Creato da ilcorrierediroma il 16/10/2012

Emozioni Vitali

Libero di Me

 

« @NEL SILENZIO DELLA NOTTE.. »

Dedicato al nodo..

Post n°1589 pubblicato il 23 Gennaio 2022 da ilcorrierediroma
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Origine di Ate

Nella mitologia greca

era conosciuto con i nomi di Ate, Até o Atea,

parole greche che denotano rovina, stoltezza e inganno.

Personifica il concetto di male, ingiustizia,

azioni impulsive che includono la follia.

Figlia di Zeus, dio del fulmine e della dea Eris,

Il suo nome è inoltre associato al significato di perdita fatale o morte,

evento o calamità, sventura, flagello, peccato, colpe e crimine.

Era la dea del destino, personificazione delle azioni machiavelliche

e delle loro conseguenze. Ha personificato confusione e sfortuna.

 


Di solito la parola Ate

veniva citata per indicare

gli errori commessi

sia dai mortali che dagli dei.

A causa del suo eccessivo eccesso di orgoglio,

fece in modo che queste azioni la portassero alla perdizione,

portandola alla morte.

 


Dea malvagia di carattere mitologico

che personificava la perdita della ragione

e la confusione dell'anima, l'ossessione e la passione cieca.

Até contiene anche il significato di vendetta, ingiustizia,

perversione, fatalità, ha stabilito il male come condizione umana.


Até si presenta come una divinità oscura di origine greca,

il cui unico compito è quello di scardinare l'intelletto

dei mortali e causare loro sventura.


Si dice che la dea Até nel suo cammino

non toccasse mai la terra,

anzi, volava in maniera subdola,

camminando sopra le teste degli uomini,

per ispirare loro il male,

sussurrando idee perverse rendendole

per loro attraenti e desiderabili.


Ha un segno vendicativo e rabbioso

per il quale ha rappresentato

anche la catastrofe in molti autori.

È stata descritta in varie opere

come una figura tozza e veloce di piedi,

che cammina sulla terra, offendendo gli uomini.

Nella parte religiosa gli sono state fatte offerte per tenere

gli uomini lontani dalla sua influenza malvagia.

La sua condizione di "piedi veloci" rendeva notevole

la sua capacità di muoversi con grande agilità e velocità.

In alcune opere, Ate appare in un ruolo diverso.

È descritta come la vendicatrice degli atti malvagi commessi

sia dagli dei che dai mortali ed è colei che condanna

e impone punizioni ai criminali.

Si dice che punisse gli infedeli con l'insonnia.

Até, dea della rovina e del caos

Até è un'esortazione alla vendetta e alla minaccia,

al caos e alla morte. Il suo equivalente nella mitologia romana è Nefas,

che significa errore, rovina, sventura e ingiustizia.

Le sue istigazioni facevano smarrire le anime degli uomini nel male,

fino ad accecarle, facendole commettere atti pericolosi

senza misurarne le conseguenze.


A causa del fatto che non toccava il duello nel suo cammino,

sosteneva di essere una specie di genio o demone

che si dedicava a tentare gli uomini verso il male

solo per la gioia di disturbare l'intelligenza umana.


Da allora, Até rimane una vagabonda tra i mortali,

continuando la sua funzione di produrre male, fatalità,

esplosioni letali e confusioni.

 

 

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

E..V

"Il male è il più puro: non troverai mai persone completamente buone, ma umani puramente cattivi"

 

 

MUSICA


 

VISITE SUL BLOG.