Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 62
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechealodalaboratoriotvSerieA24filiditempogennarotedescofranco_oddoamenestrinaYuliviidonmichelangelotondofrutto.dibosco.iofrancescolastricoEmozionarmi2decarolistefano
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

 

« VIESTE – Aggiornamento C...Arriva l’anticiclone afr... »

DA MERINO A VIESTE QUALI IMPRONTE HA LASCIATO CELESTINO V ? il 13 dicembre 1294, quattro mesi dopo la sua incoronazione

Post n°28243 pubblicato il 19 Maggio 2021 da forddisseche

 
 

 

il 13 dicembre 1294, quattro mesi dopo la sua incoronazione e nonostante i numerosi tentativi per dissuaderlo avanzati da Carlo d'Angiò, Celestino V, diede lettura della propria rinuncia all'ufficio di Romano Pontefice.

 
« Ego Caelestinus Papa Quintus motus ex legittimis causis, idest causa humilitatis, et melioris vitae, et coscientiae illesae, debilitate corporis, defectu scientiae, et malignitate Plebis, infirmitate personae, et ut praeteritae consolationis possim reparare quietem; sponte, ac libere cedo Papatui, et expresse renuncio loco, et Dignitati, oneri, et honori, et do plenam, et liberam ex nunc sacro caetui Cardinalium facultatem eligendi, et providendi duntaxat Canonice universali Ecclesiae de Pastore. »« Io Papa Celestino V, spinto da legittime ragioni, per umiltà e debolezza del mio corpo e la malignità della plebe, al fine di recuperare con la consolazione della vita di prima, la tranquillità perduta, abbandono liberamente e spontaneamente il Pontificato e rinuncio espressamente al trono, alla dignità, all'onere e all'onore che esso comporta, dando sin da questo momento al sacro Collegio dei Cardinali la facoltà di scegliere e provvedere, secondo le leggi canoniche, di un pastore la Chiesa Universale. »
 
 

Undici giorni dopo le sue dimissioni, il Conclave, riunito a Napoli , elesse il nuovo papa nella persona del cardinal Benedetto Caetani, nato ad Anagni. che assunse il nome di Bonifacio VIII.

 

papa_celestino_v_02.jpgCaetani, che inizialmente aveva aiutato Celestino V nel suo intento di dimettersi, dispose che  l'anziano monaco fosse messo sotto controllo. Celestino, venuto a conoscenza della decisione del nuovo papa, grazie ad alcuni tra i suoi fedeli cardinali da lui precedentemente nominati, tentò una fuga per raggiungere prima l’Eremo di Sant’Onofrio sul monte Morrone e da qui raggiunse Vieste , per tentare l'imbarco per la sponda dalmata, ma il 16 maggio 1295 fu catturato presso Santa Maria di Merino  da Guglielmo Stendardo II. 

 

Per alcuni giorni Celestino V fu ospite presso il Castello di Vieste, in attesa del suo definitivo ed ultimo viaggio verso la Rocca di Fumone, dove trovo’ la morte. Una recente ricognizione sul suo corpo e la sostituzione della maschera di cera, ormai consumata e rovinata in più parti con una d’argento, ha definitivamente fugato il dubbio che la morte di Celestino sia avvenuta per uccisione. Gli  esperti hanno accertato che il foro presente sul cranio si è formato solo successivamente e che non sia stato provocato.

 

Oltre alla statua di Celestino V, presente nella chiesa di Santa Maria di Merino, che ricorda in questo modo il suo passaggio nella terra Viestana, è presente nel centro storico l'ex convento celestiniano, costruito non per volere diretto dell’eremita del Morrone, ma da alcuni frati che, attratti dalla sua santità, vollero innalzare nel tempo questo luogo e abitarlo indossando l’abito sacerdotale celestiniano. Un palazzo monumentale adibito successivamente a civili abitazioni che meriterebbe un serio intervento di restauro per mettere in luce i tanti elementi  decorativi che lo arricchiscono ma sono corrosi dal tempo e dall’incuria. Per Celestino V a Vieste esiste anche’ una via a lui intitolata, una tra

convento_celestini.jpg

 le più belle del centro storico, che termina ai piedi della scalinata della Cattedrale, come pure una lapide fatta apporre dalla Società di Storia Patria sulla parete est del Castello, nelle immediate vicinanze dell’ingresso, ricorda che tra quelle mura Celestino è stato ospite di straordinaria presenza. Tante  persone portano come nome  Celeste, Celestino e Celestina. Segno che questo Papa ha lasciato impronta e devozione nonostante siano trascorsi diversi secoli. Chissà se un giorno si deciderà di dedicargli anche un monumento. Un omaggio per ricordare che Vieste non è stata nella storia solo terra di incursioni distruttive ma anche terra di  grandi personaggi e di grandi Santi come quel  Papa del “Gran Rifiuto”, che ancora oggi la  Chiesa e la gente umile ama tanto.

 

vieste-foggia-puglia_6.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog