Creato da allofme00 il 10/03/2010

Oggi mi piace...

ciò che oggi mi ha lasciato qualcosa...

 

 

« LA DONNA; DALLA SUA INFA...STRATEGIE CHIRURGICHE PE... »

LA PROBLEMATICA DELLA FERTILITA' NELLA COPPIA

Post n°317 pubblicato il 02 Settembre 2016 da allofme00

Risultati immagini per fertilita maschile e femminile

Quando si parla di fertilità maschile ci si scontra con un argomento tabù; per lo meno gli uomini che una volt tendevano quasi sempre a glissare questo aspetto della loro sfera riproduttiva. Oggi sembra ci sia un certo risveglio, e molti giovani si rivolgono con più frequenza all'esperto del campo che è l'andrologo, se maschio, ginecologo se femmina.

In realtà si registra un sensibile cambiamento rispetto agli anni 70-80; ovvero, si registra una maggiore consapevolezza che il problema dell'infertilità è sempre un'infertilità di coppia; un aspetto condiviso, non solamente dal punto di vista umano, ma soprattutto dal punto di vista clinico, medico. diagnostico, diviso al 50% della coppia. I dati che ci giungono oggi, ci dicono, che un buon 20% delle coppie ha problemi di  fertilità. Questo ha fatto si, che tutte le aree della sanità; a partire dagli operatori della formazine medica, ai medici, agli infermieri, agli ostetrici e quant'altro; ma anche ai giovani studenti, al pubblico e agli operatori che divulgano le informzioni. E questo perchè, si è capito che il fenomeno fertilità è un problema fortemente di comunicazione; importante veicolo che consente di giungere ad una buona prevenzione.

Magia, fertilità e procreazione

A volere cercare quali siano le cause che possano indurre all'infertilità, debbo dire che due motivazioni emergono per questa apparente espansione. Un primo motivo è che si giunge sempre in ritardo a potere coronare quello che è il proprio sogno di coppia con fertilità; quindi questo spostamento sempre più avanti dell'età fertile, ci ha reso chiaro che purtroppo, oltre i 35-40 anni la fertilità è un problema biologicamente inapplicabile; o quasi. La seconda motivazione è che adesso assistiamo alle problematiche della fertilità delle generazioni, quando erano ancora bambini o ragazzi negli anni 60-70; epoca in cui si è assistito a uno- due fenomeni; quali il forte inquinamento; ovvero, tutti quei distruttori endocrini; come si dice in linguaggio endocrinologico, e che agiscono negativamente, sia sulla fertilità maschile che femminile. A questo si deve aggiungere quello stile di vita non adeguato a una buona fertilità; ovverosia, sedentarietà, scarsa attività fisica ed inoltre a ciò che vogliamo chiamare libertà sessuale; tipica degli anni 60-70 che ha indotto tutta una serie di piccole infezioni; non quelle che si leggono sui giornali o che portano dal medico, ma che però, hanno ridotto la fertilità della generazione attuale. Se vogliamo parlare di prevenzione, oso dire che di dovrebbe iniziare in età pediatrica certamente, comunque, sia l'uomo sia la donna, magari di più l'uomo, perchè c'è meno abitudine, già, sin dall'età dello sviluppo puberale dovrebbe  essere portato dai genitori; o comunque dalla famiglia, o dalla società nell'ambito della medicina scolastica, a una visita preventiva che consenta, non solo di avere questa prevenzione, ma soprattutto di conoscere questa problematica e di seguirla nel tempo; voglio dire, una conoscenza che il problema è da seguire ed eventualmente da curare. Si dice che lo stress influenzi molto sull'attività sessuale; alchè, ci si può chiedere se può essere anche un fattore negativo sulla fertilità. Ebbene, posso affermare che lo stress; ovviamente quello maggiore, per intenterci, può causare il blocco dell'ovulazione nella donna, e il blocco della spermatogenesi, con riduzione di spermatozoi nel maschio. E' altrettanto vero anche, che lo stress; sia pure quello minimo di tutti i giorni e continuativo e costante, può determinare quello che in medicina chiamiamo "Ipogonadismo subclinico"; cioè, un ridotto funzionamento delle gonade: testicoli ed ovaia, sia pure non clamorosa  da determinare una malattia, ma che a lungo andare negli anni, decenni, specie quando uno cerca di avere figli a 35-40 anni porta ad una riduzione della fertilità.

Gli accertamenti diagnostici sono a centinaia, però, una buona visita di screening per la parte ginecologica, e  per la parte andrologica, e per la  donna una constatazione della salute degli ormoni e della regolarità ovulatoria; ovverosia, quel fenomeno che porta la cellula uovo a furiuscire dall'ovaio dopo che il follicolo in cui è contenuto  cresce fino ad aprirsi; quindi, poi, per il maschio uno spermiogramma che consenta di sapere se il ragazzo; si, sarebbe opportuno e l'ideale farlo a 18-20 anni; comunque, per il paziente se ha una normale fertilità, consentirà al fisiopatologo che sta seguendo la coppia, di instaurare una terapia e, laddove possibile, una prevenzione mirata ad avere certamente figli. Il problema c'è, come possiamo constatare, ma oggi, grazie alle tante tecnologie e terapie possibili si può risolvere bene. L'importnte è raggiungere la diagnosi un modo tempestivo, e senza perdere tempo facendo trascorrere gli anni. Un altro aspetto è il supporto psicologico nella coppia che vive questa problematica e che, associata all'ansia si accentua di più. In questo campo la psicolgia diventa necessaria; a patto che venga affidata a mani esperte. Questo perchè, in alcune malattie, magari più gravi per importnza, l'infertilità diventa patologia devastante, perchè, non solo colpisce l'individuo, ma perchè colpisce durmente la relazione di coppia. Ancora una volta però, l'accorciamento dei tempi diagnostici, della terapia e della risoluzione del problema, sono fondamentali.

Non sono rari i casi in cui si assiste, di coppie trascinate per 4-5 anni  da un laboratorio ad un altro e terapie varie, senza sortire alcun beneficio.

Un'altra domanda che viene posta frequentemente è, qul'è il tempo che fa capire che c'è un problema di fertilità. Ebbene, un periodo tra 6 mesi e un anno, di rapporti non protetti indicano che qualcosa va attenzionata. Se  è in una coppia di ventenni, il tempo è di 6 mesi, e in una coppia di trentenni diventano anche meno. Se vogliamo stabilire uno standard, dopo 6 mesi di rapporti non protetti, con una certa attenzione al periodo di ovulazione della donna, qualcosa potrebbe esserci. Quindi vale la pena fare analisi semplici di base : una visita ginecologica, una visita andrologica, un controllo dell'ovulazione da una parte e uno spermiogramma dall'altro, e se tutto è a posto, valbene poter dire: "andate e moltiplicatevi" come dice un Libro piuttosto importante. Per concludere, faccio un cenno a un aspetto relativo a una forma di pudore, da parte dell'uomo, che spesse volte trascura qualche patologia che interessa la sfera sessuale; o per pudore o per vergogna e chi rivela poi essere concausa di infertilità. A tale proposito, e per concludere questo argomento, voglio lanciare un modesto messaggio a ragazzi, adulti eccetera, affinchè non sottovalutino mai una sia pure banl perdita o un bruciore o una cosa qualunque ed insolita che porterebbe la partner ad una perdita qualunque, di recarsi immediatamente dal ginecologo. Il meccanismo è sempre lo stesso; le infezioni femminili, se trascurate, chiudono le tube uterine che sono i canali di passaggio degli ovuli e le infezioni maschili se trascurate, chiudono i deferenti che sono i canali di passaggio degli spermatozoi.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

TAG

 

FACEBOOK

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

eva.ciavolinodoctor620FRANCESCAELORENZOilaryingo93sbabbaro_vtecdiffidato80marilena.cintorbatterista80ctobenelgoodluckforeverga1967giulia.malvisiaxelreelm.luisa_66iv.b
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

LINK PREFERITI