Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giulia_770.itsumi90je_est_un_autrespeedy.72metro.nomoverdefataamorino11QuartoProvvisorioacquasalata111Oneloneswordsmanvento_acquaAladdin4JasmineClide71acer.250
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

« Il sogno di grandi e pic...| Diritti Umani »

Immortali...

Post n°8011 pubblicato il 13 Dicembre 2022 da giulia_770.it

Ci sono artisti che diventano immortali per un’opera, una sola, come quei musicisti che pare abbiano suonato una sola canzone, che però conoscono tutti. L'artista che vi raccontiamo oggi è stato uno dei più grandi artisti del XX secolo ed è considerato un esponente di spicco dell’arte espressionista; ha dipinto oltre 1.000 quadri, ci ha lasciato in eredità più di 4.000 disegni eppure tutti lo ricordano per quell’“Urlo”, diventato l’icona di una società atterrita e angosciata.Certo, tutto questo appare riduttivo ma io sono di un parere: L’urlo di Munch non è soltanto un quadro (a dire il vero ne esistono quattro versioni) ma è il frutto di un’intera esistenza funestata dalla depressione, dalle paure e da lutti terribili che hanno preso forma in quel volto terrorizzato che si staglia contro un cielo di sangue.Lurlo è un grido che cresce nella gola di Munch, dipinto dopo dipinto, come un’onda che diventa sempre più grande fino a sprigionare tutta la sua potenza in un’opera, una sola, che però riesce a consegnarti all’immortalità. Oggi vi raccontiamo la storia di Edvard Munch, nato ad Ådalsbruk, in Norvegia, il 12 dicembre 1863

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963