Creato da: pettiross il 12/03/2006
tutto cio che mi incuriosisce

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

Ultime visite al Blog

pettirossBiker43DoNnA.SIRON.GREYCoro56_retiredberry.fabioroandatmgv13robertavelardoinfoproblemizeropopa.pibernato62bocma2000pdfmusicf.catalano62
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

19/08/019

Post n°2163 pubblicato il 19 Agosto 2019 da pettiross

Viaggiando con i mezzi pubblici si incontra tanta gente, di tante nazionalità e ad osservarli si capisce subito chi è comunicativo e chi è diffidente. Qualche giorno fa mentre  aspettavo l'autobus per recarmi al lavoro, c'era una giovane donna incinta , era mussulmana, portava il velo ma parlava un italiano corretto. la pelle piuttosto chiara , non ho capito a quale nazione appartenessa, ma di sicuro mi è sembrata socievole ed inserita nel nostro contesto. Abbiamo chiaccherato un po , mi ha detto che aveva due maschietti ed aspettava una bimba. abbiamo anche sorriso nel vedere una signora piuttosto anziana, che correva e sembrava troppo affaticata visto il caldo nonostante fosse mattino presto. Sull'autobus ho rincrociato una signora filippina che avevo aiutato nel percorso insieme ad una signora romena per farla arrivare a destinazione. Io non l'avevo vista , c'era il pienone, ma lei mi ha riconosciuto ed è venuta a sedersi vicino a me appena si è liverato qualche posto ed abbiamo chiaccherato un po. E mi fa piacere incrociare persone che comunicano è quello che manca oggi. Di fronte c'era una mamma con due bimbi di origine o Pakistana o Indiana dai tratti somatici, ma guardava con diffidenza, non accennava ad un sorriso benchè lo avevo indirizzato verso la bambina che aveva un bel visetto. I viaggiatori della tratta Roma Nettuno sono per lo più stranieri ,ma questo a me non crea problemi, me li creano di più i razzisti italiani che cercano la gazzarra. Ed oggi mentre a Torvaianica aspettavo l'autobus per tornare a casa carica come un somarello, un ragazzo italiano mi ha aiutato con la spesa a salire, ed uno indiano a scendere una volta arrivati.  Ne sono stata felice perchè la gentilezza oggi è cosa rara, non me l'aspettavo . Questo mi fa pensare che non dovrebbe essere una cosa strana, ma normale, ma non mi capita quasi mai di incrociare persone gentili, devo sempre fare forza su me stessa. A chi crede che ci siano razze elette ed altre inferiori non capisce un benemerito tubo. I bambini giocano, ridono, piangono e fanno i capricci , uguali, il dolore e la gioia si manifestano nella stessa maniera. Cosa importa quale sia il colore della pelle, importa come siano le persone, come si comportano, i bravi ed i cattivi ci sono ovunque. Eppure è un qualcosa ancora così difficile da capire.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Brindo 14/08/019

Post n°2162 pubblicato il 14 Agosto 2019 da pettiross

                                           Brindo alla solitudine

                                           Brindo all'ipocrisia dei mi piace

                                           Brindo ai falsi amici 

                                           Brindo ai silenzi telefonici

                                           Brindo al mondo che non mi piace

                                           che osservo impotente cadere

                                            cadere, cadere.

                                            Brindo ai gatti, ai cani , fedeli amici

                                            di tante ore, giorni, mesi, anni.

                                            Brindo a tutte le assenze familiari

                                            agli amori mancati, a quelli falliti.

                                            Brindo alle delusioni , alle ferite aperte

                                            ai sogni nel cassetto rimasti chiusi li.

                                            Brindo a me, piccola briciola nell'infinità

                                            dell'universo, felice, infelice.

                                            Brindo alla libertà pagata cara                         

                                            E brindo al mare, inquieto o calmo

                                            come me.

                                            Brindo al sole che mi scalda

                                            al cielo notturno, alle stelle lontane e 

                                            la meravigliosa Luna.

                                            E la vita che mi è stata assegnata

                                            la vivo come posso

                                            fino a che chi ha scritto la parola fine

                                            arriverà a sfogliare l'ultima pagina.

                                              e sarò ubriaca.

                                                          The end!!

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

.........

Post n°2161 pubblicato il 13 Agosto 2019 da pettiross

Nel mio lavoro e anche andando al mare, ne vedo davvero di tutti i colori. La cosa che mi colpisce e che mi fa anche schifo sono i tatuaggi. Una moda costosa e che rovina la pelle  e non è neanche salutare. Mi sono sempre chiesta perchè la gente paghi fior di quattrini per rendersi più brutta a qualsiasi età. Sarò sbagliata io, ma vedere un corpo tutto tatuato mi da un senso di sporco. E gli uomini con le crocchiette come mia nonna, imitazione mal riuscita degli asceti indiani. Vedere qualcuno non dipinto, senza orecchini , o capigliature strane è anormale. Sono fuori dal tempo , lo so , e non posso farci nulla. Apparire, farsi vedere pur rasentando il ridicolo. Altra moda i pantaloni calanti con esibizione di mutande, maschili o femminili e a volte anche di culi quando si chinano per mettere la spesa sul rullo e non sono spettacoli piacevoli.Il mondo va a rotoli ed il popolo è tutto uguale a parte qualche eccezione rara.  Sono stufa di tutto, non riesco neppure a scrivere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

07/08/2019

Post n°2160 pubblicato il 07 Agosto 2019 da pettiross

Ho un sesto senso spiccato che quando fa suonare un campanellino nella mente, raramente sbaglia. Riguardo la morte del carabiniere Mario Cerciello Rega, avevo percepito qualcosa di strano e ora i dubbi li hanno anche i magistrati. Quel povero cristo non so in mezzo a cosa sia trovato, la cronaca dice che è strano che sia stata data tanta attenzione ad un pusher a quanto pare ben noto. Tante telecamere e stranamente nessuna ha filmato l'aggressione? Si qualcosa puzza, e spero che si indaghi a fondo almeno per rendere giustizia a quel giovane uomo che si dedicava agli ultimi. Forse dava fastidio? Di sicuro ad ucciderlo è stato uno dei due americani o tutte in ogni caso sono colpevoli entrambi, ma.........  E' morta una grande scrittrice Afro-americana premio Nobel, che tanto si è battuta contro il razzismo e anche per le donne afroamericane succubi di mariti prepotenti. Lo denunciava anche Angela Davis nel suo libro Autobiografia di una rivoluzionaria, il maschilismo dei compagni. La morte non fa distinzioni, quando bussa alla porta, certe persone le vorremmo eterne , ma la vita ha un inizio ed una fine ed è anche giusto così. Il problema è che non si vedono tante menti eccelse che possano proseguire le lotte, portare avanti il sogno di un umanità con pari diritti nel mondo. Oggi c'è  molto egoismo e molta imbecillità senza distinzione di sesso, mi duole dirlo. Vorrei essere più positiva. ma per quanto mi sforzi, in quest'epoca così cupa, non mi riesce di esserlo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

........

Post n°2159 pubblicato il 06 Agosto 2019 da pettiross

I giorni scorrono veloci , l'estate è troppo breve. Ci sono momenti in cui basta poco per allontanare lo schifo, gli ubriachi sul pulman , i clienti spocchiosi, il caldo irrespirabile al lavoro. Basta poco, come dice una canzone di Vasco per fermarsi un attimo a respirare, a guardare una falce di luna sul mare mentre cammino verso casa dalla quale manco da ore e mi aspettano i gatti. La Luna è sempre bella , ma sul mare , quel riflesso argenteo che traccia sull'acqua è poesia e mi incanto. Lontana dal lavoro mi godo il mare, un po meno pulito ad agosto, ma ci si può fare ancora il bagno , piacevolmente , mi lascio cullare dal moto calmo. vedo branchi di pesci , piccoli e più grandi , i soliti cercatori di telline, i bambini che giocano. Entro ed esco dall'acqua , il sole picchia ma a me piace sentirlo sulla pelle. cerco sempre angolini non affollati, che poi si affollano comunque, e mi sposto, da solitaria non amo che la gente mi stia troppo addosso. ieri ho scambiato due chiacchere con una signora anziana , simpatica e poi si sono avvicinati il figlio e la nuora credo, o forse figlia, raramente capita di scambiare due parole con persone che non sembrano stupide. Mi piace ascoltare i racconti delle persone più grandi di me, quando parlano spontaneamente della loro vita. E quando torno a casa , doccia e musica mentre mi affaccendo in cucina e canto e ballo da sola, non voglio essere triste, se penso , lo divento. Anche cucinare mi rilassa, cose semplici che cucinava anche mia madre , ho eliminato la carne da tempo , ma non sono vegetariana,la carne non riesco a mandarla giù per svariate ragioni, ed anche il pesce lo seleziono molto perchè gli umani hanno inquinato tutto, ma qualcosa si deve pur mangiare. E così passerà il pomeriggio  e poi la sera ....... 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »