITA'

Post n°9 pubblicato il 01 Febbraio 2013 da diffamazionemezzosta
 
Foto di diffamazionemezzosta

Il libro affronta la tematica afferente al problema della eredità, e le innumerevoli norme predisposte dal nostro ordinamento in materia.

Lungi dal voler risultare una esauriente e completa analisi del Diritto successorio in Italia, questo libro vuole solo essere uno strumento per incuriosire il lettore e cercare di informarlo in merito ad un problema, che in definitiva interessa e coinvolge un po’ tutti noi.

Infatti, il sapere come fare a lasciare a Caio invece che a Sempronio i nostri averi, o, diversamente, il conoscere come poter premiare Tizio rispetto a Caio, alla nostra morte, è un problema che coinvolge un po’ tutti.

Il libro si articola sostanzialmente in tre parti: una aneddotica, dove gli autori riportano i casi più eclatanti di lasciti ereditari “estremi” (Agnelli, Falck, Pavarotti…), o che hanno interessato personaggi di chiara fama; una parte invece, necessariamente un po’ meno “brillante”, dove gli autori spiegano a grandi linee la normativa vigente; ed infine una parte dedicata alle varie forme di eredità vissute nella storia.

Se è vero che un testamento “allunga la vita”, come asserisce il notaio milanese Marco Girondelli, già celebre tennista, nel piccolo gli autori insegnano al lettore come poter disporre in vita delle proprie sostanze, evitando, alla morte, che qualcuno degli esclusi possa impugnare il testamento e portare a scontri legali aspri, violenti e a volte anche distruttivi.

Una speranza che gli autori confidano si realizzi.

....per informazioni contattateci 

 

 
 
 

DIFFAMAZIONE MEZZO STAMPA

Post n°7 pubblicato il 11 Dicembre 2009 da diffamazionemezzosta
Foto di diffamazionemezzosta

Fabio Capraro
Avvocato.
Collabora con riviste di diritto e commenta
fatti di costume su quotidiani locali.
Casi giudiziari e battaglie civili lo
hanno portato sulle televisioni locali e
nazionali, ospite di popolari trasmissioni
di costume. Tra queste, la legittimità
di alcoltest e autovelox, la difesa degli
animali, la tutela dei minori, i diritti dei
reduci e degli invalidi.
i grandi incontri
Maurizio Cerruti
Giornalista professionista. Specializzato
negli esteri, segue dagli anni Ottanta
i grandi avvenimenti internazionali e
ha avuto modo di conoscere alcuni dei
protagonisti della politica mondiale
contemporanea. Ha pubblicato diversi
saggi e centinaia di articoli - reportages,
interviste, commenti - anche da
zone di conflitto o di forte tensione
internazionale.
Via Mezzaterra, 98 - 32100 Belluno
Tel / Fax 0437 - 26839
www. liberalbelluno.it - info@liberalbelluno.it
Ho il piacere di invitare la S.V.
all’incontro sul tema
LA DIFFAMAZIONE
A MEZZO STAMPA
intervengono:
Fabio Capraro
Avvocato in Treviso
Patrocinatore in Cassazione
Maurizio Cerruti
Caporedattore esteri de “Il Gazzettino“
sabato 12 dicembre 2009 ore 17.30
Sala “MUCCIN”
Centro Congressi Belluno
Piazza Piloni Belluno
Il Presidente
Rosalba Schenal

 
 
 

Il pappagallo di Churchill

Post n°6 pubblicato il 09 Marzo 2008 da diffamazionemezzosta
Foto di diffamazionemezzosta

Il caso riferito dalle cronache di un pappagallo femmina ultracentenario, di nome Charlie che sarebbe appartenuto a Winston Churchill pone il problema della responsabilità civile del proprietario di un animale parlante per le offese che possa arrecare a terzi. Il volatile del defunto statista britannico che guidò prima la resistenza e poi la sconfitta del Terzo Reich, in realtà non commette reati ma solo una eventuale offesa ai timpani delle persone vicine visto che non cessa di urlare «Fottete i nazisti, fottete Hitler».

Lo storico premier britannico avrebbe acquistato Charlie, un pregiato ara macao giallo-azzurro, nel 1937 e l'avrebbe addestrato a dire parolacce in presenza degli estranei. Il proprietario di un negozio di animali che lo aveva rilevato dagli eredi di Churchill, a metà degli anni '60, fu costretto a sottrarlo alla vista della clientela per l'imbarazzo che suscitavano le sue imprecazioni e le bestemmie «da bassofondo» che urlava in pubblico.

La regola generale è questa: nel caso che un pappagallo o altro animale parlante, istruito o meno dal suo padrone, insulti una determinata persona questa può rivalersi sul proprietario citandolo in giudizio per danni, o denunciandolo per diffamazione

Il cane di Clinton

L'uomo di potere deve attentamente soppesare se gli convenga agire per vie legali di fronte ad eventuali offese (quando si ha l'acqua alla gola, recita un proverbio, non agitarsi per non fare onde) al comune cittadino può capitare di trovarsi nel dilemma opposto: sfidare un potente che l'ha involontariamente offeso, oppure no? Quando Bill Clinton era ancora presidente fra i tanti guai giudiziari che gli piovvero addosso - denunce per molestie sessuali, Sexgate con protagonista la stagista Monica Lewinsky, scandalo dell'immobiliare Whitewater quale ex governatore dell'Arkansas - ce ne fu uno del tutto inedito per un inquilino della Casa Bianca. Un cittadino di nome Abdel Hamid Buddy, avvocato quarantenne di origine egiziana, nel 1999, citò Clinton in giudizio per diffamazione. Motivo: il presidente aveva chiamato "Buddy" il cane che aveva comprato e che si era portato alla Casa Bianca per fare compagnia al gatto di casa, "Socks".

«Io e la mia famiglia siamo diventati lo zimbello del vicinato a causa dell'omonimia con il cane dei Clinton. Il presidente degli Stati Uniti d'America avrebbe dovuto accertarsi per tempo se il nome che intendeva dare al cane apparteneva già a dei cittadini degli Stati Uniti», osservò Buddy nella memoria presentata in tribunale. I giudici però gli diedero torto. A Clinton, conclusero, non può essere data la colpa di aver scelto per il cane un nome abbastanza diffuso in America (Buddy vuol dire amico) tantopiù che fra il querelante e il querelato non esisteva alcun legame .

Capita ancor oggi, e non solo nelle cittadine di provincia, che fidanzati "piantati in asso", per vendicarsi, tappezzino le vie del paese con fotomontaggi fotografici e scritte che danno inequivocabilmente della "poco di buono" alla loro ex. E per questo sfogo di gelosia, finiscono denunciati per diffamazione a mezzo stampa.

Una versione più sofisticata di "messa alla gogna" sta prendendo piede: quella di usare come luogo di pubblicazione la rete internet, con una diffusione planetaria della vendetta. A volte il diffamatore, se è esperto di computer, può farla franca. Altre volte viene individuato e sono dolori. È ciò che è capitato ad un giovanotto pugliese, querelato dalla sua "ex" per diffamazione "elettronica". La denuncia risale al 4 febbraio 1998; è invece del maggio 2003 la condanna, con il riconoscimento di una provvisionale di 5 mila euro, per danni, alla parte lesa.

Ecco il fatto: il giovane crea in un sito Internet una pagina Web porno - una "linea bollente" di erotismo a viva voce - con nome, cognome e telefono cellulare della ex fidanzata. In pochi giorni, sul numero della ragazza piovono decine di telefonate, giorno e notte. L'ondata di molestie insospettisce la giovane, che presto scopre di essere finita "on line" a propria insaputa. Con l'aiuto di amici esperti di informatica visiona alcuni siti dove ritrova i messaggi che rimandano al suo nome e numero telefonico.

Dalle indagini emerge la responsabilità dell'ex fidanzato: il giovane, sentenzia il tribunale di Molfetta il maggio 2003, è colpevole e nel condannarlo sottolinea che Internet e i siti web sono strumenti di comunicazione di notevole vastità e grado di diffusione, visto che hanno il mondo intero come platea. E questo dà particolare rilevanza al reato commesso. Casi del genere sono sempre più frequenti.

A Rovigo le cronache locali riferiscono di un commerciante cinquantenne che dopo aver scoperto che sua moglie ha una relazione con un imbianchino suo coetaneo ha creato una pagina web con la foto del fedifrago e una didascalia che invita "soli uomini" a rapporti sessuali con tanto di e-mail e di numeri telefonici.

Subissato da fastidiose profferte omosessuali, l'artigiano si rivolge alla polizia postale che scopre sia l'autore, sia il boccaccesco movente. Ne consegue una denuncia per diffamazione, ingiurie, molestie e intrusione abusiva nel sistema informatico.

Altro caso: a Milazzo, un'avvenente studentessa 24enne, R.T. bersaglio di uno stupido scherzo o di una vendetta, riceve oltre 60 telefonate di persone che le chiedono prestazioni sessuali "bisex": fra costoro anche una casalinga di 60 anni, un dirigente d'azienda di 55 anni, un impiegato comunale di 48 anni e un bel po' di studenti fra i 20 ed i 30 anni. Foto e numeri di casa e del cellulare della ragazza sono inseriti in una chat line erotica con l'indicazione: «Bisex in cerca di emozioni forti».

I carabinieri individuano 24 persone che nell'arco di otto mesi hanno tempestato di chiamate il numero della giovane, tutte denunciate alla Procura di Barcellona (sostituto procuratore Rosanna Casabona) per molestie telefoniche nell'aprile 2004. Una denuncia per vari reati fra cui diffamazione aggravata, viene sporta contro ignoti.

 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

scardu88diffamazionemezzostaalforolaracomofrancescoserafinjad84vsalsegnoilaria290878enrico505fugadallanimalubopochiarasanystreet.hasslenannaucoccomaurizio.cerruti
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom