Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

kalos.ghero51marcoste_itnarconon_70onnypppstefano_75scmarc3lo75manu78_itlange_itarturo1964alex_it_ab1agnese_740simona_780carfabio_ro2014mah_40.it
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

Reddito di cittadinanza,lʼassegno dello Stato va anche allʼex brigatista rosso..

Post n°7134 pubblicato il 18 Aprile 2019 da manu78_it

In un'intervista al Corriere, l'ex terrorista rosso dice di non sentirsi in imbarazzo: "La mia vita l'ho buttata al vento, facendo però pagare il prezzo ad altri che non c'entravano niente. Perciò, se ci saranno proteste e l'assegno mi verrà ritirato, pazienza, non mi opporrò. Ho sempre considerato le pene che abbiamo avuto, io e tutti gli altri Br, fin troppo miti". L'ex brigatista precisa: "Il 6 marzo ho fatto domanda alle Poste perché sto affogando, sono un vero povero e devo riconoscere che, dopo aver detto tante cattiverie contro Di Maio e i Cinque Stelle, il Reddito per me è una boccata d'ossigeno".

articolo completo : https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/reddito-di-cittadinanza-l-assegno-dello-stato-va-anche-all-ex-brigatista-rosso_

La parte più interessante di questo articolo Che ho letto,è tra le righe come sempre. "il reddito di cittadinanza è una boccata d ossigeno a chi è povero" sta tutta in queste parole l importanza di questa misura. Da' una risposta immediata dello stato a chi non ha tempo di aspettare riprese economiche, congiunture favorevoli, produzione industriale, e cioè a chi vive nell indigenza

 
 
 

La prima cosa bella della 17 aprile 2019

Post n°7133 pubblicato il 17 Aprile 2019 da simona_780car
 

"Monet mise su tela la cattedrale di Notre-Dame di Rouen per 48 volte nei diversi momenti della giornata. Tutti sono concordi nel dire che a interessarlo era l'effetto della luce sulla struttura. Penso volesse farci capire anche qualcos'altro"

È una serie di dipinti di Claude Monet avente per soggetto unico la cattedrale Notre-Dame di Rouen. Monet la mise su tela per 48 volte nei diversi momenti della giornata. Tutti sono concordi nel dire che a interessarlo era l'effetto della luce sulla struttura. Quando Monet dipinge Notre-Dame la chiesa, costruita nel quarto secolo, ha già affrontato molte prove: nell'841 i vichinghi l'hanno data alle fiamme, nel 1514 un incendio ha fatto crollare la guglia, nel 1562 l'hanno saccheggiata gli ugonotti, nel 1683 una tempesta ha devastato la facciata e le torri, poi la rivoluzione francese l'ha adibita fienile e quando è tornata alla sua funzione originaria, zot!, altro fulmine sulla guglia nel 1822. Dopo Monet verrà il Novecento e ci saranno i bombardamenti nel 1940, sette siluri nel 1944 e un'altra tempesta nel 1999. E' ancora lì. Monet ha voluto dipingere (anche) la resistenza al tempo, la capacità di sopravvivere al suo passaggio che comporta inevitabilmente la necessità di affrontare la notte più scura, inseguendo l'alba. Ogni creazione è un edificio, ma se rinasce dal fuoco è una cattedrale.

 
 
 

"Episodio sgradevole"

Post n°7132 pubblicato il 16 Aprile 2019 da giulia_770.it

Bambino ebreo bullizzato a Ferrara: "Riapriremo Auschwitz e vi metteremo nei forni"

"Quando saremo grandi faremo riaprire Auschwitz e vi ficcheremo tutti nei forni, ebrei di m...":

Ecco l'odio sputato su un ragazzo di una scuola media di Ferrara.

A dire queste parole alcuni suoi compagni di classe.

...

Si dice che i ragazzi sanno essere crudeli, che spesso è colpa di quello che ascoltano in casa, dai genitori.

E se la responsabilità fosse più diffusa, più alta, più radicata?

Se dei ragazzi invocano la riapertura dei campi di concentramento, delle camere a gas, dei forni crematori, non è forse l’allarme più concreto del furto di futuro?

Questi ragazzi di Ferrara, facciamo così: li invito con me a visitare Auschwitz.

Andrò personalmente in quella scuola media e lo farò.

Perché solo le parole accompagnate dai gesti potranno restituirci un po’ di quel futuro!

 
 
 

Charlie Hebdo non tradisce la sua linea e sceglie ancora la satira..

Post n°7131 pubblicato il 16 Aprile 2019 da manu78_it

All'indomani dell'incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame a Parigi

Notre-Dame, la copertina di Charlie Hebdo: incendio sulla testa di Macron

il settimanale Charlie Hebdo, uscito eccezionalmente di martedì, non tradisce la sua linea e sceglie ancora la satira irriverente. La copertina raffigura il presidente Macron che ha come capigliatura le torri in fiamme della cattedrale e un sorriso crudele. A sinistra della caricatura, la parola "Riforme", a destra la scritta "Comincio dalla struttura".

Coerenti eh!

 
 
 

Sta morendo una parte di storia per tutto il mondo.

Post n°7130 pubblicato il 16 Aprile 2019 da manu78_it

... È a dir poco terribile  vedere bruciare la Maestosa Notre Dame de Paris... una delle meraviglie gotiche del mondo!...Crollata la guglia centrale che si ergeva "pregando" verso il cielo... che perdita!!!

La corona di spine e la tunica di San Luigi, due oggetti estremamente importanti per i cattolici, sono stati salvati dall'incendio scoppiato nella cattedrale di Notre-Dame. Secondo la tradizione, la corona custodita a Parigi è quella che i soldati romani avrebbero posto sulla testa di Gesù prima della crocifissione. Preservati anche i due campanili

 
 
 

"Lavorare dalle 9 alle 17 non fa per me, voglio stare su Instagram

Post n°7129 pubblicato il 15 Aprile 2019 da manu78_it

 lo sfogo tra le lacrime della ragazza

Sta diventando virale il video di Jessy Taylor, influncer (o presunta tale) americana a cui è stato rimosso il profilo Instagram. Le affermazioni disperate della ragazza stanno facendo il giro della rete. “Non sono niente senza i miei follower, non sono niente senza i miei follower” ripete singhiozzando la 21enne dopo aver spiegato che il suo account da oltre 100 mila “seguaci” è stato rimosso. E non solo, Jessy tra lacrime ammette che fare un lavoro “normale”, ossia alle 9 alle 17, non fa per lei, non ha nessuna qualifica ma solo una breve esperienza da McDonald’s. “Ho fatto tutti i miei soldi online e non voglio tornare indietro, sono qui a Los Angels perché voglio stare su Instagram” afferma la ragazza  disperata.

(fonte : da Radio Deejay)

 
 
 

L'assordante rumore del silenzio..

Post n°7128 pubblicato il 14 Aprile 2019 da giulia_770.it

a me piace il silenzio...piace ascoltarmi… piace dialogare con me stessa…piace dialogare con la Vita…come viene… con le sue pause…se… non sai ascoltare ti perdi un pezzo bello della vita…la vita… vita…vita…che ha tanto da  dare  ... aiuto! :)

 
 
 

Un'Italia unita grazie al tocco umano di Antonello.

Post n°7127 pubblicato il 13 Aprile 2019 da giulia_770.it

Una mostra che rischia di battere tutti i record di Palazzo Reale (e quindi di tutti i musei milanesi). Dopo soli 5 giorni dall'apertura delle prenotazioni si sono iscritte alla visita già 11 mila persone.

Il maestro siciliano del Rinascimento diviene ideale ponte di bellezza che unisce due grandi capitali di cultura, Milano e Palermo, e attraverso le sue 19 opere in esposizione (tra le 35 ultime sopravvissute alle ingiurie di alluvioni e terremoti), l'Italia delle spinte autonomiste e sovraniste si ritrova unita...Un'Italia unita grazie al tocco umano di Antonello, uno dei più grandi ritrattisti del Quattrocento, e a una catena di musei alleati, come gli Uffizi di Firenze, il Correr di Venezia, l'Accademia di Carrara di Bergamo, la Galleria Borghese di Roma e Palazzo Abatellis di Palermo che ha prestato l'Annunciata. Forse la più bella, la più nota, la più spirituale, fra tutti i capolavori artistici e non solo tra quelli di Antonello.

 
 
 

Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo?

Post n°7126 pubblicato il 12 Aprile 2019 da giulia_770.it

A destra in basso, un bambino addormentato e tre donne sedute. Due figure vestite di porpora si confidano le loro riflessioni. Una figura assai grande, a dispetto della prospettiva, seduta, alza il braccio e guarda stupita quei personaggi che osano pensare al loro destino. Nel mezzo una figura coglie un frutto. Due gatti accanto ad un bambino. Una capra bianca. L’idolo di Hina, la dea universale dei polinesiani, leva misteriosamente le braccia e sembra indicare l’aldilà. Una figura seduta ascolta l’idolo. Una vecchia , infine, vicina alla morte e rassegnata a ciò che pensa, conclude la storia; ai suoi piedi poi, un uccello bianco, che tra gli artigli tiene una lucertola, rappresenta la vanità delle parole...

Si insomma... Le figure presentano l'umanità nei diversi stati della vita, dall'infanzia alla vecchiaia, in una natura misteriosa e indeterminata........Come rispondere ai quesiti che Gauguin si pone in modo così perentorio da scriverli sul quadro stesso?

Non lo so :))... domandina !

Ma noi : Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo?

beh oggi e' cosi'.....

 
 
 

Oggi non salto il pranzo !! Certo che no!

Post n°7125 pubblicato il 12 Aprile 2019 da giulia_770.it

Nei dintorni di Torino...

Avete fame? Io si!!

Assaporare accanto al fuoco  queste delizie  , ah il camino è sempre acceso!!

 
 
 

Giacomo Balla, precursore della Pop Art.

Post n°7124 pubblicato il 11 Aprile 2019 da simona_780car

Finno al 17 giugno c'è la mostra dedicata all'ultimo periodo figurativo della produzione di Giacomo Balla nella rinnovata sede capitolina.

Da un annetto a questa parte, una giovane perla brilla nel panorama culturale e artistico della Capitale facendosi largo tra gli stanchi edifici umbertini. Parliamo di Palazzo Merulana all’Esquilino, sorto, dopo paziente e generoso restauro, dalle macerie di un vetusto Ufficio di Igiene, per ospitare la Fondazione dei mecenati Elena e Claudio Cerasi con la loro preziosa collezione permanente d’arte moderna (in prevalenza opere degli Anni Venti-Quaranta del Novecento romano). Trae spunto proprio da un quadro della collezione ‒ Primo Carnera di Giacomo Balla (Torino, 1871 ‒ Roma, 1958) – la mostra dedicata all’ultimo periodo ‒ figurativo ‒ del maestro torinese.

 
 
 

Da Burri a Dubuffet, da Jorn a Fontana

Post n°7123 pubblicato il 11 Aprile 2019 da simona_780car

Un nuovo progetto espositivo prende avvio al Castello di Miradolo, a San Secondo di Pinerolo (To), dedicato al tema dell'informale nell'arte internazionale. Fino al 14 luglio...

U

Un nuovo progetto espositivo prende avvio al Castello di Miradolo, a San Secondo di Pinerolo (To), dedicato al tema dell'informale nell'arte internazionale. La grande mostra, dal titolo Informale. Da Burri a Dubuffet, da Jorn a Fontana, è presentata dalla Fondazione Cosso e curata da Francesco Poli.

... Miradolo Terme (Torino)... 
Per questo importante evento, il progetto artistico Avant-dernière
pensée di Roberto Galimberti dedica alla mostra una inedita installazione sonora -..

 
 
 

Arte italiana del primo Novecento

Post n°7122 pubblicato il 11 Aprile 2019 da simona_780car

Fino al 2 giugno l’arte del primo Novecento italiano è protagonista della mostra allestita presso la Fondazione Ragghianti a Lucca.

L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo ‘900 presso la Fondazione Ragghianti di Lucca, è una mostra assai specifica, strettamente collegata alla missione dell’istituzione toscana. Nel 1969 Ragghianti, infatti, scriveva: “Il problema dell’arte infantile tra il ‘900 e il 1920, tanto fuori d’Italia quanto in Italia, è uno di quelli che esigono una ricerca e una precisazione, tra tante altre da compiere per un periodo che ha acquistato così rapidamente una distanza archeologica”. Sono trascorsi cinquant’anni da quelle parole e finalmente si approfondisce, attraverso artisti noti e altri meno noti, una questione interessante dell’arte del nostro Paese, con richiami ad altri mondi, per esempio a quello dell’editoria che sottende a buona parte della mostra.

 
 
 

Secondo me sono soltanto ipotesi!

Post n°7121 pubblicato il 11 Aprile 2019 da simona_780car

...VINO ROSSO e cioccolato per 'coccolare' l'intestino. Due studi appena pubblicati su Science sostengono che questi due alimenti possano avere un effetto positivo sulla nostra salute. Ricercatori belgi e olandesi hanno presentato un'ampia analisi sui microbi che si nascondono nel nostro intestino per capire cosa ci fa bene e cosa ci fa male. Hanno analizzato campioni di feci di migliaia di pazienti per individuare i batteri associati al benessere delle persone. Molti esperti considerano la microflora batterica intestinale un elemento da analizzare per trovare nuove terapie. Sono convinti che sia un elemento essenziale proprio per curare le malattie dell'intestino...

Una settimana fa si moriva bevendo la birra, poi fa vivere 100 anni. Oggi vino e cioccolata.
Fateci morire in pace!

 
 
 

il pestaggio di Stefano Cucchi secondo il racconto del super testimone..

Post n°7120 pubblicato il 10 Aprile 2019 da agnese_740

Caso Cucchi, il pestaggio raccontato dal super testimone

Non giustifico in alcun modo chi spaccia droga, ma non capisco perché tanta cattiveria. Stava in carcere scontando la sua pena o comunque era in procinto di ..non vedo perché arrivare a tutto questo, non credo si possa dire marciare la ricerca della verità per un proprio familiare morto... temo che se la sorella non avesse attirato su questa vicenda una così forte attenzione mediatica non sarebbe mai arrivata a questo punto di svolta e tutto si sarebbe risolto nel silenzio totale .... detto questo rispetto per tutte le forze dell' ordine che svolgono ogni giorno e per tutti noi un ottimo lavoro e che per colpa di alcuni di loro finiscono per essere giudicati ingiustamente.

di la tua...

 
 
 

Inizia in tal modo l'era degli automi. Dove andrà a finire questa povera umanità !

Post n°7119 pubblicato il 10 Aprile 2019 da manu78_it

Cina : In un istituto  gli alunni devono indossare un apparecchio  che segnala all’insegnante i momenti di distrazione...

Il sistema che permetterebbe di entrare nei pensieri degli allievi spingendoli a prestare la dovuta attenzione è stato adottato dalla scuola elementare sperimentale Jiangnan di Hangzhou in Cina. Lo scanner elettronico e distopico però non è stato sviluppato in un laboratorio cinese, ma dalla BrainCo Inc, una startup del Massachusetts sostenuta dalla Harvard University. Le fasce portatili, chiamate «Focus 1», vengono fornite assieme a un portale definito «Focus EDU», che secondo i tecnici di BrainCo «è il primo al mondo pensato per i maestri, i quali così possono rendersi conto dell’efficacia del loro insegnamento in classe, in tempo reale, e apportare i necessari aggiustamenti» (la brochure non spiega se questi aggiustamenti implichino una sgridata al distratto o la ricerca di parole più chiare nella lezione).--.

Ma per favore!! Basterebbero più insegnanti in grado di svolgere il loro lavoro appassionando ed interessando i bambini la cui mente è meravigliosa!

 
 
 

Ma quanto fumano i Cardinali?

