Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 41
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

persicomarco07lisamenegolamm.cannistragiulia_770.itluciacortimanu78_itfabiolaturbessiST_Franzone_Srlspeedy.72antonio.salvatore71joefuffadolcesettembre.1ricciopettinatovigi74
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

« Vernice rossa e scritte ...“Così rischia di scompar... »

Quel romanzo ci riguarda tutti...

Post n°7701 pubblicato il 15 Giugno 2020 da giulia_770.it

Polvere siamo e polvere torneremo. In uno dei famosi scatti di Dorothea Lange, grande fotografa americana, è ritratta una fattoria di legno, il recinto, la stalla, il segnavento alto sopra il tetto; alle spalle della casa il cielo non esiste più, non esiste più la strada, tanto meno le coltivazioni. C’è solo una nuvola di polvere che avanza come un enorme organismo vivente: presto inghiottirà qualunque cosa. È il 1935. Le tempeste di sabbia che tra il ‘31 e il ‘39 colpirono Oklahoma, Texas, Kansas, Colorado e New Mexico possono essere considerate il più grave disastro ecologico che abbia interessato il territorio americano nel secolo scorso. Sono passate alla storia come Dust Bowl.

Noi, in viaggio sulla Route 66: perché rileggere Furore significa capire l'oggi

“Venne l’alba, ma senza giorno. Nel cielo grigio apparve un sole rosso, un fioco cerchio rosso che spandeva un po’ di luce simile al crepuscolo; e con l’avanzare del giorno il crepuscolo ricadde verso il buio, e il vento ululò e mugolò sul mais abbattuto”. Così si legge in “Furore”. Il grande romanzo di John Steinbeck ha appena compiuto ottant’anni. E da ottant’anni continua a essere letto, continua a farci riflettere, nonostante la linearità e la vena retorica per cui molti lo criticarono; nonostante il suo autore abbia preferito all’introspezione psicologica del singolo personaggio, la forza irresistibile dell’istinto collettivo. Furore – con la sua biblica intensità – racconta dei Joad, una famiglia di agricoltori dell’Oklahoma costretta a lasciare la propria fattoria e a mettersi in viaggio verso la California.

steinbeck-jpg 

Gli ottant'anni di Furore, quel racconto capolavoro dell'America profonda...

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI

Nininini Rebecca :) anche schizzo!!! Ciao
Inviato da: giulia_770.it
il 07/07/2020 alle 20:57
 
Grande Maestro ...Grazie
Inviato da: samuele_bandi
il 06/07/2020 alle 21:03
 
Oggi un genio Italiano in silenzio ci ha lasciato il mondo...
Inviato da: Fernando
il 06/07/2020 alle 11:01
 
Una vita dedicata all’arte...le sue musiche dono per...
Inviato da: stefano_75sc
il 06/07/2020 alle 10:56
 
io forse ho avuto una percezione della sua fine... Ne parlo...
Inviato da: massimocoppa
il 06/07/2020 alle 10:50