Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 40
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

speedy.72brunodimustefano_75scsimona_780cargiulia_770.itpietro_791.itmi_piaci15mimma_serenamanu78_its.frappettamichele.foderanarconon_70emtoniettimah_40.it
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

Divertita!!

Post n°7299 pubblicato il 21 Agosto 2019 da simona_780car

...a volte mi sorprendo...altre mi prendo in giro...a volte sono a terra...altre sbaglio...maaa...quando riconosco di aver sbagliato faccio un passo indietro...poi uno in avanti...poi una mano alla cabeza e...un movimento sexy...ciaone



 
 
 

Sembra facile, ma non è!

Post n°7298 pubblicato il 21 Agosto 2019 da simona_780car

Pasta aglio, olio e peperoncino.

Pochi ingredienti per un primo piatto che mette tutti d’accordo.Facile a dirsi, ma sapete che la pasta aglio, olio e peperoncino è una delle più complicate da preparare? Poco cotta, troppo cotta, incollata, insapore, troppo agliosa.

la mia ricetta :

....Base di olio eccellente, aglio a spicchi appena rosolato e poi tolto, peperoncino fresco a julienne.io tolgo gli spaghetti a metà cottura e proseguo nella padella come per il risotto(aggiungendo l'acqua di cottura)il pane a briciole tostato è una variante finale. Buonissimi!!!....

Beh dai! Anche questo piatto e' arte  :)))

 
 
 

Ho aperto una palestra in cantina ;)

Post n°7297 pubblicato il 21 Agosto 2019 da manu78_it

Il vino rosso fa dimagrire, un bicchiere prima di dormire vale un'ora di palestra..

Dunque, un bicchiere di vino o due prima di coricarsi possono aiutare a perdere peso, dato che equivale a un'ora in palestra. Se si è in cerca di tecniche alternative per la dieta, allora una buona soluzione potrebbe essere questa.

... 

La ricerca condotta da Jason Dyck dell'Unio ha scoperto che i benefici per la salute nel resveratrolo, un composto trovato nel vino rosso, sono come quelli che otteniamo dall'esercizio. Il resveratrolo funziona perché agisce per impedire alle cellule di grasso di guadagnare più densità. Questa buona notizia è supportata da scienziati della Washington State University e di Harvard, che hanno scoperto che il tuo bicchiere di vino notturno (o due) può effettivamente aiutare con la perdita di peso. Secondo gli studi, puoi aiutare a prevenire un aumento di peso del 70% bevendo almeno due bicchieri di vino al giorno e il vino rosso è l'opzione migliore a causa del resveratrolo. Ma per ottenere i migliori risultati deve essere la sera - questo purtroppo non si applica a un bicchiere all'ora di pranzo...

 
 
 

Molti associano l'idea di una donna solitaria a quella di una donna sola ...

Post n°7296 pubblicato il 20 Agosto 2019 da manu78_it
 

In una società moderna come quella di oggi in cui la parola single fa rabbrividire chi la ascolta, in cui il marketing è rivolto quasi ed esclusivamente alle coppie, come se l'unico scopo nella vita fosse quello di passare l'intera esistenza insieme ad un altro essere umano, c'è chi ancora riesce ad apprezzare la vera essenza della solitudine.Svegliarsi la mattina liberi di vagare in giro per casa in mutande, accendere una playlist musicale imbarazzante, sfruttare ogni spazio a disposizione per leggere, mangiare o fare un pisolino. Insomma godersi a pieno se stessi. Nonostante alcuni comprendano il vantaggio di stare da soli, rimane una percentuale molto alta, circa il 50 per cento della popolazione, che associa una donna solitaria, che ama la solitudine, ad una donna sola.

Per fortuna, a smentire quest'idea c'è un illustratrice messicana, Idalia Candelas, che riesce a cogliere lo spazio sottile che separa l'essere "soli" dallo "stare soli" attraverso una serie di illustrazioni in bianco e nero sulla "solitudine postmoderna". Candelas raffigura donne distese sul letto, che si fumano una sigaretta, che lavano i piatti e intervallano le pulizie di casa rilassandosi sul divano. I suoi soggetti non sono né sensuali, né tristi, ma rappresentano momenti di intimità vissuti nella pace della solitudine.I disegni pubblicati in un piccolo libro intitolato "Alone", sono un rifiuto sottile dell'immagine comunemente diffusa delle donne sole e esaltano dolcemente la sensazione di sicurezza di godere della compagnia di nessuno.

.........Io tutte queste cose le faccio anche in coppia, se per voi stare in coppia è privarsi di tutte queste cose, avete sbagliato decisamente partner.

 

 
 
 

Fa bene continuare a essere amici del proprio ex?

Post n°7295 pubblicato il 20 Agosto 2019 da simona_780car

Un vecchio partner ci conosce, sa cosa ci ferisce e cosa ci rallegra. Forse l’amore è finito, ma sa comunque leggere nel nostro sguardo e mantenere con noi una certa complicità, il che non è certo facile.......

Si dice spesso che non è consigliabile, o conveniente, continuare a essere amici del proprio ex, perché c’è il rischio di ricadere o di mantenere delle dinamiche che non ci piacevano, anche se il tipo di relazione è cambiato.

Alcuni professionisti sostengono che la cosa migliore, e più sana da fare, sia tagliare i rapporti ed iniziare una vita nella quale non ci sia spazio per il proprio ex. Dall’altra parte, invece, ci sono coloro che la pensano diversamente e che sostengono che una persona con la quale abbiamo avuto affinità può ancora donarci molte cose positive grazie ad una relazione diversa.

Se abbiamo avuto una relazione tossica, non è consigliabile continuare a essere amici del proprio ex. Si tratta di una persona che non ci apporta nulla di positivo, anzi, che ci fa affogare in un mare di problemi. Un caso particolarmente grave, all’interno delle relazioni tossiche, è quando si è stati vittime di abusi.

E se vuoi raccontare la tua esperienza personale sul tema “restare amici”, di la tua...

 
 
 

No va beh, questa è la felpa dei nostri sogni. Avete visto?

Post n°7294 pubblicato il 20 Agosto 2019 da manu78_it

Arriva la felpa con cappuccio gonfiabile per dormire in treno, autobus e ovunque vuoi....

è apparentemente una normalissima felpa con cappuccio, neanche di un colore troppo sgargiante. Quello che ha di particolare è proprio il segreto all’interno del suo cappuccio: un cuscino gonfiabile e che segue la forma della testa, per poter dormire dove di vuole o dove si può. Una vera manna dal cielo per i pendolari, abituati a ritmi davvero estenuanti, ma anche in generale a chi è abituato spesso a fare dei viaggi lunghi, per lavoro, per andare a trovare la propria famiglia o perché è semplicemente uno studente o un lavoratore fuori sede.

A quanti di noi, infatti, è venuta spesso voglia di fare un pisolino in treno, in autobus oppure in aereo?

 
 
 

Chi ama i noodles ne diventerà presto dipendente

Post n°7293 pubblicato il 19 Agosto 2019 da manu78_it

Ha aperto a Milano Let’s Wokin Porta Venezia, crogiolo di culture e sapori che più eterogeneo non si potrebbe. È qui che, tra ristoranti eritrei, cinesi e frequentatissime caffetterie ha da poco aperto Let’s Wok, destinato a diventare il mai-più-senza di chi ama alla follia uno dei capisaldi della cucina asiatica: i noodles.

Let's Wok

Al civico 40 di Panfilo Castaldi vi attende infatti un piccolo e accogliente locale con soffitto di bambù da cui scendono piante lussureggianti, lampade vintage, un bancone fatto di pallet vissuti e una cucina rigorosamente a vista: è proprio da questa cucina che espertissimi cuochi fanno saltare in continuazione una serie di wok infuocati su fiamme altissime, per prepararvi i suddetti noodles, ma non solo.

