Creato da lafarmaciadepoca il 13/10/2010

La farmacia d'epoca

Raccolta di scatole e flaconi di farmaci di ieri - di Giulia Bovone

 

Li tratto come dinosauri

Post n°608 pubblicato il 31 Ottobre 2020 da lafarmaciadepoca
 

 
 
 

La Grande Guerra e i Farmacisti Dimenticati

Post n°607 pubblicato il 11 Settembre 2020 da lafarmaciadepoca
 

 

Iscriviti al canale!

 
 
 

Bromuro di potassio

Post n°606 pubblicato il 02 Agosto 2020 da lafarmaciadepoca
 

 

I sali di bromuro furono uno dei primissimi sedativi ed anti-convulsivi di sintesi ad essere impiegati in terapia.

Era il 1857, quando Sir Charles Locock decise di sperimentare l’uso dei sali di bromo per curare una patologia che all’epoca rappresentava un enorme male sociale: l’isteria femminile.

A metà dell’Ottocento, con il termine di “isteria” venivano raccolte tutte quelle manifestazioni patologiche che si ritenevano legate alla psiche femminile, come epilessia, malinconia, nevrosi, ansia, depressione, svenimenti ed altro, tutti legati alla torsione dell’utero. All’epoca, infatti si pensava che l’utero femminile funzionasse un po’ come lo stomaco dei pastori tedeschi, e ruotando sul suo asse, o semplicemente dislocandosi nelle più varie posizioni (esiste una vasta letteratura ottocentesca sull’utero vagabondo e sui modi di ricollocarlo in sede) causasse alla povera sventurata quanto descritto sopra.

Ironia a parte, la sperimentazione dei bromuri, ed in particolare di quello di potassio, si rivelò estremamente promettente, perché questo sale risultò un potente sedativo.
Molto interessante è come l’abuso di questo farmaco, sia apertamente consigliato, sia somministrato di nascosto, iniziò a far considerare tutte le donne come potenzialmente nevrotiche, facendo assumere al sedativo il ruolo di garante della pace domestica. Il medicinale diventava l’alternativa economica al massaggio pelvico o alla clitoridectomia per mantenere le turbe emotive delle signore ottocentesche sotto controllo. Infatti, nonostante il campione dell’esperimento fu solo di 14 donne, il poterle facilmente sedare era una gioia per i manicomi del Diciannovesimo secolo.

Il bromuro di potassio rimase in terapia fino all’avvento dei primi barbiturici, fenobarbital, in testa, ma la sua fama da “sedativo per cavalli” continuò anche nel Novecento, creando una fittissima selva di leggende metropolitane.

Per esempio si diceva che le suore fossero solite sciogliere il bromuro di potassio nel cibo delle educande, i frati in quello dei fedeli in ritiro spirituale, ma quella più famosa è il bromuro di potassio nelle razioni dell’esercito per calmare le voglie bollenti della truppa nella maniera più vittoriana possibile.

L’utilizzo del bromuro di potassio non era però scevro da pericoli, in quanto gli effetti collaterali erano vari e molteplici: visione offuscata, vertigini, eruzioni cutanee, sonnolenza, irritabilità e se mal dosato poteva provocare la morte del paziente. Il bromuro di potassio, inoltre ha la caratteristica di accumularsi nell’organismo, dando origine ad una patologia denominata bromismo.

Essa si manifesta con irritazione delle mucose rinofaringea e bronchiale, poi con un’eruzione cutanea a tipo di acne (acne bromica), e quindi inappetenza, nausea, disturbi gastroenterici, albuminuria, depressione delle funzioni psichiche.

Ecco la foto del flacone:

Bromuro

Misura 11 cm di altezza x 5 cm di diametro e risale agli anni Venti del Novecento. Questo flacone era prodotto e venduto dai Dott. Ottolenghi e Restano di Torino, ma ne esistono molte altre versioni commerciali: fino al consolidamento sul mercato dei barbiturici, i sali di bromuro rimasero incontrastati l’unico modo di sedare le mogli battagliere.

 

Grazie per aver letto il post!

 
 
 
 
 

L'anello dell'allegro Bayerino

Post n°604 pubblicato il 26 Luglio 2020 da lafarmaciadepoca
 

Buongiorno a tutti,

c'è qualcuno che possiede questo gioco degli anni Venti / Trenta completo?

Perchè nonostante siano trascorsi due anni da quando l'ho comprato, non riesco ancora a capire come dovesse essere utilizzato.

Ecco la foto dell'oggetto:

bayerino

Grazie per aver letto il post, e grazie in anticipo per l'aiuto che vorrete darmi!

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TO ALL NON ITALIAN SPEAKERS

Do you need help with your old chemist tins?
Do you want to know more about Italian pharmaceutical history?
Do you have informations about Italian medical history that you want to share with other people?
Feel free to email me! I speak English, French and Latin ( you don't know when an ancient Roman could show up), so not speaking Italian is no more a problem.

Welcome to La Farmacia d'Epoca!

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

COLLABORAZIONI

Deliri Progressivi

 

Spazio Salute

 

ULTIME VISITE AL BLOG

vita.perezcarloreomeo0zucchi.enricociaobettinapardini1960silvia.sido_87lafarmaciadepocamixi20veronica91_pormaliberamassimocoppaletizia_arcurikarma580brucewill30
 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Stamattina sul lavoro ho trovato una scatolina di questa...
Inviato da: Manuel
il 13/11/2020 alle 17:45
 
Grazie mille!
Inviato da: lafarmaciadepoca
il 31/10/2020 alle 21:30
 
Davvero un bel viaggio nella storia fatto attraverso i...
Inviato da: Mr.Loto
il 31/10/2020 alle 18:14
 
Grazie mille Duccio per il tuo contributo. Andrò a cercarmi...
Inviato da: lafarmaciadepoca
il 29/10/2020 alle 21:32
 
Con riferimento al Post n°62 pubblicato il 14 Febbraio 2011...
Inviato da: Duccio Filippi
il 28/10/2020 alle 22:28
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom