oleandro

una pianta forte con i fiori delicati

 
GENTILMENTE PROPOSTO DAL BLOG WAFFEN & BENITO

NON ABBANDONARCI

Se sei contro l'abbandono degli animali preleva questo banner e inseriscilo nel tuo blog o sito in modo da sensibilizzare gli esseri umani a non farci fare una fine infame !

Ogni anno in Italia uccisi 25 mila cani»

 

LA FORTUNA CORRE SULLE ALI

 un grazie alla mia amica trappolina per questo splendido pensiero

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

UN FIORE PER AMORE

 

Per tutti i cuccioli a due e quattro zampe che hanno trovato la morte a causa dell'uomo. Mettete anche voi un fiore nel vostro blog.

 

GRAZIE

GRAZIE AD UN BLOG

A QUATTROZAMPE

 

 
da ofelia770
Post n°241 pubblicato il 07 Aprile 2009 da dada56

TERREMOTO IN ABBRUZZO

TERREOTO ABRUZZO
Post n°919 pubblicato il 06 Aprile 2009 da ofelia770

 

Abbiamo bisogno di posti letto...chiunque avesse una struttura alberghiera osimilare in Abruzzo (costa, collina) chiamate 0854308309....amici diLibero, vi prego di copiare e incollare sul vostro profilo...grazie 2)L'Abruzzo si sta appoggiando all'Avis del Lazio, CERCANO URGENTEMENTE SANGUE DI RH 0 NEGATIVO. per favore fate di questo post il vostro status.
fate girare!!!

 

 

 

dedicata a voi

Post n°198 pubblicato il 09 Dicembre 2010 da fri30
Foto di fri30

Oggi dopo una vita sono entrata nel mio blog e ho visto tante lettere di amici che non credevo neanche di trovare, grazie a voi tutti, un immagine della mia bella città per dirvi vi voglio bene, Francesca.

 
 
 

I SENZA VOCE.

Post n°197 pubblicato il 05 Settembre 2010 da fri30

« ROMA: CANE MUORE GETTAND...
Dal Blog della mia sorellina Ofelia770
Post n°466 pubblicato il 05 Settembre 2010 da dada56

Lottiamo tutti accanto a lei, lei è disposta a dare la vita per combattere....combattiamo fianco a fianco con lei !!!!

Miei amici carissimi,
con la poca forza che mi trovo voglio assolutamente scrivere queste parole. Non potrei altrimenti continuare a lottare per vivere.
Oggi guardando il telegiornale ho ascoltato due notizie che mi fanno rabbrividire di orrore, notizie che in confronto il mio dolore è uno scherzo.
Una donna in Iran è stata condannata a morte tramite lapidazione perchè accusata di adulterio.
L'Unione Europea sta per approvare una legge che renderà legittima la vivisezione su cani e gatti randagi.

Ora il mio cuore non può sopportare quest'altro dolore. Non lo possiamo permettere.
In nome dell'affetto che avete dimostrato per me, in nome dell'amicizia, e soprattutto in nome dell'UMANITA' aiutatemi in questa lotta.
Diffondete amici miei! Scrivete tutti sui vostri blog, chi è iscritto a Face Book lo comunichi a tutti i suoi contatti.
Non permettiamo che esseri innocenti vengano seviziati da esseri che di umano non hanno nulla più.
Vi prego, vi scongiuro...aderite TUTTI!!!
Fermiamo gli assassini.

Io sono disposta per protesta, a interrompere le mie cure contro il cancro.

Aiutiamo una donna la cui unica colpa è stata (se poi è vero) di cedere all'amore.
Aiutiamo tantissime povere creature innocenti la cui unica colpa è di essere stati abbandonati e vagano randagi per le strade alla ricerca di una mano che li accarezzi non di un bisturi che li servizi.

Aiutiamoli amici, o io mi lascerò morire senza più lottare.

Preghiera per gli animali

 

Oh mio Dio, ti prego, libera le tue creature

 

dalle mani del male,

 

 

liberale dal dolore che nessuno sente,

che solo Tu conosci.

 

Oh mio Dio, le Tue creature meravigliose,

 

le tue creature che non conoscono nè malizia

nè crudeltà,

 

le Tue creature che ci hai donato

 

perché potessimo amare, liberale!

 

Oh mio Dio io soffro, perché sento le loro
grida di silenzio

 

Ti prego, ferma queste mani che ti offendono

 
 
 

LA VERGOGNA DELL'europa.

