**TEST**
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

antica4emilytorn82puffa80ninograg1unamamma1nacly82giodibenedetto89sds.serramentiadoro_il_kenyasmeraldoluciaalmera1974alphabethaastrong_passionLanzichenecco79pinopassante
 

Ultimi commenti

come possono negare come possono dimenticare... onore a...
Inviato da: NeVeRmInD89
il 22/12/2008 alle 19:04
 
Un video che riassume un pò la vicenda Alitalia:...
Inviato da: L_irrequieto
il 05/11/2008 alle 16:53
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 16:20
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 22:30
 
ti consiglio vivamente di farlo..sarebbe un bel regalo per...
Inviato da: Anonimo
il 21/12/2007 alle 17:11
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
Creato da: wahid2 il 15/01/2007
discussione sulla necessità di un ricambio generazionale

 

 
il continuo inseguire fa... »

Giovani: costruttori del futuro

Post n°1 pubblicato il 15 Gennaio 2007 da wahid2
 
Foto di wahid2

  di Tommaso Naclerio* 

Alla ricerca di un’ identità che permetta di abbattere le barriere generazionali, che valorizzi gli strumenti di democrazia diretta, che ispiri un’ intensa e prolifica  partecipazione attiva alla  vita pubblica, ma che soprattutto sia produttiva  di un effettivo protagonismo dei giovani nelle scelte e decisioni di domani, l’Associazione “Lavori in corso” di Agerola (Na) propone,  attraverso l’apertura di un  blog,  un’ occasione  in cui è finalmente  possibile avviare  una discussione e un confronto sulla necessità di un ricambio intergenerazionale nella società di oggi.

  La determinazione che ha guidato i nostri passi in questi primi sei anni di percorso associativo nasce dalla instancabile voglia di tentare nuove soluzioni e continui rimedi alle condizioni di disagio che quotidianamente affrontiamo e che inevitabilmente si riscontrano in piccoli contesti locali, nei quali si registrano enormi difficoltà nell’approccio con il mondo esterno, con il sistema dell’informazione, della cultura e della conoscenza in genere. L’idea di proporre un luogo di discussione e confronto sulle problematiche e i disagi che ci attanagliano, tra l’altro accessibile a tutti attraverso i mezzi telematici a disposizione, è dettata proprio dal bisogno di imboccare una via d’uscita da una condizione di vita sospesa tra dipendenza, indifferenza e senso di incertezza che pervade la realtà globale e locale.

  Il messaggio lanciato da quei giovani scesi spontaneamente e pacificamente in piazza a Locri (Calabria) per manifestare il proprio disgusto verso quel male sociale, che si chiama ‘ndrangheta, per poi sfidarlo attraverso la creazione di un movimento o i messaggi estratti dalle azioni più violente dei giovani immigrati delle periferie parigine che a distanza di un anno continuano a dare sfogo alla propria collera e ai propri disagi dovuti alla mancanza di integrazione sociale o quelli ancora ricavati dall’entusiasmo di quei giovani che nel 1990, a colpi di piccone, buttarono giù il Muro di Berlino e ad inaugurare una nuova epoca di pace, sono espressione di un’unica presa di coscienza che urla la voglia di cambiamento.

  Nel 2007 noi giovani fatichiamo a districarci tra delusione e speranza.

  La delusione deriva dalla consapevolezza che la società di oggi è un circuito vecchio, chiuso e clientelare, che ci obbliga a rimanere isolati e lontani dalla sfera pubblica. Chi dovrebbe garantire la fase di avvicendamento tende viceversa a consolidare il principio “dell’eterna giovinezza allo scopo di abolire i giovani”, per cui noi che abbiamo 20 – 30 anni siamo tagliati fuori, nel senso che non saremo mai gli artefici di quel processo di cambiamento ed innovazione di idee e progetti.

  Ci troveremo a dover sopportare inermi la presunzione o la bramosia di chi, essendosi impossessato della scena da venti o trenta anni e avendo mostrato tutta la inadeguatezza nel porre le basi per un necessario ricambio generazionale, anziché proporsi da testimone del tempo andato, continua a rivestire il ruolo di interprete del nostro tempo e costruttore del futuro.

  Noi giovani resteremo sospesi in un’eterea dimensione di dipendenza. Avremo minime possibilità di realizzazione. E non saremo in grado di scalare le gerarchie professionali, politiche e sociali, a meno che la sorte non ci abbia consegnato un cognome illustre. Basta guardare le zone alte – e non solo – della politica, dell’impresa, dei media o dell’Università per accorgersi della presenza di tanti “figli o nipoti di”. Quando forse senza la “buona parola” o il prestigio del papà o del nonno, difficilmente avrebbero potuto conseguire simili promozioni.

  La speranza risiede nelle parole della più alta carica dello Stato, il Presidente Giorgio Napolitano, il quale nel discorso di fine anno difende espressamente gli istituti di democrazia diretta, atti a garantire e preservare un’effettiva e duratura partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica.

  Manifestare il coraggio nel voler affermare il nostro protagonismo nella determinazione delle scelte e delle decisioni che ci riguardano, significa osare, guardare oltre, trasgredire, plasmare la società del futuro, imponendo scelte, gusti e tendenze. E così divenire i veri costruttori di certezze.

  Tocca a noi decidere se annaspare fino ad affogare nel fallimento delle nostre aspettative o se ispirare con un confronto maturo e sensibile un processo “rivoluzionario”, che alimenti la convinzione che CAMBIARE E’ POSSIBILE.

                                                                         

                    * Presidente Associazione "Lavori in corso"

 

Di seguito i casi più eclatanti, nei quali attestiamo l'effettiva sussistenza di un sistema vecchio:

  • Romano Prodi (Presidente del Governo) - anni 68
  • Silvio Berlusconi (Leader Opposizione) - anni 71
  • Luca Cordero di Montezemolo (Presidente Fiat - Confindustria - Ferrari) - anni 60
  • Antonio Matarrese (Presidente Lega Calcio) - anni 67
  • Elio Catania (Presidente FS) - anni 61
  • Giancarlo Cimoli (Presidente Alitalia) - anni 68
  • Guido Rossi (Presidente Telecom Italia) - anni 76
  • Fedele Confalonieri (Presidente Mediaset) - anni 70

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

GABER DOCET

"!a libertà non e' star sopra un albero,

  non è neanche avere un'opinione,

  la libertà non è uno spazio libero,

  libertà è partecipazione"


 

INVITO ALLA LETTURA