Creato da enca4 il 15/02/2010
PENSIERI E PAROLE
 

W. Allen

NON E' CHE HO PAURA DI MORIRE.

E' CHE NON VORREI ESSERE LI'

QUANDO QUESTO SUCCEDE.

W. Allen

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 
 

CANZONE

Che giorno è

E' tutti i giorni

Amica mia

E' tutta la vita

Amore mio

Noi ci amiamo noi viviamo

noi viviamo noi ci amiamo

E non sappiamo cosa sia la vita

Cosa sia il giorno

E non sappiamo cosa sia l'amore

Jacques Prévert

 

I ragazzi che si amano si baciano

In piedi contro le porte della notte

I passanti che passano se li segnano a dito

Ma i ragazzi che si amano

Non ci sono per nessuno

E se qualcosa trema nella notte

Non sono loro ma la loro ombra

Per far rabbia ai passanti

Per far rabbia disprezzo invidia riso

I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno

Sono altrove lontano più lontano della notte

Più in alto del giorno

Nella luce accecante del loro primo amore.

Jacques Prèvert

 

DALLA - CANZONE

 

N. de Chamfort

CHE COSA DIVENTA UN PRESUNTUOSO

PRIVO DELLA SUA PRESUNZIONE?

PROVATE A LEVAR LE ALI AD UNA FARFALLA:

NON RESTA CHE UN VERME.

N. de Chamfort

 

GLI APOSTOLI DIVENTANO RARI,

TUTTI SONO PADRETERNI

A. Karr

 

 

« UN POMERIGGIO DI NOIAPARLAGLI »

SPERIAMO BENE....

Post n°378 pubblicato il 09 Novembre 2011 da enca4

“ Il Re è morto. Viva il Re!”

Questa breve frase accompagnava la dipartita, verso vita migliore, i monarchi che, certo, non lasciavano di loro un buon ricordo nelle menti e nei cuori dei loro sudditi.

Era come dire: “Se il popolo non ha potuto, ha potuto Dio.” Non sempre era così. Molte volte era una mano umana, armata di coltello o altro, a fare quello che nemmeno la giustizia divina era riuscita a compiere.

“ Berlusconi non c’è più. Evviva Berlusconi che ha dato segno di onestà e rispetto per il paese!” Non continuiamo ad essere ipocriti. Nessuno di coloro, me per primo, che ha auspicato la fine del Governo Berlusconi, pensa che lui abbia voluto fare qualche cosa di serio e giusto almeno una volta in tutti questi anni di legislatura.

Io non credo nel Berlusconi che, con la coda tra le gambe, abbandoni la scena politica definitivamente a favore di altri più seri e capaci di lui. Io non credo neanche che il suo egocentrismo, l’orgoglio che lo divora, la sua sfrenata ambizione lo  abbiano abbandonato di colpo.

Credo a una cosa, però. Credo al fatto che per essere giudicati migliori di lui, basta fare meno della decima parte di quanto lui aveva promesso. Basta e avanza. Il problema è un altro: chi?

Non vedo nessuno all’orizzonte che abbia le capacità politiche di iniziare, e portare a termine una intera legislatura. Vedo qualche tappabuchi, qualche persona pieno di buona volontà, ma niente più. E questo è negativo per un Paese come l’Italia che è stata la culla della politica e della democrazia. E’ vero, però, che negli ultimi anni si sono avvicinati al mondo politico personaggi che di politico nulla avevano. Un po’ avrà influito la cronica mancanza di lavoro, facendo scegliere a molte di queste persone, che altrimenti potevano essere dei valenti muratori, fabbri, od operai, un lavoro meno faticoso, sicuramente più remunerativo e che li preservava economicamente, per il futuro, da qualsiasi crisi. Beati loro.

Farà opposizione l’amico Berlusconi? O, con un colpo di coda ce lo ritroveremo di nuovo tra i piedi? Avete visto sicuramente quanta stima ha il mondo politico, e mi riferisco al G20 di Cannes, dell’uomo Berlusconi. Non ha trovato nessuno pronto a scambiare due parole con lui. Non è riuscito a farsi valere neanche da coloro che, fino a poco tempo fa, erano da lui considerati amici.

Questa è la naturale fine che un uomo, ma soprattutto una Nazione come la nostra, fa quando non rispetta gli impegni presi, quando mette al primo posto le sue problematiche, quando è giornalmente presente su tutti i giornali non per le sue capacità politiche, ma per fatti e personaggi che con la politica nulla hanno a che fare.

“Il Re è morto. Viva il Re!” E’ facile dire questa frase, sono solo sette brevi parole. Il difficile viene adesso. Per tutti noi, nessuno escluso. Ci dobbiamo rimboccare le maniche? Pronti a farlo. Lo abbiamo sempre fatto, per secoli. Ma, in cambio, cosa ci verrà dato? Ma, ancor di più, cosa avranno i nostri giovani? Lavoro, sicurezza, tranquillità, protezione da eventi infausti? Potranno, molti di loro, formarsi e mantenere una famiglia?

Ho paura, molta paura per il loro futuro. Ma ho altrettanta paura per il nostro futuro. Di noi che, raggiunta una certa età, speravamo di poter trascorrere una tranquilla vecchiaia. Speravamo che il mondo avesse, ormai, preso una strada che, anche se dura, avrebbe comunque garantito un minimo di certezze ad ognuno di noi.

Invece non è così. Invece non sarà così. Dovremo combattere fino all’ultimo istante della nostra vita. Dovremo combattere contro le avversità naturali, fisiche, morali, economiche, familiari, sociali. In più dovremo combattere contro un futuro pieno di dubbi ed incertezze. Le nostre idee che ci hanno guidati fino ad ora, che hanno formato il nostro carattere, la nostra personalità, non sono servite ad altro che a farci ridere per quello che siamo diventati.

Auguri, Italia.

                                                                                                         Enrico Cagnoni

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/fermati/trackback.php?msg=10787824

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
ironwoman63
ironwoman63 il 09/11/11 alle 19:11 via WEB
anche io sono sconfortata per come stiamo crollando... speriamo , pero', che le nuove generazioni siano capaci di cio che non siamo stati capaci noi... una sola nota positiva, il berlusconismo e' destinato ad essere obliato....una buona serata, e un abbraccio, lulu'.
 
ginatimida
ginatimida il 09/11/11 alle 19:37 via WEB
Enrico l'oblio è finito? Spero di sì, hai detto bene dobbiamo lottare ancora perchè hanno fatto sbriciolare le nostre certezze e ci hanno fatti piombare nella paura e nell'incertezza. La vera forza che viene da dentro la dobbiamo tirare fuori insieme al nostro orgoglio ed infine dobbiamo essere un Paese Unito finalmente ora o mai più!!!!
 
sommessamente
sommessamente il 09/11/11 alle 20:24 via WEB
Il re è morto,abbasso il re. Questo mi da una nuova carica di speranza, io non sarei così pessimista. Credo in questa Italia e nella sua gente, siamo migliori di quanto noi stessi immaginiamo e sapremo ricostruiore la nostra immagine nel mondo. Avendo la fortuna di viaggiare in diversi paesi, ho potuto verificare di quanto siamo apprezzati in tanti campi e sono sicura che ce la faremo per noi e per i nostri figli Sommessamente
 
raggiodisoledgl20
raggiodisoledgl20 il 09/11/11 alle 22:01 via WEB
ciao mio caro enrico....l'unica verità e certezza in tutto questo ambaradan di situazioni.....è che tra un pò saremo senza un capo del governo...con una legislatura tutta da rifare e non sappiamo in che mani finiremo.....sinceramente a me dispiace che il premier berlusconi si dimetterà perchè non è lui il colpevole di questa crisi di governo....inoltre ci sono molte persone coinvolte e chissà perchè si è sempre fatto solo ed unicamente il nome di berlusconi......e tutto questo solo perchè qualcuno lo ha infangato con delle ragazze alcune delle quali sono state aiutate finanziaramente dallo stesso berlusconi senza nessuna prestazione in cambio.....ma si sa pur di far parlare di se e di farsi pubblicità....alcune persone sono disposte a tutto anche rovinando terzi.....cmq mio caro enrico non voglio farti cambiare idea su berlusconi..anzi rispetto le tue idee....però voglio solo farti presente che molte volte si giunge a delle conclusioni affrettate e si rischia di dare giudizi sbagliati su qualcuno che poi alla fine non ha fatto nulla di grave.......e mi riferisco proprio a berlusconi...inoltre ammettiamo che per ipotesi lui avesse sbagliato per colpa delle escort.....ma che cosa c'entrerebbe la vita privata con quella governativa....?e cmq berlusconi ha fatto tanto per l'italia....ti cito solo 2 esempi importanti ha aumentato le pensioni e ha tolto l'ici sulla prima casa....e tante altre cose.....e adesso lo sanno che la pagheremo dinuovo senza berlusconi.....? io voglio sperare che qualcosa cambi davvero in positivo e sopratt sono certa che molto presto si accorgeranno del grave errore che hanno fatto e cioè far dimettere il premier berlusconi.......dolce notte e un bacio.....con affetto cinzia
 
ormalibera
ormalibera il 09/11/11 alle 22:55 via WEB
splendido post, amico mio. Lo condivido dall'inizio alla fine, senza saltare nemmeno una parola. Anch'io vedo una vecchia nella quiete, nel lasciare il testimone ai giovani. Niente di tutto questo mi sembra di essere tornata in trincea, non ci resta che combattere. Arrendersi?! mai! Un sorriso
 
alaska_ice
alaska_ice il 10/11/11 alle 02:09 via WEB
Le tue analisi sono sempre lucide e realistiche. Hai assolutamente ragione in tutto ciò che dici...Dovremo combattere fino all'ultimo respiro, ma no non ci arrenderemo mai! Un grande abbraccio. Silvana
 
meriluna46
meriluna46 il 10/11/11 alle 09:19 via WEB
la cosa che mi rattrista di più è aver perso la fiducia, non mi sembra di credere più a nessuno. questo modo di far politica rissoso e con un linguabggio sempre sconcio mi addolora e mi fa allontanare. so che è sbagliato non lottare per i propri principi. ma sono stanca E confusa
 
babyin71
babyin71 il 13/11/11 alle 18:16 via WEB
L'Italia in crisi..derivante dai retroscena di una politica di scarsa qualità. ..Governo tecnico,di transizione,elezioni anticipate..;ennesima avventura' dove i sacrfici maggiori come sempre ricadono sui cittadini. ..Nella speranza di una svolta positiva e ripresa decisiva dell'economia che ridia dignità al nostro Paese,e che i posti di lavoro non siano utopia,di un governo all'insegna di credibilità,responsabilità,consolidamento,attraverso riforme efficaci,con la volontà di seguire una causa comune per il bene di tutti,anzichè etichette di partito e che sappia dialogare con i cittadini,nel rispetto del prossimo e generazioni future,e perchè la democrazia non diventi un lusso. Ciao Enrico,tanti cari saluti ed un forte abbraccio da parte mia, bry
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.