Un blog creato da librodade il 26/01/2008

Canto XXXV - Inferno

Donne affette da Endometriosi

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Angela di VeronaBarbara di Torino »

Elena

Post n°266 pubblicato il 22 Settembre 2008 da librodade

Vorrei entrare senza far rumore ........senza disturbare .....ma dopo che ho letto tanta sofferenza e ne ho preso parte mi sento quasi in dovere di scriverti . ho letto tante testimonianze , ho sentito i lamenti , ho percepito il dolore ,  adesso mi rendo conto, anche se non sono mai stata ammalata, che l'endometriosi e' una limitazione sia fisica che psicologica che aumenta la sofferenza sociale e privata di una donna .......lavoro come infermiera in un reparto di ginecologia e ostetricia ....vedo nascere i bimbi e piango sempre lacrime di felicita' e vedo anche donne meste entrare per un aborto spontaneo e piango lacrime di dolore guardando quegli occhi pieni di tristezza , di una rabbia interiore di una muta rassegnazione , mi sono sentita dire dai colleghi che mi faccio troppo trasportare che partecipo con troppa veemenza ...ma sono fatta cosi ......... vorrei con tutta me stessa che l'ambiente dell'ospedale coi suoi lunghi corridoi , con le luci artificiali , con i muri carichi di sentimenti potessero essere un rifugio ,che la vista  di una divisa verde , di un sorriso spontaneo , di uno sguardo velato  potessero essere un conforto ma mi rendo conto che nella maggior parte dei casi e' sinonimo di malattia .....spero inoltre di parlare per tante infermiere che non si limitano a fare il proprio turno ma che vivono ogni singolo istante ogni singolo sguardo, carezza o parola come momenti interminabili di una vita vera ........forza ragazze ....con tutta l'anima che avete dentro .....forza !!                                           
 
Elena 
  

Elena, cara dolce Elena, grazie per le tue parole. Mi hanno alzato la pelle, e mi hanno regalato emozioni bellissime.

Noi che siamo sempre abituate a considerare chi è dall’altra parte come qualcuno che non comprende, che non capisce la nostra sofferenza.

Ma la prossima volta che girerò per i corridoi di un ospedale, penserò a te, che magari sei a pochi metri … lo so … non abiterai neanche nella mia città, ma mi piace pensare che ci sei, che hai questa sensibilità e che comunque darai tanto conforto alle donne che incroceranno la tua strada.

Ti abbraccio forte e ti ringrazio a nome di noi tutte.

Vero 

      

Commenti al Post:
imperfetta
imperfetta il 22/09/08 alle 22:37 via WEB
Elena, grazie. Perchè tu fai purtroppo parte di una categoria di infermiere oramai in via di estinzione. Ne ho viste tante io nella mia vita, ma poche veramente che facessero il loro lavoro con amore come fai tu. Non cambiare mai, e fregatene dei colleghi!!!!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 23/09/08 alle 09:24 via WEB
Ciao Elena ho sempre pensato che per svolgere il lavoro di infermiera bisogna avere una grande predisposizione e umanità e se tutte fossero davvero come te, il mondo grigio e indifferente degli ospedali sarebbe piu' bello. Brava ,hai tutta la mia ammirazione. Carmela.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 24/09/08 alle 22:41 via WEB
Cara Elena, sono contenta di sapere che c'è ancora del personale medico che ti parli con il cuore...davvero perchè mi è capitato spesso di incotrare infermire che mi dicevano che inventavo i dolori e una volta persino che ero esaurita.... sono stata operata 3 volte in 2 anni...dall'aprile 2006 che non ho trascorso un giorno senza soffrire..5 mesi fà mi hanno tolto un pezzo d'intestino...A volte sò che per il personale medico non è facile però penso che per fare quaesto mestire ci voglia tanta passione, pazienza e soprattutto tanto amore... io mentre ero ricoverata in ospedale nalla stanza con me c'erano 2 signore anziane...lwe infermiere le trattavano di un male allucinanta, io sono diventata la loro "MASCOT" nonostante non stessi per niente bene cercavo di aiutarle.... Mi ha fatto molto piacere leggere la tua lettera, grazie per il tuo calore... Vanessa
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 25/09/08 alle 13:34 via WEB
Cara Elena, sono a casa in convalescenza dopo l'ennesimo intervento e le tue parole mi hanno commosso. Grazie di cuore. Ambra
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 
 
 
 

IN QUESTO MOMENTO SIAMO IN

web stats