Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Nisida nostraNapoli: un inutile stop ... »

La città del mistero: Napoli o Partenope

Post n°58 pubblicato il 03 Dicembre 2006 da vocedimegaride
 

di Clara Negri

immagine 

Napoli, anticamente Neapolis, ossia Nuova città, appartiene a una tradizione tutta incentrata sul mistero, l’occulto e il femminile. Essa, e il suo incantevole golfo, che idealmente va dalla Punta della Campanella a Capo Miseno, ha sempre goduto di condizioni terrestri climatiche e magnetiche, eccezionalmente buone.
Da circa tremila anni la zona partenopea palpita di vita non soltanto per la sua terra ubertosa e fertile (essa veniva appunto chiamata:Campania felix) ma soprattutto per la combinazione naturale dei quattro magici elementi universali: Acqua, Aria, Terra e Fuoco che hanno costituito l’amalgama ideale per le innumerevoli alchimie mentali di uomini antichi e moderni che si sono trovati a soggiornare in quei luoghi.
La città di Napoli è governata dal segno dell’Ariete e dal pianeta Marte, dio del Fuoco, quindi ottimo rappresentante del vulcano che la sovrasta: il Vesuvio. Ve, radice della parola Vesuvio, secondo alcuni studiosi deriva da Venere, sposa del brutto e gobbo Efesto, il fabbro degli dèi, che aveva le sue fucine giusto nei vulcani. L’amante preferito di Venere era però il focoso Marte, anch’egli, come Efesto, dio del fuoco, nonché del ferro, della guerra e…del sesso appassionato. Sappiamo tutti come finì la loro storia adulterina, dopo che Efesto bloccò con una rete il loro appassionato e illegittimo abbraccio amoroso e poi li espose agli sguardi e al riso di tutti gli dèi subitamente chiamati a gustarsi la scena. Non è forse un caso che il metallo specifico dell’Ariete e di Marte sia il Ferro,  che si trova in grande abbondanza proprio nelle acque sorgive della città, in particolare nella zona Chiatamone, che furono e sono tuttora chiamate Acque ferrate.
Come detto, Napoli è la città magica per antonomasia ma è soprattutto città femmina perché ogni suo aspetto esalta i simboli femminili tanto vituperati negli ultimi due millenni esasperatamente maschilisti e fallocratici. immagineEssa nasce nel IX secolo a.C. sulle rocce del Monte Echia, odierno Pizzofalcone, alle spalle di Santa Lucia. Secondo alcuni studiosi Echia risalirebbe a Euplea, altro nome dato ad Afrodite, la dea della bellezza. A questa dea i rodii eressero un piccolo tempio in una grotta di Posillipo (che in greco vuol dire:pausa dal dolore), verso la Gaiola, innalzandole una statua marmorea ai cui piedi vi era un bassorilievo in marmo raffigurante scene dell’Olimpo.
Si racconta che molto prima che scoppiasse la Guerra di Troia alcune tribù preelleniche di razza camitica, scacciate dalla loro terra di origine e abilissime nel solcare i mari con agili imbarcazioni, si trasferirono sulle coste dell’Italia meridionale, e della Campania in particolare. Queste tribù, chiamate dei “Teleboi” (egei e rodii) si stabilirono quindi sulle nostre coste, attirati dalla dolcezza del clima e dalla bellezza dei luoghi. Costoro praticavano il culto delle Sirene, culto risalente però a tempi ancora più remoti degli antichi popoli siro-anatolici dell’Asia Minore, assimilati solo nel 1400 a.C.
Questo culto è molto più complesso di quanto si può immaginare perché affonda le sue radici in quello delle dee-madri, un tempo considerate le uniche detentrici della Conoscenza, della vita e della morte. I nostri lontani progenitori avevano infatti un’unica grande divinità femminile-lunare che occupava il posto principale: Dêmeter, ovvero Dâ Mater o Terra Madre), riconosciuta come padrona del mondo visibile ed invisibile, della terra, del cielo e delle acque. Vi erano poi divinità femminili minori associate a questi elementi, e al mare in particolare, alcune chiamate Ninfe, altre Sirene.
Le Sirene, in un lontano matriarcato, erano esseri alati col viso di fanciulle e il corpo di uccelli, detentrici della parola sacra che ammaliava per la loro dolcezza e veniva ascoltata come divino canto. I loro luoghi di residenza erano soprattutto le meravigliose regioni del meridione tra Napoli e Sorrento, che venivano chiamate Seirenea, nome che indica una specie di api, insetti che possiedono un simbolismo regale che risale addirittura a Caldei ed Egizi. A questi insetti è associato il dono dell’eloquenza, della poesia e dell’intelligenza e, nei misteri Eleusini, anch’essi femminili, le sacerdotesse venivano chiamate api. essendo considerate alla stregua di sacerdotesse o pitonesse che possedevano il dono della profezia.
Nell’Odissea di Omero esse così parlano: “noi tutto sappiamo di quel che avviene sulla terra nutrice dove gli uomini nascono, vivono e muoiono. Nessuno si allontana da qui se prima non sente (il nostro canto) e pieno di vigore riparte, conoscendo più cose”.immagine
Col finire dell’era matriarcale e col nascere di quella patriarcale il femminile però venne sempre più demonizzato e il loro corpo di uccello fu trasformato in quello d’un pesce, in rapporto analogico col simbolismo delle acque, lunari e femminili. Eraclito le definì “
graziose baldracche” e Omero le situò nei paraggi dell’Ade, la Porta degli Inferi, che in seguito verrà individuata nel lago d’Averno. Così, a poco a poco esse persero il loro carattere iniziatico e ammaliatore per entrare in quello infero, lascivo e distruttore dei mostri femminili lunari connessi agli abissi marini. Ecco perché col tempo divennero simili alle Lamie o arpie, nemiche dei navigatori che prima vengono sedotti dal loro canto ammaliatore e poi, caduti in loro balia, crudelmente uccisi.
A causa dell’inganno di Ulisse, che superò indenne il pericolo mortale facendosi legare a un albero dai suoi marinai a cui però tappò ben bene le orecchie,  le sirene Ligea, Leucosia e Partenope, ferite e umiliate, si dettero spontaneamente la morte nelle acque di Capri e, mentre i corpi delle prime due approdarono lontano, quello di Partenope venne ad essere ritrovato sulle rive di Megaride, nella zona compresa fra l’attuale Castel dell’Ovo e l’antico Borgo Marinaro. Gli abitanti del luogo, impietositi, le eressero un sepolcro e sorse così la città che prese il suo nome: Partenope.
Per questa ragione l’antica Napoli crebbe e si sviluppò nel culto d’una semi-dea che la iniziò virtualmente ai misteri e all’occulto. La stessa cittadina di Sorrento dovrebbe avere un rapporto etimologico con la parola Sirena, così come lo hanno certamente le isole Sirenuse, enormi scogli oggi chiamati Li Galli, di fronte a Positano. immagineA testimoniare l’antico rapporto tra Napoli e l’oracolo della Sirena oggi si può ancora ammirare la splendida statua che raffigura una Sirena tra due delfini nell’aiuola di Piazza Sannazzaro. Vi è poi il Corso Sirena che da Piazza Procelle attraversa Barra oltre a numerosi elementi ornamentali su portoni di antichi palazzi nella zona della vecchia Napoli.
L’interrelazione tra la divinazione, la magia, l’ispirazione non finisce però con le Sirene, anche se assume nuove e più ricche connotazioni.
immagine

 web personale di clara negri. www.astrarmonia.com
 immagini di Mauro caiano

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: