Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissecheamistad.siemprelaboratoriotvQuartoProvvisoriosguub.commarcellomaggiolidomenicodpsiamoliberidigirareQuivisunusdepopulomangga2pokerpaco20000animegemelle20legrin2marzianadgl12
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

 

« Puglia, arriva il sistem...La Sposa: le anticipazio... »

A Foggia il comandante generale della Guardia di Finanza. Si punta sui “Gruppi di lavoro interforze”

Post n°29045 pubblicato il 18 Gennaio 2022 da forddisseche

A Foggia il comandante generale della Guardia di Finanza. Si punta sui “Gruppi di lavoro interforze”

 

Zafarana ha asserito di aver orientato le scelte strategiche sul territorio foggiano a una logica di rafforzamento dei presidi in territori considerati “a rischio” di infiltrazione della criminalità

  


 

Il Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Zafarana ha fatto visita oggi al Comando Regionale Puglia di Bari, dopo aver partecipato, nella giornata di ieri, al Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, tenutosi a Foggia alla presenza del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, per fronteggiare la recrudescenza criminale delle ultime settimane.

In tale occasione, il Generale Zafarana ha asserito di aver orientato le scelte strategiche della Guardia di Finanza sul territorio foggiano a una logica di rafforzamento dei presidi in territori considerati “a rischio” di infiltrazione della criminalità organizzata ovvero “permeabili” al proliferarsi di traffici illeciti, anche via mare.

 

In questi contesti il Corpo è sempre fortemente proteso a garantire, sia alla Magistratura che alle Autorità di Pubblica Sicurezza, un apporto professionale sempre più qualificato. È stato difatti conferito il massimo impulso ai “Gruppi di lavoro interforze”, istituiti anche a Foggia come presso tutte le Prefetture, con la finalità di creare piattaforme d’intelligence che possano costituire un bacino informativo atto a catalizzare le azioni di contrasto verso i fenomeni criminali di evidente pericolosità nonché a prevenire quelli nascenti, considerata l’evoluzione della criminalità foggiana, analogamente alle omologhe consorterie campane e calabresi, dalla dimensione familiare e rurale a quella imprenditoriale. 

A margine del Comitato, il Comandante Generale si è recato, nel pomeriggio di ieri, presso la sede del Comando Provinciale di Foggia per salutare le donne e gli uomini della Guardia di Finanza del capoluogo dauno e ringraziarli per l’impegno che diuturnamente essi dimostrano nelle operazioni a sostegno della legalità economico-finanziaria e di concorso al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica.

L’Autorità di vertice ha poi concluso la propria visita in Puglia, presso il Comando Regionale di Bari, incontrando una rappresentanza dei finanzieri di ogni ordine e grado di tutte le province pugliesi, con cui si è complimentato per i brillanti risultati di servizio ottenuti nel contrasto ai multiformi aspetti di illegalità. 

Un particolare apprezzamento è stato espresso sulle attività operative, illustrate direttamente dai finanzieri che operano “sul campo”, condotte nell’ambito della lotta ai fenomeni criminali che minano il corretto funzionamento dell’economia pugliese e del mercato del lavoro, quali la corruzione, le truffe ai danni dello Stato e della UE (segnatamente a quelli relativi alle misure previste dal Piano Nazionale di ripresa e resilienza), il riciclaggio, le frodi fiscali, l’usura, il caporalato, il contrabbando di tabacchi lavorati esteri e di prodotti petroliferi e, non ultimo, dell’attività finalizzata al presidio della sicurezza in mare, di esclusiva competenza del Corpo, tra cui, su tutti, lo sfruttamento dell’immigrazione clandestina e il traffico transnazionale di stupefacenti.

L’obiettivo di fondo, in sintesi, è pervenire ad una visione aggregata dei diversi fenomeni illeciti, unita al perfezionamento delle tecniche di analisi e di contrasto; questo è il percorso lungo cui si muove, con convinzione, la Guardia di Finanza, proiettando tutte le sue strategie investigative e operando in piena armonia con gli altri attori del sistema Paese. 

Il Comandante Generale ha infine incontrato i delegati della rappresentanza militare nonché una delegazione di militari in congedo dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia, soffermandosi brevemente sui temi del benessere del personale, in servizio e in congedo, soprattutto in un periodo difficile come quello legato alla pandemia da Covid-19, che ha visto diverse vittime anche tra le fila delle Fiamme Gialle Pugliesi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog