Creato da fabergiza il 01/11/2008

fioridineve

mai smettere di sognare... ma con moderazione

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 
 

 

 

 

 

 

FABER

Post n°424 pubblicato il 17 Novembre 2013 da fabergiza

 CAINO...

 

Nessuno è una persona sola,

tu, Caino, sei anche Abele,

E tu,

Io sono tutte le donne,

tutti i loro nomi sono miei,

disse Lilith,

e ora vieni, presto, vieni,

vieni a darmi notizie del tuo corpo,

In dieci anni non ho conosciuto altra donna,

disse Caino mentre si coricava,

E io nessun altro uomo,

disse Lilith,

sorridendo maliziosamente,

E' vero cio' che dici,

No,

alcuni ci sono stati in questo letto,

non molti perche' non potevo sopportarli,

la mia voglia era

di tagliargli

la gola quando si liberavano,

Ti ringrazio per la franchezza,

A te non mentirei mai,

disse Lilith,

e si strinse a lui

 

(Jose' Saramago - Caino)

 

 

 

 
 
 

FABER

Post n°423 pubblicato il 25 Giugno 2010 da fabergiza

 

SCUSATE...

 

io là


all'ombra di un ciliegio in fiore senza età


per riposare un poco 2 o 300 anni


giusto per capir di più e placar gli affanni

 

 

Sogno al mio risveglio di trovarvi ancora...

 

 

GRAZIE A VOI E...

 

A PRESTO.

 
 
 

FABER

Post n°422 pubblicato il 18 Giugno 2010 da fabergiza

 

 

ADDIO A JOSE' SARAMAGO

 

 

 

OGGI E' UN GIORNO TRISTE... TROPPO TRISTE.

 

 

 
 
 

FABER

Post n°421 pubblicato il 15 Giugno 2010 da fabergiza

 

DOLCEZZA...

 

L’aveva notata quasi per caso.

I loro sguardi si erano incrociati oramai diverso tempo prima,

lui aveva notato quella bella ragazza mora e

timida che sembrava non guardare mai le persone,

e ne era rimasto affascinato.

Gli piacevano quegli sguardi nascosti, sfuggenti,

che però vedevano ben al di là dell’immagine esteriore.

Occhi che sapevano cogliere l’essenza dell’essere.

Ti scrutavano l’anima e te la mettevano a nudo,

e tu eri lì, indifeso e spoglio, inerme e impotente,

completamente disarmato dall’innocenza investigativa

che si incuneava nei meandri della tua anima e

pacificamente si impossessava dei tuoi pensieri.

E tutto questo senza mai guardarti direttamente.

Ne era rimasto affascinato e piacevolmente attratto,

non pensava che gli sarebbe ancora capitato.

Sentiva la sua vita scorrere lentamente e inesorabilmente,

e pensava che oramai fosse giunto il tempo di

dar pace al suo cuore stanco, ma non domo.

E così cercava di sviare lo sguardo nei loro furtivi incontri,

cercava di allontanare i suoi pensieri e riportarti

alla quotidianità, alla sua squallida quotidianità.

Eppure non era vecchio, era stanco, stanco di lottare.

La vita aveva giocato con lui e lui, si era arreso.

Non aveva più voglia di impegnarsi nei tumulti del cuore,

non voleva passare le notti nel rincorrere

i deliri di un amore sognato che è vita e disperazione.

Ma l’uomo può solo proporre, è il fato che dispone.

Un giorno capitò che si incontrassero i loro sguardi,

e lei gli fece un sorriso talmente luminoso che il suo cuore

impazzì e non seppe mai dove trovò il coraggio per chiederle

se poteva offrirle un caffè. Si aspettava un rifiuto

netto, invece lei accettò e così lui si ritrovò dove

l’alba non è mai giorno e il tramonto non è mai notte.

Furono giorni di piacevole conoscenza, e lui

apprezzò il suo parlare sottovoce e la sua conversazione.

E successe quello che temeva, i tumulti del suo

cuore lo inchiodarono di nuovo alla vita.

Ritornò a sognare come non faceva da tempo,

e tutto ritornò a vivere intorno a lui, vedeva tutto con

occhi diversi e nulla era più come prima.

Così quella sera decise che le avrebbe parlato

del suo amore e nonostante la differenza d’età non poteva

ulteriormente camuffare quel suo sentimento.

La invitò a prendere un aperitivo in un bel locale

e dopo qualche bicchiere di vino, cominciò a parlarle

di quello che provava e del profondo sentimento

che lei aveva saputo far nascere nel suo animo.

La guardò irrigidirsi per un attimo, e poi la vide

scoppiare in una sonora risata.

Come poteva mai pensare che una ragazza come lei, giovane

e piena di vita, potesse  mettersi con un vecchio?

Lui accennò un sorriso, pagò il conto e salutandola

si avviò mestamente verso casa.

Giunto a casa ripercorse con la mente la serata e pensò che in

fondo non aveva poi speso tanto,

 

finora la vita gli aveva chiesto molto di più.

 

 

 

 

 

 

 

Ma il vecchio giardiniere rinunciare

come può all’ultimo suo fiore se l’inverno viene gia’

 

 

 

 

 
 
 

FABER

Post n°420 pubblicato il 09 Giugno 2010 da fabergiza

 

MALINCONIA 4...

 

Venne svegliata a tarda notte, insonnolita andò ad aprire.

Si trovò  davanti due uomini in divisa che freddamente

le comunicarono la notizia e le consegnarono il biglietto.

Sentì una fitta alla bocca dello stomaco e

non riuscì a trattenere la nausea che si era impossessata

di lei e della sua persona., corse  in bagno e vi rimase a lungo.

Pianse tutte le lacrime che aveva e non le bastò.

Una profonda disperazione si fece strada in lei e

il buio dei pensieri la avvolse come fa un mantello

nero nelle nere e gelide giornate invernali.

Il buoi era diventato il suo mondo e il rimorso il suo

pane quotidiano, la sua casa, un tempo accogliente

rifugio ora era l’immagine della sua colpa.

Ogni oggetto, ogni rumore, ogni profumo le

ricordavano il suo uomo, e il sacrificio che aveva

fatto per causa sua, per la sua cieca rabbia e assurda gelosia.

Si chiuse in se stessa e nella sua prigione convinta

che quella ormai doveva essere la sua punizione,

il solo modo di espiazione della sua colpa.

Riprese con fatica il lavoro e non le sfuggirono gli

sguardi accusatori delle colleghe e quelli

compassionevoli dei colleghi.

Ma tra i tanti volti ostili, notò le discrete attenzioni

di un suo compagno di lavoro, che fino ad allora

aveva considerato con sufficienza, ma che adesso

le si mostrava sotto una luce diversa.

Una persona gentile e sensibile, sempre disponibile

e pieno di attenzioni che piano piano aveva saputo

farle dimenticare l’astio che le altre persone

non mancavano di dimostrale insieme alla loro

disapprovazione e alla loro evidente condanna.

Divenne un punto fermo nel suo lavoro e

un giorno che aveva la macchina rotta le propose

di accompagnarla a casa.

Le venne naturale accettare il passaggio e

altrettanto naturale invitarlo a cena.

Cenarono e conversarono amabilmente e lui si

mostrò  anche persona colta e preparata, si

domandò  come aveva potuto ignorare queste sue

doti per tutto il tempo che avevano lavorato insieme,

e capì che tutto dipende dai momenti che viviamo

sono loro che ci fanno apprezzare o meno

le cose che abbiamo, anche le più semplici.

E fu così che senza rendersene conto si ritrovarono

a fare l’amore, a lui grata della sua rinascita.

Si svegliò presto e lo vide che dormiva accanto a lei,

gli accarezzò i capelli e si disse che mai più avrebbe

commesso l’errore di dire a un suo compagno

 

sei l’unico uomo al mondo con cui potrei fare l’amore.

 

 

 

 

 

 

 

metti in circolo il tuo amore

 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pippy690hokaiSabri1973fabergizapatty41dglSky_Eaglebrunik00franco_cottafaviNues.sradiana74cinieri.cinieriantropoeticogaza64mosainthesky
 

ULTIMI COMMENTI

che scemo :) io non dimentico nessuno,tanto meno le persone...
Inviato da: Sabri1973
il 17/12/2013 alle 17:06
 
Si è vero... ci ho messo un bel po'... ma ancora non...
Inviato da: fabergiza
il 13/12/2013 alle 17:49
 
ci hai messo un bel pò!! :) come stai?
Inviato da: Sabri1973
il 10/12/2013 alle 23:06
 
GRAZIE... :-)
Inviato da: fabergiza
il 10/12/2013 alle 18:15
 
bentornato...
Inviato da: Sabri1973
il 08/12/2013 alle 01:49
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom