Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvspoonsmartFLORESDEUSTADdady46Metr0polpetrastonesabryna.80mirko012fortuna2020alaettoregiandodonetsqumramoeta
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

« ALTRO CHE NOTIZIE FALSE:...È nata l’App Impegno don... »

Tutte le misure del decreto/ Partite Iva, voucher baby sitter, vacanze e bonus bici Niente Irap a giugno. Turismo, via l‘Imu

Post n°26190 pubblicato il 14 Maggio 2020 da forddisseche

Tutte le misure del decreto/ Partite Iva, voucher baby sitter, vacanze e bonus bici Niente Irap a giugno. Turismo, via l‘Imu

  
 

Per il via libera, c’è voluto un po’. Ma alla fine il decreto Rilancio (nato come decreto Aprile e noto anche per un breve periodo come «dl Maggio») ha visto la luce con 256 articoli e l’opulenza di 464 pagine.

Queste sono le misure principali - che in totale pesano per 55 miliardi di euro - contenute nel provvedimento «monstre» per provare a rilanciare l’economia impantanata dall’epidemia da Covid-19. Sono previsti aiuti e interventi per imprese, lavoratori autonomi, professionisti e famiglie. Si spostano le scadenze di alcune tasse (l’acconto Irap viene del tutto cancellato); si cambiano le regole della Cassa integrazione in deroga e se ne snelliscono le procedure; si aumentano introducono voucher per le vacanze e si incrementano i bonus per lavoratori autonomi e partite Iva e per le baby sitter, in soccorso delle famiglie con bambini rimasti da mesi a casa, senza scuola.

Ecco nel dettaglio, le principali misure contenute dal nuovo decreto.

Bonus autonomi da 800 a 1.000 euro

Confermati i bonus da 800 euro per le partite Iva e i collaboratori. Per gli autonomi si sale fino a 1.000 euro per chi dimostra di avere avuto perdite di fatturato fino al 33%.
Esteso il bonus fino a 600 euro per colf e badanti. Sì anche al reddito di emergenza per chi non ha altri sostegni e ha un reddito basso con Isee fino a 15 mila euro: il bonus dovrebbe essere per due mesi e va dai 400 euro per i singoli agli 800 per nucleo familiare.

Uno sgravio del 110% per l’efficienza energetica degli edifici

Uno sgravio fiscale, fino al 110% delle spese sostenute dal primo luglio 2020 fino al 31 dicembre del 2021, per la realizzazione di interventi di riqualificazione energetica e antisismici sugli immobili. Il recupero avverrà in 5 quote annuali di importo uguale da portare in detrazione al momento di compilare la dichiarazione dei redditi. Ci sarà però la possibilità di cedere l’intero credito alla ditta che ha eseguito i lavori. A sua volta la ditta potrà recuperarlo, utilizzando la somma in compensazione per il pagamento dei tributi a proprio carico.

Bonus baby sitter raddoppia a 1.200 euro. Congedi parentali pagati al 50%

Un contributo fino a 1.200 euro per la babysitter, raddoppiato rispetto ai 600 euro stanziati dal Cura Italia. Il bonus baby sitter sarà spendibile anche per centri estivi e servizi per l’infanzia. Previsto anche un fondo da 150 milioni di euro da dare ai Comuni, anche in collaborazione con istituti privati, per potenziare i centri estivi diurni , i servizi socioeducativi territoriali e i centri con funzione educativa e ricreativa, durante il periodo estivo, per i bambini di età compresa tra 3 e 14 anni.

Per il sostegno dei genitori che lavorano viene confermato inoltre il congedo parentale pagato al 50% per chi ha figli fino a 12 anni per un periodo continuativo o frazionato non superiore ai 30 giorni. Si potrà richiedere fino al 31 luglio 2020 con i periodi coperti da contribuzione figurativi.

Fino a fine emergenza possibile anche chiedere lo smart work per i dipendenti di aziende private con figli fino a 14 anni.
Famiglie: smart working per chi ha figli sotto i 14 anni.

Famiglie: smart working per chi ha figli sotto i 14 anni

Il pacchetto famiglia va oltre il bonus babysitter raddoppiato a 1.200 euro per figli fino a 12 anni (senza limite d’età se disabili) e i congedi parentali. Il nuovo decreto insiste sulla possibilità di smart working «anche in assenza di accordi individuali» per i genitori lavoratori dipendenti del settore privato con figli fino ai 14 anni di età.
«Fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19», infatti, i genitori lavoratori dipendenti del settore privato che hanno almeno un figlio minore di anni 14 (a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o che non vi sia genitore non lavoratore) hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile anche in assenza degli accordi individuali, fermo restando il rispetto degli obblighi informativi previsti dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, e a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione.
La prestazione lavorativa in lavoro agile può essere svolta anche attraverso strumenti informatici nella disponibilità del dipendente qualora non siano forniti dal datore di lavoro.

Bonus vacanze e cancellazione Imu per gli alberghi

Le risorse a disposizione dei settori collegati al turismo e alla cultura valgono circa 2,5 miliardi. Per dare sostegno alle imprese alberghiere è stato previsto di cancellare il versamento della rata Imu del prossimo 16 giugno, a condizione tuttavia che i possessori degli alberghi siano anche i gestori. La norma vale, tra l’altro, anche per gli stabilimenti balneari, marittimi, lacuali e lacustri.

Previsto inoltre un incentivo sotto forma di«bonus vacanze» destinato alle famiglie che decidono di soggiornare in una struttura ricettiva in Italia. Il decreto «riconosce, a favore dei nuclei familiari con un reddito Isee non superiore a 40 mila euro, un credito, relativo al periodo d’imposta 2020, per i pagamenti legati alla fruizione dei servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico ricettive dagli agriturismi e dai bed & breakfast». Previsto un bonus massimo di 500 euro per ogni nucleo familiare (che scende a 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone e a 150 euro per quelli composti da una sola persona).

Bonus bici e monopattini da 500 euro

Per incentivare forme di mobilità sostenibile alternative al trasporto pubblico, è previsto un buono mobilità per i residenti maggiorenni nei Comuni con popolazione superiore a 50 mila abitanti per l’acquisto di bici, anche a pedalata assistita, segway, hoverboard, monopattini e monowheel, ma anche per l’utilizzo dei servizi di mobilità condivisa a uso individuale esclusi quelli mediante autovetture, dalla data di entrata in vigore del decreto e fino al 31 dicembre 2020.
La necessità è quella di ridurre la presenza delle persone sui mezzi pubblici, per questo gli incentivi all’acquisto di bici ed e-bike sono diventati più sostanziosi, allargandosi anche a monopattini elettrici.
Inoltre, i Comuni avranno facoltà di ricavare corsie riservate per bici e monopattini ricavandole sulle carreggiate esistenti.

Rottamazione: incentivo per auto euro 3 e motocicli

Tornano anche gli incentivi alla rottamazione: fino a esaurimento del fondo, chi vuole rottamare dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021 la propria auto dalla classe Euro 3 in giù o il motociclo omologato fino alla classe Euro 2 ed Euro 3 a due tempi, potrà godere di un «buono mobilità» (cumulabile con quello per l’acquisto delle bici) pari a 1.500 euro per ogni autovettura e 500 euro per ogni motociclo rottamati.
Il buono sarà spendibile, anche dai famigliari conviventi, nei successivi tre anni per abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale, per quello di biciclette anche a pedalata assistita, e di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica.
Il buono per la rottamazione è però riservato ai soli residenti nei comuni con più alta concentrazione di smog, quelli cioè che sforano abitualmente i limiti di concentrazione nell’aria di polveri sottili e biossido di azoto. Qui, tutte le novità sulla rottamazione di auto e motocicli e sul relativo bonus.

Bonus mobilità e rimborso abbonamenti bus-metro-treni

Ci sono 125 milioni di euro poi destinati alla mobilità sostenibile con bonus fino a 500 euro per l’acquisto di biciclette tradizionali ed elettriche e altri mezzi come hoverboard, segway e monowheel. Si studia anche il rimborso dell’abbonamento ai mezzi pubblici per i mesi non utilizzati durante i mesi del lockdown: quindi treni, bus, metrò, ma anche vaporetti.

Sospensione Irap e rinvio delle scadenze con il fisco a settembre

Per tutte le imprese con ricavi fino a 250 milioni di euro è stato stabilito di cancellare il versamento dell’Irap fissato per il prossimo 16 giugno. L’abbuono dell’imposta consente così di eliminare il saldo acconto. La misura vale circa 4 miliardi e rispetto alla versione iniziale non prevede più come condizione la perdita di almeno il 33% di fatturato nel 2020, rispetto al 2019. Qui, l’articolo completo: Irap, a giugno non si paga. Esenzione Imu per il turismo. Il Decreto Rilancio rinvia le tasse.
Per dare ossigeno alle imprese viene inoltre posticipato al prossimo 16 settembre il pagamento di ritenute, iva e contributi previdenziali, atti di accertamento, cartelle esattoriali.

Le condizioni per sospendere le rate di Irap e Imu a giugno

Niente pagamento del saldo e acconto dell’Irap il 16 giugno per tutte le imprese con ricavi fino a 250 milioni di euro. È l’ultima novità in vista del decreto legge Rilancio annunciata dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Si estende così la platea rispetto all’ipotesi che prevedeva il beneficio solo per le aziende con un fatturato tra 5 e 250 milioni. Altra novità in arrivo l’abolizione del versamento della prima rata dell’Imu, in scadenza sempre il prossimo 16 giugno, per alberghi e pensioni, a condizione che i possessori degli stessi siano anche gestori delle attività ivi svolte. La norma prevede la stessa agevolazione anche per gli stabilimenti «balneari, marittimi, lacuali e fluviali» e mira a sostenere un settore particolarmente colpito dalle conseguenze della pandemia. Il decreto dovrebbe inoltre disporre un ulteriore rinvio, fino al 16 settembre per le ritenute fiscali e contributive e dei versamenti Iva che potranno a quella data essere pagati in un’unica rata oppure in quattro rate mensili senza sanzioni e interessi.

La proroga della cassa integrazione vale 10 miliardi

Per il bonus di 600 euro agli autonomi sarebbe prevista la proroga automatica per il mese di maggio. Lo stanziamento complessivo a favore di partite Iva, co.co.co, stagionali e commercianti, ammonterebbe a 4,5 miliardi. Proroga di nove settimane degli assegni di cassa integrazione, con uno stanziamento complessivo che nel decreto sale a quota 10 miliardi di euro.
Cambiano inoltre le procedure per ricevere la Cassa integrazione. Cig, assegni più veloci: Inps anticipa il 40% del trattamento a 15 giorni da domanda.

Altre 9 settimane di Cassa integrazione

La cassa integrazione e l’assegno del fondo di integrazione salariale con la causale Covid-19 potranno essere concessi per ulteriori 9 settimane oltre alle 9 già previste dal decreto legge Cura Italia (finora richieste per quasi 8 milioni di lavoratori). Di queste ulteriori 9 settimane, 5 si potranno utilizzare fino alla fine di agosto mentre le ultime 4 esclusivamente nei mesi di settembre e ottobre. Con il decreto Rilancio verrà inoltre semplificata la procedura, in particolare della cassa integrazione in deroga, in modo che sia pagata entro 30 giorni.

Aiuti a fondo perduto: fino a 50 mila euro alle aziende in difficoltà

Un aiuto a fondo perduto, da un minimo di mille fino a un massimo di 50 mila euro, pagato con un bonifico da parte dell’Agenzia delle entrate. La misura sarà riservata alle aziende che nel 2019 avevano un fatturato fino a 5 milioni di euro. L’intervento scatterà in caso di perdite di fatturato tra aprile 2019 (di piena attività) e aprile 2020 (totale lockdown). Il sostegno arriverà (con un bonifico) a chi ha avuto perdite per almeno 1/3 del fatturato. Qui l’articolo completo: Aiuti a fondo perduto da 1.000 a 50 mila euro alle aziende in crisi. Tre gli scaglioni: 25% della differenza se si fattura fino a 100 mila euro; 20% fra 100 e 400 mila euro; 15% fino a 5 milioni di euro.

Bollette con sconto per le pmi
Bollette più leggere per le utenze non domestiche dal primo maggio a luglio 2020.Le pmi beneficeranno per tre mesi anche di un credito di imposta del 60% sui canoni di affitto e del congelamento degli oneri fissi sulle bollette. Lo stanziamento è di 600 milioni di euro.
L’obiettivo della norma è quello di «alleviare il peso delle quote fisse delle bollette elettriche in capo alle piccole attività produttive e commerciali, gravemente colpite su tutto il territorio nazionale dall’emergenza epidemiologica da Covid-19. Mediante la norma, che riguarda un periodo di tre mesi a partire da maggio 2020 ed ha carattere transitorio e urgente, «si permette la tempestiva applicazione della misura semplificandone l’iter procedimentale e provvedendo a dare copertura mediante il ricorso al bilancio dello Stato».

Affitti commerciali, sgravio al 60%, cedibile a banche

Credito d’imposta del 60% dell’affitto mensile per negozi e esercizi industriali e alberghi. Lo sgravio è riservato ai contratti su immobili a uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.
Il credito spetta a chi ha ricavi o compensi non superiori a 5 milioni.
Nel caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività, il credito d’imposta scende al 30%.
Per gli alberghi è indipendente dal volume di affari.
Condizione necessaria per fruirne, nei mesi di marzo, aprile e maggio, è che il fatturato sia diminuito di almeno il 50% nel mese di riferimento su anno.
Il credito può essere ceduto al locatore o al concedente o a istituti di credito; è disposta la non cumulabilità con il credito d’imposta previsto dal decreto Cura Italia.

Scuola, nuove assunzioni: 16 mila docenti in più

Il decreto Rilancio stanzia quasi un miliardo e mezzo per far ripartire la scuola. E porta una buona notizia per la stabilizzazione dei precari con la creazione di 16 mila posti in più per il ruolo di docente a settembre, per un totale di 32 mila posti aggiuntivi all’avvio del nuovo anno scolastico. Metà delle nuove assunzioni saranno fatte attraverso il concorso ordinario; altre 8 mila attraverso concorso straordinario. Per assicurare la ripresa dell’attività in condizioni di sicurezza aumenta di 331 milioni il fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche.

Sanità, in arrivo 1,4 miliardi per potenziare le terapie intensive

Per la Sanità il decreto Rilancio prevede uno stanziamento di circa 3,25 miliardi di euro. Le risorse serviranno a potenziare le terapie intensive attraverso 3.500 nuovi posti letto (+115%) a cui andranno ad aggiungersi 4.200 nuovi posti nelle strutture di tipo semintensivo. L’intervento vale circa 1,4 miliardi. Il ministro della Sanità, Roberto Speranza, ha annunciato inoltre l’assunzione di 9.600 infermieri e il potenziamento dell’assistenza territoriale, voci che assorbiranno ulteriori 1,2 miliardi. I fondi potranno servire anche per «implementare le attività di assistenza domiciliare integrata o equivalenti, per i pazienti in isolamento», «rafforzare i servizi infermieristici distrettuali». Speranza ha precisato che in una sola volta sono stati destinati alla Sanità più soldi di quanti ne sono stati investiti negli ultimi 3 anni. Il decreto comprende anche la voce destinata al rifinanziamento del Fondo emergenze Nazionali per un importo paria a 1,5 miliardi. Sul fronte della sicurezza e della prevenzione viene azzerata l’iva sulle mascherine.

Il lavoro diventa ridotto: meno ore ma stessa paga per chi fa ore di formazione

Dovrebbe passare anche la norma proposta dalla ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, che prevede la possibilità di ridurre l’orario di lavoro a parità di salario: una parte dell’orario verrebbe infatti utilizzata per corsi di formazione e la corrispondente retribuzione sarebbe a carico dello Stato, che potrebbe fare ricorso al programma Sure lanciato dalla Commissione Ue. La misura, come le altre del capitolo lavoro, ha l’obiettivo di tenere i lavoratori in azienda nonostante la crisi. Ma è attivabile solo con l’accordo tra impresa e sindacati. Il modello a cui si guarda è quello del Kurzarbeit tedesco, oggi chiesto da oltre 10 milioni di lavoratori in Germania.

Un miliardo per il reddito di emergenza

Ammonta ad un miliardo lo stanziamento previsto per il reddito di emergenza. In particolare è autorizzato un limite di spesa di 954,6 milioni per il 2020 da iscrivere su apposito capitolo dello stato di previsione del ministero del Lavoro denominato «Fondo per il Reddito di emergenza», oltre a 5 milioni per gli oneri per la stipula della convezione con l’Inps. L’importo del Rem sarà tra i 400 e gli 800 euro mensili per un bimestre. Le domande andranno presentate entro giugno. Le norme prevedono limiti di reddito e di patrimonio ed escludono i detenuti.

Clausole Iva: stop dal governo

Vengono cancellate le clausole che prevedevano la possibilità per il governo di aumentare le aliquote Iva dal 2021.

Risparmio, buoni postali collocati al telefono

I buoni fruttiferi postali potranno essere acquistati anche al telefono e non soltanto attraverso il computer. La nuova modalità viene introdotta da un lato per consentire l’accesso ai prodotti del risparmio postale a quella fascia di popolazione con bassa propensione all’uso di canali digitali, dall’altro per evitare alla clientela di recarsi di persona nelle filiali, limitando i contatti a tutela dei lavoratori negli uffici postali. Viene prolungato inoltre di due mesi il periodo per consentire l’esigibilità dei titoli scaduti durante il periodo di emergenza per il Covid-19.

Regolarizzazione di braccianti, colf e badanti

L’emersione dal lavoro nero e la regolarizzazione dei migranti riguarda braccianti, colf e badanti, cittadini italiani e stranieri con un rapporto di lavoro irregolare e cittadini stranieri con permesso di soggiorno scaduto, per numeri inferiori rispetto ai 600 mila inizialmente previsti. La richiesta può arrivare tanto dal lavoratore quanto dal datore di lavoro, che chiede l’emersione di un rapporto di lavoro non regolare. Nel primo caso i cittadini stranieri con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019 possono richiederne uno temporaneo di 6 mesi. Se entro quel termine otterranno un contratto di lavoro, il permesso verrà convertito in permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Nel secondo caso è il datore di lavoro che presenta l’istanza di emersione del lavoratore, indicando la durata del contratto di lavoro e la retribuzione, non inferiore a quella prevista dal contratto collettivo. Per ogni lavoratore il datore di lavoro deve pagare 400 euro più una somma forfettaria a titolo retributivo, contributivo e fiscale. L’istanza di rilascio del permesso di soggiorno temporaneo (alla questura) e quella di emersione (Inps e sportello unico per l’immigrazione) vanno presentate dal 1° giugno al 15 luglio.

Crediti-Debiti: compensazione sale a un milione

Salirà da 700 mila a un milione di euro il tetto annuo per compensare i crediti con i debiti fiscali. Lo dispone l’articolo 158 del decreto Rilancio. Al fine, spiega la relazione illustrativa, di aumentare «la liquidità delle imprese, favorendo lo smobilizzo dei crediti tributari e contributivi attraverso l’istituto della compensazione» col modello F24.

Tregua fiscale: invio degli atti slitta al 2021

Tregua fiscale accordata fino al prossimo primo settembre. Vengono infatti rinviate a quella data le notifiche di ben 22 milioni di cartelle esattoriali. Slitta invece al prossimo anno l’invio degli atti di accertamento, che sono circa 8 milioni e mezzo. In tutto, quindi, più di 30 milioni di pratiche di contenzioso fiscale che vengono sospese, in attesa che passi la bufera.

Lavoro a termine, rinnovi più facili
Sono circa 300 mila al mese i contratti a termine in scadenza. Visto il blocco dei licenziamenti, il rischio che questi lavoratori fossero i primi a pagare con un mancato rinnovo era tangibile. Per questo nel decreto Rilancio il governo ha introdotto la possibilità di prorogare i contratti senza precisare la causale, derogando così al decreto Dignità, come convertito in legge.

Rinviata lotteria degli scontrini

Ennesimo slittamento per la lotteria degli scontrini, pensata per combattere l’evasione fiscale. Questa volta la colpa, manco a dirlo, è della pandemia e del conseguente lockdown. Non è più realistico immaginare di partire il primo luglio 2020 e quindi l’articolo 152 della bozza del decreto Rilancio dispone che la lotteria debutti il primo gennaio del 2021.

Pignoramenti, arriva lo stop

Il decreto sospende i pignoramenti su stipendi e pensioni e prevede lo slittamento a settembre della ripresa dei versamenti sospesi per i mesi di marzo, aprile e maggio in cui siamo stati bloccati dalla pandemia. Sale il limite delle compensazioni dei crediti fiscali fino ad un milione. In arrivo anche misure di sostegno per le startup innovative per convogliare capitale di rischio.

Massimiliano Jattoni
corrieredellasera

 
 
 
Vai alla Home Page del blog