Piccola parentesi per i salutisti : il wok è la padella più utilizzata in Oriente; la sua forma concava e il materiale di cui è composta (ferro o ghisa) fanno sì che mantenga a lungo il calore, riducendo i tempi di cottura e lasciando intatte le caratteristiche di ogni alimento che vi viene cucinato.Ed è proprio la qualità degli alimenti selezionati a fare la differenza del wok che comporrete: in primis si sceglie la base, tra noodles di riso, di uova o integrali, riso integrale o basmati; dopodiché si aggiungono le proteine, come tofu, pollo, bovino, gamberi, salmone; si passa poi alle verdure di ogni genere (dal packchoi cinese al Quion, lo zenzero peruviano, fino alle baby pannocchie americane), e si arricchisce poi il tutto con le diverse salse homemade, tra cui un’indimenticabile ponzu (soia, arancia e zenzero).

Prima di dire che schifezze?(Stefano ahah)..Perché non passi a provarlo !

 
 
 

Gertsch | Gauguin | Munch

Post n°7292 pubblicato il 19 Agosto 2019 da giulia_770.it

Fino al 22 settembre 2019 il Museo d’arte della Svizzera italiana celebra uno degli artisti contemporanei svizzeri più significativi, Franz Gertsch. La mostra presenta nove monumentali incisioni dell'artista, accanto a una selezione di oltre settanta xilografie di Paul Gauguin ed Edvard Munch.

il Museo d’arte della Svizzera italiana celebra uno degli artisti contemporanei svizzeri più significativi, Franz Gertsch. La mostra ideata dallo stesso artista e co-curata da Tobia Bezzola, direttore del museo, presenta nove monumentali incisioni di Franz Gertsch accanto a una selezione di oltre settanta xilografie di Paul Gauguin ed Edvard Munch. Franz Gertsch è stato chiamato a collaborare con il Museo non solo in veste di artista ma anche come curatore ...
 
 
 

Partendo da un ragionamento sull’iconografia del cavallo...

Post n°7291 pubblicato il 19 Agosto 2019 da manu78_it

si vuole mettere in relazione una parte della ricerca artistica di Lucio Fontana con l’opera di Leonardo da Vinci. Fino al 15 settembre al Museo del Novecento

...

Lucio Fontana. Omaggio a Leonardo...

Partendo da un ragionamento sull’iconografia del cavallo, del cavallo rampante e del cavallo e cavaliere così frequenti in importanti artisti del Novecento che si sono inevitabilmente confrontati con il passato, si vuole mettere in relazione una parte della ricerca artistica di Lucio Fontana, soprattutto degli anni Trenta, con l’opera di Leonardo da Vinci

 
 
 

Vacanza meritata!

Post n°7290 pubblicato il 19 Agosto 2019 da simona_780car

L'immagine può contenere: cielo, nuvola e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo, nuvola, crepuscolo, spazio all'aperto e natura

Kikka non piangere ahahahah torno presto!! Un bacio da Carlotta..

 
 
 

Quando l'ombra di un albero...

Post n°7289 pubblicato il 19 Agosto 2019 da simona_780car

L'immagine può contenere: albero, pianta, spazio all'aperto e natura

diventa un'opera d'arte ....Che soltanto la natura sa fare!!!

 
 
 

Agli amici di arte!

Post n°7288 pubblicato il 14 Agosto 2019 da simona_780car

a tutti!

 
 
 

Anteprima mondiale a Forli'...

Post n°7287 pubblicato il 14 Agosto 2019 da simona_780car

Dal 21 settembre apre al pubblico la raccolta fotografica incentrata sull’alimentazione di Europa, America Latina e Asia. Inedita la maggior parte degli scatti esposti...

