Blog
Un blog creato da Kaos_101 il 23/10/2006

PENITENTIAGITE...

...cronache del nuovo millennio

 
 

SONDAGGIO

PARTECIPA
ALL'ULTIMO
SONDAGGIO
PROPOSTO


CLICCA QUI



 

ULTIME VISITE AL BLOG

silviadgl31alina.grafhowardlovecraftrafbotK_12_rsbaraghilionardodavinci68TheNightManagerKaos_101Patsydg1kosmopolites_eimimarina.ippolitimario2013aSilk.Chains
 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2008 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 41
 
Adams
immagine
immagine
immagine
Berengo-Gardin
immagine
immagine
Cartier-Bresson
immagine
immagine
Doisneau
immagine



 

Messaggi di Settembre 2008

La Principessa di Giada

Post n°258 pubblicato il 26 Settembre 2008 da Kaos_101
 

II  parte...

Non era stato difficile per Lath convincere due garzoni, dietro adeguato incentivo economico, a lasciarsi sostituire nella consegna di frutta e verdura alla casa della Principessa.
Ricapitoliamo:
voi bussate, quando vi sarà richiesto, infilerete il lasciapassare sotto la porta.
Si, si eccolo il lasciapassare, è questo foglio. Dovete averne uno ciascuno: Carl dai il tuo al signore.
Dopo che dall’interno avranno verificato l’autenticità del documento, vi verrà aperto.
Mi raccomando: non entrate subito! Dovete contare fino a dieci prima di entrare, è la regola.
Vi troverete in un ingresso stretto e lungo, quasi un corridoio con solo una porta all’altra estremità che non dovrete aprire per nessun motivo.
Nell’ingresso ci sono dei carrelli, posateci sopra i la roba e uscite facendo attenzione a richiudere bene la porta dietro di voi.
Mi raccomando NON APRITE L’ALTRA PORTA!
L’ultimo che ci ha provato è stato licenziato in tronco e a me serve questo lavoro.
Due giorni dopo una strana coppia bussa al portone della casa di pietra grigia.
Il più alto dei due ha il capo e il torso coperto da un telo bianco su cui poggia un enorme sacco di patate, l’altro più minuto tiene in equilibrio due ceste appese a mo’ di bilancieri ad un’asta posata sulle sue spalle.
Chi è?
Ci mandano compar Olaf e compar Walter per le consegne settimanali.
Lasciapassare!
La voce è roca e stridula nello stesso tempo e affatto gradevole.
I due lasciapassare spariscono sotto la porta; uno scatto e il battente si scosta un poco.
Uno…due…tre…quattrocinqueseisetteottonovedieci!
Ur spinge con veemenza la porta che si apre rivelando un lungo e stretto andito alla fine del quale riesce a scorgere una porta che si sta chiudendo!
Eccoci dentro,
Borbotta compiaciuto.
Se penso che avrei potuto farlo mesi e mesi fa mi viene da prendermi a calci da solo!
Beh, questo è contrario alle regole della cavalleria no?
Non si è sempre detto che gli uomini stanno fuori ad aspettare che le donne si decidano a farli entrare?
Dalle mie parti non funziona così! Dalle mie parti quando un uomo vuole una donna se la prende e se quella non ha nulla in contrario se la tiene!
Siete voi popoli del sud che avete queste usanze da smidollati!
Va bene lasciamo perdere sei troppo barbaro per capire l’amor cortese!
Adesso che si fa?
Che vuoi fare? Si entra no? Siamo venuti apposta per questo e poi c’è una tale puzza qui che non voglio rimanerci un minuto di più.
In effetti la stanza è pervasa da un lezzo di chiuso e di marcio che da togliere il fiato.
Con quattro passi Ur raggiunge la porta interna, la apre e viene ricacciato indietro, quasi fisicamente, dal tanfo che lo colpisce come un pugno allo stomaco.
Per gli Dei, ma che cos’è questo schifo!
Esclama portandosi istintivamente la mano al volto per tentare di ripararsi da quel puzzo insopportabile.
La stanza in cui sono entrati è un ampio salone rettangolare al centro del quale parte un’elegante scalinata che conduce ai piani superiori.
E’ facile intuire che un tempo quella fosse la sala di rappresentanza: il pavimento di marmo finemente intarsiato, le colonne di granito, gli arazzi alle pareti, tutto era destinato a raccontare la ricchezza, l’opulenza, il potere del casato.
Oggi invece quel salone parla di putredine e di decomposizione.
il pavimento è cosparso di generi alimentari marci che spargono i loro liquami e il loro fetore ovunque, gli arazzi penzolano marciti e sfilacciati, le colonne stesse sono ricoperte di una muffa “pelosa” e di un color verde malato.
Su tutto quello sfacelo un brulicare di topi scarafaggi formiche e parassiti di ogni genere.
Misericordia! Ma che significa questo lerciume?
Ur è senza parole Lath, non meno sconvolto di lui, preme con forza il fazzoletto sul naso e guarda come ipnotizzato quel fluire di vita laida e ributtante che riempie la sala.
Presto, via di qui!
Ur attraversa di corsa il salone e sale a due a due i gradini della scalinata, seguito da vicino dal suo compagno d’avventura.
Il primo piano si presenta in condizioni migliori, anche se lo stato di abbandono è evidente, accentuato dallo spesso manto di polvere che copre ogni cosa.
Ma che significa questo? Come può la Principessa vivere in un posto simile?
Ur non riesce a capire, si guarda attorno basito, entra in ogni camera nella vana speranza di scoprire qualcosa che gli parli di quella donna tanto desiderata.
Lath, al contrario, quasi che la sorpresa l’abbia privato della capacità di ragionare, segue il compagno con gli occhi sbarrati e un’espressione di fissità vacua nello sguardo.
Dopo aver ispezionato tutto il piano alla ricerca di qualcuno o di qualcosa che spieghi quella sconvolgente situazione, non resta loro che salire all’ultimo piano.
Qui il tanfo è molto più sopportabile e anche le stanze sembrano essere meno abbandonate di quelle sottostanti: meno abbandonate, ma pur sempre deserte.
Uno scalpiccio lontano.
Ur si lancia nella direzione da cui proviene il rumore seguito come un automa da Lath, che oramai sembra solo l’ombra senza volontà del suo compagno.
Il rumore si ripete: ora sembra il suono di passi frettolosi sul metallo.
Dietro l’angolo una scala a chiocciola in ferro battuto si avvita verso l’alto.
I due la salgono uscendo finalmente al sole sul tetto piatto dell’edificio, nell’attimo in cui un’ombra, raggiunta l’estremità opposta della terrazza sparisce dietro una torretta di pietra.
Ur respira a pieni polmoni: per la prima volta da quando è entrato in quella casa l’aria è nuovamente pulita e respirabile.
Si ferma un attimo per riprendere fiato e guardarsi attorno
La terrazza, lastricata anch’essa come tutto l’edificio con pietre  grigie irregolari, è ingombra ogni genere di cianfrusaglie; lungo tutto il suo perimetro un muro di circa un metro e mezzo la delimita,  e la protegge.
Quasi al centro della terrazza due pali di ferro a forma di T, conficcati al suolo, sorreggono delle corde dalle quali penzola tristemente quello che un tempo doveva essere uno splendido vestito da sera, pallido ricordo dei fasti di un tempo, ridotto com’è ad un misero straccio macchiato e strappato in più punti.
A terra, sotto quella specie di stenditoio, altri abiti femminili affastellati alla rinfusa.
Pochi attimi per guardare, ancor meno per comprendere e Ur è di nuovo all’inseguimento dell’ombra che continua a sfuggirgli.
Raggiunge la torretta dietro la quale è sparita: un’altra scala che scende. Di nuovo giù verso il tanfo.
La scala finisce in un andito angusto con una porta chiusa a chiave che sbarra loro la strada.
Ur è esasperato, oramai qualcosa più di un barlume di consapevolezza si sta facendo strada nel suo cervello, rendendolo ad un tempo furibondo e leggero.
La porta, marcia come tutta la casa, non resiste alla spallata del guerriero ed esplode in una nuvola di schegge e di polvere che si posa lentamente rivelando davanti a loro la famosa balconata dalle belle vetrate, alla quale così spesso avevano volto lo sguardo sognante.
Al pari di tutto il resto anche questo passaggio dimostra inequivocabilmente i segni del degrado e dell’incuria.
Ancora lo scalpiccio: viene da oltre la balconata.
Ur si incammina oramai senza fretta.


Percorre quello spazio multicolore che varia passo dopo passo a seconda delle tinta delle vetrate circostanti, guarda incuriosito la doppia corda tesa che corre a mezz’altezza lungo tutto il corridoio e, non può trattenere una sonora e liberatoria risata quando, giunto alla fine di quella specie di acquario sospeso a mezz’aria, scopre all’estremità della corda un manichino dalle fattezze femminili montato su una sorta di carrello.
Finalmente ci incontriamo Principessa!
Ur esegue un perfetto e cerimonioso inchino, poi si volta verso Lath e con grande sussiego:
Mio impagabile amico, sono lieto di presentarti l’oggetto dei nostri desideri, la nostra ossessione, il pensiero che ci ha trapanato il cervello in questi lunghi mesi.
Principessa: le presento il mio amico e sodale Lath menestrello delle terre del sud!
NON E’ VERO! NON E’ VERO!
La voce di Lath è un misto dell’urlo roco del gabbiano e del miagolio del gatto in calore.
Taci! Taci! Non dire più niente!
Questo è solo un manichino non è la MIA Principessa.
Lath, amico mio, riprenditi!
Non essere più cieco di un cieco!
Come fai a non capire?
E’ tutto così grottescamente evidente: i vestiti, il manichino, tutto.

Lath ha gli occhi vitrei, si porta le mani alle orecchie come per impedire alle parole dell’amico di raggiungerlo.
Taci! Taci! Non ti voglio sentire!
No non è come dici tu!
Lei è qui da qualche parte!
Credevi davvero che si sarebbe lasciata sorprendere così facilmente?
Lei è la Principessa di Giada, non una donna qualsiasi, probabilmente in questo momento ci sta spiando da qualche nascondiglio segreto e ride della nostra stupidità
Lei è qui!Io lo so, deve esserci!
La voce di Lath ha assunto un tono stridulo e lamentoso, il corpo del menestrello è scosso da un tremito incontrollabile le sue mani si torcono e si avvinghiano l’una sull’altra quasi a trattenere un pensiero che stia inesorabilmente scivolando via.
Ur è stordito dalla reazione dell’amico lo guarda senza capire né il senso immediato né, tantomeno, quello profondo di una simile reazione, poi, da uomo d’azione quale è, afferra Lath sotto le ascelle lo solleva in aria e lo scuote violentemente!
Lath, Lath riprenditi! Svegliati!
Sono sveglio, sono sveglio, mettimi giù.
Ur posa il compagno che si affloscia a terra come un sacco vuoto.
Fai presto tu a parlare!
Domani te ne vai, torni alla tua terra alla tua gente al tuo regno, ma io che faccio?
Dove vado adesso se lei non c’è più?
Devi giurarmi una cosa!
Tutto quello che vuoi Lath, pur di non vederti più così.
Devi giurarmi che non dirai a nessuno cosa abbiamo visto.
Noi non siamo mai stati qui, non siamo mai entrati in questa casa, non abbiamo mai aperto quella porta e non abbiamo mai attraversato quella balconata.
…nemmeno una parola…GIURAMELO!
Va bene hai la mia parola d’onore, ma perché vuoi che non parli di ciò che abbiamo scoperto?
Perché io non voglio rinunciare a credere che la Principessa di giada esista.
Quando sarai partito, resterò solo io a sapere.
Quando sarai andato via non avrò nessuno che mi ricordi di questa maledetta avventura, nessuno che mi dica: ti ricordi che puzza in quel salone?
La memoria è una puttana, si fa trovare e si fa smarrire come vuole lei.
Circondato da questi fessi convinti che Lei un giorno uscirà per scegliere il suo Principe, finirò per credere di aver sognato, finirò per pensare che anche tu fai parte di quel sogno, che non sei mai esistito, che quel brutto ricordo non è altro che l’incubo di una notte stregata.
Io ho solo questo sogno, non uccidermelo, ti prego!
Il giorno dopo, molto prima dell’alba, Ur lasciò per sempre la città di Nasdran.
Non salutò nessuno e nessuno si alzò per salutarlo.
Nella bruma del mattina un uomo lo osservava da dietro gli alberi, ma non avrebbe mai osato chiamarlo o fargli un cenno di saluto.
Non aveva passato la notte sveglio per questo.
Quella notte non aveva dormito né avrebbe potuto dormire tutte le notti in cui Ur fosse ancora stato lì a ricordargli ciò che voleva dimenticare.
Lath non salutava l’amico in silenzio e di nascosto, Lath era lì solo per essere sicuro che Ur si portasse  via per sempre quell’ingombrante ricordo con cui non voleva convivere.
…Lath è sepolto sotto un faggio nel giardino della casa di pietra grigia con una semplice scritta incisa sulla corteccia.


Qui giace Lath il sognatore
Sognò con tutto se stesso
non bastò a far vivere il sogno
.

 
 
 

La Principessa di Giada

Post n°257 pubblicato il 21 Settembre 2008 da Kaos_101
 

Premessa: miti e le leggende hanno, da sempre, accompagnato l’uomo nel suo percorso verso la conoscenza e la consapevolezza e gli sono stati di aiuto e di conforto per spiegare quei misteri, della natura e dell’animo umano, che le  sue limitate capacità intellettive non gli consentivano di penetrare e interpretare compiutamente.
Questo raccontino fa parte di un mio personalissimo corpus narrativo che tenta di  re-interpretare in chiave metaforica ed epica le dinamiche dei comportamenti umani.

 …tanti, tanti, tanti anni fa, in una galassia lontana lontana…

…nella città di Nasdran, al di là del mare occidentale, oltre le montagne di cristallo, viveva una splendida ragazza, così bella, ma così, bella che tutti, dimentichi del suo nome, avevano finito col chiamare semplicemente: “la Principessa di Giada”
La sua fama, aveva varcato mari e monti e uomini di tutte le razze, pretendenti o semplici curiosi, confluivano da ogni dove per vedere da vicino una tale meraviglia.
A dispetto del suo altisonante appellativo, la fanciulla non era di nobili natali sebbene abitasse in uno dei quartieri più eleganti e tranquilli della città.
La sua casa,  un  severo palazzotto di pietra grigia, con strette finestre che raccontavano di anni meno sicuri e sereni, era ingentilito da una lunga balconata, scansita da esili colonne di alabastro in cui gli archi a sesto acuto, chiusi da vetrate policrome, si rincorrevano conferendo leggerezza e slancio a tutta la costruzione.
L’edificio era immerso in un lussureggiante giardino, circondato, a sua volta, da un alto muro la cui sommità era protetta da un triplice ordine di affilati cocci di vetro.
Simili ostacoli non sarebbero probabilmente bastati a scoraggiare i più determinati tra i pretendenti, ma a vanificare l’intero sistema difensivo, era bastata la larga crepa apertasi sul lato posteriore della recinzione.
Colpevole incuria o malizioso calcolo di chi abitava la casa?
Nessuno avrebbe potuto affermare con certezza quale fosse la verità; sta di fatto, comunque, che tale varco, allargato giorno dopo giorno da centinaia di mani, si era rapidamente trasformato in un comodo accesso attraverso il quale, chiunque poteva accedere indisturbato alla proprietà.

Non era più motivo di stupore per nessuno, scorgere decine di persone che, di giorno e di notte, si aggiravano, nemmeno troppo circospetti, tra gli alberi, alla ricerca di una finestra socchiusa, di una crepa, di una qualsiasi fessura dalla quale carpire il segreto gelosamente celato da quelle severe mura.
Tutto inutile!  
In realtà, a memoria d’uomo, nessuno aveva mai visto la Principessa di Giada!
Molti tra coloro che arrivavano fin lì, forse meno determinati, forse più avveduti, si stancavano velocemente di  quell’inutile attesa, risolvendosi in pochi giorni, talvolta poche ore, a intraprendere il mesto viaggio di ritorno.
Una volta arrivati alle loro città, però, non volendo ammettere quel fallimento che tanto era costato loro in tempo e danaro, chi più chi meno, finivano tutti per  lanciarsi in mirabolanti descrizioni di quella fantastica fanciulla, ingigantendone vieppiù mito e fama e creando così le condizioni perché altri, dopo di loro, intraprendessero quel lungo viaggio, animati dalla speranza di partecipare di ciò che era stato loro così entusiasticamente decantato.
A differenza di questo continuo viavai di curiosi, c’era, però, uno sparuto manipolo di pretendenti che, incuranti delle delusioni e sordi a qualsiasi considerazione logica, avevano deciso di non rinunciare alla sfida se non dopo aver coronato il loro sogno.
Certo nessuno aveva mai visto la Principessa di Giada, ma non mancavano conferme più o meno evidenti della sua presenza in quella casa.
Nulla di diretto, nulla di inconfutabile: erano prove indirette, semplici indizi, sufficienti a tener viva la speranza, ma non tali da attestare, al di là di ogni ragionevole dubbio, l’avvenenza o anche la sola esistenza della Principessa di Giada.
Che il palazzo fosse abitato non veniva nemmeno messo in discussione: i garzoni recapitavano regolarmente pane, latte, carne, verdura e quant’altro abbisognasse alla conduzione della casa.
Certo, tutto veniva lasciato nell’ingresso deserto, dove i commessi trovavano buste sigillate contenenti il danaro e le nuove ordinazioni, ma che fine avrebbe fatto tutto quel ben di Dio se non ci fosse stato qualcuno a consumarlo?
Come spiegare le luci che filtravano la notte dalle finestre e il fumo copioso che usciva dal tozzo camino di pietra nelle fredde sere invernali?
Che nella casa abitasse una donna era quantomeno probabile: i vestiti stesi ad asciugare testimoniavano di una presenza femminile come pure una serie di articoli, quali spilloni belletti, calze di seta, che venivano recapitati saltuariamente, ma che nessun uomo avrebbe mai utilizzato.
Alcuni indizi, poi, facevano sperare che la donna fosse giovane e carina.
Oltre ai già citati belletti e articoli di seduzione assortiti, di tanto in tanto, sulla terrazza, ricavata dal tetto piatto della casa, veniva steso qualche vestito ad asciugare o, semplicemente, a prendere aria e la foggia e la taglia di quegli indumenti autorizzavano le più ottimistiche congetture.
C’era poi la sua voce che si rivelava, di tanto in tanto, quando un canto dolce e malinconico, uscendo dalle strette finestre,  attraversava lo spazio tra la casa e il giardino e scendeva, come fresca rugiada su quegli uomini assetati di conferme, donando loro un fugace brivido di eccitazione.
A dare corpo agli esili sogni degli innamorati c’erano infine le passeggiate serali.
Talvolta, al tramonto, quando il sole calante attraversava da parte a parte, coi suoi raggi radenti, le policrome e opache vetrate della balconata superiore, si scorgeva, dietro a quegli spessi vetri la sagoma slanciata e inequivocabilmente  femminile di una donna che percorreva quel lungo corridoio con passo lento e portamento altero.