Post n°196 pubblicato il 03 Settembre 2010 da fri30

famiglia Kappa è aumentatapiù siamo e meglio è... »
vergogna europea
Post n°1065 pubblicato il 02 Settembre 2010 da waffenkappa

Uno dei peggiori atti che l’uomo può fare contro gli animali è la vivisezione. Non solo perchè è stato dimostrato essere quasi totalmente inutile, visto che con le moderne tecnologie si possono avere gli stessi risultati con un programma per computer, ma soprattutto perchè è una forma di tortura legalizzata che fa girare milioni di euro guadagnati a scapito della salute di poveri animali innocenti.

clicca

firmiamo amici la petizione contro la vergognosa direttiva Europea,aiutiamoli..sono creature indifese..innocenti e il parlamento Europeo si vuole macchiare di questo tradimento ai danni di questi esseri viventi e di noi.

 Esperimenti su animali randagi e domestici. In poche parole cani e gatti. Utilizzando metodi da tortura come l’isolamento forzato, il nuoto forzato o altri esercizi che portano inevitabilmente all’esaurimento (morte) degli animali. E non è finita, perché se l’intensità è “moderata”, l’esperimento sulla stessa bestiola si può ripetere. Un bell’escamotage per sostenere, come recita la nuova direttiva europea sulla vivisezione, che d’ora in poi gli esperimenti coinvolgeranno meno animali. Il tutto gravato da un singolare paradosso: in Italia la legge sulle vivisezione è più rigida, ma ora le nuove regole dell’Unione non saranno più derogabili dai singoli paesi con buona pace delle multinazionali del farmaco. Certo l’Italia potrebbe chiedere di mantenere le sue regole, ma la domanda è: lo farà?Intanto, dopo anni di discussioni e rimaneggiamenti, la nuova direttiva europea sulla vivisezione è pronta al varo. Ma nessuno, o quasi, degli europarlamentari italiani eletti nel 2009 è ancora andato a leggersi il testo. Peccato, perché a guardarlo bene ci sono punti che farebbero accapponare la pelle anche al più convinto sostenitore della sperimentazione scientifica con gli animali. Il testo prevede, ad esempio, all’articolo 16: “La possibilità di riutilizzare animali già sottoposti a esperimenti di intensità ‘moderata’”. Un paradosso, si diceva. “In questi ultimi mesi quasi tutti gli articoli chiave sono cambiati in peggio rispetto alla prima stesura del 2008 – dichiara  la Lega antivivisezione – ad esempio la frase la possibilità di riutilizzare animali già sottoposti a esperimenti di intensità moderata è significativamente diversa rispetto alla prima stesura ipotizzata dalla Commissione, dove si parlava invece di esperimenti di intensità lieve“.“Tra le procedure codificate poi – continua la Brocca – c’è l’isolamento forzato di cani e scimmie o il nuoto forzato o altri esercizi fino all’esaurimento dell’animale”. Un risultato ben diverso, insomma, da quello che si aspettavano le principali associazioni animaliste che auspicavano il graduale superamento della sperimentazione con gli animali grazie all’utilizzo di metodi alternativi, in provetta o tramite modelli computerizzati e, nello stesso tempo, la riduzione degli esperimenti più dolorosi. Ma non è l’unico scivolone del testo. Sempre nella prima stesura del 2008 non vi era di certo: “La possibilità di chiedere delle deroghe a sperimentare su animali randagi delle specie domestiche l’ articolo 11 del testo  qualora sia impossibile raggiungere lo scopo della procedura” altrimenti e quando sia ritenuto “essenziale” per tutelare l’ambiente o la “salute umana o animale”.Eppure, la relatrice della normativa, l’eurodeputata Elisabeth Jeggle del Partito popolare europeo, aveva dichiarato alle agenzie di stampa: “Le nuove norme realizzano un compromesso tra i diritti degli animali e le esigenze della ricerca”. Ma il risultato finale non pende certo a favore degli animali. E così, mentre i nostri eurodeputati sonnecchiano, il tam tam di protesta degli animalisti è già partito. La Leal, lega antivivisezionista, sta raccogliendo le firme per una petizione online da portare al Parlamento europeo entro l’8 settembre, giorno della votazione del testo. Sono già oltre le 60mila. Tra questi hanno firmato: l’astrofisica Margherita Hack, l’attrice Lea Massari, la scrittrice Sveva Casati Modignani, il fotografo Gabriele Basilico. In gioco, stando ai dati forniti dall’Ue nel 2005 (gli ultimi disponibili), ci sono i 12 milioni di animali che vengono usati ogni anno in Europa per finalità di ricerca. Una statistica dalla quale vengono generalmente escluse le specie invertebrate e gli animali uccisi per utilizzare tessuti e organi. Ed ecco che cosa si sono inventati a Bruxelles come “compromesso”, per usare le parole della Jeggle.Il professor Macrì è stato per anni uno dei massimi ricercatori all’Istituto Superiore di Sanità, oggi scrive per alcune riviste scientifiche: “Io ho fatto quasi sempre sperimentazione sui ratti, non sono contrario alla sperimentazione scientifica con test sugli animali. Ci sono farmaci che possono essere testati sull’uomo se non dopo una prima fase di test fatta sugli animali. Certo, però, se dovesse passare il principio generale a livello europeo che si possono riutilizzare per più esperimenti gli stessi animali, sarei contrario. Mi sembra una inutile tortura. Come sono contrarissimo a usare animali cosiddetti randagi, portatori di per se di altre malattie. Oggi comunque in Italia  per la sperimentazione su cani e gatti o su altre specie al di fuori dei ratti, bisogna chiedere una deroga, una autorizzazione al ministero della Salute che la sottopone poi al vaglio di una commissione in seno all’I.S.S”. E già la normativa italiana, la n.116/92, è parecchio restrittiva sulla sperimentazione su quasi tutte le specie animali.“In realtà domani potrebbe diventare tutto più difficile o più semplice a guardarlo dalla parte dei vivisettori e dei grandi gruppi che dalla vivisezione traggono profitto. Infatti l’articolo 2 della nuova Direttiva esclude che si possano apportare migliorie alla Direttiva nella fase di recepimento. Tutt’al più l’Italia potrà chiedere di mantenere delle misure più restrittive, se già le possiede. Ma avrà voglia di farlo?”. Il timore è che per competere con gli altri 26 Paesi dell’Unione, il nostro governo non si batta abbastanza e decida di adeguarsi integralmente a questa Direttiva tutta giocata al ribasso. Fedi, già docente universitario in medicina a Roma e poi a Terni, è un luminare del cancro dell’urotelio. Fedi è un “pentito” della sperimentazione scientifica sugli animali: “Dopo 15 anni di sperimentazione all’università su cavie, topi, criceti, cani e gatti, un bel giorno mi sono reso conto che i risultati erano o inutili o dannosi e ho deciso così di liberare tutti gli animali del laboratorio. Torturare e uccidere animali, per sperimentare cosmetici, farmaci o altro, è una ingiustificabile crudeltà, a meno che non vi sia una reale utilità per l’uomo. Faccio notare che i risultati degli esperimenti su animali, possono essere, sull’uomo, uguali, diversi, o addirittura opposti e per verificarlo bisogna ripetere gli esperimenti sull’uomo.

 
 
 

un orrore .

Post n°195 pubblicato il 10 Luglio 2010 da fri30

« Cane impiccato a S.Andre...
Cina – Chiuso un macello per cani clandestino
Post n°1031 pubblicato il 10 Luglio 2010 da waffenkappa

In Cina ogni giorno vengono brutalmente uccisi migliaia di cani e gatti, spesso in condizioni di assolutà illegalità. Quando possibile le autorità chiudono questo genere di attività, che ad ogni modo continuano a proliferare. Ricordiamo inoltre che in Asia Orientale, la carne di cane è ampiamente apprezzata, specie in alcune province. Ad ogni modo, la Cina è l’unico stato ad avere promosso una legge per la messa al bando della carne di cane.Alle porte della città di Changchun, nella provincia di Jilin, operava un macello di cani illegale, da poco fortunatamente chiuso dalle autorità.Il macello ha operato per circa due anni. Ogni giorno venivano portati due o tre furgoncini contenenti cani vivi.La capacità operativa di questa attività illegale arrivava sino a 300 cani al giorno. I macellai utilizzavano solo un bastone e un coltello per uccidere gli animali. Gli abitanti del vicino villaggio hanno affermato che la violenza si scatenava anche sui cuccioli. I latrati disperati dei cani impedivano agli abitanti di dormire. I lavoratori sono tutti illegali.I tubi di scarico della fabbrica lasciano fuoriuscire solo aria calda e sangue. Il bollitore circondato da una lamiera zincata serve per spellare i cani.Dopo il processo di macellazione, un cane viene venduto per soli 6, 8 RMB (meno di 1 euro).I principali clienti erano piccoli alberghi o privati. Il 17 giugno l’autorità per la Salute degli Animali (Changchun City Animal Health Authority), dopo avere ricevuto alcune segnalazioni da parte degli agenti della polizia, ha chiuso il macello.Adesso mi scuso se qualcuno leggendo queste atrocità si sentirà inorridito e sconvolto ma il mio scopo è proprio quello di portare a conoscenza fatti che passerebbero inosservati di solito,tanto sono solo cani.....chi è rimasto impressionato e schifato,non se la prenda con me(non cambio io il mondo)ma semplicemente mi eviti....e abbiamo risolto il problema...per gli amici dei miei amici...se volete,se potete,fate girare..grazie amici miei...

              

 

 
 
 

IL PARCO MARTINAT....

Post n°194 pubblicato il 02 Luglio 2010 da fri30

« Manchas, piccolo grande eroe 
Il Parco Martinat ....
Post n°1021 pubblicato il 30 Giugno 2010 da waffenkappa

Il Parco Martinat si estende per circa ottantamila metri quadrati sulla collina ai confini dei comuni di Pinerolo e San Pietro Val Lemina (altitudine media 450 metri). Il clima, se si considera che si è in Piemonte, è eccezionalmente favorevole. Proprio per questo motivo la zona è stata scelta dal dottor Sergio Martinat per stabilirvi la sua collezione di uccelli esotici, una delle più grandi del mondo: oltre duemila esemplari di cui la metà pappagalli, che, come si sa, stanno diventando sempre più rari. Lo scopo principale del Parco è quello di far riprodurre e conservare per le future generazioni specie che attualmente sono in grave pericolo di estinzione. In secondo luogo di mettere a disposizione del pubblico animali rari ed ormai quasi introvabili, nelle migliori condizioni possibili, in modo che la gente possa rendersi conto della bellezza e dell'importanza di quanto nelle regioni tropicali si sta sconsideratamente distruggendo. Il Parco, inoltre, offre un sicuro ricovero ad animali che altrimenti sarebbero stati soppressi: è il caso delle tigri e dei leopardi attualmente ospitati che rimangono di proprietà del privato che li ha allevati. E così per pappagalli (in cui siamo specializzati), scimmie, procioni, tartarughe e molti altri animaletti tenuti in casa sino a che non si sa più che farne.

Il parco Martinat rimarrà chiuso per tutto anno 2010....il proprietario è morto e i figli non si mettono d'accordo sul che farsi...dal momento che non è una fonte di notevole guadagno l'attività a quanto pare è stata accantonata a discapito di tutte le creature ospiti del luogo...il parco credo sia una notevole ricchezza di cultura ed è davvero cosa triste l'abbandono di questo.Sarebbe un'ottima conoscenza per bambini,infatti organizzava gite organizzate per scuole....si insegnava ai bambini a conoscere e rispettare ambiente e natura..ma a quanto pare il denaro viene prima....mi auguro che il parco possa aprire quanto prima,che possa riprendere vita e porti conoscenza alle giovani generazioni...

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: fri30
Data di creazione: 08/02/2008
 
APPELLI

 

  www.appelliperglianimali.it

 

 Andando nel sito potete sottoscrivere svariati appelli a favore degli animali. Ogni firma è importante.

 

  PORTATE QUEST'APPELLO ANCHE NEL VOSTRO BLOG

 

GRAZIE LIZZY.

 

GRAZIE ALLA MIA AMICA DADA

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

exiettoangy1968amcostanzatorrelli46massimocoppaiunco1900carisma_sfri30BlueSteelecamosciodgl1TeamBlueSharkgiusymartogliodeda68ivano.bersinihhhhhhdgl13tansymint
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

                            Premio Magia

ricevuto da TRAPPOLINAX

grazie

 

CHI PASSA VEDRÀ, E NON DIMENTICHERÀ

www.aimip.org

 

- www.aimip.org - Ad una persona molto vicina ad una mia cara amica hanno diagnosticato una malattia poco conosciuta ai piu. E' una malattia rara del polmone ma i casi sono sempre in aumento. Solo che non se ne parla e così non si sostiene la ricerca .Vi chiedo, per favore, di diffondere la voce a tutti i VOSTRI amici, parenti, contatti e-mail. Chiedete a loro di non fermare questa catena di amore e di solidarietà.Si può sostenere la ricerca con una piccola donazione o con il 5x1000 sul modello 730 (consultare il sito dell'associazione: www.aimip.org  . O semplicemente parlandone e diffondendo la voce....GRAZIE A TUTTI VOI

                  

messaggio di exietto

 

AMICA È...........CONOSCERE TE