Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

Benvenuti :)

.

 

MUSICA ITALIANA

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 63
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 

OndaRadio - Redazione San Nicandro Frequenza FM

OndaRadio - Redazione San Nicandro
Frequenza FM 100.9

Ascolta la radio in diretta streaming
Servizio in fase di test, per le segnalazioni info@sannicandro.org

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Premio

 

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

 

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://ondaradio.info/

Ondaradio la radio del Gargano.

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

paco20000laboratoriotvforddissecheQuartoProvvisorioanimegemelle20Quivisunusdepopulolegrin2marzianadgl12pasquale.troiaalosi1poljekprefazione09alecilcarla.bosso
 

Ultimi commenti

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 

 


Nessuna descrizione della foto disponibile.

 

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Hotel Gabbiano Vieste

 

Tutto ciò che l'uomo ha imparato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Tutto ciò che l'uomo ha imparato dalla storia, é che l'uomo dalla storia non ha imparato niente. Hegel"

 

Servo di Dio Don Antonio Spalatro .

 

Messaggi del 16/01/2022

“La Sposa”, stasera su RaiUno la prima puntata girata anche sul Gargano Ultimo aggiornamento Gen 16, 2022

Post n°29040 pubblicato il 16 Gennaio 2022 da forddisseche

“La Sposa”, stasera su RaiUno la prima puntata girata anche sul Gargano 

 
43
 Foto: archivio Internet

Da questa sera, su Rai Uno (ore 21:25), per tre puntate, andrà in onda sulla Rai la nuova fiction “La Sposa” con protagonisti principali Serena Rossi nel ruolo di Maria e Giorgio Marchesi nel ruolo di Italo.
Anche se la storia è ambientata tra la Calabria e il Veneto, in realtà le location sono state scelte tra la Puglia e il Piemonte, coinvolgendo i comuni di Vieste, Monte Sant’Angelo, Peschici, Alessandria, Crescentino, Fontanetto Po.
La storia è ambientata nell’Italia degli anni Sessanta, epoca di grandi cambiamenti sociali in tutti i settori, ed è ancora molto attuale: Maria, giovane donna calabrese, per garantire un futuro migliore alla sua famiglia, deve accettare il “matrimonio per procura” con un rude agricoltore vicentino in lutto per la scomparsa della prima moglie.
Il radicale cambiamento da Nord a Sud, l’ostilità del marito e le difficoltà di integrarsi nel nuovo ambiente non abbattono tuttavia la protagonista, donna tenace e resiliente che saprà lottare per l’emancipazione femminile, la parità di genere e il rispetto delle differenze socio-culturali.
Le riprese sono iniziate a maggio 2021 e terminate a fine luglio.

 
 
 

Vendita delle acque termali, il piano di Margherita di Savoia per il rilancio del territorio

Post n°29039 pubblicato il 16 Gennaio 2022 da forddisseche

Vendita delle acque termali, il piano di Margherita di Savoia per il rilancio del territorio

 

Il consiglio comunale di Margherita di Savoia ha approvato con 11 voti favorevoli, 2 contrari ed un’astensione lo schema di convenzione per il protocollo d’intesa fra Comune, Atisale s.p.a. e Terme di Margherita di Savoia s.r.l. rivolto a sostenere la crescita economica del territorio attraverso un contratto di fornitura di acque madri e fanghi prodotti dalle Saline di Margherita di Savoia per fornire a titolo oneroso a terzi la possibilità di utilizzo di detti materiali per gli usi previsti dalla legge.

In base a tale accordo, il Comune ed Atisale – con l’assenso da parte di Terme di Margherita di Savoia s.r.l. – si obbligano a dare corso ad una trattativa negoziale finalizzata alla stipula di un formale contratto di fornitura avente ad oggetto la cessione al Comune di tali materiali nella misura massima complessiva di 6.000 ettolitri annui di acque madri (eventualmente elevabili, ove necessario, sino a un massimo di 10.000 ettolitri) e di 16.000 litri di fanghi, da cedere a terzi liberamente individuati dal Comune stesso.

 

“Si tratta – ha dichiarato il sindaco di Margherita di Savoia, Bernardo Lodispoto – di un punto di partenza sul piano normativo per realizzare una sinergia molto importante per l’intera collettività. Per la prima volta il Comune di Margherita di Savoia, la società Atisale s.p.a. e le Terme di Margherita di Savoia s.r.l. si sono sedute attorno a un tavolo per sviluppare un rapporto paritetico e provare a disegnare una futura strategia di sviluppo economico mettendo un punto fermo a questa annosa vicenda. È un primo passo che stiamo compiendo in questa direzione, ma vorrei prima fare qualche puntualizzazione: dal 2010 ad oggi c’è stata forse qualche amministrazione comunale, prima di questa, ad occuparsi realmente di termalismo? Negli ultimi trent’anni in tanti si sono riempiti la bocca di parole sulla liberalizzazione delle acque madri senza avere la minima cognizione di causa. Noi abbiamo messo mano ai documenti, scoprendo anche verità rimaste sconosciute ai più: ci siamo rivolti all’Agenzia del Demanio per avere chiarimenti e ci è stato risposto che la competenza dei materiali da impiegare a scopo igienico e curativo è transitata in Atisale e che, in virtù di due provvedimenti risalenti al 2004 ed al 2006 ed emessi dagli allora rappresentanti legali pro tempore di Atisale, non vi è la possibilità di cedere per uso terapeutico fanghi ed acque madri ad altri soggetti pena il pagamento di una gravosa penale. Va altresì ricordato che il Demanio ha definito tali atti ‘illegittimi’. Di certo chi, a suo tempo, ha ritenuto di dover concedere in esclusiva questo privilegio non ha reso un buon servizio al paese. Ci siamo dunque trovati di fronte a due ostacoli: uno di tipo normativo, con le leggi nazionali e regionali che non consentono un uso terapeutico e farmaceutico di fanghi ed acque madri laddove già sussista – come nel nostro caso – uno stabilimento termale, determinando di fatto un rapporto di esclusiva sotto il profilo dell’utilizzo di tali materiali; l’altro è di natura privatistica, poiché il Demanio è titolare delle concessioni relative al solo utilizzo del sale, mentre tutto il resto ricade nell’ambito dell’iniziativa privata. A quel punto si ponevano due alternative: o impugnare tali atti, e quindi impegnarsi in un lungo contenzioso legale che sarebbe costato tempo e denaro ed oltretutto dall’esito incerto, oppure cercare di addivenire ad un accordo con le parti per provare a scrivere una pagina nuova. Fortunatamente abbiamo trovato grande disponibilità da parte del Presidente del CdA di Atisale, ing. Bruno Franceschini, e dell’amministratore unico delle Terme di Margherita di Savoia dott.ssa Marina Lalli: per la prima volta l’ente locale ha potuto addivenire ad un accordo dignitoso con le parti mentre in passato ne è sempre uscito con le ossa rotte. Questo protocollo d’intesa, è bene ribadirlo, rappresenta non un punto di arrivo ma l’inizio di un percorso sinergico che vuole coinvolgere Comune, Atisale e Terme in un obiettivo strategico comune di rilancio del territorio. Noi, come amministrazione comunale, non avevamo altre possibilità ma in virtù dell’ottimo rapporto istituzionale con i due interlocutori abbiamo avviato una riflessione che nel futuro richiederà altri atti amministrativi per determinare i costi e, ove necessario, anche una integrazione sulle quantità oggetto della fornitura. Personalmente auspico che il ddl sulla libera concorrenza possa presto portare importanti novità sul piano normativo anche per quanto riguarda l’utilizzo di questi materiali ma nel frattempo ci siamo mossi per poter avviare un percorso virtuoso e soprattutto redditizio per il nostro paese. Il mio ringraziamento va, oltre che ai vertici di Atisale s.p.a. e Terme di Margherita di Savoia s.r.l., all’assessore alle attività produttive dott. Mario Braccia e ai consiglieri che hanno dato il loro assenso a questo primo importante step in consiglio comunale”.

I voti favorevoli, come detto, sono giunti dagli 11 componenti della maggioranza; le consigliere Elena Muoio e Rosa Scognamiglio hanno espresso voto contrario mentre la consigliera Grazia Galiotta si è astenuta; i consiglieri Antonella Cusmai e Carlo Ronzino hanno partecipato alla discussione ma non al voto. Era infine assente il consigliere Francesco Labranca. 

 
 
 

Un commissariato di polizia a Vieste, lo annuncia il prefetto alla delegazione del M5S Il Gen 16, 2022

Post n°29038 pubblicato il 16 Gennaio 2022 da forddisseche

Un commissariato di polizia a Vieste, lo annuncia il prefetto alla delegazione del M5S 

 
115
 

Un commissariato di polizia a Vieste. Lo ha annunciato il prefetto di Foggia, Carmine Esposito, alla delegazione del Movimento Cinque Stelle che ieri, con la sottosegretaria alla Giustizia, Anna Macina, ha incontrato dapprima il procuratore, Ludovico Vaccaro, e poi il rappresentante del Governo. Incontro avvenuto dopo l’escalation criminale a Foggia e San Severo, con diversi attentati dinamitardi ai danni di attività commerciali.
Tutti i portavoce pentastellati del territorio più alcuni colleghi di altre aree geografiche, dai portavoce della commissione Antimafia, dai parlamentari del territorio e delle commissioni Giustizia di Camera e Senato del M5S, si sono affiancati alla visita della sottosegretaria alla Giustizia Anna Macina.
Con lei nella delegazione le deputate Giulia Sarti, Carla Giuliano, Marialuisa Faro e Francesca Ruggiero; il deputato Giorgio Lovecchio; le senatrici Bruna Piarulli e Gisella Naturale; il senatore Marco Pellegrini; l’europarlamentare Mario Furore; l’assessora regionale Rosa Barone; Gianfranco Di Sabato, consigliere comunale di San Severo; Vincenzo Sforza, consigliere comunale di Cerignola; Olga Speranza, assessora comunale di Cerignola.
Dopo un incontro con il procuratore Ludovico Vaccaro e con il presidente del Tribunale di Foggia, la sottosegretaria e tutti i portavoce hanno incontrato il prefetto Carmine Esposito.
Sono molteplici le richieste del gruppo pentastellato in Parlamento e nelle varie istituzioni europee e regionali per contrastare la Quarta Mafia in provincia di Foggia, presentate in Prefettura e in Tribunale. Oggi la sottosegretaria alla Giustizia Anna Macina ha annunciato alcune misure che potrebbero favorire un accelerazione nelle indagini.
“Per le Forze dell’ordine, c’è un ampliamento della pianta organica ordinaria e di quella flessibile, che dà la possibilità di calibrare meglio le risorse del territorio a seconda della criticità – ha detto -. Con il procuratore Vaccaro abbiamo approfondito una questione che abbiamo sollevato con la ministra Cartabia, che riguarda la fattibilità di una proposta che prevede la presenza fisica del pool in capo alla DDA di Bari, ma che indaga ora su Foggia, prevedendo la possibilità che sia presente in loco territorialmente. Una presenza fisica sul territorio. Avevo già avuto il mandato della Ministra di verificare la fattibilità di questo elemento, si verificherà. Ne abbiamo parlato col procuratore Vaccaro. È fattibile e si lavorerà da lunedì su questo. È un fortissimo segnale della presenza dello Stato. Unito al contingente che viene aumentato dalla ministra Lamorgese a confermare la presenza cospicua dello Stato”.
È forte anche la richiesta di elevazione del rango dei due commissariati di San Severo e Cerignola da parte dei pentastellati. Sulla questione sta lavorando alacremente la deputata Carla Giuliano, figlia di un vicecommissario. Il prefetto da parte sua ha confidato alla delegazione di aver richiesto al Ministero l’istituzione di un commissariato a Vieste.