Che dire infine dei bigliettini?
Cilindretti di carta profumata alla violetta che, cadendo casualmente da qualche finestra, volteggiavano nell’aria per posarsi sull’erba del prato sottostante e sui quali con bella calligrafia e in inchiostro ametista, erano vergate appassionate, sebbene in verità molto vaghe, frasi d’amore.
Tutti, conservavano un personale tesoro formato da un certo numero di quelle missive e tutti, incuranti della casualità del ritrovamento e dell’assoluta mancanza di  riferimenti personali, le custodivano gelosamente, quasi fossero reliquie di una religione della quale erano nel contempo fedeli e officianti, convinti a dispetto di qualsiasi logica, che ciascuno di quei profumati  messaggi gli fosse stato espressamente dedicato.
Che altro sarebbe servito ad uomini, divorati da tanta cieca passione, per rinnovare  quotidianamente quel voto di dedizione e la determinazione a continuare quel dolce assedio che, in cuor loro, ciascuno ne era certo, si sarebbe concluso con la capitolazione della Bella a lui, e a lui soltanto, a lui, che più di ogni altro l’aveva desiderata, aspettata, intuita, sentita, compresa e amata.
La passione non era però l’unico laccio che li teneva imprigionati a quel giardino.
Una ben più pesante e cupa catena vincolava i loro animi: la paura del fallimento.
Ognuno di loro aveva abbandonato casa, affetti, interessi per inseguire e coronare quel sogno.
A differenza di chi era arrivato e ripartito in tutta fretta, quel pugno di irriducibili aveva ormai passato troppo tempo sotto quelle finestre, investito troppo in sacrificio, speranza e impegno per accettare di andarsene senza quella risposta così lungamente agognata.
Paradossalmente ciascuno di loro avrebbe preferito vedere la Principessa di Giada scegliere uno degli altri pretendenti piuttosto che  andarsene prima che la rappresentazione fosse giunta a compimento.
Poco alla volta il desiderio che li divorava si era trasformato.
Più ancora che possedere la Dama, la loro intima esigenza era quella di dare corpo e volto a quell’interminabile attesa.
Soprattutto due, fra tutti, sembravano coltivare con particolare convinzione e pervicacia quella lucida follia: Ur il massiccio e taciturno guerriero delle terre del nord e Lath il romantico menestrello delle isole del sud. Erano arrivati tra i primi e da quel giorno, tenacemente senza mai indietreggiare, avevano continuato a credere, a desiderare, a pretendere di possedere quella donna.
Non si amavano di certo, ma la lunga frequentazione e il comune obiettivo, avevano finito per renderli se non amici almeno rispettosi l’uno dell’altro, dando vita a una sorta di curioso sodalizio che, di fatto, li rendeva i più autorevoli tra tutti coloro che speravano di ottenere i favori della Principessa di Giada.
Mano a mano che passava il tempo però, Ur era sempre più irrequieto, quell’inattività forzata gli pesava enormemente.
Spesso si sorprendeva a volare con la mente, simile a uno di quei falchi che tanto amava, sulle fredde terre del nord, ad inseguire la renna o a cacciare l’Orso, ma ancor più spesso gli sovvenivano le belle donne del suo popolo che avrebbero fatto a gara per lasciarsi catturare da lui, prode e valoroso guerriero.
Che ci faccio qui?
Che sortilegio mi lega a questa molle città?
Che stregoneria è riuscita a lanciarmi quella donna sconosciuta per tenermi soggiogato in questo giardino come un cane alla catena?
Se non questi di tal fatta erano i suoi pensieri, ma Ur, uomo orgoglioso, non era solito lasciare a metà ciò che aveva intrapreso.
Sembrava che le due pulsioni, il richiamo del nord e il gusto della sfida si bilanciassero così perfettamente da tenerlo sospeso in un equilibrio precario impossibile da rompere, fino al giorno in cui un messaggero inatteso ruppe quella situazione si stallo
Il suo vecchio padre era morto e lui ora era in nuovo capo del Clan.
Nulla più contavano i suoi sogni e le sue fantasie: il suo rango e il suo onore gli imponevano di tornare a casa per difendere, proteggere e guidare la sua gente.
Bene! Se questo è il mio fato non sarò certo io ad oppormi al suo compimento!
Esclamò Ur, le cui nuove responsabilità sembravano aver spazzato via in un lampo quella patina di torpore che era calata su di lui come una polvere opaca, in quei lunghi mesi d’inattività.
Il mio popolo ha bisogno di me e io non lo deluderò, ma il mio popolo è forte e come ha aspettato finora saprà aspettare un’altra settimana.
E così dicendo, riposta la lettera in una tasca interna della giacca, si diresse “all’osteria della luna storta” dove abitualmente Lath trascorreva gran parte delle sue giornate.


Come previsto trovò l’amico-rivale intento a scroccare una bevuta ad un mercante di passaggio.
Certo che conosco la Principessa di Giada!
Stava dicendo il bardo con la voce impastata che tradiva una sin troppo assidua frequentazione dell’idromele.
Non solo la conosco, ma sono stato più volte ospite a cena nella sua bella casa!
Il forestiero guardava Lath con gli occhi sgranati e un’espressione mista di incredulità e stupore dipinta sul volto.
Ur,mio compagno, amico, fratello, racconta al qui presente signore di che leccornie sia imbandita la tavola della nostra Principessa.
Ciò detto si piegò in avanti e sussurrò al suo commensale.
Sarà opportuno che offra un boccale di idromele anche al mio amico se vuole sentire l’epilogo di questa fantastica storia.
Sì, sì, certo,
Tagliò corto Ur, a cui non era mai andato giù quella sorta di accattonaggio verbale, tanto caro al menestrello.
Vediamo… l’ultima volta abbiamo mangiato, occhi di ragno in umido,  lingue di cardellino fritte e coda di drago stufata, con contorno di funghi velenosi e bacche di vischio.
Adesso però mi scusi signore ma io e il mio socio dobbiamo parlare di affari per cui la prego di perdonarci se ce ne andiamo senza frapporre ulteriori indugi
Ciò detto  afferrò Lath per un braccio e lo trascinò fuori della locanda.
Che succede  amico mio?
Hai forse tutti i demoni del Ronogroth alle calcagna?
Cosa ti è preso? Non hai visto che quel pollastro non chiedeva altro che di essere spennato?
Lascia stare i polli e ascoltami!
Il tono di Ur è sufficientemente serio da risvegliare totalmente Lath dal suo torpore alcolico.
Me ne torno a casa.
COSA? Tu? Proprio tu getti la spugna? Non ci posso credere, non è da te!
Certo la tua partenza mi lascerebbe unico credibile pretendente alla mano della Dama, ma voglio vincere con pieno merito non perché tu te la dai a gambe come una vergine inseguita da un troll!
Non dire stupidaggini! Sai benissimo che se fosse per me nemmeno un nero drago del Maligno riuscirebbe a cacciarmi da qui, ma io sono un Capo, la mia gente ha bisogno di me e questo è infinitamente più importante di qualsiasi cosa io possa desiderare per me stesso.
Capisco, questioni di dovere e di onore. Ringrazio gli dei di avermi fatto menestrello e non guerriero, e di potermene bellamente fregarmene di concetti altisonanti come onore, dovere e casato.
Parti subito?
No! Mi sono dato una settimana di tempo per fare una cosa, ma ho bisogno del tuo aiuto
E che vorresti fare mio burbero amico?
Voglio guardare in faccia la Principessa di Giada!
Cosa? Ma sei pazzo? Che ti salta in mente?
Come pensi di fare? Non siamo mica nel tuo barbaro villaggio! Questa è un paese civile!
Cosa credi che accadrà quando un grosso e stupido guerriero del nord sfonderà la porta della casa della Dama? Tempo 5 minuti e ti ritroverai addosso l’intera guarnigione della città.
Sai benissimo che ci tollerano perché oramai facciamo quasi parte del paesaggio, ma se proviamo a fare qualcosa che non va ci cacciano a pedate nel sedere!
No non ho alcuna intenzione di abbattere porte, è per questo che ho bisogno di te, io con gli intrighi non ci so fare.
Ma grazie!
Non pago della pretesa di sfruttare la mia sagacia per i suoi loschi maneggi, crede che darmi del disonesto sia un buon metodo per blandirmi!
Non so se ho molta voglia di aiutarti.
Fai come credi!
Non me ne vado senza averla vista!
A te la scelta: puoi venire con me o continuare ad aspettare pazientemente!
Decidi liberamente, ma fallo in fretta il mio tempo qui è alla fine.
Uhm, sai benissimo che non sono disposto ad essere secondo a nessuno, men che meno a te e mai e poi mai sull’argomento Principessa.
Va bene, mi hai convinto, sono con te!
Hai già un piano?
Un piano no, ma un’idea ce l’ho…

...continua...

 
 
 

Post N° 256

Post n°256 pubblicato il 12 Settembre 2008 da Kaos_101
 

Ticket to costa rica...            $395
Brand new push up...           $  85
Round of Champaigne...    Courtesy

The photo of your teet taken by your nephew and posting on the internet while you are still drunk...

PRICELESS!!!

Per tutto il resto....

... c'è MASTERCARD...

 
 
 

Premio

Post n°255 pubblicato il 03 Settembre 2008 da Kaos_101
 

...volendo premiare una schiava devota cosa le regalereste?

CLICCA QUI


Postilla: visto l'alto numero di preferenze tributate al BRANDING, che trovo essere una delle pratiche più estreme del BDSM,  mi sorge il dubbio che alcuni di coloro che l'hanno  votato non sappiano esattamente di che si tratti.

 per opportuna conoscenza

 
 
 
 

AVVERTENZA

Questo blog non
rappresenta
una testata
giornalistica in quanto
viene aggiornato
senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto
considerarsi un
prodotto editoriale
ai sensi della legge
n. 62 del 7.03.2001
ЖЖЖЖЖЖЖЖЖ


 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

Avedon
immagine
immagine
Mapplethorpe
immagine


 

ORKO

Creta


Foliage in Italia



Foliage Pennsylvanya



Ficus a Kandy



Iron Steel NYC


Bimba singalese