Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA



 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 61
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

Meteo Vieste

 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvpetrastonesabryna.80mirko012fortuna2020alaettoregiandodonetsqumramoetaon.the.road1zooservicesrlresidencemichinosario974
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Messaggi di Agosto 2020

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli Avvisi per 948 risorse utili a potenziare l’ARPAL. A partire da oggi è attiva la procedura

Post n°26823 pubblicato il 09 Agosto 2020 da forddisseche

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli Avvisi per 948 risorse utili a potenziare l’ARPAL. A partire da oggi è attiva la procedura telematica.  

  
 

La Regione informa che sulla Gazzetta Ufficiale Serie concorsi n. 61 del 07/08/2020 sono stati pubblicati gli estratti dei seguenti avvisi di selezione a tempo indeterminato utili al potenziamento e alla strutturazione dell’Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro (ARPAL):

 
  • N. 578 posti di istruttore del mercato del lavoro, cat. C1”;
  • N. 26 posti di istruttore amministrativo, cat. C1;
  • N. 20 posti di tecnico informatico, cat. C1”;
  • N. 20 posti di tecnico informatico statistico, cat. C1”;
  • N. 8 posti di istruttore contabile, cat. C1;
  • N. 16 posti di specialista informatico statistico, cat. D1”;
  • N. 14 posti di esperto service designer, cat. D1”;
  • N. 14 posti di specialista in rapporto con i media, cat. D1;
  • N. 178 posti di specialista in mercato e servizi per il lavoro, cat. D1;
  • N. 16 posti di analista mercato del lavoro - esperto in valutazione delle performance ed in analisi e valutazione delle politiche pubbliche, cat. D1”;
  • N. 16 posti di specialista informatico, cat. D1”;
  • N. 2 posti di istruttore direttivo contabile, cat. D1”;
  • N. 16 posti di specialista in comunicazione, cat. D1”;
  • N. 16 posti di esperto in valutazione delle performance ed in analisi e valutazione delle politiche pubbliche, cat. D1”;
  • N. 8 posti di istruttore direttivo amministrativo, cat. - d1”;
 

Pertanto, a partire da oggi, 8 agosto 2020, è disponibile il link per l'invio telematico della domanda di partecipazione nella sezione Concorsi presente nella Home page del Portale ARPAL Puglia sotto la voce “Concorsi G.U. n. 61 del 07/08/2020”.

 

Per qualsiasi informazione, si invita ad inoltrare richiesta scritta ESCLUSIVAMENTE alla mail: protocollo@arpal.regione.puglia.it.

 
 
 

Vieste /....e niente, le piccole tartarughine del Parco Archeologico vi invitano ad andarle a trovare nel loro habitat

Post n°26822 pubblicato il 09 Agosto 2020 da forddisseche

L'immagine può contenere: pianta, spazio all'aperto e natura
Polo Culturale Vieste

....e niente, le piccole tartarughine del Parco Archeologico vi invitano ad andarle a trovare nel loro habitat naturale dell’area naturalistica della “Salata”, una vera oasi.....vi aspettiamo tutti i giorni su prenotazione

👏🤩

Vieste, una miniera di cultura, ritorna con la sua storia millenaria. 🏛

Venite a vivere gli spazi della cultura del Museo Civico Archeologico “M.Petrone”e del Parco Archeologico di Santa Maria di Merino “La Salata”.

Noi siamo pronti ad accorgliervi per farvi scoprire o riscoprire la bellezza della nostra collezione archeologica permanente e del nostro meraviglioso Parco Archeologico, immerso nella biodiversità del Parco Nazionale del Gargano.

Giorni, orari, turni delle visite guidate:

📣Parco Archeologico di Santa Maria di Merino:
- Dal 1 luglio 2020 al 11 settembre 2020: dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00.
- Dal 14 settembre 2020 al 30 settembre 2020: dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 18.00.

N.B.- Dal 1 luglio 2020 al 30 settembre 2020: Tutti i giorni su prenotazione

📣Museo Civico Archeologico “M.Petrone”
- Dal 1 luglio 2020 al 30 agosto 2020: dal lunedì al venerdì dalle 18.00 alle 22.00.
- Dal 1 settembre 2020 al 11 settembre 2020: dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 20.00.
- Dal 14 settembre 2020 al 30 settembre 2020: il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00.

N.B.- Dal 1 luglio 2020 al 30 settembre 2020: Tutti i giorni su prenotazione

⚠️RICORDIAMO CHE LA PRENOTAZIONE E' OBBLIGATORIA
🚸La visita guidata ha il costo di € 2,00.

Per info e prenotazioni
tel 347-6781365

Nota informativa sulle misure di sicurezza che verranno adottate:

Le misure di sicurezza che verranno adottate saranno predisposte attraverso una adeguata informazione che troverete al momento della visita ai luoghi della cultura. E’ stato definito uno specifico piano di accesso per i visitatori ai luoghi d’interesse mediante prenotazione online o telefonica. Il Piano prevede anche un numero massimo di visitatori presenti per regolamentare gli accessi in modo da evitare condizioni di assembramento e aggregazione. Quando opportuno, predisporremo percorsi con aree evidenziate, anche con segnaletica sul pavimento, per favorire il distanziamento interpersonale e che prevedano una separazione tra ingresso e uscita. Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura >37,5 °C. Gli addetti all’accoglienza museale indosseranno la mascherina a protezione delle vie aeree sempre quando in presenza di visitatori e comunque quando non è possibile garantire un distanziamento interpersonale di almeno 1 metro. L’area di contatto tra personale e utenza all’ingresso dei luoghi d’interesse, laddove possibile, sarà delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet. Tutti i fruitori del servizio e gli organizzatori, dovranno lavarsi spesso le mani con soluzioni idro-alcoliche per l’igiene delle mani, messe a disposizione dalla gestione dei luoghi della cultura.

 
 
 

ASLFG/ Sanità a casa scatta il piano per 40 persone

Post n°26821 pubblicato il 09 Agosto 2020 da forddisseche

ASLFG/ Sanità a casa scatta il piano per 40 persone  

  
 

Parte in Capitanata la nuova ADI, assistenza domiciliare in­tegrata. Interessa il 4% della po­polazione over 65, con il nuovo sistema il numero degli assistiti risulta triplicato. Il servizio par­te in via sperimentale per 40 per­sone non autosufficienti, a regi­me a settembre. Piazzolla: «A ca­sa dei pazienti anche la dialisi».

 
 
 

ESTATE A VICO/ Lunedì 10 agosto, nuovo appuntamento con le “Favole nel borgo” di Claudia Laganella.

Post n°26820 pubblicato il 09 Agosto 2020 da forddisseche

ESTATE A VICO/ Lunedì 10 agosto, nuovo appuntamento con le “Favole nel borgo” di Claudia Laganella.  

  
 

Domenica 16 agosto, approfondimento su “Il miracolo rinascimentale” grazie a una conversazione con Anna Maria Cotugno, del Dipartimento Studi Umanistici dell’Università di Foggia.

 

Lunedì 17, a cura di Nicola Angelicchio, si terrà “Sulla mia vita”, poema in nove canti di Nicola Di Monte.

 

Sabato 22 agosto, a cura di Giuseppe Maratea, un appuntamento dedicato alla figura di Francesco Maratea: “Una vita per il giornalismo”.

 

Sabato 29 agosto, Terry Marcantonio, giornalista di Sky Italia presenterà il suo libro intitolato “Lo scultore di nuvole” dialogando con Massimo Montagano.

 

“Siamo soddisfatti di come stia procedendo il programma dell’Estate Vichese”, ha dichiarato Rita Selvaggio, assessore alla Cultura del Comune di Vico del Gargano. “Gli eventi che si sono svolti e quelli che si svolgeranno fino alla fine di agosto sono pensati per garantire la sicurezza anche in un periodo così particolare come quello che stiamo vivendo.

 

La presentazione dei libri e la valorizzazione degli spazi pubblici all’aperto sono forse la maniera migliore per tornare a godersi le piazze, mantenendo un comportamento prudente che risponde alle necessità del distanziamento ma dà anche una risposta alla volontà di far tornare a vivere i nostri centri storici, accogliendo chi viene da fuori e mostrando quanto di bello può offrire il nostro patrimonio storico e architettonico”.

 

“Ringraziamo tutte le persone e le associazioni che stanno collaborando”, ha aggiunto il sindaco di Vico del Gargano, Michele Sementino. “L’Estate Vichese 2020 trae forza anche dalle collaborazioni con le realtà del tessuto associativo, culturale e imprenditoriale di Vico del Gargano”, ha concluso il sindaco.

 
 
 

Vieste/ Proseguono senza sosta le attività di controllo della Beach Patrol - l'unità operativa istituita dal Sindaco .

Post n°26819 pubblicato il 09 Agosto 2020 da forddisseche

Vieste/ Proseguono senza sosta le attività di controllo della Beach Patrol - l'unità operativa istituita dal Sindaco Avv. Giuseppe NOBILETTI.  

  
 

Elevate sanzioni durissime a chi effettua la vendita in spiaggia, con sequestro della merce, delle attrezzature ed anche del veicolo utilizzato.

 

Applicati altresì diversi ordini di allontanamento (DASPO URBANO) - contolli in strutture ricettive e stabilimenti balneari - sequestrati campi da beach volley non autorizzati.

 

L'Unità Operativa Spiagge "Beach Patrol” della Polizia Locale di Vieste, fortemente voluta dal Sindaco Avv. Giuseppe Nobiletti continua senza sosta l'attività di controllo sulle spiagge viestane.

 

Come è ben noto, la costa viestana è molto estesa e conta circa 25 km di litorali sabbiosi che durante la stagione estiva sono meta di turisti provenienti da ogni parte del mondo.

 

Quest'anno il personale della Beach Patrol sta effettuando anche controlli finalizzati a salvaguardare la salute di tutti, garantendo ai signori ospiti una serena vacanza.

 

Controllate strutture ricettive e stabilimenti balneari. Nel corso dei controlli una struttura ricettiva è stata sanzionata ed è stata emessa nei confronti del titolare Ordinanza di Chiusura. Tra i sanzionati vi è anche il titolare di uno stabilimento balneare.

 

Diverse le attività controllate e diversi i sequestri messi in atto, riguardanti occhiali da sole, borse, bracciali, collane, bigiotteria etnica ed anche noci di cocco.

 

La Beach Patrol sta applicando l'ordine di allontanamento c.d. "DASPO URBANO".

 

Sono stati sequestrati due campi da beach volley abusivamente installati sulla spiaggia libera.

 

L'ordine di allontanamento c.d. "DASPO URBANO" una misura amministrativa introdotta nel nostro ordinamento con il Decreto Legge 14/2017, convertito in legge n. 48/2017, e poi modificata con il Decreto Legge 113/2018, convertito in legge 132/2018, che ne ha ampliato l'ambito di applicazione.

 

Il DASPO urbano è qualificato dalla legge come “misura a tutela del decoro di particolari luoghi" e consente di allontanare chi commette violazioni ben precise, che nel caso del Comune di Vieste sono previste ed individuate dal Nuovo Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Vieste, adottato con Delibera di Consiglio Comunale N° 48 del 10.10.2019.

 

Una copia dell'ordine di allontanamento viene trasmessa al Signor Questore competente per territorio. In caso di reiterazione della condotta da parte del trasgressore, il Signor Questore estende l'ordine di allontanamento per un periodo massimo di 12 mesi, o addirittura due anni se il soggetto risulta già condannato per reati contro la persona o il patrimonio. L'inosservanza del divieto imposto dal questore comporta l'arrresto fino a 12 mesi, o addirittura due anni se il soggeto risulta già condannato per reati contro la persona o il patrimonio.

 

Preziosissima è la collaborazione del personale addetto all'assistenza bagnanti in spiaggia come prima cosa che compie una continua attività di formazione tra i bagnanti.

 

E' altresì importante non abbassare la guardia. Il pattugliamento costante deve esserci anche adesso che il fenomeno degli abusivi in spiaggia è quasi completamente debellato.

 

La normativa di riferimento, spiega l'Isp. RICCARDI Pietro coordinatore dell'Unità Operativa Beach Patrol:

 

 

La Regione Puglia ha sempre prestato molta attenzione alle Spiagge, emanando ogni anno puntuali ordinanze che disciplinano l'uso del Demanio Marittimo. Per esempio, l’articolo 4 dell’Ordinanza Balneare 2020 della Regione Puglia approvata con determinazione n. 249 del 21 maggio 2020 della sezione Demanio e Patrimonio prevede che:

 
  1. Sulle aree demaniali marittime della costa pugliese, anche in considerazione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 è vietato:
  2. a)      Campeggiare con tende, roulotte, camper ed altre attrezzature o installazioni impiegate a tal fine, nonché pernottare al di fuori delle aree specificatamente destinate con regolare titolo abilitativo;
  3. b)      Abbandonare a terra o in mare rifiuti di qualunque genere (compresi i mozziconi di sigarette, mascherine e guanti), sia pure contenuti in buste;
  4. c)       Creare, in qualsivoglia maniera, impedimenti pregiudizievoli all’utilizzo da parte dei soggetti diversamente abili;
  5. d)      Transitare e/o sostare con automezzi, motociclette, ciclomotori e veicoli di ogni genere, ad eccezione di quelli di soccorso, di servizio alle forze dell’ordine o di pubbliche Amministrazioni/Enti con specifiche competenze in aree demaniali, di quelli adoperati per la pulizia e la sistemazione delle spiagge, per i tempi strettamente necessari alle relative operazioni, nonché degli ausili utilizzati dai disabili atti a consentire autonomina nei loro spostamenti. Il divieto non si applica alle aree demaniali destinate a parcheggio e viabilità appositamente autorizzate;
  6. e)      Effettuare riparazioni su apparati motore o lavori di manutenzione alle imbarcazioni e a natanti in genere, in violazione alle norme ambientali;
  7. f)       Accendere fuochi o fare uso di fornelli ed allestire pic-nic con tavolini e sedie in aree non allo scopo riservate;
  8. g)      Mettere in pratica qualsiasi attività o comportamento che possa danneggiare i cordoni dunosi e gli habitat naturali ivi estistenti;
  9. h)      Utilizzare attrezzature balneari dopo il tramonto;
  10. i)        Lasciare in sosta natanti fuori dagli spazi autorizzati, ad eccezione di quelli destinati alle operazioni di assistenza e salvamento;
  11. j)        Lasciare sulle spiagge libere, oltre il tramonto del sole, ombrelloni, lettini, sedie sdraio, tende o altre attrezzature comunque denominate;
 

Per quanto riguarda il dispositivo sanzionatorio, occorre far presente che:

 

Come previsto dall’articolo 1161 del Codice della Navigazione, Se l’occupazione di cui al primo comma è effettuata con un veicolo, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 103,00 (1) a euro 619,00 (2); in tal caso si può procedere alla immediata rimozione forzata del veicolo in deroga alla procedura di cui all’articolo 54.In altri casi si può sanzionare in base all’articolo 1164del Codice della Navigazione, Salvo che il fatto costituisca reato o violazione della normativa sulle aree marine protette, chi non osserva i divieti fissati con ordinanza dalla pubblica autorità in materia di uso del demanio marittimo per finalità turistico-ricreative dalle quali esuli lo scopo di lucro, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 100 euro a 1.000euro.

 

In Puglia la legge molto in materia è la Legge Regionale N. 11 del 11.02.1999 ovvero la cosiddetta "Legge sul Turismo".  L'articolo 71 prevede che "è soggetto alla sanzione amministrativa da Euro 1.549,37 a Euro 4.648,11 con sequestro della tenda o roulotte chi dovesse campeggiare nelle aree consentite (Art. 22)." Nel caso in cui il mezzo di pernottamento fosse incorporato alla motrice di trasporto, sarà comminata soltanto la sanzione amministrativa da Euro 3.098,74a Euro 6.197,48.

 

L’articolo 37 della Legge Regionale 16 Aprile 2015 N° 24, in sintonia con quanto già previsto dall’articolo 28 comma 9 del Decreto Legislativo 114/98 prevede che, l’esercizio del commercio su aree pubbliche lungo il lido del mare e la spiaggia, nelle rade e nei porti è consentito ai titolari di autorizzazione per il commercio su aree pubbliche solo previo permesso dell’autorità marittima competente e alle condizioni da essa previste. Per quanto concerne il dispositivo sanzionatorio, l’articolo61 comma 3 della Legge Regionale 16 Aprile 2015 N° 24 prevede in tali circostanze, una sanzione amministrativa da euro duemilacinquecento ad euro quindicimila e la chiusura immediata dell’esercizio. Il comma successivo, prevede altresì nel caso di operatori su aree pubbliche la chiusura è integrata dal sequestro cautelare delle attrezzature e delle merci e alla successiva confisca delle stesse, nonché degli automezzi usati dai sanzionati, ai sensi della legge 24 novembre 1981 n. 689 (modifiche al sistema penale). Vendere merce contraffatta è reato e chi lo fa rischia il carcere, chiaramente oltre al sequestro della merce e delle attrezzature. L’imputazione che ne deriva è quella prevista dal combinato disposto degli articoli 648 e 474 Codice Penale. L’articolo 648 Codice Penale titolato “ricettazione” prevede che “fuori dei casi di concorso nel reato, chi, al fine di procurare a sè o ad altri un profitto, acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto, o comunque si intromette nel farle acquistare, ricevere od occultare, è punito con la reclusione da due ad otto anni e con la multa da 516 euro a 10.329 euro. La pena è della reclusione sino a sei anni e della multa sino a 516 euro, se il fatto è di particolare tenuità. Le disposizioni di questo articolo si applicano anche quando l’autore del delitto, da cui il denaro o le cose provengono, non è imputabile o non è punibile ovvero quando manchi una condizione di procedibilità riferita a tale delitto”. L’articolo 474 Codice Penale titolato “Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi” prevede che “chiunque, fuori dei casi di concorso nei delitti preveduti dall’articolo precedente, introduce nel territorio dello Stato per farne commercio, detiene per vendere, o pone in vendita, o mette altrimenti in circolazione opere dell’ingegno o prodotti industriali, con marchi o segni distintivi, nazionali o esteri, contraffatti o alterati, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a lire quattro milioni. Si applica la disposizione dell’ultimo capoverso dell’articolo precedente”.

 

Acquistare dagli abusivi – continua Riccardi aiuta a finanziare un mercato illegale da paura”. "Come si fa a per esempio ad acquistare in spiaggia giocattoli di cui non è garantita la sicurezza.  Questi giocattoli, molto spesso sono realizzati con prodotti non sicuri per i nostri bambini e talvolta possono disperdere piccoli frammenti che potrebbero generare potenziali situazioni di pericolo, soprattutto nei confronti dei bambini più piccoli, soprattutto in queste giornate di caldo e relax in cui l’attenzione dei genitori si allenta".

 

Lo stesso vale per i prodotti tessili, uno dei più colpiti dal commercio abusivo. I capi d’abbigliamento recanti marchi contraffatti, molto spesso sono trattati con sostanze chimiche non idonee al contatto con la cute umana, e possono dare origine a fenomeni allergici o di intossicazione o peggio ancora assorbite a livello cutaneo hanno un effetto cancerogeno".

 

Dietro la contraffazione e l'abusivismo si nascondono spesso realtà abominevoli come lo sfruttamento di bambini dei paesi poveri, costretti a lavorare per produrre prodotti contraffatti, piuttosto che giocare o studiare. Acquistare un prodotto contraffatto produce un danno alla collettività ed anche all'acquirente stesso! Acquistare merce contraffatta comporta cali di produzione per aziende "regolari" e quindi perdita di posti di lavoro. Acquistare prodotti contraffatti arreca ingenti danni alle aziende, ma anche allo Stato che attraverso le imposte come tasse e Iva, incamera liquidità che possono essere utilizzate per garantire servizi necessari come sanità, pensioni, scuola……). Inoltre va ricordato che la merce posta in vendita deve avere necessariamente una etichetta in lingua italiana. Acquistare merce contraffatta invece comporta sanzioni da 100 euro fino a 7.000 euro.

 

Chi invece effettua vendita in spiaggia (merce non contraffatta) senza autorizzazione è passibile di una sanzione con pagamento in misura ridotta pari a 5.000 euro, con il sequestro della merce e delle attrezzature.

 

In spiaggia bisogna fare particolare attenzione Per quanto concerne il delicatissimo argomento “rifiuti”, occorre ricordare alcune sanzioni previste:

 

La norma principale è il Decreto Legislativo 3 aprile 2006n. 152. Abbandonare rifiuti, comporta una sanzione da € 300,00 ad €3.000,00 se la violazione è commessa da un cittadino qualsiasi. Se tali rifiuti sono “pericolosi” la sanzione è raddoppiata. Se la stessa violazione è commessa da una Ditta ci saranno conseguenze di natura Penale e pertanto più gravi. Il conferimento irregolare di ingombranti ai sensi dell'Ordinanza del Signor Sindaco di Vieste n. 106 del 1° giugno 2017 con riferimento alla Delibera di Giunta del Comune di Vieste n. 100 del 31 maggio 2017 comporta una sanzione di € 400,00.Nel mirino non c’è solo chi abbandona gli ingombranti, bensì anche coloro che non fanno la raccolta differenziata o che la fanno male. E’ inaccettabile il fatto di ritrovarsi un armadio, una lavatrice o un materasso in un cassonetto dei rifiuti e non si fanno sconti a nessuno. Per questo motivo l’Unità Operativa Beach Patrol della Polizia Locale di Vieste, sta utilizzando con l’aiuto dei volontari Guardie Ecologiche Volontarie di Capitanata, un sistema di videosorveglianza mobile composto da fototrappole, acquistate grazie al Sindaco Avv. Giuseppe Nobiletti, all’Assessore Vincenzo Ascoli e al Dirigente Dott. Luigi Vaira. E’ inammissibile oggi accertare l’abbandono di R.A.E.E. sul nostro territorio, quando è sufficiente consegnare l’elettrodomestico vecchio al commerciante che ci sta vendendo quello nuovo, che lo ritirerà gratuitamente con il sistema “1 contro 1” previsto dal Decreto Legislativo 49/2014 e dal Decreto Ministeriale 65/2010. Addirittura per quanto concerne piccoli rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (lato lungo massimo 25centimetri) gli stessi possono essere conferiti gratuitamente e senza obbligo di acquisto presso supermercati, centri commerciali, grande distribuzione, con il sistema “1 contro 0” previsto dal Decreto Legislativo 49/2014 e dal Decreto Ministeriale 121/2016.Gettare piccoli oggetti come scontrini, gomme da masticare, su una pubblica via comporta una sanzione da € 30,00 ad € 150,00. Se si tratta di mozziconi di sigarette la sanzione è raddoppiata.

 

Illustrissimi Dirigenti della Polizia Locale Italiana hanno sottolineato ed apprezzato l’impegno posto in essere dalla Beach Patrol di Vieste per il rispetto della legalità nell’accezione del termine ed hanno ritenuto di dare atto, sulle testate di categoria, e non solo, con apprezzabili e doverose considerazioni su tale ulteriore impegno istituzionale. Sulla rivista Crocevia, punto di riferimento per la Polizia Locale Italiana, il Comandante Domenico Giannetta della Polizia Locale di Atripalda, docente della Scuola di Polizia Locale Regione Campania ed autore di diversi testi, ha  scritto una lunga nota per rappresentare e condividere l’operato della nostra unità operativa, sottolineando ed evidenziando le condivisibili strategie d’azione messe in atto nell’espletamento del servizio. In questi giorni sul portale online “Unione della Polizia Locale Italiana”, una delle prime associazioni di polizia locale italiana, si può leggere un articolo di vero apprezzamento redatto, in condivisione, da due tra i Dirigenti di polizia locale più considerati in campo nazionale e precisamente il dr. Domenico Carola, membro della Commissione di riforma del Codice della Strada, redattore della Guida al Diritto de Il Sole 24 Ore, docente di Diritto e della Circolazione del Traffico, fondatore e docente della Scuola di Polizia Locale della Regione Campania, Abruzzo e Calabria e il dr. Massimiliano Mancini, noto criminologo esperto in psicologia investigativa, giudiziaria e penitenziaria e già Dirigente della Polizia Provinciale e Locale di Frosinone.

 

Per segnalazioni: Comando Polizia Locale di Vieste tel. 0884708014

 

Email Beach Patrol: plvieste@gmail.com

 

 

 

Dal Comando Polizia Locale di Vieste

 
 
 

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli Avvisi per 948 risorse utili a potenziare l’ARPAL. A partire da oggi è attiva la procedura

Post n°26818 pubblicato il 08 Agosto 2020 da forddisseche

Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli Avvisi per 948 risorse utili a potenziare l’ARPAL. A partire da oggi è attiva la procedura telematica.  

  
 

La Regione informa che sulla Gazzetta Ufficiale Serie concorsi n. 61 del 07/08/2020 sono stati pubblicati gli estratti dei seguenti avvisi di selezione a tempo indeterminato utili al potenziamento e alla strutturazione dell’Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro (ARPAL):

 
  • N. 578 posti di istruttore del mercato del lavoro, cat. C1”;
  • N. 26 posti di istruttore amministrativo, cat. C1;
  • N. 20 posti di tecnico informatico, cat. C1”;
  • N. 20 posti di tecnico informatico statistico, cat. C1”;
  • N. 8 posti di istruttore contabile, cat. C1;
  • N. 16 posti di specialista informatico statistico, cat. D1”;
  • N. 14 posti di esperto service designer, cat. D1”;
  • N. 14 posti di specialista in rapporto con i media, cat. D1;
  • N. 178 posti di specialista in mercato e servizi per il lavoro, cat. D1;
  • N. 16 posti di analista mercato del lavoro - esperto in valutazione delle performance ed in analisi e valutazione delle politiche pubbliche, cat. D1”;
  • N. 16 posti di specialista informatico, cat. D1”;
  • N. 2 posti di istruttore direttivo contabile, cat. D1”;
  • N. 16 posti di specialista in comunicazione, cat. D1”;
  • N. 16 posti di esperto in valutazione delle performance ed in analisi e valutazione delle politiche pubbliche, cat. D1”;
  • N. 8 posti di istruttore direttivo amministrativo, cat. - d1”;
 

Pertanto, a partire da oggi, 8 agosto 2020, è disponibile il link per l'invio telematico della domanda di partecipazione nella sezione Concorsi presente nella Home page del Portale ARPAL Puglia sotto la voce “Concorsi G.U. n. 61 del 07/08/2020”.

 

Per qualsiasi informazione, si invita ad inoltrare richiesta scritta ESCLUSIVAMENTE alla mail: protocollo@arpal.regione.puglia.it.

 
 
 

Il Maggiore Eliseo Mattia Virgillo, (ex comandante della Tenenza di Vieste), ora a capo della Compagnia dei Carabinieri di Nova

Post n°26817 pubblicato il 08 Agosto 2020 da forddisseche

Il Maggiore Eliseo Mattia Virgillo, (ex comandante della Tenenza di Vieste), ora a capo della Compagnia dei Carabinieri di Novara, è stato promosso al grado di Tenente Colonnello.  

  
 

Di origini calabresi, 49 anni, maturità classica e lauree in giurisprudenza e in scienze dell’amministrazione, sposato e padre di due figli, l'ufficiale superiore, arruolatosi nell’Arma nel 1992, prima di giungere a Novara ha comandato la Tenenza di Vieste, la Terza Sezione del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Salerno e la Compagnia di Cento (FE).

 

Il Tenente Colonnello Virgillo è l’ufficiale più elevato in grado che abbia mai diretto la Compagnia novarese, il cui livello di comando è stato elevato a seguito della riforma ordinativa del 1° gennaio 2019.

 
 
 

Regione/ Turismo e Cultura. Giunta stanzia 50 milioni per supportare aziende in grave difficoltà

Post n°26816 pubblicato il 08 Agosto 2020 da forddisseche

Regione/ Turismo e Cultura. Giunta stanzia 50 milioni per supportare aziende in grave difficoltà  

  
 

50 milioni di euro per il Turismo e la Cultura in Puglia. È   quanto approvato nella sua seduta di ieri, dalla Giunta regionale varando una nuova misura, interamente a fondo perduto, con cui la Regione intende supportare le piccole e medie imprese pugliesi ad ammortizzare i costi fissi - a partire dal lavoro - che hanno comunque dovuto sostenere nei lunghi mesi di lockdown a fronte di un crollo della domanda e dei fatturati.

 

L’approvazione in Giunta innesca ora per gli Uffici di formulare,la fase della formulazione dei relativi avvisi pubblici.

 

Dei 50 milioni stanziati, 40 sono al comparto del Turismo e 10 a quello della Cultura.

 

In particolare, alle imprese che, nel periodo compreso tra il 1° febbraio e il 31 agosto 2020, hanno subito una perdita di fatturato compresa tra il 40% e il 100% rispetto al corrispondente periodo del 2019, sarà riconosciuto un contributo compreso tra il 50% e il 90% dei costi fissi effettivamente sostenuti. L’importo sarà proporzionato al numero di Unità Lavorative per occupate nel periodo 1° marzo 2019 – 29 febbraio 2020.

 

Per le imprese del Turismo, potranno partecipare, con contributi compresi tra 20 mila e 80 mila Euro: alberghi e strutture simili (fino a un massimo di 80mila euro), villaggi turistici, ostelli della gioventù, affittacamere, case e appartamenti vacanze, bed & breakfast, residence, campeggi e aree attrezzate per camper e roulotte (fino a un massimo di € 35 mila euro), agenzie di viaggio e tour operator (fino a un massimo di 20mila euro).

 

Il 10% della sovvenzione totale sarà erogato solo a condizione che il numero di lavoratori che l’impresa ha impiegato nel periodo di osservazione (1° giugno 2020 - 31 maggio 2021) sia uguale o superiore a quello dichiarato in fase di accesso (per il periodo 1° marzo 2019 – 29 febbraio 2020).

 

Per le imprese della Cultura e della Creatività, potranno accedere alla misura, con contributi compresi tra 5 mila e 65 mila euro in funzione dei lavoratori occupati, tutte le attività che si occupano di: commercio di libri in esercizi specializzati, commercio al dettaglio di musica e video, edizione di libri, produzione, post-produzione e distribuzione cinematografica, di video e programmi tv, distribuzione cinematografica e di programmi tv, proiezione cinematografica, attività fotografiche e di fotoreporter, noleggio di strutture e attrezzature per manifestazioni e spettacoli, organizzazione di convegni e fiere, gestione di strutture artistiche, rappresentazioni artistiche, di divertimento e parchi tematici, biblioteche e archivi, di musei, di gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili.

 

Le istanze potranno essere presentate esclusivamente tramite piattaforma informatica dedicata, a partire dalla data individuata negli avvisi pubblici di prossima pubblicazione.

 
 
 
 
 

Stagione venatoria: in Puglia dal 20 settembre al 31 gennaio 2021

Post n°26814 pubblicato il 07 Agosto 2020 da forddisseche

Stagione venatoria: in Puglia dal 20 settembre al 31 gennaio 2021  

  
 
Approvato dalla Giunta regionale, il Calendario venatorio regionale 2020-2021. La delibera fissa l’apertura generale della stagione venatoria al 20 settembre
 
2020 con il termine al 31 gennaio 2021 per i residenti nella Regione Puglia. Per tutti gli altri, invece, in possesso di autorizzazioni annuali o di permessi giornalieri degli ATC pugliesi, l’esercizio venatorio è consentito da domenica 4 ottobre 2020 fino a mercoledì 30 dicembre 2020. La delibera approva, tra le altre cose, le modalità, i periodi, giorni e modi di caccia consentiti, nonché le
 
attività venatorie nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS) e di interesse comunitario (SIC).

 
 
 

A Vico, storie di donne che fecero vincere la vita. Domani la presentazione del libro di Katia Ricci: “Lupini violetti dietro..

Post n°26813 pubblicato il 07 Agosto 2020 da forddisseche

A Vico, storie di donne che fecero vincere la vita. Domani la presentazione del libro di Katia Ricci: “Lupini violetti dietro il filo spinato”  

  
 

Storie straordinarie, la forza di donne che affrontarono l’orrore facendo vincere la vita attraverso arte, creatività, volontà insopprimibile di esprimersi anche di fronte alla negazione della libertà. Sabato 8 agosto, alle 21.30, Piazzetta del Conte a Vico del Gargano ospiterà la presentazione di “Lupini violetti dietro il filo spinato”, libro di Katia Ricci: l’introduzione e la lettura dei brani sarà a cura di Michele Angelicchio, mentre l’autrice dialogherà con Rosa Serra; la lettura delle poesie dal testo sarà affidata a Titti Affannoso Amicolo; saranno proiettate delle diapositive.

 

"Il titolo del libro”, ha spiegato Katia Ricci, “è tratto da una lettera di Etty Hillesum scritta durante il suo internamento a Westerbork in cui esprime la sua capacità di cogliere la bellezza anche in condizioni estreme. Da Ravensbrück ci sono pervenuti fortunosamente disegni e poesie di donne che, nonostante le sofferenze, le violenze e le privazioni a cui erano sottoposte, hanno mantenuto la loro umanità ricorrendo alla creatività e alle relazioni in una dimensione di trascendenza per riaffermare il primato della vita”.

 

 “Le prigioniere, utilizzate come schiave nelle fabbriche di guerra, erano detenute per reati comuni, politiche di varia nazionalità che militavano in organizzazioni antifasciste, ebree, zingare, omosessuali. Che cosa ha spinto quelle donne a comporre poesie e a disegnare clandestinamente in un luogo in cui rischiavano la vita soltanto per procurarsi un pezzetto di carta o un mozzicone di matita? Certo c'era il desiderio di testimoniare, ma sicuramente c'è anche molto altro. Incredibile la sproporzione tra la disumana realtà del campo e il desiderio di fare arte: la prima mirava ad annullare la personalità, il secondo, invece, a rafforzare la consapevolezza di sé perché l'arte è frutto ed esaltazione della singolarità.

 

La volontà di sopravvivere, di lasciare una traccia di sé, di non essere ingoiata dalla mostruosità del campo dava a quelle poetesse e artiste la forza di esprimersi. La poesia, così come il disegno, si prestava a descrivere l'esperienza di sofferenza e di disperazione, ma anche a realizzare l'insopprimibile bisogno di bellezza, sia per la forma sintetica sia per la possibilità di tradurre in immagine un discorso che altrimenti sarebbe stato incomprensibile se misurato con lo strumento della logica.

 

Leggendo le testimonianze delle sopravvissute e ripensando alla mia storia personale e alle donne sottoposte in varia misura al potere patriarcale è nato dentro di me il desiderio di uscire dal vittimismo, pur consapevole dell'ingiustizia della condizione femminile, per approdare alla certezza che la coscienza del proprio essere donna quando è all'opera dà frutti anche in ambienti aridi e ostili, appena trova un po' di terreno in cui attecchire.

 

È stato, dunque, un viaggio dall'orrore alla creatività, dal vittimismo al senso di sé, dalla disperazione alla speranza di riuscire sempre a conservare e agire la propria umanità e la fedeltà a sé nel posto e nella vita in cui ci è dato di stare”.

 
 
 

Vieste, barca a vela in difficoltà a causa del vento. Equipaggio tratto in salvo da Guardia Costiera e VVFF

Post n°26812 pubblicato il 07 Agosto 2020 da forddisseche

Vieste, barca a vela in difficoltà a causa del vento. Equipaggio tratto in salvo da Guardia Costiera e VVFF  

  
 

E' andata bene ad un gruppo di diportisti a bordo di una barca a vela in difficoltà a causa del forte vento nei pressi di Baia San Felice a Vieste. Gli specialisti vigili del Fuoco del soccorso acquatico del distaccamento di Vieste sono intervenuti insieme agli uomini della Guardia Costiera, dopo la richiesta di soccorso da parte dell'equipaggio dell'imbarcazione. I velisti sono stati tratti in salvo e accompagnati nel porto di Vieste.

 
 
 

Eccellenza/ L'ATLETICO VIESTE AVRÀ ANCORA IL SUO NUMERO 10

Post n°26811 pubblicato il 07 Agosto 2020 da forddisseche

Eccellenza/ L'ATLETICO VIESTE AVRÀ ANCORA IL SUO NUMERO 10  

  
 

Dopo vari incontri interlocutori, conclusi poi con la tanto attesa fumata bianca, il presidente Pasquale Tantimonaco e la dirigenza tutta sono lieti di comunicare la riconferma del fantasista dal sinistro magico Angelo Colella.

 

Centrocampista classe 1987, nativo di Rocchetta Sant'Antonio, Colella, muove i suoi primi passi da calciatore sul campo della sua città natale, sotto gli occhi attenti di un mister speciale, suo padre Antonio. Il debutto con i grandi risale al 2005/06 con la maglia del Bovino in Prima Categoria. Tre stagioni sempre giocate da titolare dove mette in mostra tutte le sue grandissime qualità da interno di centrocampo capace di dettare alla perfezione i tempi di gioco e di farsi trovare sempre pronto in zona gol.

 

Nel 2008/09 passa all'Atletico Vieste in Promozione: è l'inizio di un lungo idillio durato la bellezza di quasi 9 stagioni. Con i garganici conquista l'Eccellenza nel 2010/11 e questa categoria non l'abbandona più. Con il tempo affina la sua tecnica capace di illuminare anche le giornate più buie dei biancazzurri ed il suo carisma lo porta ad essere rispettato e riconosciuto sui campi di tutta la Puglia.

 

Quasi 9 anni con l'Atletico Vieste perché agli albori di quattro stagioni fa viene tesserato per l'Audace Cerignola, ma l'avventura in terra ofantina dura solo un paio di mesi prima di far ritorno sul Gargano. Tre anni fa ha vestito per metà anno la casacca del Corato, prima di far ritorno nel mercato dicembrino, ancora una volta, nella "sua" Vieste dove mette a segno anche 3 reti. Nella passata stagione invece Colella è stato tra i protagonisti della squadra siglando a referto anche 5 marcature.

 

Bentornato, Angelo!

 Antonio D’Aprile

 
 
 

Vieste/ Chiesa di San Lorenzo Scintille di cielo nella Notte di San Lorenzo

Post n°26810 pubblicato il 07 Agosto 2020 da forddisseche

Vieste/ Chiesa di San Lorenzo Scintille di cielo nella Notte di San Lorenzo  

  
 

San Lorenzo, popolare diacono della Chiesa, secondo la tradizione è morto martire a Roma il 10 agosto 258, arso vivo su una graticola.

 

La notte di san Lorenzo è tradizionalmente associata al fenomeno delle stelle cadenti, considerate evocative dei carboni ardenti su cui il santo fu martirizzato.

 

Esse scendendo sulla terra, creano un’atmosfera carica di speranza a servizio della Chiesa e dei poveri.

 

 

 

7/8 Agosto 2020

 

 Ore 18,30: Santa Messa in preparazione alla Festa di San Lorenzo

 

10 Agosto 2020

 

Ore 21,30: Santa Messa solenne celebrata nello spazio antistante.

 

 N.B. Nel rispetto delle norme di prevenzione del contagio da coronavirus, quest’anno non avranno luogo la fiaccolata notturna, la festa folk e l’osservatorio stellare.

 
 
 

Al via il progetto pilota ForGargano. Per la tutela delle specie boschive autoctone

Post n°26809 pubblicato il 07 Agosto 2020 da forddisseche

Al via il progetto pilota ForGargano. Per la tutela delle specie boschive autoctone  

  
 

“La sicurezza idrogeo­logica del Paese è strettamente connessa alla ma­nutenzione dei territori montani, dove è indispens­abile creare le condizioni per la permanenza del pre­sidio umano”.

 

Cosi’ Fran­cesco Vincenzi, presiden­te dell’Associazione nazi­onale dei consorzi di boni­fica ed irrigazione (Anbi), che prosegue: “Per questo guardiamo con particolare attenzione al progetto pi­lota ForGargano, che inter­essa lo sperone d’Italia”.

 

Ha preso il via, con il posizionamen­to di trappole a ferormoni soprattutto per gli insetti defogliatori, il progetto pilota ForGargano, finanziato dalla Regione Pug­lia nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020. Ne e’ sog­getto capofila il Consorzio di bonifica montana del Gargano, in partenariato con l’ente Parco nazionale del Gargano, l’Universi­tà’ di Foggia (dipartimento di Agraria) ed alcuni soggetti privati.

 

L’obbiettivo del progetto, che interessa l’area fra Ischitella e Vico del Gargano, è quello di implementare sistemi e metodi innova­tivi per migliorare la redditività’ delle aziende agricole, fornen­do loro gli strumenti per rendere più efficienti e remunerative le attività boschive. In tal modo - si legge in una nota - verrà pro­mossa la valorizzazione e la tutela delle risorse forestali, favoren­done il mantenimento e la cura, in osservanza del Piano del Par­co, delle linee di gestione delle Aree “Natura 2000” e delle linee guida per la Gestione Sostenibile delle Risorse Forestali e Pasto­rali nei Parchi Nazionali.

 

La novità del progetto è il coinvolgi­mento diretto di aziende agricole che saranno istruite sulle rica­dute anche economiche di una corretta gestione del patrimonio boschivo: dalla produzione di energia per autoconsumo, alle at­tività turistiche fino al restauro delle foreste, utilizzando piante ed arbusti locali (roverella, cerro, faggio, pino d’Aleppo, orniel­lo, biancospino), nonché applicando tecniche di ingegneria nat­uralistica con importanti ricadute sull’equilibrio idrogeologico.

 

“Se la valorizzazione forestale - commenta Massimo Gargano, di­rettore generale di Anbi - fa parte degli asset di quei Consorzi di bonifica chiamati a gestire i territori alti anche in Calabria, Si­cilia, Toscana, Emilia Romagna, altrettanto deve dirsi per i tan­ti boschi planiziali, creati da enti consortili nelle aree di pianura.

 

Unitamente alle oasi naturalistiche compongono quella missione ambientale che ha un’importante complemento nel Piano di Adat­tamento ai Cambiamenti Climatici, presentato da Anbi con oltre 3.800 progetti definitivi ed esecutivi, capaci di creare quasi 55mila posti di lavoro con un investimento di circa 11 miliardi di euro”.

 

“Il progetto ForGargano - sottolinea il presidente del Consorzio di bonifica montana del Gargano, Eligio Giovan Battista Terrenzio - ben si coniuga con un’altra importante iniziativa dell’ente, os­sia il progetto pilota per la valorizzazione della filiera legno-bos­co-energia: sono due strumenti, che potranno sinergicamente ga­rantire la tutela dei pregevoli ecosistemi del promontorio in un quadro di sviluppo economico, sostenibile e responsabile”.

 
 
 

GALGargano/ Risorse economiche a fondo perduto per le imprese del Gargano con l'intervento 3.2 "

Post n°26808 pubblicato il 07 Agosto 2020 da forddisseche

GALGargano/ Risorse economiche a fondo perduto per le imprese del Gargano con l'intervento 3.2 "creazione di start-up extra - agricole"  

  
 

Questo intervento, rivolto agli agricoltori e alle micro e piccole imprese (in possesso dei codici ateco ammissibili) mira ad incentivare gli investimenti per attività di diversificazione aziendale ed economica necessaria per la crescita, l’occupazione e lo sviluppo sostenibile del Gargano.

 

Costi ammissibili:

 
  • Adeguamento, rifunzionalizzazione e/o miglioramento di beni immobili
  • Acquisto di nuovi macchinari e attrezzature
  • Acquisto supporti hardware e software
  • Spese generali nel limite del 10% dei costi ammissibili
 L'investimento massimo ammissibile è di euro 70.000, con contributo a fondo perduto del 50% (per un massimo di 35.000 euro). 

Il termine per il rilascio delle DDS è fissato al 21.09.2020 (ore 23:59). La documentazione cartacea dovrà essere presentata presso gli Uffici del GAL Gargano entro e non oltre la data del giorno 23.09.2020. Il termine per l’inoltro dei modelli 1 e 2 è fissato al giorno 16.09.2020.

 

Per ogni altro dettaglio, vi rimandiamo al bando (e i suoi allegati) pubblicato sul sito del GAL.

 
 
 

Confesercenti Vieste/ I controlli su occupazioni di spazio pubblico, e quelli sul porto?

Post n°26807 pubblicato il 07 Agosto 2020 da forddisseche

Confesercenti Vieste/ I controlli su occupazioni di spazio pubblico, e quelli sul porto?  

  
 

Apprendiamo da testate giornalistiche locali che saranno predisposti controlli capillari delle occupazioni di spazio pubblico a servizio delle attività commerciali, con particolare riferimento a quelle di somministrazione alimenti e bevande, nel comune di Vieste.

 

La Confesercenti sede di Vieste auspica che detti controlli siano estesi anche all'ambito portuale, dove ormai sembra regnare sovrana una totale e generalizzata anarchia e confusione.

 

Al punto tale che si utilizzano transenne di proprietà del Comune di Vieste, quindi beni pubblici, per impedire persino il mero transito pedonale lungo la banchina del molo di soprafllutto, in aperta e palese violazione della vigente ordinanza dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste - la n. 13 del 2020 - che regola la viabilità nel porto di Vieste, per garantire (forse in cambio di una lauta mancia all'ormeggiatore di turno) la riservatezza e la serenità di qualche facoltoso proprietario di yacht ivi ormeggiato.

 

Sostenendo incredibilmente, tra l'altro, che parte del porto turistico di Vieste, sia proprietà privata. (!?!)

 

Siamo certi che il Sindaco del comune di Vieste, unitamente al Comandante dell'Ufficio Circondariale Marittimo, attiveranno ogni utile procedura di propria competenza atta a garantire il rigoroso rispetto della legalità.

 

Saverio Prencipe

 

Confesercenti Vieste

 
 
 

Basket Serie C Gold/ Ecco il secondo colpo di mercato della Bisanum Viaggi Vieste

Post n°26806 pubblicato il 06 Agosto 2020 da forddisseche

Basket Serie C Gold/ Ecco il secondo colpo di mercato della Bisanum Viaggi Vieste  

  
 

Il primo nuovo straniero per la prossima stagione è Nick Schlitzer, play/guardia di 198 centimetri, 27 anni, proveniente dal massimo campionato britannico dove nell’ultima stagione ha militato nel Newcastle con una percentuale al tiro del 39% (31,3 da oltre l’arco, 38,6 da 2 e 87,5 dalla lunetta).

 

Giocatore duttile, in grado di giocare nel doppio ruolo, dotato di un ottimo tiro dalla lunga e dalla media distanza, dal 2011 al 2015 ha disputato il campionato universitario statunitense a Philadelphia dove ha avuto una media di 14 punti a partita.

 

Entusiasta di questa nuova avventura, Nick non vede l’ora di incontrare lo staff tecnico e i nuovi compagni di squadra e di scoprire la nostra bellissima Vieste.

 

Welcome Nick.

 
 
 

Vieste - Al via i controlli sulle regolari occupazioni dei suoli pubblici

Post n°26805 pubblicato il 06 Agosto 2020 da forddisseche

Vieste - Al via i controlli sulle regolari occupazioni dei suoli pubblici  

  
 

Partiranno in questi giorni i controlli sul regolare utilizzo del suolo pubblico da parte della attività commerciali viestane. Come si ricorderà, il Governo ha disposto l’esenzione della Cosap (il canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche) per bar e ristoranti, estesa dal Comune di Vieste a tutte le tipologie di negozi; ma per evitare l’uso smisurato e non controllato degli spazi pubblici, è comunque necessaria una richiesta di autorizzazione da presentare agli uffici comunali, con tanto di planimetria indicante le aree occupate. Molte attività commerciali hanno approfittato della gratuità per chiedere l’ampliamento dello spazio pubblico da occupare, tutte autorizzate dal Comune.

 

“A breve partiranno i controlli per verificare il corretto utilizzo degli spazi concessi – comunica l’ispettore della Polizia Locale di Vieste Danilo Forte – in ottemperanza al nuovo articolo 20 del Codice della Strada. Gli eventuali trasgressori saranno puniti con una sanzione che varia da 173 a 695 Euro. Considerato il delicato momento che stiamo attraversando – ha concluso l’ispettore Forte – confido nella correttezza dei titolari di concessione degli spazi pubblici anche vista l’opportunità che hanno avuto di poter chiedere più aree del solito senza dover spendere un centesimo”.

 
 
 

La Regione allarga i lidi. Più spazio agli ombrelloni. Gli stabilimenti potranno usare anche le aree confinanti.

Post n°26804 pubblicato il 06 Agosto 2020 da forddisseche

La Regione allarga i lidi. Più spazio agli ombrelloni. Gli stabilimenti potranno usare anche le aree confinanti.  

  
 

Gli stabilimenti balneari potranno «allargarsi» per un mese, utilizzando - previa autorizzazione del Comune - le aree contigue inu­tilizzate. La giunta regionale lancia una scialuppa di .salvataggio ai ge­stori, in particolare a quelli del Sa­lento, con una delibera che - un po’ come accade con i tavolini di bar e ristoranti - consente di ottenere tem­poraneamente più spazio per sdraio e ombrelloni. Anche se questo, in alcuni casi significherà ridurre la spiaggia libera.

 

L’assessore al Demanio, Raffaele Piemontese, garantisce però che non ci saranno conseguenze negative. «La balneazione libera - dice Piemon­tese - è sempre garantita. Parliamo di aree che possono essere utili, nei 15 giorni centrali di agosto, per evitare che serva la raccomandazione per avere trovare un ombrellone.

 

Vo­gliamo andare incontro ai turisti. La concessione demaniale marittima degli stabilimenti non viene modi­ficata». I sindacati dei gestori hanno infatti protestato per via delle con­seguenze del distanziamento: appli­candolo alla lettera il numero degli ombrelloni diminuisce mediamente del 30-40%, non applicandolo si ri­schiano - come avvenuto - multe e sequestri da parte delle Capitanerie.

 

E così è intervenuta la Regione. L’area da occupare in più deve essere «retrostante, antistante o laterale a quella già concessa, senza aumento del fronte mare»; scritta così gli sta­bilimenti che già occupano tutta la profondità della spiaggia in conces­sione non dovrebbero poter avere nuovi spazi.

 

Tuttavia «per partico­lari ragioni connesse alla specificità del territorio, è possibile prevedere concessioni contigue, purché venga­no comunque assicurati accessi alla battigia con la ricorrenza di almeno 150 metri», insomma anche riducen­do la spiaggia libera.

 

In Puglia (dove le concessioni co­prono il 6% della costa balneabile, ovviamente la parte più bella) le or­dinanze della Regione impongono che gli ombrelloni stiano ad almeno tre metri l’uno dall’altro e abbiano a disposizione non meno di 10,2 metri quadrati, distanze difficilissime da rispettare soprattutto in alcune spiagge del Salente dove il problema si è già verificato: alcuni gestori si sono «allargati» senza autorizzazio­ne e sono stati sanzionati.

 

Grazie alla delibera regionale potranno ottene­re, per ora temporaneamente, le aree inutilizzate. «I turisti - fa notare Fa­brizio Santorsola, presidente regio­nale della Fiba Confesercenti - si so­no già abituati positivamente al di­stanziamento, che permette di stare più comodi. La distanza attuale è quella che dal prossimo anno, nel sistema della classificazione degli stabilimenti, permetterà di avere quattro stelle, mentre tornando alle vecchie distanze le stelle sono tre. Ecco perché è possibile che qualcuno decida di mantenere gli ombrelloni distanziati, anche chiedendo in con­cessione le aree relitte».