Il celebre fotografo Steve McCurry (Philadelphia, 1950), che si è recentemente raccontato in un documentario a cura dell’editore Phaidon, sarà protagonista di una nuova mostra ai Musei San Domenico di Forlì, prodotta da Civitas con il sostegno della Fondazione Cassa dei Risparmi. L’inaugurazione, prevista per il 20 settembre 2019, anticiperà l’apertura del Festival del Buon Vivere (dal 21 al 29 settembre 2019 a Forlì e in Romagna). Questa volta, il soggetto ricorrente dei suoi scatti è il cibo, considerato nella diversità che caratterizza ogni cultura, ma anche come necessità universale che lega tutti gli individui. “Ogni fotografia di Steve McCurry cerca l’universale nel particolare”, spieg, “è paradigmatica di una persona o di un’intera comunità: vale per le figure commoventi che consumano un pasto nella solitudine o nel dolore, come per i frammenti di mercati in cui i pesci, la frutta o le spezie si fanno odori, suoni, sapori e partecipazione emotiva a una realtà che, nelle differenze, riporta all’uguaglianza degli esseri umani”.
 
 
 

Gli italiani e la moda in mostra a Perugia...

Post n°7286 pubblicato il 14 Agosto 2019 da simona_780car

Gli italiani e la moda 1860–1960

Sarà possibile ammirare la moda che ha contraddistinto la società italiana: l’Ottocento, con le donne borghesi chiuse in abiti con stretti corsetti e ampie gonne sorrette da apposite crinoline, ornate da pizzi e merletti; le popolane, avvolte in ampi scialli e lunghe gonne che scendono fino a terra; i lavoratori che indossano il vestito da festa; i ricchi borghesi con baffi, barbe e vestiti che si ispirarono alla moda dei sovrani, Re Vittorio Emanuele II prima e Umberto I dopo. Poi il Novecento che, invece, ne stravolge i profili e le fogge, svelando le caviglie delle donne. Attraversando il periodo Fascista si arriva al dopoguerra dove, se l‘uomo rimane fedele alla giacca e alla cravatta, la donna stravolge i suoi abiti, divenuti sempre più corti e pratici, scegliendo il tailleur quale modello e segno di un riconoscimento completo di pari dignità con l’altro sesso.
 
 
 

Una mostra che non t'aspetti...

Post n°7285 pubblicato il 14 Agosto 2019 da simona_780car

L’antologica che il Palazzo Reale dedica a Ugo Nespolo (Mosso, Biella, 1941) ha due meriti. Rispettare la natura vulcanica e senza gerarchie prestabilite della sua opera, allestendo i lavori facendoli interagire e non musealizzandoli; e soprattutto riscattare l’autore dall’idea monotematica che si ha di lui. Certo, i suoi “intarsi pittorici” sono una parte caratterizzante della sua produzione. Ma, come si vede in mostra, sono molte altre le direzioni da lui percorse ‒ spesso più radicali di quanto si pensi normalmente parlando di Nespolo. Ciò risulta chiaro sin dalle prime sale, che presentano lavori del periodo identificabile come poverista. Dall’installazione Molotov (1968) ai morsetti di Triperuno (1967) fino alle due scritte chiodate “potere” e “violenza” (Power violence, 1968): variazioni sull’idea di scultura che simulano la familiarità dell’oggetto d’uso comune, per poi rivelarsi invece ambigue, spinose, sottilmente minacciose.

 
 
 

È stata ingiustamente criticata per alcune sue considerazioni sul terribile male che ha combattuto con molto coraggio.

Post n°7284 pubblicato il 13 Agosto 2019 da manu78_it

"Qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, non perde mai. Hai combattuto a testa alta col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all'ultimo, fino a oggi. D'altronde nella vita hai lottato sempre. Hai lottato anche quando sei arrivata da noi, e forse é per questo che ci hai conquistati da subito. È stato un colpo di fulmine con te, Toffa".

Le Iene....

Grande Guerriera R. I. P

 
 
 

Persone!

Post n°7283 pubblicato il 08 Agosto 2019 da giulia_770.it

...ci sono le persone che stimi... quelle che apprezzi...quelle che ti convincono... quelle che ti sorprendono...quelle che ti conquistano...ci sono persone che ti fanno ridere ed altre che ti fanno piangere.. quelle che portano allegria e quelle che ti rattristano…e poi e poi ci sono persone speciali…sono quelle che senti...quelle che hai come la sensazione che ti siano entrate dentro senza che tu abbia mai dovuto aprire alcuna porta... sono le persone con cui dialoghi senza dire una parola...quelle con cui senza dire una parola riesci a raccontare l’Universo e le sue più ignote meraviglie!...

 
 
 

Sogno e Magia

Post n°7282 pubblicato il 07 Agosto 2019 da simona_780car

Dal 20 settembre, a Palazzo Albergati di Bologna, una mostra dedicata al grande artista russo, Chagall. Sogno e Magia: 160 opere che lo raccontano, attraverso il filo conduttore della sensibilità poetica e magica.

160 opere che raccontano, attraverso il filo conduttore della sensibilità poetica e magica, l’originalissima lingua poetica di Marc Chagall (1887-1985). La cultura ebraica, la cultura russa e quella occidentale, il suo amore per la letteratura, il suo profondo credo religioso, il puro concetto di Amore e quello di tradizione, il sentimento per la sua sempre amatissima moglie Bella, in 160 opere tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni... La mostra, che resterà aperta fino al 1 marzo 2020, si divide in cinque sezioni in cui sono riassunti tutti i temi cari a Chagall: Infanzia e tradizione russa; Sogni e fiabe; Il mondo sacro, la Bibbia; Un pittore con le ali da poeta; L’amore sfida la forza di gravità.

 
 
 

Le donne piu amate di Pasolini..

Post n°7281 pubblicato il 07 Agosto 2019 da simona_780car

Sarà in mostra fino al 15 settembre 2019 Pasolini e le donne: una raccolta di oltre 90 scatti originali, esposti negli spazi del Museo Piermaria Rossi di Berceto, assieme a manoscritti e documenti.

Foto di Vittorio La Verde, Pasolini e la madre Susanna

Agenzia Duphoto, Pasolini e Laura Betti

Anonimo, Pasolini nelle borgate

Un corpus che ricostruisce da varie angolature le vicende biografiche del regista, poeta e scrittore con alcune figure chiave che hanno influenzato la sua opera. Donne ribelli, oppositrici del patriarcato, protagoniste del mondo della cultura e della letteratura del tempo, tra cui la madre Susanna, Giovanna Bemporad, Silvana Mauri, Elsa Morante, Laura Betti, Anna Magnani, Silvana Mangano, Maria Callas, Amelia Rosselli, Anna Maria Ortese, Elsa De’ Giorgi e Oriana Fallaci. “La mostra indaga il rapporto tra Pier Paolo Pasolini e le donne, cioè cosa significa vivere e celebrare la diversità, e quella condizione di inadeguatezza nei confronti dei poteri e dei soprusi”, spiegano gli organizzatori, “le donne hanno insegnato a Pasolini un modello di comportamento poetico e civile, l’importanza di non accettare compromessi, di restare fedeli a se stessi”.

 
 
 

La seduzione wo/MAN RAY

Post n°7280 pubblicato il 07 Agosto 2019 da simona_780car

Circa duecento fotografie, realizzate a partire dagli anni Venti fino alla morte, tutte dedicate a un preciso soggetto, la donna, sono al centro di questa grande mostra dedicata al Man Ray fotografo.

“Solo da Man Ray potevamo attenderci la Ballata delle donne del tempo presente”, scriveva André Breton a proposito dei ritratti femminili del genio nato a Philadelphia nel 1890, sbarcato a Parigi nel 1921 e lì divenuto protagonista assoluto delle stagioni dadaista prima e surrealista poi. Dal 17 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020, CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia rende omaggio al grande maestro con la mostra wo/MAN RAY

 
 
 
Successivi »
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!