Post n°7118 pubblicato il 09 Aprile 2019 da manu78_it

i benefit del Vaticano ...

il numero di sigarette in dotazione è altissimo: fino a 500 pacchetti al mese. Di cui almeno 200 da poter comprare scontati. Ma qualcuno ha mai visto un cardinale fumare? Nessuno. Almeno in pubblico........ Non solo :

..anche l’assegnazione «di 400 litri mensili di carburante a prezzi particolari così suddivisi: a) buoni ad addebito interno (Buoni Verdi) 100 lt; b) Buoni a prezzo speciale (sconto del 15% sul prezzo in vigore) 300 lt». Dove i crediti sono da richiedere «con buoni Cardinalizi (di colore bianco) da utilizzare presso gli impianti interni della Santa Sede; e/o con Buoni Fuori Roma da utilizzare presso i distributori esterni».(notizia web)

Ah ok! ....benzina,pranzi e cene, vestiti su misura,e sigarette. Proprio  una vita ispirata al Poverello di Assisi (San Francesco), tra digiuni e poverta'...

 
 
 

Milord e Milady in patria, e talvolta vandali fuori i loro confini.

Post n°7117 pubblicato il 08 Aprile 2019 da simona_780car

Una turista inglese, di 21 anni, ieri ha visitato il sito archeologico con il padre e la sorella. Giunta nella Casa dell'Ancora, ha scavalcato un cordolo di sicurezza e ha cominciato a staccare con un oggetto appuntito alcune tessere da un mosaico che si trova sul pavimento della domus (Regio VI, Insula X, civico 7). Ogni tessera misura 8x8 millimetri. Uno dei custodi ha notato la scena e allertato i carabinieri. Una volta scoperta, la ragazza ha cercato di allontanarsi con i due accompagnatori che al momento del danneggiamento si trovavano in altre zone della domus. Ma la 21enne è stata individuata e raggiunta dai carabinieri che si trovano nel sito archeologico. I tre non avevano portato via tessere dalla domus, solo la ragazza è quindi stata denunciata in stato di libertà

 per danneggiamento. Il direttore del parco ha stimato il danno in tremila euro .

Pompei, turista danneggia un mosaico nella

Cretina!! Non ci sogneremo mai ad esempio di "profanare" la bellezza dell' arte di un luogo che stiamo visitando. Sarà che conserviamo geneticamente un senso edonistico ben radicato nella nostra indole. GOD SAVE THE EDUCATION.

 
 
 

Me sa che a sto giro Sala hai toppato di brutto...ahi

Post n°7116 pubblicato il 07 Aprile 2019 da manu78_it
 

L'immagine può contenere: una o più persone, folla e spazio all'aperto

A Milano succede che per il salone del mobile è stata installata ieri in Duomo l'opera di Gaetano Pesce, intitolata: "Maestà sofferente", dedicata al problema della violenza sulle donne (dicono). L'opera richiama la famosa poltrona oggetto di design realizzata da Pesce nel 1969: un accogliente corpo femminile e materno sui cui adagiarsi comodamente. Ma non bastava l'utilizzo del corpo femminile reso oggetto ai fini del design, ora l'idea viene rielaborata per rappresentare la violenza sulle donne. Il risultato? Una potrona-donna trafitta da centinaia di frecce (rievocazione del martirio?). Una rappresentazione della violenza che è ulteriore violenza sulle donne perché reifica ciò che vorrebbe criticare. La donna per l'ennesima volta è rappresentata come corpo inerme e vittima, senza mai chiamare in causa l'attore della violenza. E tutto questo senza passare dalla forma umana: alla poltrona e al puntaspilli mancano infatti testa, mani e tutto ciò che esprime umanità in un soggetto. Ma cosa potevamo aspettarci? L'opera è prodotta da un uomo e oggi all'inagurazione delle 17 ne parleranno soltanto uomini: quel sesso che storicamente così poco si è interrogato sul proprio essere autore di violenza e sull'immaginario cui attinge quando "crea" opere sul "femminile".

 
 
 

"La vera arte è non farsi beccare"

Post n°7115 pubblicato il 07 Aprile 2019 da manu78_it

Bella Kikka..siamo tutti al Mudec

L'immagine può contenere: una o più persone

Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'immagine può contenere: una o più persone e campo da basket

The art of Banksy

A Visual Protest. The Art of Banksy" chiude in grande stile!
L'11 aprile alle ore 19.00, vi attende un appassionante racconto sull' evoluzione della street art e il ruolo che oggi ha assunto nelle nostre città.

 
 
 
Successivi »
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI