Creato da tanksgodisfriday il 26/03/2006
Cose varie al PC, sul Web e nella mente. Puoi scrivermi a: tanksgodisfriday@libero.it
 

 

« Chi non vuole che si ric...Origami facile »

L'incompetenza e il principio di Peter

Post n°1315 pubblicato il 23 Ottobre 2009 da tanksgodisfriday
 
Foto di tanksgodisfriday

Uno
 dei princìpi fondamentali alla base del funzionamento di aziende e organizzazioni, si deve allo psicologo canadese Laurence J. Peter.
Il Principio di Peter, chiamato anche Principio di incompetenza, si articola in tre affermazioni, come riporta il solito Wikipedia:
  1. In ogni gerarchia, un dipendente tende a salire fino al proprio livello di incompetenza.
  2. Con il tempo ogni posizione lavorativa tende ad essere occupata da un impiegato incompetente per i compiti che deve svolgere.
  3. Tutto il lavoro viene svolto da quegli impiegati che non hanno ancora raggiunto il proprio livello di incompetenza.
La spiegazione è semplice. Sei bravo? vieni promosso a una mansione più importante per l'organizzazione. Bravo anche lì? presto arriverà un'altra promozione. Non appena cominci ad avere difficoltà nel lavoro, perché adesso ti vengono richieste competenze che non hai, niente più promozioni e rimarrai lì per sempre.

Un'azienda stabile ha quindi un organigramma in cui ogni casellina è rigorosamente occupata da una persona non competente per quella mansione. Il lavoro? Lo svolgono quelli ancora in ascesa, ma finiranno anche loro per fermarsi.
Dal 1969, anno in cui Peter pubblicò, con l'umorista Raymond Hull, il saggio "The Peter Principle", il mondo si è interrogato su come evitare questa situazione. Se eleggere il migliore porta all'incompetenza distribuita, come scegliere chi promuovere?
Tre ricercatori dell'Università di Catania, Alessandro Pluchino, Andrea Rapisarda e Cesare Garofalo, hanno condotto una simulazione per capire quale sia la miglior tattica di promozione.

Secondo i risultati della ricerca, se eleggere il migliore porta prima o poi inevitabilmente al disastro, scegliere a caso tra il migliore e il peggiore è già molto meglio.
Una scelta del tutto casuale tra gli aspiranti, invece, garantisce risultati mediamente soddisfacenti ed evita anche recriminazioni per chi non viene promosso. È come per la lotteria, se ho fortuna, bene, altrimenti va bene lo stesso.

Vi propongo un sondaggio: come funzionano le promozioni nella vostra organizzazione?

Buon venerdì.

[Immagine: locandina del film: Il grande capo.]

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

Area personale

 

Ultimi commenti

Translate!

 

Ultime visite al Blog

sparusolatanksgodisfridaydue.piossimorazzqqjigendaisukegiannigarzottocatone6565lilith_0404pavpaoCinziaBlackgorefedemauri1970insiemeartescienzaluciana_amatofarfixanatol1965
 
 

networkedblogs.com